CSS Valido!

BASEBALL PAOLO 2 D 1
 

HANK AARON

1934 -

Ruolo: Esterno

Giocatore MLB dal 1954 al 1976

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Se Pete [Rose] è energico? Prima dell'All-Star Game è arrivato nello spogliatoio e si è levato le scarpe e quelle hanno corso per un altro miglio senza di lui.

2 - Il pitcher ha solo una palla. Io ho una mazza. Sicché la percentuale di armi è in mio favore e lascio che sia il tizio con la palla a preoccuparsi.

3 - Non ho mai pensato che i fuoricampo siano tanto eccitanti. Credo che il triplo sia la cosa più eccitante nel baseball. Per me un triplo è come uno che prende la palla sulla propria linea dell’una yard e corre per 99 yards per un touchdown.

4 - Non vedo più un lancio in mezzo… neanche in batting practice.

5 - Sì, ci penso al record. Penso che ce la posso fare se resto in salute e ho uno forte a battere dietro di me, cosicché non mi lancino intorno.

6 - Amavo venire al ballpark. Ora lo odio. Ogni giorno diventa un po’ più duro a causa di tutto questo. Giornalisti, registratori, microfoni, telecamere, domande e ancora domande. Roger Maris perse i capelli nella stagione in cui fece 61. Io ho ancora i miei capelli, ma quando finirà, me ne andrò a casa a Mobile e pescherò per un lungo periodo.

7 - 714, 715,... li ho già dimenticati.

8 - Spero che un giorno qualche ragazzino, nero o bianco, batterà più home run di me. Chiunque sia, farò il tifo per lui.

9 - Quando toccò a Henry, sentii i tifosi gridare "Colpisci quel negro. Colpisci quel negro". Henry spedì la palla lassù contro l'orologio. La volta dopo che toccò a lui, dicevano "dagli la base, dagli la base". (Herbert Aaron, sr. - Padre)

10 - La persona media non può realizzare che incubo sia stato questo. Gli ultimi 10 giorni della stagione, tutto l'inverno, lo spring training, fino a oggi. Ora sono proprio stanco. Non sfinito… solo stanco.

11 - L'unica cosa che io abbia mai usato sono le chewing-gum.

12 - Mi piacerebbe offrire le mie congratulazioni a Barry Bonds per essere diventato il leader del baseball nei fuoricampo in carriera. E' un grande risultato, che ha richiesto talento, longevità e determinazione.
Per tutto il secolo passato, il fuoricampo ha mantenuto un posto speciale nel baseball, e io ho avuto il privilegio di detenere questo record per 33 di quegli anni. Ora mi faccio da parte e offro i miei migliori auguri a Barry e la sua famiglia per questa impresa storica.
La mia speranza oggi, così come in quella sera di Aprile del 1974, è che il conseguimento di questo record ispirerà altri a perseguire i propri sogni.

13 - [Babe Ruth] rimarrà sempre il migliore, anche se lo passerò. Anche se avrò la fortuna di battere 715 fuoricampo, Babe Ruth sarà sempre ricordato come il più grande battitore di home run che sia mai vissuto.

14 - Ora ecco Henry Aaron. La folla ovunque è in piedi. Il lancio… per terra, ball uno. [Sonori ululati]. Henry Aaron al secondo inning è andato in base e ha segnato. E' fermo al 714. Ecco il lancio di Downing… swing… è una linea tra il centro e sinistra. La palla andrà fuori… FUORI! E' ANDATA! E' IL 715! C'è un nuovo campione dei fuoricampo di tutti i tempi! Ed è Henry Aaron! I fuochi artificiali sono partiti! Henry Aaron sta superando la terza! I suoi compagni sono sul piatto di casa base. Ascoltate questa folla… (Milo Hamilton - Annunciatore sportivo)

15 - Non voglio che si dimentichino di Ruth. Voglio solo che si ricordino di me.

16 - Il mio ragazzo ha la possibilità di farcela. Si prende cura di se stesso e niente viene davanti al baseball per Henry. Niente. Nei giorni in cui sta bene è una tragedia per i lanciatori. (Estella Aaron - Madre)

JIM ABBOTT

1967 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1989 al 1999

1 - Volevo essere come Nolan Ryan. Non volevo essere come Pete Gray.

2 - Trova qualcosa che ti piace, e va oltre ad essa, con tutto il tuo cuore.

3 - Ho vissuto un'incredibile esperienza a New York, giocare per gli Yankees, passare attraverso a tutto quello che ho fatto, compresa la no-hitter. E' stato un momento memorabile.

4 - Una delle cose belle del baseball è la storia.

5 - Amo il gioco. Posso onestamente dire che avere un uniforme mi fa sentire a mio agio, essere al campo da baseball mi fa sentire come a casa, quindi mi piacerebbe essere coinvolto con il gioco in qualche modo. Ho ancora dei ragazzini, e la mia priorità è a casa adesso, ma forse alla fine se trovo la giusta situazione vorrei essere coinvolto in qualche modo.

6 - Ho ancora un sacco di lettere ricevute da bambini e genitori che devono affrontare diverse sfide e disabilità. Condivido alcune delle lezioni che ho imparato attraverso lo sport e il baseball, che mi fanno sentire bene. Incredibile avere un impatto così.

7 - Ho lavorato molto duramente. Sentivo di poter giocare la partita. L'unica persona che poteva fermarmi ero io stesso.

8 - La gente ti dirà che ho superato gli ostacoli ... forse. Ma la verità è che sono stato incredibilmente benedetto nella mia vita. Mi è stato dato di più di quello che mi è stato tolto.

9 - La Bibbia ci dice di essere grati in ogni situazione. Io sono grato per la mia.

10 - Ho amato lanciare la palla da baseball. E' così importante trovare qualcosa nella vita che ti senti impazzire. Perché se sei così appassionato allenati spontaneamente. Il duro lavoro che ci vuole per fare qualcosa di buono sarà facile.

11 - Alcuni di voi sapranno che le mie statistiche in carriera non furono un granché. Ci sono stati alcuni incredibili highlights e qualche doloroso lowlights. La verità è che non andrò nella Hall of Fame. Ma se una carriera può essere misurata da speciali momenti, dalle lezioni apprese, e dall'amicizia con la gente, vorrei dividere il mio bagaglio con chiunque. Ecco perché mi trovo qui. Per condividere. Forse c'è questo obbligo. Per tentare di imparare dalle esperienze che la vita ci pone di fronte.

JOE ADCOCK

1927 - 1999

Ruolo: Prima base

Giocatore MLB dal 1950 al 1966

1 - Far passare una fastball ad Hank Aaron senza che lui se ne accorga è come cercare di far passare l’alba inosservata a un galletto.

GROVER ALEXANDER

1887 - 1951

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1911 al 1929

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Meno di un piede (quando Tony Lazzeri colpì la sua palla lunga di poco in foul durante le World Series del 1926) fa la differenza tra un eroe e un barbone.

DICK ALLEN

1942 -

Ruolo: Prima base - Terza base

Giocatore MLB dal 1963 al 1977

1 - Se un cavallo non può mangiarla, non voglio giocarci sopra. (Dick Allen, sull'erba sintetica, 1970)

2 - Io posso giocare ovunque; Prima, terza, esterno sinistro, ovunque, ma a Philadelphia.

ROBERTO ALOMAR

1968 -

Ruolo: Seconda base

Giocatore MLB dal 1988 al 2004

1 - Alcune giocate escono semplicemente fuori da me, proprio di istinto. Faccio una giocata e mi chiedo, come ho fatto a farla.

WALT ALSTON

1911 - 1984

Ruolo: Prima base - Manager

Giocatore MLB nel 1936

Manager MLB dal 1954 al 1976

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Non è l'inverno che mi dà fastidio - è l'estate.

2 - Più di chiunque altro, lui (Hank Aaron) è quello che mi ha fatto desiderare di non essere un manager.

3 - Guarda alla disgrazia allo stesso modo che si guarda al successo - Niente panico. Fai meglio e dimentica le conseguenze.

4 - Forse il vero assioma nel baseball è che la cosa più difficile da fare è ripetere.

LARRY ANDERSEN

1953 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB nel 1975 e dal 1977 al 1994

1 - Se gli Americani ai matrimoni tirano il riso, i Cinesi tirano gli hot-dog?

2 - Come fai a renderti conto di quando hai finito l’inchiostro invisibile?

3 - Perché tutti in piedi e cantare "Take Me Out To The Ballgame" quando sono già lì?

SPARKY ANDERSON

1934 - 2010

Ruolo: Seconda base - Manager

Giocatore MLB nel 1959

Manager MLB dal 1970 al 1995

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Se sei in grado di giocare 162 partite, sei un uomo.

2 - A un giocatore non deve piacere il manager, né deve rispettarlo. Tutto ciò che deve fare è obbedire alle sue regole.

3 - Spero che la macchina che regaleranno [a Brooks Robinson] abbia un vano extralarge per il guanto.

4 - Il bello del baseball è che quando hai finito racconterai ai nipoti solo le cose belle. Se mi chiederanno del 1989 dirò loro che ho un’amnesia.

5 - La mia idea di fare il manager è dare la palla a Tom Seaver e sedere a guardarlo lavorare.

6 - Se sento [Bowie Kuhn] dire solo un’altra volta che sta facendo qualcosa per il miglioramento del baseball, vomito.

7 - Casey (Stengel) conosceva il suo baseball. L'ha fatto solo sembrare come se fosse uno scherzo. Conosceva ogni mossa che sia mai stata inventata e alcune che non abbiamo ancora nemmeno cominciato a capire.

8 - Non chiamateci (giocatori di baseball) eroi. I pompieri sono eroi.

9 - Non riesco a eliminare il dolore per la sconfitta, ma dopo l'ultimo out di ogni sconfitta, devo accettare il fatto che ci sarà un domani. In effetti, più che il fatto che ci sarà un domani, è che voglio sia già domani. Questa è la grande differenza, voglio che domani arrivi.

10 - Non credo che un manager abbia mai vinto un pennant. Casey Stengel vinse tutti quei pennant con gli Yankees. Quanti ne fece vincere con i Boston Braves e i Mets? Non ho mai visto una squadra vincere un titolo senza giocatori. Penso che l'unica cosa che il manager deve fare è mantenere le cose entro certi limiti.

11 - Io non so se sono o non sono un big leaguer, ma voglio saperlo, e se non posso farlo, allora sarò un minor leaguer per il resto della mia vita.

12 - Non voglio mettere in imbarazzo qualsiasi altro catcher paragonandolo a Johnny Bench.

13 - Se una squadra è in uno stato mentale positivo, avrà un buon atteggiamento. Se ha un buon atteggiamento, sarà impegnata a giocare il gioco giusto. Se si gioca il gioco giusto, si vincerà, a meno che, naturalmente, non si abbia abbastanza talento per vincere lo stesso, e nessun manager può fare patè di fegato d'oca con le piume d'oca, quindi perché preoccuparsi?

