CSS Valido!

BASEBALL PAOLO 2 D 4
 

 

SATCHEL PAIGE

1906 - 1982

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1948 al 1953 e nel 1965

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Uso il mio caricamento singolo, il mio doppio caricamento, il mio triplo caricamento, il mio caricamento con esitazione, il mio non caricamento. Uso anche il mio sali-e-lancia, il mio sottomarino, il mio tiro di fianco, la mia schiva-mazza. Uno deve fare ciò che è capace di fare.

2 - Non ho mai avuto un lavoro, ho sempre soltanto giocato a baseball.

3 - Se un uomo può batterti, dagli la base.

4 - Bill Veeck mi ha chiesto di mirare a una sigaretta come piatto e io gliene ho tirate 4 su 5 sopra.

5 - La mia filosofia di lancio è semplice. Tieni la palla lontana dalla mazza.

6 - Quando il battitore sventola e vedo come muove le ginocchia, posso già dire quali sono le sue debolezze e semplicemente metto la palla dove so che non può batterla.

8 - E’ divertente cosa possa fare qualche no-hit per il fisico.

9 - Non c’è mai stato sulla terra un uomo che abbia lanciato quanto me. Ma più lanciavo, più forte diventava il mio braccio.

10 - Non so cosa hai intenzione di fare Mr [Dizzy] Dean, ma io non concederò alcun punto anche se dovessimo stare qui tutta la notte.

11 - Non vado mai di fretta. Non possono iniziare la partita senza di me.

12 - L’unico cambiamento è che il baseball ha tramutato Paige da un cittadino di seconda classe ad un immortale di seconda classe.

13 - Non ho mai tirato un lancio illegale. Il problema è che una volta ogni tanto ne lasciavo andare uno mai visto da questa generazione.

14 - Prendi una palla e tirala dove vuoi che vada. Tira strike. Il piatto di casa non si muove.

15 - Una volta portai con me di nascosto una palla e, quando effettuai il caricamento, tirai una delle palle in prima e una in seconda. Fui così abile che colsi fuori base entrambi i corridori e mandai a vuoto il battitore senza che l’arbitro o l’altra squadra ci capissero qualcosa.

16 - Devi tenere la palla lontana dalla parte grossa della mazza.

17 - Una volta [Cool Papa Bell] ha battuto un line-drive che mi è passato accanto all’orecchio. Mi sono girato e ho visto la palla colpirgli il culo mentre scivolava in seconda.

18 - L’ho detto una volta e lo dirò cento volte: ho 42 anni.

19 - Qualche volta lanciavo per altre squadre. Andavo ovunque sventolasse un po’ di verde. Ai [Mobile] Tigers non piaceva molto, ma al mio portafoglio sì.

20 - Manager: “Tiri così forte con regolarità?”
Paige: “No, signore, lo faccio sempre”.

21 - A nessuno piace la palla bassa ed esterna, ma quello è proprio ciò che avrai da me. La lancio lì da 50 anni. In quel modo non possono farti del male. La palla rimane nel campo.

22 - Mi sa che stai parlando della mia palla lenta. La mia veloce sembra un uovo di pesce.

23 - Il vecchio Satch tirava un sacco di cose, ma la mia roba naturale era sempre più che sufficiente. Non mi è mai servito dello sputo per aiutarmi.

24 - I lanciatori oggi hanno problemi al braccio perché siedono in panchina e non lavorano abbastanza.

25 - Insieme alle misure della Monroe, il numero più dibattuto nel mondo dello sport e dello spettacolo è la vera età del fenomenale lanciatore dei St. Louis Browns, il vecchio Satchel Paige. (Tim Cohane - Giornalista sportivo)

26 - Naturalmente le storie su Satchel (Paige) sono leggendarie e alcune di loro persino vere. (Buck O'Neil - Prima base e manager Negro League)

JIM PALMER

1945 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1965 al 1984

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - La maggior parte dei pitcher sono troppo scaltri per fare i manager.

2 - Io non voglio vincere la mia trecentesima partita, mentre lui (Earl Weaver) è ancora qui. Vorrebbe prendersi il merito anche di questo.

3 - Odio i maledetti fondamentali degli Orioles ... li ho fatti dal 1964. Li faccio anche dormendo. Odio lo spring training.

4 - L'unica cosa che Earl (Weaver) sa dei lanciatori della big-league è che lui non riusciva a colpirli.

5 - Quando i lanciatori non vanno c'è solo una cura da fare, ed è quella di prendersi un anno di pausa. Poi, dopo aver passato un anno senza lanciare, chiudere tutto.

6 - Due settimane, forse tre. Non si sa mai con le lesioni psicosomatiche. Devi prenderti il tuo tempo.