14 - Se mai dovessi trovare un lanciatore che ha forza, una buona curva, e uno slider, potrei prendere in seria considerazione di sposarlo, o almeno di proporglielo.

15 - Se devi scegliere tra potenza e velocità e spesso si scopre che dovete fare questa scelta, devi andare per la velocità.

16 - Ho avuto solo una formazione di scuola superiore e, credetemi, ho dovuto barare per ottenere questo.

17 - E 'una cosa terribile da dire ai tuoi fans, che hanno atteso come Detroit ha fatto, che la loro squadra non vincerà anche quest'anno. Ma è meglio che mentir loro.

18 - Capisco la gente che ci fa boo. E' come andare a Broadway, si paga per i biglietti e si aspetta di essere intrattenuti. Quando non lo sei, hai il diritto di lamentarti.

19 - Ho cambiato idea su di esso (DH) - invece di essere cattivo, puzza.

20 - Le persone che vivono nel passato generalmente hanno paura di competere nel presente. Ho i miei difetti, ma vivere nel passato non è uno di questi. Non c'è futuro in esso.

21 - Pete Rose è il baseball.

22 - I giocatori hanno due cose da fare. Giocare e tenere la bocca chiusa.

23 - L'unica ragione per cui vengo qui domani è il calendario che dice che devo.

24 - I giocatori fanno i manager, non è mai il contrario.

25 - Siamo la migliore squadra di baseball, ma non di molto.

26 - Il giorno che ho battuto una valida contro (Sandy) Koufax è stato quando sapeva che era tutto finito.

27 - Quelli di noi abbastanza fortunati da essere parte del gioco hanno una responsabilità enorme - siamo incaricati di restituire al gioco tutte le cose buone che ci ha dato.

28 - Rispettato e apprezzato dai suoi giocatori e tifosi per il suo carattere solare, George "Sparky"Anderson è stato abile a gestire diverse personalità. (National Baseball Hall of Fame)

29 - Anderson è stato un giocatore middle infielder 'good field, no-hit'. Ha giocato un'intera stagione nella major league, come seconda base regolare per i Philadelphia Phillies, nel 1959. Tuttavia, con una media di .218 e nessuna potenza chiuse a quel punto la sua carriera nella big league. (Wikipedia)

30 - Sparky è venuto qui due anni fa promettendo di costruire una squadra a sua immagine. Ora il club è alla ricerca di piccoli infielders dai capelli bianchi con .212 di media battuta. (Al Ackerman - Commentatore sportivo dei Detroit Tigers)

31 - A Detroit, Anderson divenne noto per il suo ottimismo senza limiti e una tendenza a sovrastimare i suoi casi con i giornalisti. Disse che Kirk Gibson era "il futuro Mickey Mantle"e diede ai giocatori meno talentuosi come Chris Pittaro e Torey Lovullo posti da titolari, lodando al massimo il loro talento, solo per vedere loro stessi ritornare nelle minor in pochi mesi. Un editorialista di Detroit disse 'Anderson ha cambiato più idee che calzini', ma almeno la porta del manager era sempre aperta ai media e Anderson non aveva alcun problema nel dire la verità. Egli ammetteva che un manager è felice solo se i giocatori ottengono buoni risultati, e apertamente parlava di quanto fosse facile e divertente il suo lavoro. E' stato chiaro a tutti che Anderson era un manager entusiasta che voleva godersi ogni secondo della direzione e della vita. (Art Ahrens - Coautore di BaseballLibrary.com)

JOAQUIN ANDUJAR

1952 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1976 al 1988

1 - Ecco perché non parlo. Perché parlo troppo.

2 - Come posso giocare a baseball se sono stupido? Se fossi stupido non avrei lanciato nelle World Series. Sarei a giocare a palla in Messico o in Jugoslavia o su Plutone.

3 - C'è una parola in America che dice tutto, e questa parola è 'Non si sa mai'.

4 - Ci sono 3.100.000 giornalisti sportivi e sono tutti contro di me. Ognuno di loro.

5 - Vinco o muoio.

6 - Ho sempre avuto difficoltà a vedere la palla durante il giorno qui (Wrigley Field).

7 - Non era il mio braccio (che era infortunato). Era il mio avambraccio.

8 - Non ti puoi preoccupare se fa freddo, non ti puoi preoccupare se fa caldo; preoccupati solo se ti ammali. Perché allora, se non guarisci, muori.

9 - Non era un problema (andare d'accordo con Joaquin Andujar). Non ho parlato con lui nei giorni in cui era pazzo, e lui era pazzo tutto l'anno. (Whitey Herzog - Manager dei St. Louis Cardinals)

LUKE APPLING

1907- 1991

Ruolo: Interbase - Manager

Giocatore MLB dal 1930 al 1950

Manager MLB nel 1967

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Mio papà era mancino e io, da piccolo, ero mancino. In effetti, sono rimasto mancino fino al liceo. Poi sono passato ad usare la destra perchè volevo giocare interbase.

2 - I tifosi possono essere sorpresi di sapere che durante il mio primo anno a Oglethorpe, servivo ai tavoli e non ho mai fatto un errore, non ho mai fatto cadere un vassoio né rotto un piatto.

3 - Non puoi lasciare che una squadra ti incuta del timore reverenziale. Se lo fai, finirai per essere un giocatore di merda.

4 - Quando (Luke) Appling era nei paraggi, il vero errore era quello di chiedergli 'Come ti senti?'. Talvolta impiegava mezz'ora prima di fermarsi dal raccontare - Maury Allen in Big-Time Baseball (1978).

5 - Il mio vecchio coach, Luke Appling, mi disse se vuoi essere fortunato devi pensare fortunato - Dusty Baker su MLB.com (8 ottobre 2002).

6 - Luke Appling divenne un interbase adeguato, ma era molto meglio conosciuto per la sua battuta - HickokSports.com

7 - Iniziai a colpire in foul i suoi lanci. Prendendo un lancio di tanto in tanto. Ben presto, dopo ventiquattro fouls, il vecchio Red riusciva a malapena ad alzare il braccio e mi concesse la base. Per questo lo sostituirono dal gioco e imprecò contro di me per tutta la strada fino al dugout.

8 - Giuro, quello stadio (Comiskey) deve essere stato costruito su una discarica!

9 - La spitball non era difficile da colpire quando si sapeva che un lanciatore poteva lanciarla legalmente. Ma i ragazzi di cui ci si doveva preoccupare erano i pitchers che utilizzavano di nascosto la spitball illegalmente dopo che il lancio era stato bandito.

EMMETT ASHFORD

1914 - 1980

Arbitro dell'American League

1 - Non è facile essere un arbitro e anche un negro. Forse Sammy Davis avrebbe un problema più difficile. Anche lui è un negro, ma ha un occhio solo.

2 - Groucho Marx: Ti ho visto arbitrare un sacco di partite quest'anno, Emmett. Sei consapevole di questo?

Emmett Ashford: Sì, e anch'io ti ho visto.

Groucho Marx: Ora, questo è ridicolo. Ma com'è possibile che tu mi abbia visto in tribuna, quando non puoi nemmeno vedere uno strike a 15 centimetri dal naso? (da You Bet Your Life).

GENE AUTRY

1907 - 1988

Musicista e attore

Proprietario dei California Angels e Vicepresidente dell'American League

1 - Gartland Rice, il grande giornalista sportivo, una volta disse “Il punto non è se vinci o se perdi, è come giochi”. Beh, Gartland Rice può andare all’inferno per quanto mi riguarda.

DON BAYLOR

1949 -

Ruolo: DH - Esterno sinistro - Manager

Giocatore MLB dal 1970 al 1988

Manager MLB 1993 - 1998 / 2000 - 2002

1 - Giocare per Yogi [Berra] è come giocare per tuo padre; giocare per Billy [Martin] è come giocare per tuo suocero.

DAVE BANCROFT

1891 - 1972

Ruolo: Interbase - Manager

Giocatore MLB dal 1915 al 1929

Manager MLB 1924 - 1927

1 - Il giorno prima dell'inizio della stagione, il manager è entrato nella clubhouse e depositò le divise nuove di zecca su una tavola. Continuavo a guardare e non ne trovavo una per me, quindi sapevo che non avrei fatto parte della squadra. Piansi per tutta la strada.

DUSTY BAKER

1949 -

Ruolo: Esterno - Manager

Giocatore MLB dal 1968 al 1986

Manager MLB 1993 - presente

1 - Le uniche persone che nella mia vita mi abbiano intimidito sono state Bob Gibson e mio padre.

ERNIE BANKS

1931 - 2015

Ruolo: Interbase - Prima base

Giocatore MLB dal 1953 al 1971

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - La ricchezza del gioco sono le emozioni, non il denaro.

2 - I premi significano molto, ma non dicono tutto. La gente nel baseball significa per me molto di più che le statistiche.

3 - It's a great day for a ball game; let's play two!

4 - Devi cercare di generare felicità dentro di te. Se non sei felice in un posto, è probabile che non sarai felice in alcun luogo.

5 - Stavo pensando (quando ho colpito il mio 500° fuoricampo) a mia madre e mio padre, a tutte le persone dell'organizzazione dei Chicago Cubs che mi hanno aiutato e ai meravigliosi tifosi di Chicago che sono venuti in tutti questi anni a tifare per me. Sono stati una grande ispirazione per me.

6 - Lavoro? Non ho mai lavorato un giorno nella mia vita. Ho sempre amato quello che stavo facendo, avevo la passione per questo.

7 - I suoi polsi sono il segreto del successo di (Ernie) Banks. Invece di girare lo swing tipo big Ruthian della ball era, egli afferra la mazza come se fosse una frusta da calesse, colpendo la palla con la riflessiva rapidità della lingua di un serpente. (Bill Furlong - Scrittore sportivo)

8 - Non si è mai lamentato della sfortuna della sua squadra o del cattivo talento, non ha mai smesso di giocare la partita con gioia, senza smettere di dare tutto quello che aveva, non perse mai il suo atteggiamento orgoglioso, e non ha mai agito come uno qualsiasi, ma come un vincitore. Era un simbolo dell'intatta capacità di recupero dei fans dei Cubs. Se avesse potuto essere felice giocando al parco ogni pomeriggio, anche noi saremmo andati. (Joe Mantegna - Attore)

MIGUEL BATISTA

1971 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1992 - presente

1 - Nel 1998 entrai nella clubhouse dei Montreal Expos con un libro in mano, una biografia del Mahatma Gandhi. Arriva il capo preparatore atletico, dicendo:" E' quello che penso che sia?". Dico "Che cosa?". Dice: "Potresti essere il primo giocatore che ho visto in 35 anni che ha portato qui dentro un libro senza figure". Per me fu uno shock. Si comportava come se avessi infranto la legge.

HANK BAUER

1922 - 2007

Ruolo: Esterno destro - Manager

Giocatore MLB dal 1948 - 1961

Manager MLB dal 1961 al 1962 e dal 1964 al 1969

1 - Non so se io sono la prima, seconda, terza o ventesima scelta per questo lavoro, ma io dico una cosa: se è stato offerto a chiunque altro, sono stati dei pazzi a non accettare. Questo mi fa sentire bene.

2 - Giovani compagni, per il vostro bene, abbiamo un sacco di regole in questo club. Coprifuoco di mezzanotte, rimanere fuori dal bar presso l'hotel dove ci troviamo, indossare una camicia e maglione a colazione e una giacca e cravatta per la cena. Pensate di riuscire a ricordare tutto questo?

3 - Ho un lavoro da fare, e tu hai un lavoro da fare. Io sono pagato per fare il manager, e tu sei pagato per giocare.

4 - Se io sono da qualche parte e un giocatore entra, non voglio che lui si giri e esca solo perché ci sono io. Mi aspetto che lui mi dica ciao, beva un drink e poi esca.

5 - Non è divertente giocare se non fai infelice un altro. Faccio tutto hard.

6 - Bauer mi ha insegnato come vestire, come parlare e come si beve. (Mickey Mantle - Esterno dei New York Yankees)

7 - Hank Bauer è un'emblema di una generazione che ha contribuito a plasmare il paesaggio del nostro paese. Era un leader naturale e un compagno di squadra nel vero senso della parola, ed i suoi contributi andavano ben oltre il campo da baseball. Il suo servizio per gli Yankees, il suo paese e la sua famiglia mostra perché sono stato così privilegiato ad essergli amico. (George Steinbrenner - Prorietario New York Yankees)

8 - Il suo viso sembrava un pugno chiuso. (Jim Murray - Giornalista LA Times, Premio Pulitzer)

9 - Sono davvero disperato (nel sentire del suo passaggio). Hank è stato un compagno meraviglioso e un amico per tanto tempo. Nessuno è stato più dedicato e orgoglioso di essere uno yankee. Ha dato tutto quello che aveva. (Yogi Berra - Catcher New York Yankees)

10 - Quando era in campo, eri il suo nemico. Fuori dal campo era ... uno dei più simpatici ragazzi che avessi sempre desiderato di incontrare. Ma sul campo, era il suo lavoro. (Yogi Berra - Catcher New York Yankees)

11 - Non dimenticherò mai la prima partita che ho lanciato per gli Yankees. Sono andato volando negli spogliatoi all'01:00 p.m. Avevo dormito troppo. Nessuno disse niente, ma Bauer mi rivolse quel suo sguardo. Mi vestii e corsi. Come si è poi scoperto, vinsi la partita. Successivamente, Bauer mi si avvicinò e disse: 'Whitey, se perdevi questa partita, eri morto'. (Whitey Ford - Pitcher New York Yankees)

BUZZIE BAVASI

1914 - 2008

General Manager

Brooklyn e Los Angeles Dodgers, San Diego Padres, California Angels

1 - [Bo Belinski] aveva un braccio da un milione di dollari e una testa da dieci cents.

2 - Preferirei essere un dipendente a un distributore di benzina. Pulisci un parabrezza e ti dicono “Grazie”. Nessuno dice mai grazie al commissioner del baseball.

BO BELINSKI

1936 - 2001

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1962 - 1970

1 - Se avessi saputo che oggi avrei tirato una no hit sarei andato a tagliarmi i capelli.

COOL PAPA BELL

1903 - 1991

Ruolo: Esterno centro

Giocatore Negro League dal 1922 - 1950

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Dicono che sono nato troppo presto. Io dico che hanno aperto le porte troppo tardi.

2 - Ricordo di una partita in cui ottenni 5 valide e rubai 5 basi, ma niente di ciò fu segnato perché si erano scordati di portare lo scorebook alla partita quel giorno.

3 - Usavano dire: 'Se troviamo un buon giocatore nero, noi lo faremo firmare'. Stavano mentendo.

4 - Cool Papa Bell è stato così veloce che poteva alzarsi dal letto, spengnere la luce attraversare la stanza e tornare a letto sotto le coperte prima che le luci si spegnessero. (Josh Gibson - Catcher della Negro League e All Famer)

5 - Una volta colpì un line drive che passò vicino il mio orecchio destro. Mi voltai e vidi la palla che colpiva il suo sedere mentre scivolava in seconda. (Satchel Paige - Lanciatore All Famer della Negro League e MLB)

JOHNNY BENCH

1947 -

Ruolo: Ricevitore

Giocatore MLB dal 1967 al 1983

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Voglio diventare un battitore mancino per tenere la palla lontano da quel tizio (riferendosi a Brooks Robinson).

2 - Jimmy Connors gioca due match di tennis e fa su 850 mila dollari, e Muhammad Alì combatte per un incontro e fa su 5 milioni di pezzi. Io gioco 190 partite e sono sovrapagato!

YOGI BERRA

1925 - 2015

Ruolo: Ricevitore - Manager

Giocatore MLB dal 1946 al 1965

Manager MLB 1963 - 1989

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - La partita non è finita finchè non è finita.

2 - Puoi osservare un sacco di cose soltanto guardando.

3 - Devi essere molto prudente se non sai dove stai andando perché potresti non arrivarci.

4 - Laggiù si fa tardi presto.

5 - Non so se erano uomini o donne quelli che correvano nudi per il campo. Avevano dei sacchi che coprivano le loro teste.

6 - Dovresti andare sempre ai funerali degli altri, altrimenti loro non verranno al tuo.

7 - Tutti i pitcher sono bugiardi o piagnucoloni.

8 - Non è il caldo, è l’umiltà.

9 - Abbiamo fatto troppi errori sbagliati.

10 - Come puoi battere e pensare allo stesso tempo?

11 - Se la gente non vuole venire allo stadio, come puoi fermarla?

12 - Non ho mai detto la maggior parte delle cose che ho detto.

13 - Il baseball è per il 90% mentale. Per l’altra metà è fisico.

14 - Non ci va più nessuno perchè è troppo affollato.

15 - Gli asciugamani di quell’hotel erano così grossi che sono riuscito a malapena a chiudere la valigia.

16 - Bill Dickey mi sta imparando la sua esperienza.

17 - Quando sulla strada giungi ad un bivio, prendilo.

18 - Un centesimo non vale più una lira.

19 - Non comprerò un’enciclopedia ai miei ragazzi. Andranno a scuola a piedi come me.

20 - Penso che la Little League sia fantastica. Tiene i bambini lontani da casa.

21 - La Little League è una gran cosa perché tiene i genitori lontani dalle strade.

22 - Ho sempre pensato che un record resiste finché non viene battuto.

23 - Allora sono brutto. Beh, non ho mai visto nessuno battere con la faccia.

24 - Sa battere da entrambi i lati del piatto. E’ anfibio.

25 - Certo che capisco come ha fatto [Sandy Koufax] a vincere 25 partite. Quello che non capisco è come abbia fatto a perderne 5.

26 - Non biasimo mai me stesso quando non batto. Me la prendo solo con la mazza, e se continua cambio mazza. Dopo tutto, se so che non è colpa mia che non sto battendo, come posso arrabbiarmi con me stesso?

27 - Di solito mi faccio un sonnellino di due ore, dall’una alle quattro.

28 - [Rickey Henderson] può correre quando vuole. Gli darò semaforo rosso.

29 - Dai il 100% nella prima metà della partita e, se non è abbastanza, nella seconda metà dai quello che ti è rimasto.

30 - Quando lanciava [Eddie] Lopat, non avevo bisogno del mio guanto da catcher. Andava bene un Kleenex. Certi giorni, se tirava bene, me ne serviva più di uno.

31 - Non so se [io e Warren Spahn] siamo la batteria più vecchia, ma siamo di sicuro la più brutta.

32 - Nel golf l’80% delle palle che non raggiungono la buca non ci entrano.

33 - E' una delle cose più carine che sono state dette su di me e che non ho capito.

34 - Il vento sembra sempre soffiare contro i ricevitori quando corrono.

35 - Se non hai un bullpen non hai niente.

36 - Giocare in terza non è male se non ti battono niente.

37 - Un intervistatore interrogò Yogi Berra riguardo ai suoi due singoli della notte precedente e Berra lo corresse dicendo che ne aveva battuti tre. L'intervistatore chiese scusa. "Ho controllato la carta e lo score, ne avete battuti due di singoli. Il terzo deve essere un errore tipografico". "Per bacco, no" disse Berra "era un corretto singolo a sinistra".

38 - Mai rispondere alle lettere anonime.

39 - La pizza me ne tagli in quattro fette, non penso di riuscire a mangiarne otto.

40 - Se non puoi imitarlo, non copiarlo.

41 - Perche' comprare bagagli di lusso? Si usano solo quando si viaggia.

42 - [Hai visto] di nuovo il Dottor Zivago? Cosa c'è che non va questa volta?

43 - In teoria, non c'e' nessuna differenza fra teoria e pratica. Ma, in pratica, c'e'. (Yogi Berra - attribuita anche a Jan L.A. van de Snepscheut)

44 - Ho avuto un piccolo avvelenamento da pantomima.

45 - Slump? Non sono in slump. Soltanto non sto battendo.

46 - L’unica cosa che io e mio padre abbiamo in comune è che le nostre somiglianze sono differenti. (Dale Berra - Figlio)

47 - Non puoi perdere se vinci. (Larry Berra - Figlio)

48 - Sapevo esattamente dove si trovava, solo che non riuscivo a trovarlo. (Tim Berra - Figlio)

49 - Siamo cresciuti fondando i nostri sogni sulla promessa infinita della pubblicità americana.

50 - George e io avevamo le nostre differenze, ma chi non le ha? (Il New York Times cita Berra per averlo detto alla morte di George Steinbrenner)

RON BLOMBERG

1948 -

Ruolo: DH - Prima base

Giocatore MLB nel 1969, dal 1971 al 1976 e nel 1978

1 - Di che colore è il Green Monster?

VIDA BLUE

1949 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1969 al 1986

1 - Penso di aver già firmato qualche pezzo di carta per ogni uomo, donna e bambino negli Stati Uniti. Cosa ci fanno con tutti quei pezzi di carta con sopra la mia firma?

BERT BLYLEVEN

1951 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1970 al 1992

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Voglio restare in giro più a lungo dei pitcher che erano al top quando sono entrato nelle big league. Non voglio andarmene come tutti i vecchi - Seaver, Carlton, Ryan e Sutton - lancio ancora. Adesso mi sbarazzo di Palmer, voglio sopravvivere al resto di loro.

2 - Fu una curva, mi ricorderò sempre quando lanciavo per Pittsburgh. Terry Kennedy era un giovane giocatore dei St. Louis. Lanciai sul conteggio 0-2 una curva che si spezzò. La reazione di Terry fu quella di sventolare verso il basso, come se stesse tagliando il piatto con un'ascia. Era l'ultimo out dell'inning. Dopo uscii correndo dal monte, e guardai il dugout dei St. Louis. C'erano giocatori che si rotolavano per terra, ridendo. Povero Terry. Lo devo ammettere era stata un inferno di curveball.

3 - Il problema con l'essere Comeback Player of the Year vuol dire che devi andare da qualche parte prima di poter tornare.

4 - Ci sono state voci che i Twins avevano cercato di prendermi, così mi chiedevo come avrebbe reagito la folla quando sarei stato presentato. L'applauso si sentiva bene.

5 - Sarò morto nel momento che entrerò? Allora cosa c'è di buono? Loro votano ragazzi che sono morti da trenta o quaranta anni. Sono sicuro che quei ragazzi si ribalteranno nelle loro tombe per l'eccitazione.

6 - Come dimenticare le vittorie e le sconfitte di Bert (Blyleven). Ha giocato quasi cinquemila inning. Ha lanciato in 700 partite. Ha messo strikeout quasi quattromila ragazzi. Cos'altro può fare un braccio di più, per dimostrare alla gente che questo era un dono di Dio, e un ragazzo che si è fatto il mazzo per 22 anni, che ha completato 242 partite, e messo shutout sessanta squadre. (Rob Dibble - Pitcher MLB)

7 - Il movimento di Bert è sempre stato regolare, sciolto, un sacco di spinta delle gambe, tutto va avanti allo stesso tempo. E' il tipo di distribuzione che consente a un ragazzo di stare su anno dopo anno. (Ray Miller - Manager Twins)

8 - I sostenitori di (Bert) Blyleven insistono sul fatto che le sue vittorie totali hanno sofferto perché ha giocato per un sacco di squadre mediocri, ma io contesto questo. (Jim Caper - Membro BBWAA)

9 - Io vi dico che la sua curveball era mostruosa e sufficiente a distorcere il suo ginocchio. Bert (Blyleven) è stato un lanciatore eccezionale - Un lanciatore dominante. (Brooks Robinson - Terza base MLB, Hall of Famer)

10 - Possedendo la più importante curveball della sua epoca, Bert Blyleven costruì una grande carriera, nonostante le frequenti accuse di scarso rendimento. (BaseballLibrary.com )

11 - (Bert) Blyleven era conosciuto come uno dei giocatori più coloriti della sua epoca. Era spesso impegnato in scherzi nella club house, ed era particolarmente noto per essere un maestro nel dare fuoco ai piedi. L'Hot Foot è un classico scherzo del baseball in cui il burlone applica del fuoco sui lacci delle scarpe della vittima. (TheBaseballPage.com)

WADE BOGGS

1958 -

Ruolo: Terza base

Giocatore MLB dal 1982 al 1999

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Ho avuto più di 1300 basi su ball senza conoscere la zona di strike.

2 - Un atteggiamento positivo provoca una reazione a catena di pensieri positivi, eventi e risultati. Si tratta di un catalizzatore e si scatenano straordinari risultati.

3 - Chiunque può essere un padre, ma ci vuole qualcuno di speciale per essere un papà, e per questo che ti chiamo papà, perché sei così speciale per me. Mi hai insegnato il gioco e mi hai insegnato a giocare nel modo giusto.

4 - Umiliato dal fatto che mai in un milione di anni avrei pensato di essere sullo stesso palco con tutti questi grandi Hall of Famers e consacrato nella National Baseball Hall of Fame.

5 - Nella vita, si danno per scontate tante cose, ma una cosa posso onestamente dire ed è che ogni giorno ho affrontato, godendo della partita indossando quell'uniforme e giocando il grande gioco del baseball.

6 - Un ragazzo che vorrei fosse qui ora, Ted Williams, mi ha aiutato tanto, le nostre lunghe chiacchierate, non della battuta ma di pesca, una delle passioni di Ted, e vorrei che fosse qui oggi a condividere tutto questo con me, perché devo così molto da Ted Williams.

7 - Poi c'è Johnny Pesky, mi ha battuto innumerevoli palle a terra e migliorato così tanto il mio fielding.

8 - Questo viaggio è cominciato circa 42 anni fa in una piccola città di Brunswick, Georgia.

9 - Voglio ringraziare il proprietario dei New York Yankees, il signor George Steinbrenner di cui ho il massimo rispetto, per avermi dato la possibilità di vincere quell'anello speciale nel 1996.

BARRY BONDS

1964 -

Ruolo: Esteno sinistro

Giocatore MLB dal 1986 al 2007

1 - E' un po' differente da ogni altra pietra miliare per cui sono passato. Si tratta di Hank Aaron. Non so spiegare cosa provo, è proprio Hank Aaron.

2 - La parte difficile è finita ora.

3 - Con tutte le palle finite nella Baia, i più disturbati dal mio record sono i pesci.

4 - Il record non è falsato. Per niente. Punto.

5 - Questo è niente. Ho nove giornalisti qui in piedi. McGwire ne ha avuti 200 giornalisti quando aveva 30 home run.

BOBBY BONILLA

1963 -

Ruolo: Terza base - Esteno destro

Giocatore MLB dal 1986 al 2001

1 - I bambini oggi cercano gli idoli, ma qualche volta cercano troppo lontano…non devono guardare più lontano della propria casa perché lì ci sono le persone che ti amano. Loro sono i veri eroi.

2 - Io non ho paura di girare la mazza. Se si sceglie di lanciarmi, ho intenzione di sventolare. Io non sono così schizzinoso come il signor Sheffield. Io girerò a qualsiasi cosa sopra la mia testa.

BOB BOONE

1947 -

Ruolo: Ricevitore - Manager

Giocatore MLB dal 1972 al 1990

Manager MLB dal 1995 al 1997 e dal 2001 al 2003

1 - E’ difficile per il battitore giocare in questo stadio [l’Astrodrome] quando l’aria condizionata soffia contraria.

2 - Ricevere è molto simile a dirigere: i manager in realtà non vincono le partite, ma possono perderne un sacco. Allo stesso modo con la ricezione. Se stai facendo un lavoro di qualità si dovrebbe essere quasi anonimi.

JIM BOUTON

1939 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1962 al 1978

1 - Il mio piccolo conosce quattro parole, e tre sono “papà è finito”.

2 - Avere un uomo religioso come manager degli Yankees era come mettere il papa a condurre la mafia.

3 - Quest’inverno lavorerò ogni giorno, tirando a un muro. Sono 11 a 0 contro il muro.

4 - I giocatori di baseball sono più svegli dei giocatori di football. Quante volte vedete una squadra di baseball penalizzata perché ci sono troppi giocatori in campo?

5 - Le statistiche sono interessanti quanto i coach di prima base.

6 - La maggior parte dei giocatori ha visto le anfetamine come innocue. Ma l'atleta professionista fa un sacco di cose al suo corpo che non pensa siano dannose.

LARRY BOWA

1945 -

Ruolo: Interbase - Manager - Coach

Giocatore MLB dal 1970 al 1985

Manager / Coach MLB dal 1987 - 2010

1 - Chiunque nello stadio sa che [Lou Broock] ruberà, ma lui ci riesce comunque.

2 - Il nostro attacco è centrato attorno alla potenza.

3 - In molti modi, siamo fortunati ad essere dove siamo.

4 - Mi piace la nostra squadra, ... mi piace la nostra squadra.

5 - E' stata una chiamata terribile. Una chiamata terribile.

6 - Se lui rimane sano, ... sarà molto, molto buono. Lo vedo.

7 - Se stai solo guardando le statistiche, ... non c'è dubbio [Johnson è il miglior lanciatore], ma ...

8 - Gli Yankees sono una di quelle organizzazioni uniche. Tutto quello che sto pensando è vincere un'altra World Series. Questo è tutto.

9 - Un sacco di ragazzi, se voi dite loro: 'Ehi, si potrebbe lavorare su questo o quello', ti guardano e ti dicono che sei pazzo. Jason non è così.

10 - Io ho insegnato che, quando Robbie ha preso 25 grounders, non abbiamo ancora finito. Ce ne sono altre 25. Ce ne saranno sempre altre 25.

11 - (Johnny) Damon e (Derek) Jeter non avranno bisogno di molto addestramento. Loro sanno come correre sulle basi. Per il resto avranno bisogno di un segnale di stop ogni tanto.

MILTON BRADLEY

1978 -

Ruolo: Esterno - DH

Giocatore MLB dal 2000 - presente

1 - Voglio che la gente dica che Milton Bradley era un buon giocatore e una buona persona. Chiunque si frapponga a questo mio obiettivo deve essere eliminato.

RALPH BRANCA

1926 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1944 al 1956

1 - Jackie [Robinson] era il più grande competitore che abbia mai visto. Non vinceva. Trionfava.

KEN BRETT

1948 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1967 al 1981

1 - La peggiore maledizione della vita è “potenziale illimitato”.

GEORGE BRETT

1953 -

Ruolo: Terza base - Prima base - DH

Giocatore MLB dal 1973 al 1993

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Se io rimanessi in buona salute, ho la possibilità di raccogliere 3000 valide e 1000 errori.

2 - Una donna sarà eletta Presidente, prima che Wade Boggs sia chiamato strike out. Ve lo garantisco.

3 - Ho letto solo due libri in vita mia: Baseball Spark Plug e Love Story.

4 - Se mi mantengo in salute, ho la possibilità di mettere assieme 3000 valide e 1000 errori.

5 - Se un pareggio è come baciare tua sorella, perdere è come baciare tua nonna con i suoi denti!

6 - Avrei potuto giocare un altro anno, ma sarei stato a giocare per i soldi, e il baseball merita di meglio.

7 - I Royals e gli Yankees si sono tanto odiati. Da quel giorno, ogni volta che vediamo Lou Piniella o uno di quegli Yankees, parliamo di come abbiamo odiato quei ragazzi. Una volta non avevo nemmeno la palla e (Piniella) ha cercato di colpirmi con gli spike in terza base.

8 - (Jamie Quirk) sembra un levriero, ma corre come un autobus.

ROCHY BRIDGES

1927 -

Ruolo: Interno - Utility

Giocatore MLB dal 1951 al 1961

1 - E’ un bene che sia rimasto a Cincinnati per quattro anni. E’ il tempo che mi ci è voluto per imparare come si pronuncia.

2 - Sai quando puoi dire di avercela fatta? Quando il tuo nome appare nei cruciverba.

3 - Essere il suggeritore di terza con un pitcher in base è come far parte di una squadra di artificieri. La cosa può esploderti in faccia in qualsiasi momento.

4 - Non mangio le lumache. Preferisco cibo veloce.

5 - Fai un mix con due dita di Scotch e uno di Metrecal. Per ora ho perso tre chili e la patente di guida.

6 - Nessun bambino in ospedale mi ha chiesto di colpirne uno, io non l'ho promesso a mio figlio per il suo compleanno, e mia moglie sarà troppo sconvolta per apprezzarlo. L'ho battuto per me. (Dopo aver colpito il suo primo fuoricampo in due stagioni)

DAVID BRISTOL

1933 -

Ruolo: Manager

Manager MLB dal 1966 - 1980

1 - Ci saranno due bus che partiranno dall’hotel domani. Il bus delle due in punto sarà per quelli di voi che necessitano di un po’ di lavoro extra. Il bus vuoto partirà alle cinque in punto.

2 - Ragazzi, il baseball è un gioco in cui devi divertirti. Lo fai da vincente.

3 - Ehi, la prima cosa che vedi quando arrivi nel pro ball è la Regola 21.

4 - Ogni manager legge l'articolo 21 [che vieta le scommesse sul baseball] a ciascun giocatore.

5 - Ma io conosco solo il giocatore e manager (Pete Rose), non il giocatore d'azzardo. Ed era tutto buono. Egli è venuto al campo pronto a giocare e aveva obiettivi e li ha raggiunti.

LOU BROCK

1939 -

Ruolo: Esterno sinistro

Giocatore MLB dal 1961 al 1979

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Nessuno vuole sentir parlare delle doglie del lavoro, vogliono solo vedere il bambino.

2 - Non credo agli obiettivi e ai record. La competizione è quella che mi tiene in gioco.

3 - Non si può aver paura di fare errori! Non si può aver paura di essere nudi davanti alla folla, perché nessuno può mai padroneggiare il gioco del baseball, o conquistarlo. Ci si può solo opporre ad esso.

4 - Quando ero un ragazzino, immaginavo degli animali che correvano sotto il mio letto. L'ho detto a mio padre che ha risolto rapidamente il problema. Ha tagliato le gambe del letto.

5 - Dobbiamo fare qualche mossa radicale per ottenere l'attenzione di tutti. Gli imbroglioni non possono vincere e gli steroidi ci hanno messo nella situazione che barare è OK.

6 -Fatemi vedere un ragazzo che ha paura di guardarti male, e io vi mostrerò un uomo che si può battere ogni volta.

JIM BROSNAN

1929 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1954 al 1963

1 - Gli errori umani dei giocatori veterani sono così prontamente scusati, laddove gli stessi errori di un rookie sono selvaggiamente condannati.

2 - Quando 20.000 persone applaudono quando esci per andare a fare il tuo lavoro, dovrebbe essere un’ispirazione.

3 - La birra rende felici alcuni giocatori. Vincere partite rende felici alcuni giocatori. Incassare assegni mi rende delirante per la gioia.

4 - Niente rende un pitcher più sicuro della vista dei suoi compagni che girano attorno alle basi.

MORDECAI BROWN

1876 - 1948

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1903 al 1916

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Non so se la mia curva sia stata aiutata dalla mancanza del dito indice. Per esserne certo avrei dovuto tirarne una con una mano normale, e non ci ho mai provato.

LEW BURDETTE

1926 - 2007

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1950 al 1967

1 - Ho capito che era il momento di ritirarmi quando cominciarono a colpire il lato asciutto della palla. (Lew Burdette)

2 - Lasciateli credere che la tiro [la spitball]. Mi dà un margine di vantaggio perché è un altro lancio di cui debbono preoccuparsi. (Lew Burdette)

3 - Mi guadagno da vivere tenendomi lontano dalle brame dei battitori.

STEVE BUSBY

1949 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1972 al 1980

1 - Il baseball, per me, è ancora il passatempo nazionale, perché è il gioco dell’estate. Credo che quasi tutti gli americani siano gente dell’estate, perchè l'estate è quello che ricordano quando ripensano alla loro infanzia. Penso che questo susciti un'emozione incredibile all'interno delle persone. (Steve Busby)

2 - C'è un certo profumo quando si arriva vicino alla vittoria. Si può andare un lungo periodo di tempo senza vincere, ma non dimenticherai mai quel profumo.

ROY CAMPANELLA

1921 - 1993

Ruolo: Ricevitore

Giocatore MLB dal 1948 al 1957

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Devi essere un uomo per giocare a baseball per vivere, ma devi anche avere in te molto di un bambino.

2 - Non voglio smettere di giocare a baseball. Dovranno tagliarmi questa uniforme di dosso per tirarmi fuori.

3 - Un vero pioniere, che è stato per me come un padre quando sono arrivato nell'organizzazione dei Dodgers. Lui (Walter O'Malley) mi è stato vicino, e dopo il mio infortunio mi è stato accanto e mi ha aiutato in tutte le mie crisi.

JOSE CANSECO

1964 -

Ruolo: Esterno - DH

Giocatore MLB dal 1985 al 2001

1 - Pensavo di esserci sotto. Mi stavo girando così. Ha sfiorato il mio guanto, mi ha colpito in testa, ed è rimbalzata fuori. Sarò su ESPN per un mese.

JOE CANTILLON

1861 - 1930

Ruolo: Manager - Umpire

Manager MLB dal 1907 al 1909

Umpire MLB dal 1901 al 1902

 

1 - Questo ragazzo [Walter Johnson] tira così forte che non puoi vederla … e sa dove tira, perché se non lo sapesse ci sarebbero corpi morti per tutto l’Idaho.

2 - Ognuno ha fatto molto bene. Il team di Belmont ha fatto molto meglio di quanto avessi previsto, così abbiamo dovuto essere bravi a batterli, e lo siamo stati.

HARRY CARAY

1914 - 1998

Commentatore e annunciatore ufficiale per diversi team MLB

Voce leggendaria dei Chicago Cubs

1 - Canterò sempre Take Me Out To The Ballgame, perché penso che sia l’unica canzone di cui conosco le parole.

2 - Ora ditemi, se durante una stagione di baseball ho un giorno libero, dove pensate che lo passerò? Allo stadio naturalmente.

3 - Hello again, everybody. It's a bee-yooooo-tiful day for baseball.

4 - I tifosi di Montreal hanno scoperto che ”Boo” si pronuncia uguale in inglese e in francese.

5 - Come ha potuto perdere la palla nel sole, è uno che viene dal Messico!

6 - Sono solo 54 anni che lo faccio. Con un po’ di esperienza potrei migliorare.

7 - Alcool, radiocronache e stronzate. Quando ce le hai tutte, cos’altro puoi volere?

8 - Cos’à in comune una mamma orso, con la pillola, e le World Series? No Cubs.

9 - La mia filosofia è di fare la radiocronaca come la farebbe un tifoso.

10 - Holy cow!

11 - Sapevo che il linguaggio volgare usato su e giù per la mia strada non sarebbe andato via etere, ... Così ho allenato me stesso invece a dire 'Holy Cow'.

12 - Questa è la cosa notevole dei fans di Chicago, continuano a far segnare una presenza media di un milione e tre all'anno, e, quando la stagione è finita e hanno vinto le loro abituali settantuno partite, si sente che quei tifosi meritano una medaglia.

13 - Potrebbe essere, potrebbe essere .... lo è! Un home run!

14 - Quando morirò, spero che non mi cremino 'perchè brucierò per sempre'.

15 - Oh, sono un po' stanco di tanto in tanto, ma conosco il mio stile di vita, che è solo naturale.

16 - Nessuno sapeva cantare Take Me Out To The Ballgame come lui [Harry Caray]. E spero stia facendo una versione del seventh inning in paradiso. (Hillary Clinton - Senatrice USA)

BERNIE CARBO

1947 -

Ruolo: Esterno - DH

Giocatore MLB dal 1969 al 1980

1 - Ai miei tempi gli owner erano Nixon io e Woodstock.

ROD CAREW

1945 -

Ruolo: Seconda base - Prima base

Giocatore MLB dal 1967 al 1985

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - La battuta è un’arte, non una scienza esatta.

2 - Mi diverto a guardare come una squadra difende su di me. Un giocatore si sposta di due passi in una direzione e io batto la palla due passi nell’altra direzione. Passa a un niente dal suo guanto e io rido.

3 - C'è una sensazione speciale nel far un buon contatto sulla palla e battere un doppio lungo la linea sinistra del campo mentre la folla nel ballpark si alza in piedi e applaude. Ma, ricordo anche quanto mi sono divertito da ragazzino, magro e a piedi nudi, nel colpire una palla da tennis con un manico di scopa in una tranquilla strada polverosa di Panama.

4 - C'è stato un momento in cui ho pensato che non avrei mai preso il most valuable player, soprattutto degli anni che ho giocato a Minnesota. Non abbiamo mai vinto un pennant lì, eravamo lontani dai grandi centri dei media di Los Angeles e New York, e io non ero un appariscente power hitter ma un ragazzo che batteva valide a spots, che smorzava e rubava basi.

STEVE CARLTON

1944 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1965 al 1988

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Auggie Busch mi ha scambiato con i Phillies, che erano all'ultimo posto, per una disputa salariale ($ 5000). Ero mentalmente impegnato a vincere 25 partite con i Cardinals e ora ho dovuto ripensare ai miei obiettivi. Avevo deciso di rimanere con le 25 vittorie e ne ho vinte 27 delle 59 dei Phillies. Ritengo questa stagione il mio miglior risultato individuale.

2 - Esso (lo slider) deve rotolare appena fuori del vostro dito indice e iniziare lo spin che rotola verso il basso e attraversare il piatto (si spera). Ricordatevi solo di non ruotare  il gomito o il polso. Dovrebbe essere lanciato, con il polso e il set di presa, proprio come la vostra fastball, leggermente fuori centro - con la stessa velocità e intensità.

3 - Ho tirato tutti i miei lanci sopra la parte superiore ed è stato importante per me perché il mio slider era difficile da distinguere dalla mia fastball al momento del rilascio.

4 - A suo tempo sono stato probabilmente nella migliore forma di ogni atleta, ma non si dà mai un giudizio su se stessi.

5 - Il mio esordio nella major league, avvenne nel vecchio Busch Stadium sulla Grand Avenue a St. Louis contro i Pittsburgh Pirates. La prima palla che ho lanciato è stata quella contro il terza base Bob Bailey. Era una fastball, bassa e fuori. Mi ha battuto un homerun lungo la linea sinistra del campo. Mi sono detto: Accidenti, quello era un gran bel lancio!

6 - Pete Rose si avvicinò ai Phillies nel '79 e divenne il catalizzatore che ci ha aiutato a mettere tutto insieme. Il suo esempio sul campo e la sua leadership hanno contribuito a far giocare tutti sopra di una tacca. Spero, che Pete venga reintegrato nella major league e che abbia il giusto posto nella storia del baseball, una targa nella Hall of Fame.

7 - (Steve), Carlton non era il vostro ragazzo normale. Comunicare con lui non era sempre facile. Sul monte, avrebbe eliminato tutte le distrazioni. Fuori dal monte, faceva lo stesso. Se lui ti considerava una distrazione, ti avrebbe lanciato uno sguardo gelido. I compagni di squadra lo consideravano un solitario. Odiava firmare autografi. Aveva rifiutato di parlare con i giornalisti per lunghi periodi di tempo. Si era dedicato alle arti marziali. Aveva studiato le religioni dell’Estremo Oriente. Era un intenditore di vini. Incazzato si poneva alla gente con la sua alterigia e arroganza. Carlton è stato anche il miglior lanciatore mancino della sua generazione. In una carriera che sarebbe durata 24 anni, avrebbe vinto 329 partite, il nono di tutti i tempi, con un'era di 3.22. Con i suoi 4136 strikeout è al secondo posto di tutti i tempi dietro solo a Nolan Ryan. Sfortunatamente, la maggior parte della sua carriera non fu spesa a St. Louis, ma piuttosto a Philadelphia. (Peter Golenbock - Scrittore sportivo nel "The Spirit of St. Louis").

RULY CARPENTER

1940 -

Presidente dei Philadelphia Phillies dal 1972 al 1981

1 - Scriverò un libro: “Come fare una piccola fortuna con il baseball…”. Si comincia con una grande fortuna.

ALEXANDER CARTWRIGHT

1820 - 1892

Inventore del moderno gioco del baseball

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Fallo battere… hai la difesa dietro di te.

NORMAN CASH

1934 - 1986

Ruolo: Prima base

Giocatore MLB dal 1958 al 1974

1 - Ipotizzando 500 turni alla battuta all’anno, i miei 1081 strike out significherebbero che per due dei 14 anni che ho giocato non ho mai toccato la palla.

WILL CLARK

1964 -

Ruolo: Prima base

Giocatore MLB dal 1986 al 2000

1 - Quando è iniziato pensavo fossero i tifosi che scuotevano lo stadio […] ho capito che qualcosa non andava quando il terreno ha iniziato a muoversi più veloce di me.

2 - Se alcune persone mi percepiscono come arrogante, allora mi dispiace.

3 - Il lavoro è quasi un'ossessione per me. Può essere difficile da vivere. Forse è per questo che nessuno vive con me. Quando si vive con qualcun altro, devi imparare a essere flessibile, e io non sono troppo flessibile.

4 - Nel 1987, ho dimostrato che potevo colpire la palla lunga [35 homer], nel 1988, ho dimostrato che potevo essere leader dei punti battuti a casa [109 RBI]; e nel 1989, ho dimostrato che potevo colpire per la media [333 BA]. Ora voglio metterli tutti insieme. Sono un perfezionista. Sono un lavoratore. Se c'è una papera che voglio cacciare, non è niente per me pagaiare per un paio di miglia per dargli la caccia. Lo stesso vale per il baseball.

5 - Il gioco non cambia. La pressione rimane la stessa dalla Little League alle major. Ciò che cambia sono gli elementi al di fuori, tutte le cose che possono farti perdere il focus - i soldi, la stampa, i tifosi. Così mi sono detto, 'Non cercare di impressionare la gente sugli spalti. Fallo per la tua soddisfazione'. 'Può suonare egoista, ma ti rilassa'.

6 - I lanciatori agiscono diversamente quando arrivano in un vicolo cieco. Novanta volte su cento, si proveranno con i loro punti di forza, e se sai qual'è la loro forza, puoi cercarla.

7 - Non sono mai andato al piatto senza un piano. Il piano, tuttavia, dipende da quello che ho visto del lanciatore, quelle che sono le sue tendenze, come ti senti, quel giorno, qual è la situazione di gioco, e che cosa con più probabilità lancierà a quel punto.

8 - La domanada ricorrente che la gente mi pone: 'Perché non hai mai sorriso?' Beh, io sono troppo interessato a tentare di battere qualcuno in questo momento che pensare a sorridere.

ROBERTO CLEMENTE

1934 - 1972

Ruolo: Esterno destro

Giocatore MLB dal 1955 al 1972

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Voglio essere ricordato come un giocatore che dava tutto quello che aveva da dare.

2 - Ogni volta che si ha l'opportunità di fare la differenza in questo mondo e non lo fai, allora stai sprecando il tuo tempo sulla Terra.

3 - Sono convinto che Dio ha voluto che io fossi un giocatore di baseball. Sono nato per giocare a baseball.

4 - Quando indosso la mia uniforme, mi sento l'uomo più orgoglioso sulla terra.

5 - Perché tutti parlano del passato? Tutto ciò che conta è la partita di domani.

6 - Io vi dico, (Steve) Blass, mi lanciò interno, e non hanno mai, mai trovato quella palla.

7 - Ho dedicato il successo (la sua 3.000a valida) ai tifosi di Pittsburgh, al popolo di Puerto Rico e ad un uomo (Roberto Marin) in particolare. L'uomo che mi ha portato in giro per settimane alla ricerca di uno scout che mi ingaggiasse.

8 - Sono più prezioso per la mia squadra battendo .330 che colpendo fuoricampo.

9 - Io lo vedo ancora a volte quando sono sola. La gente lo ricorda come un giocatore di baseball, ma era molto di più. Era un padre, un marito, un uomo meraviglioso. (Vera Clemente - moglie)

10 - (Roberto) Clemente potrebbe raccogliere una palla a New York ed eliminare un corridore in Pennsylvania. (Vin Scully - Commentatore televisivo)

TY COBB

1886 - 1961

Ruolo: Esterno - Manager

Giocatore MLB dal 1905 al 1928

Manager MLB dal 1921 al 1928

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Il modo in cui le squadre praticano lo shift contro Ted Williams, non capisco come lui possa essere così stupido a non accettare la sfida e battere verso l’esterno sinistro.

2 - Le corsie delle basi appartenevano a me, il corridore. Le regole mi davano il diritto. Andavo sempre verso il sacchetto a piena velocità, col piede proteso. Gli spikes delle mie scarpe erano affilati. Se il difensore se ne stava dove non doveva essere e si faceva male, era colpa sua.

3 - Lui (George Sisler - che aveva eguagliato il record dell'American League per gli errori commessi da una prima base, durante una partita di 9 inning) è la cosa più vicina ad un giocatore perfetto.

4 - Ho notato che il baseball non è dissimile dalla guerra, e quando ci si arriva, noi battitori siamo l'artiglieria pesante.

5 - Cobb scalerebbe una montagna per dare un cazzotto all’eco. (Arthur Baer - Giornalista e umorista)

MICKEY COCHRANE

1903 - 1962

Ruolo: Ricevitore

Giocatore MLB dal 1925 al 1937

Manager MLB dal 1934 al 1938

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Egli (Charlie Gehringer) dice ciao nell'opening day e goodbye nel giorno di chiusura, e in mezzo batte .350.

2 - Non ho mai creduto efficace di usare un ace contro un altro ace. Dal punto di vista del pubblico, questo è tutto giusto, ma quando si tratta di vincere le partite nel corso della stagione la percentuale è contro di essa. Perché sacrificare una quasi vittoria certa per una possibile sconfitta dal basso punteggio?

ROCKY COLAVITO

1933 -

Ruolo: Esterno destro e sinistro

Giocatore MLB dal 1955 al 1968

1 - Non puoi dire quanto spirito di squadra ha una squadra finché non inizia a perdere.

JERRY COLEMAN

1924 -

Ruolo: Seconda base

Giocatore MLB dal 1949 al 1957

Manager MLB nel 1980

1 - Montreal conduce di tre su Atlanta, 5 a 1.

2 - La nuova palla da baseball haitiana non può pesare più di quattro once o meno di cinque.

3 - Hector Torrez, come riesci a comunicare con Enzo Hernandez dato che lui parla Spagnolo e tu parli Messicano?

4 - Gaylord Perry e Willey McCovey dovrebbero conoscersi l’un l’altro come un libro aperto. Sono stati ex compagni di squadra per un sacco di tempo.

5 - Da come sta scuotendo la testa deve avere una spalla infortunata oppure un moscerino in un occhio.

6 - L’ex mancino Dave Roberts salirà sul monte per Houston.

7 - Spero che rimaniate vivi per la prossima serie con i Dodgers.

8 - Ron Guidry non è molto grande, probabilmente 140 libbre, ma ha un braccio come un leone.

9 - E’ una valida sull’errore di Roberts.

10 - Johnny Grupp scivola in seconda con un doppio in piedi.

11 - Larry Moffett è 1,88 per 90 chili. L’anno scorso era 1 e 95.

12 - Questa è la quarta extrabase per i Padres: due doppi e un triplo.

13 - Al termine di sei riprese di gioco, il punteggio è Montreal 5, Expos 3.

14 - E Kansas City è a Chicago stasera… o è Chicago a Kansas City? Beh, non importa, Kansas City conduce all’ottavo quattro a quattro.

15 - Willie Davis non è più giovane come era solito esserlo.

16 - Tu non chiedere mai perché sei stato licenziato perché se lo fai, si sentono in dovere di dirtelo.

DAVE CONCEPCION

1948 -

Ruolo: Interbase

Giocatore MLB dal 1970 al 1988

1 - Penso che giocare in campo interno, specialmente all’interbase, sia qualcosa con cui si nasce. Non puoi impararlo.

2 - Non mi dà fastidio. Fa parte dell'essere in questa squadra. Basta essere pronti quando hanno bisogno di te.

DAVID CONE

1963 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1986 al 2003

1 - Quando si fa notte, devi solo fare in modo che [David Wells] non finisca in prigione.

2 - Io credo che Clemens e Maddux hanno caratterizzato la nostra era. E Randy Johnson è subito dietro e ancora in corsa.

3 - Sai, questo diventa più difficile ogni anno. Non posso neanche camminare c...o.. Non so perché continuo a fare questo.

CHUCK CONNORS

1921 - 1992

Ruolo: Prima base

(Giocatore di basket pro - Attore)

Giocatore MLB nel 1949 e nel 1951

1 - Tu vuoi il mio sangue, per favore manda un contratto con più soldi, perché come puoi vedere sto…finendo…il san…

2 - Kevin fu chiamato Chuck Connors dal resto dei giocatori. Ma io l'ho sempre chiamato Kevin perché era così che lo conoscevo quando giocavo contro di lui nel basket pro pochi anni prima. Era così bravo a imitare le altre persone che gli dissi: 'Ti consiglio di entrare nel cinema, nel teatro, o alla radio'. L'anno successivo fu inviato a Los Angeles ed ebbe la sua occasione. Continuo a guardare le repliche di The Rifleman quando le ripropongono. (Frank Baumholtz - Giocatore pro di baseball e basket)

WALKER COOPER

1915 - 1991

Ruolo: Ricevitore

Giocatore MLB dal 1940 al 1957

1 - Guglielmo, Passerella, Pinelli, Dascoli, Donatelli, Paparelli! Ogni tizio che scende dalla nave ha un conta-strike in mano!

2 - Quando si arriva ad avere la mia età, non si resiste. Si aspetta!

SAM CRAWFORD

1880 - 1968

Ruolo: Esterno

Giocatore MLB dal 1899 al 1917

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - I lanciatori sono abituati a fare tutto a modo loro. Spitballs, palle tagliate e quant'altro.

2 - Egli (Ty Cobb) stava ancora combattendo la guerra civile, e per quanto lo riguardava, eravamo tutti Damn Yankees. Ma chissà, se non avesse avuto quel terribile complesso di persecuzione sarebbe stato il miglior giocatore di baseball che sia mai vissuto.

CANDY CUMMINGS

1848 - 1924

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1866 al 1877

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Mi sommerse un impeto di gioia che non dimenticherò mai. Avevo voglia di gridare che avevo creato una palla curva e volevo dirlo a tutti - era troppo bello per tenerlo per me stesso.

2 - Ero pienamente convinto d'esserci riuscito ... i battitori mancavano un sacco di palle, ho iniziato a guardare il volo della palla in aria, e distintamente vederla curvare.

RON DARLING

1960 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1983 al 1995

1 - Fatemi capire. I proprietari stanno per fare finire il baseball quando è più prospero che mai, e sono i giocatori quelli che dovrebbero fare il test delle urine?

2 - Loro non hanno il pitching starting che abbiamo noi. Essi probabilmente hanno un bullpen migliore e il loro lineup è buono come qualunque nel baseball. Sulla carta, sembrano meravigliosi. Ma tutte le squadre lo sono.

3 - Vi è una nuova grande squadra sul campo, che mi emoziona molto, perché credo che abbiamo una nuova grande squadra in cabina.

4 - Keith (Hernandez) ed io siamo buoni amici, ma non siamo d'accordo su tutto, e questo dovrebbe rendere bene per la TV.

ALVIN DARK

1922 -

Ruolo: Interbase - Manager

Giocatore MLB dal 1946 al 1960

Manager MBL dal 1961 al 1971, dal 1974 al 1975 e nel 1977

1 - Ad ogni giocatore deve essere concesso il privilegio di giocare almeno una stagione con i Chicago Cubs. E' così che il baseball  deve essere giocato – per la gioia di Dio. E questa è la vita vera.

2 - Un uomo deve avere fede in Dio nel cielo e Rollie Fingers nel bullpen.

3 - Ogni lanciatore che lancia a un battitore e deliberatamente cerca di colpirlo è un comunista.

4 - Le amicizie sono dimenticate quando inizia la partita.

5 - Il Signore mi ha insegnato ad amare tutti, ma gli ultimi che ho imparato ad amare sono stati i giornalisti sportivi.

4 - Le amicizie sono dimenticate quando inizia la partita.

6 - Arriverà un uomo sulla luna prima che lui (Gaylord Perry) colpisca un home run.

7 - Ci sono sorprendentemente pochi veri studenti del gioco del baseball, in parte perché tutti, compresa mia nonna di ottantatre anni, pensano che hanno imparato tutto quello che c'era da sapere su di esso durante la pubertà. Il baseball è molto seducente in questo modo.

8 - I giornalisti vogliono sapere se hai commesso errore, non come la vostra curva ha rotto.

9 - In questo gioco del baseball, si vive con la spada e muori per essa. Tu colpisci e vieni colpito. Ricorda questo.

10 - Lui è l'unico uomo (Sal Maglie) che abbia mai visto lanciare la shutout in un giorno in cui non aveva assolutamente niente.

11 - Un manager non sente gli applausi.

12 - Una trade ti dice esattamente da quale lato della collina ti trovi. I termini, i numeri, sono come i cartelloni pubblicitari. Non devi indovinare.

13 - Sapevo che Alvin Dark era un uomo religioso, ma è sbagliato adorare il dio - Charles Finley. (Vida Blue - Pitcher MLB)

TOMMY DAVIS

1939 -

Ruolo: Esterno sinistro - DH

Giocatore MLB dal 1959 al 1976

1 - Quando ci sono uomini in base e io sono alla battuta, tutto ciò che riesco a vedere sono simboli di dollaro.

ANDRE DAWSON

1954 -

Ruolo: Esterno destro - Esterno centro

Giocatore MLB dal 1976 al 1996

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Il posto era sempre freddo, e ho avuto la sensazione che i tifosi avrebbero goduto di più se si fosse giocato a baseball con un disco da hockey.

2 - Ho sempre pensato a me come un Expo. Probabilmente ho giocato più stagioni con i Cubs. Lo zoccolo dei fan e gli spettatori delle gradinate al Wrigley Field erano così entusiasti rispetto agli anni passati con l'Expos.

3 - Io non vedo proprio la logica che c'è dietro. Spero solo che molti di questi ragazzi non si procurino delle lesioni. C'è una differenza tra prepararsi per una stagione e la preparazione per una stagione che durerà le ultime tre settimane.

DIZZY DEAN

1910 - 1974

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1930 al 1941 e nel 1947

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Più stupido è un lanciatore, meglio è. Quando diventa astuto e inizia a sperimentare un sacco di lanci diversi, è nei casini. Tutto ciò che ho mai avuto sono una fastball, una curva e un cambio e me la sono cavata abbastanza bene.

2 - Se Satch [Paige] ed io lanciassimo nella stessa squadra, vinceremmo il pennant entro il 4 luglio e andremmo a pescare in attesa delle World Series.

3 - Figliolo, che tipo di lancio ti piacerebbe mancare?

4 - Non tengo mai lo scorer o le medie battuta. Odio le statistiche. Quello che devo sapere, me lo ficco in testa.

5 - [Paige] è un lanciatore migliore di quanto io abbia mai sperato di essere.

6 - Mr. Rickey, metterò più gente nello stadio di chiunque dai tempi di Babe Ruth.

7 - Mi fa incasinare il modo in cui sanno quali angoli sono buoni per le stazioni di rifornimento. Come fanno a sapere che lì sotto ci sono gas e petrolio?

8 - I dottori hanno fatto i raggi alla mia testa e non hanno trovato niente.

9 - He slud into third.

10 - Io so chi è il miglior lanciatore che abbai mai visto ed è il vecchio Satchel Paige, quel lungo dinoccolato ragazzo di colore. La mia fastball sembra un cambio di ritmo paragonata a quel piccolo proiettile di pistola che il vecchio Satchel spara verso il piatto.

11 - Non sono più quello di una volta, ma chi diavolo lo è?

12 - [Bill Terry] una volta ha battuto una palla tra le mie gambe così forte che il mio esterno centro l’ha presa al volo con la schiena al muro.

13 - Vinsi 28 partite su 35 e non potei credere ai miei occhi quando i Cards mi mandarono un contratto con un taglio nel salario. Mr. Rickey disse che meritavo un taglio perché non avevo vinto 30 partite.

14 - Diamine, se qualcuno mi avesse detto che stavo facendo un record avrei fatto qualche strikeout in più.

15 - [Branch Rickey] deve essere convinto che io sia andato al Massachessets Constitution of Technology.

16 - Il buon Dio è stato buono con me. Mi ha dato un corpo forte, un buon braccio destro e poco cervello.

17 - Chiunque abbia avuto il privilegio di vedermi giocare sa che sono il miglior lanciatore al mondo.

18 - Se sapevo che oggi [mio fratello] avrebbe tirato una [no-hit], ne avrei tirata una anch’io stamattina.

19 - Gli scout che mi visionarono scrissero che ero mancino. Quello fu perché mi videro uccidere scoiattoli con i sassi tirando mancino. Se avessi tirato destro li avrei squartati.

20 - I giocatori sono ritornati alle loro rispettabili basi.

21 - I giocatori sono ritornati alle loro rispettabili basi.

22 - Non pretendo di essere il più istruito compagno del mondo, ma d'altra parte non credo poi di essere il più ignorante che ci sia. Lo stesso vale per Diz. (Dean Paul - Fratello di Dizzy e lanciatore MLB)

23 - Penso che tutti gli altri giocatori in questo club dovrebbero offrirsi di ridurre il proprio stipendio così Diz potrà ottenere lo stipendio che vuole. (Dean Paul - Fratello di Dizzy e lanciatore MLB)

24 - Quando Diz era lì fuori a lanciare era molto di più che solo un’altra partita di baseball. Era un autentico circo a tre piste e tutti erano svegli e godevano di essere vivi. (Pepper Martin - Esterno MLB)

25 - (Dizzy) Dean come giocatore di basebal era un fenomeno naturale, come il Grand Canyon o la Grande Barriera Corallina. Nessuno mai gli ha insegnato il baseball e non aveva nulla da imparare. Stava solo facendo quello che gli era naturale quando uno scout di nome Don Curtis lo scoprì su uno spiazzo sabbioso del Texas e gli fece il suo primo contratto. (Red Smith - Giornalista sportivo )

RICK DEMPSEY

1949 -

Ruolo: Ricevitore

Giocatore MLB dal 1969 al 1992

1 - Ho capito di essere nei guai quando hanno dovuto chiamare un proctologo per sistemarmi il pollice.

2 - Anche se mi verrà assegnato il compito del bullpen quest'anno, nessuno può sostituire Elrod Hendricks. Sono solo orgoglioso di averlo conosciuto come amico, compagno di squadra e collega coach.

3 - E' stato un cattivo giudizio da parte mia. Non è stata colpa sua (di Matos). E' stata al 100 per cento colpa mia. Ha fatto esattamente quello che gli ho detto di fare. Devo convivere con questo.

4 - Non credo che le persone si rendano conto del sacrificio che c'è voluto per ottenere la striscia. Cal (Ripken) vuole giocare ogni partita, anche nello spring training.

5 - Quando sono tornato agli Orioles come coach, mi rivolsi a Elrod perchè mi aiutasse e mi guidasse. Nessuno ne sapeva di più sull'organizzazione.

6 - Ha bisogno di conoscere il pitching staff e imparare a chiamare i giochi per alcuni tipi di lanciatori. E questo arriva solo con il tempo. Inoltre, ha bisogno di lavorare sulla consistenza del lancio da dietro il piatto, ma il resto è tutto lì. ... Lui è sempre nella forma migliore di chiunque entri in campo. Non abbiamo avuto nessun problema di sorta con (l'etica del lavoro).

BILL DICKEY

1907 - 1993

Ruolo: Ricevitore

Giocatore MLB dal 1928 al 1946

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Se dovessi ricevere bendato, capirei sempre quando è [Jimmy] Foxx a fare contatto. Colpisce la palla più duramente di chiunque altro.

2 - Egli (Babe Ruth) colpisce la palla più duramente di qualsiasi altro uomo che io abbia mai visto.

3 - Amo fare una grande giocata difensiva, ma preferirei piuttosto colpire un home run.

JOE DIMAGGIO

1914 - 1999

Ruolo: Esterno centro

Giocatore MLB dal 1936 al 1951

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Dopo che ebbi ottenuto quella valida su Satchel [Paige] capii che ero pronto per le Big League.

2 - Un giocatore deve essere affamato per diventare un Big-Leaguer. Ecco perché nessun ragazzo di ricca famiglia è mai arrivato nelle Big Leagues.

3 - La frase “Parte sul suono della mazza”, per quanto romantica, è in realtà senza senso, dato che l’esterno dovrebbe essere in movimento molto prima di sentire il suono della palla che incontra la mazza.

4 - C’è sempre qualche bambino che potrebbe vedermi per la prima o per l’ultima volta per cui devo dare il meglio di me.

5 - Non c’è alcun trucco per prendere una palla in campo aperto, non importa quanto sia battuta lontano, purché stia in aria abbastanza a lungo. La prova per l’abilità di un esterno arriva quando deve andare contro la recinzione per fare una presa.

6 - Vorrei ringraziare il buon Dio per avermi fatto diventare uno Yankee.

7 - Tutti i lanciatori sono nati lanciatori.

8 - Sono un giocatore di baseball, non un attore.

9 - Mi ricordo un giornalista mi chiese una citazione (quote), e io non sapevo cosa fosse una citazione. Ho pensato che fosse un qualche tipo di bibita.

10 - Sono solo un giocatore di baseball con una sola ambizione, che è quella di dare tutto quello che hoper aiutare il mio club a vincere. Non ho mai giocato in nessun altro modo.

11 - Penso che ci sono alcuni giocatori nati per giocare a baseball.

PAT DOBSON

1942 - 2006

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1967 al 1977

1 - Il dolore è il modo con cui la natura ti dice che il braccio non vuol più tirare.

LARRY DOBY

1923 - 2003

Ruolo: Esterno centro

Giocatore MLB dal 1947 al 1959

Manager MLB nel 1978

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Sapevo che sarebbe stata dura essere accettato, ma sapevo che ero coinvolto in una situazione che stava per dare l'opportunità ad altri neri.

2 - I bambini sono il nostro futuro, e speriamo che il baseball dia loro una qualche idea di cosa significhi vivere insieme e come possiamo andare avanti, siano essi bianchi o neri.

3 - Non c'è niente laggiù che non posso fare.

RICH DONNELLY

1946 -

Ruolo: Coach

Coach MLB dal 1980 - presente

1 - Ero il manager di una squadra così scarsa, che consideravano il conto di 2-0 sul battitore come una rimonta.

2 - [McGwire] ha battuto un pop contro di noi un giorno che è andato così in alto…era più alto del sole. Era lassù, così in alto, che tutti i nostri nove giocatori l’hanno chiamata.

CHARLIE DRESSEN

1898 - 1966

Ruolo: Terza base - Manager

Giocatore MLB dal 1925 al 1931 e nel 1933

Manager MLB dal 1934 al 1937, dal 1951 al 1953, dal 1955 al 1957, dal 1960 al 1961 e dal 1963 al 1966

1 - Datemi 5 giocatori come Jackie [Robinson] e un lanciatore e batterò qualsiasi squadra di nove uomini.

DON DRYSDALE

1936 - 1993

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1956 al 1969

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Il lanciatore deve scoprire se il battitore è timido. E se il battitore è timido, deve ricordarsi che il battitore è timido.

2 - Quando giocavamo noi gli assegni delle World Series significavano qualcosa. Adesso l’unica cosa che fanno è che ti incasinano le tasse.

3 - Mia madre mi ha insegnato a non mettermi le dita sporche in bocca.

4 - Il lanciatore deve capire se il battitore ha paura. E se il battitore ha paura, deve ricordare al battitore che ha paura.

5 - Odio tutti battitori. Inizio la partita furente e rimango così finché non è finita.

6 - Quando lancio una curva che si blocca e viene colpita per un valido, vorrei mangiarmi il guanto.

7 - Se hanno colpito due dei nostri ragazzi, io ne colpirò quattro. Dovete proteggere i vostri battitori.

8 - La mia piccola regola è stata proprio due per uno. Se uno dei miei compagni di squadra viene colpito, poi ne colpisco due dell'altra squadra.

9 - Battere contro Don Drysdale è come prendere un appuntamento con un dentista. (Dick Groat - Interbase MLB)

10 - Il trucco contro (Don) Drysdale è di colpirlo prima che lui ti colpisca. (Orlando Cepeda - Prima base MLB)

11 - Ho odiato battere contro (Don) Drysdale. Dopo che ti aveva colpito si avvicinava, guardava il livido sul braccio e diceva: Vuoi che te lo firmi? (Mickey Mantle - Esterno New York Yankees)

12 - Don Drysdale considerava una base intenzionale una perdita di tre lanci. Se voleva metterti in base, ti poteva colpire con un solo lancio. (Mike Shannon - Terza base St. Louis Cardinals)

LEO DUROCHER

1905 - 1991

Ruolo: Interbase - Manager

Giocatore MLB dal 1925 al 1945

Manager MLB dal 1939 al 1946, dal 1948 al 1955 e dal 1966 al 1973

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Del protestare ne feci questione di vita, ma due cose erano contro di me: gli arbitri e le regole.

2 - Non mi importa se il tizio [Jackie Robinson] è giallo o nero, o se ha le strisce come una fott*#@! Zebra. Io sono il manager di questo giocatore e io dico che gioca.

3 - Non ho mai messo in discussione l’integrità di un arbitro. La vista sì, però.

4 - I bravi ragazzi finiscono ultimi.

5 - Non c’è alcun dubbio che Larry [McPhail] fosse un genio. C’è quella linea sottile tra genio e infermità mentale, e nel caso di Larry era così sottile che potevi vederlo passare da una parte all’altra.

6 - Se giocassi in terza e mia madre stesse girando per casa col punto della vittoria, le farei lo sgambetto. Oh, la aiuterei a rialzarsi, le toglierei la polvere di dosso e direi “Scusa ma'”, ma nessuno mi batte.

7 - Non si conserva un pitcher per domani. Domani potrebbe piovere.

8 - Nessuno ha mai vinto un pennant senza un interbase stellare.

9 - E’ possibile spendere soldi ovunque al mondo se ti ci metti, cosa che io ho definitivamente comprovato accumulando enormi debiti a Cincinnati.

10 - Dio veglia sugli ubriachi e i terza base.

11 - Io credo nelle regole. Certo che lo faccio. Se non ci fossero regole, come si potrebbe infrangerle?

12 - Io vengo per vincere.

13 - Mostratemi un buon perdente ed io vi mostrerò un idiota.

14 - Ci sono solo cinque cose che puoi fare nel baseball - correre, tirare, prendere, battere e battere di potenza.

15 - Vincere è un'abitudine.

16 - Ragioni con l'arbitro perché non c'è nient'altro che tu possa fare.

17 - Offri una bistecca a un giocatore di un'altra squadra dopo la partita, ma non parlare ancora con lui in campo. Esci da lì e battilo a morte.

18 - Per diventare un manager della big league bisogna essere nel posto giusto al momento giusto. Questa è la regola numero uno.

19 - La fortuna? Se il tetto crollasse e Diz (Dean), fosse seduto in mezzo alla stanza, tutti gli altri verrebbero sepolti e una giuggiola gli cadrebbe in bocca.

JIMMY DYKES

1896 - 1976

Ruolo: Terza base - Seconda base - Manager

Giocatore MLB dal 1918 al 1939

Manager MLB dal 1934 al 1946, dal 1951 al 1954 e dal 1958 al 1961

1 - Non potevo [scivolare]. Tengo i miei sigari nella tasca posteriore e avevo paura di romperli.

2 - Se quel ragazzo fosse bianco, mi piacerebbe farlo firmare subito. Nessuno nell'American League sa giocare così.

3 - I bravi allenatori trovano i problemi. I grandi allenatori risolvono i problemi. Questo è quello che sto vedendo in Tubby. Sta per massimizzare il suo talento, perché non è la squadra più talentuosa nella league.

DENNIS ECKERSLEY

1954 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1975 al 1998

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Qualche volta essere il set-up è più difficile che essere il closer.

2 - Ho sempre avuto l'attitudine e così volevo lanciare una no-hitter ogni partita.

3 - Quel primo anno a Chicago è stato uno dei più memorabili della mia carriera. Il trade mi aveva ringiovanito, e ho avuto qualcosa da dimostrare. Volevo mostrare loro cosa potevo fare.

4 - Penso che ho avuto anche una grande meccanica.

5 - Mi ci sono voluti alcuni anni per capire che lanciare più duro non è sempre stato meglio.

6 - Sono orgoglioso del fatto che ho lanciato quasi 3300 inning.

7 - Lanciare ... a volte mi ha fatto così male, che mi sono scese le lacrime.

8 - Ma attraverso l'esperienza ho imparato a controllare il mio corpo e localizzae la palla.

8 - Prima o poi si impara che si appartiene alle big leagues, e ciò ti calma.

9 - Quando ho iniziato a finire le partite e uscendo dal campo mi stringevano la mano, è stata una bella cosa. Voglio dire, cominci a vedere che siete una parte importante della squadra.

10 - Non si ha intenzione di restare a lungo con solo due lanci.

DOC EDWARDS

1936 -

Ruolo: Ricevitore - Manager

Giocatore MLB dal 1962 al 1970

Manager MLB dal 1987 al 1989

1 - Molitor non ha camminato sul lago per arrivare qui, né si è cambiato gli abiti nella cabina telefonica. E’ solo un altro battitore tosto.

2 - Abbiamo visto Gorman in una partita dimostrativa e il manager di Vaquero, Bobby Brown ce lo raccomandò. Ha finito per essere una delle nostre più piacevoli sorprese della stagione 2010, con la sua fastball che raggiunge le 94-95 mph in modo consistente.

CARL ERSKINE

1926 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1948 al 1959

1 - Ho avuto un po’ di successo affrontando Stan Musial, tirandogli il mio lancio migliore e correndo a coprire la terza base.

2 - Chicago è sempre stata una grande città dello sport.

3 - La squadra che ha vinto il pennnant era nelle minor quando la stagione è iniziata, .... La vecchia guardia, che era venuta da Brooklyn, aveva i loro giorni più belli dietro di loro.

4 - Anche in questo caso, gli White Sox sono arrivati alle World Series e risvegliato la città. E' sempre stata una sfida, una partita a Chicago. Penso che (la città) è matura e pronta per (questa World Series).

4 - Si sente la stessa cosa ogni anno, ma perché è vero, ... In una series corta, il pitching è molto dominante.

5 - Può far riaprire parecchi occhi e orecchie il fatto che i lanciatori possono e devono andare nove inning.

6 - Oggi i manager non danno al lanciatore partente una possibilità. Forse questo staff degli White Sox ha dimostrato qualcosa che era vero da sempre. Se il lanciatore è in buona forma, e non ha concesso troppi punti, lui può e deve andare per tutti e nove.

JOHNNY EVERS

1883 - 1947

Ruolo: Seconda base

Giocatore MLB dal 1948 al 1959

Manager MLB nel 1913, 1921 e 1924

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Il mio arbitro preferito è un arbitro morto.

2 - Un giocatore di baseball ha due reputazioni, uno con gli altri giocatori e uno con i tifosi. Il primo si basa sulla capacità. Il secondo glielo danno i giornali.

3 - Dubito che qualsiasi seconda base abbia avuto una così grande influenza sul lavoro di un club nel suo insieme o sia stato un fattore così importante del loro successo come lo è stato Evers con i Chicago Nationals. (Frank Chance - Prima base / Manager Chicago Cubs )