7 - Cakes (Palmer) ha vinto duecentoquaranta partite, ma c’è voluta una sua foto in piedi in mutande per essere conosciuto a livello nazionale. (Mike Flanagan - Pitcher MLB)

8 - Io non so come dirlo, ma per un ragazzo che sta per entrare nella Hall of Fame, la sua meccanica è terribile. (Lazaro Collazo coach dell'Università di Miami quando aiutò Jim Palmer nel tentativo di recuperare)

9 - Jim (Palmer) sa essere all'altezza della situazione, inoltre egli entrerà nella Hall of Fame, ed è difficile sbagliare quando si lancia un Hall of Famer. (Earl Weaver - Manager Orioles)

10 - I cinesi raccontano il tempo de 'L'anno del cavallo' o 'L'anno del dragone'. Io racconto il tempo de 'L'anno della schiena' e 'L'anno del gomito'. Quest'anno è 'L’anno del nervo ulnare'. Qualcuno una volta mi ha chiesto se avevo qualche mia incapacità fisica. 'Certo, che ce l’ho', dissi, 'Una grande - Jim Palmer'. (Earl Weaver - Manager Orioles)

DAVID PARKER

1951 -

Ruolo: Esterno destro - DH

Giocatore MLB dal 1973 al 1991

1 - "Perché porti al collo la stella di David?"
"Perché il mio nome è David e sono una stella!".

GABE PAUL

1910 - 1998

General Manager Cincinnati Reds, Houston Colt 45s, Indians Cleveland

Presidente New York Yankees dal 1973 al 1977

1 - L’Astrodome rivoluzionerà il baseball; aprirà una nuova area di alibi per i giocatori.

2 - La cosa grandiosa del baseball è che c'è una crisi tutti i giorni.

FRED PATEK

1944 -

Ruolo: Interbase

Giocatore MLB dal 1968 al 1981

1 - Sento di essere sovrapagato. Ogni atleta professionista è sovrapagato! Ho un contratto fenomenale… molti più soldi di quanto abbia mai pensato di fare. Non dico che ne sono imbarazzato, ma nel profondo so che non ne sono degno. Per mia vergogna, peraltro, devo ammettere che ho chiesto io quella cifra.

JEFF PENTLAND

1946 -

Ruolo: Hitting Coach

Coach MLB dal 1997 - presente

1 - Penso che [Bonds] sia probabilmente il miglior battitore dai tempi di Babe Ruth, ma questa è la mia opinione. Penso alle cose che ha fatto, al record che ha battuto. Si è distinto tra i giocatori di oggi ed è stato nettamente sopra loro, testa e spalle sopra loro per tutta la carriera.

GAILORD PERRY

1938 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1962 al 1983

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Ridiscendere nelle minor è la cosa più difficile da gestire nel baseball.

2 - Greaseball, Greaseball, Greaseball, è tutto quello che gli lancio (Rod Carew), e ancora le colpisce. E' l'unico giocatore di baseball che colpisce sempre il mio grasso. Vede la palla così bene, che credo possa scegliere la parte secca.

3 - Lo avevo sempre (grasso - in almeno due punti, nel caso in cui gli arbitri mi chiedevano di eliminarlo una tantum). Però, io non ho mai voluto essere colto in fallo con qualsiasi cosa, non sarebbe stato professionale...

4 - Mi sa che ho provato di tutto sulla vecchia mela, ma non il sale e pepe e salsa di cioccolato topping.

5 - Ho un bambino di sei anni. Gli piace lo sport, ma io sicuramente non gli permetterò di lanciare. Ci sarebbero troppe cose contro di lui.

6 - Ogni cambiamento delle regole nel corso degli ultimi dieci anni è stato contro i lanciatori come abbassare il monte e introdurre il battitore designato.

7 - Adesso gente, il campionato sarà un po' più secco (si riferisce al suo Greaseball in occasione del suo ritiro).

8 - Il problema è che il baseball non si gioca tutto l'anno.

9 - Aspetta quando Tommy (Lasorda) incontra il Signore e scopre che indossa pinstripes.

10 - Gaylord Perry e Willey McCovey dovrebbero conoscersi l’un l’altro come un libro aperto. Sono stati ex compagni di squadra per un sacco di tempo. (Jerry Coleman - Seconda base MLB).

11 - Egli (Gaylord Perry) dovrebbe essere nella Hall of Fame con un tubo di gelatina KY attaccato alla sua targa. (Gene Mauch - Manager MLB)

12 - Quando ti avvicini (a Gaylord Perry) profuma come una farmacia. (Billy Martin - Manager MLB)

13 - I DIECI REPERTI MENO ATTRAENTI DI COOPERSTOWN - 1968 foto che mostrano come Gaylord Perry ha ottenuto il suo nickname. (David Letterman - Showmen)

JOHNNY PESKY

1919 - 2012

Ruolo: Interbase - Terza base - Manager

Giocatore MLB nel 1942 e dal 1946 al 1954

Manager MLB dal 1963 al 1964 e nel 1980

1 - Quando vinci mangi meglio, dormi meglio e la tua birra ha un sapore migliore. E tua moglie sembra Gina Lollobrigida.

MIKE PIAZZA

1968 -

Ruolo: Ricevitore

Giocatore MLB dal 1992 al 2007

1 - Una cosa che può capitare a tutti è di andare in slump. A meno che tu sia Greg Maddux, prima o poi ti succederà.

LOU PINIELLA

1943 -

Ruolo: Esterno sinistro - Manager

Giocatore MLB nel 1964 e dal 1968 al 1984

Manager MLB dal 1986 al 1988, dal 1990 al 2005 e dal 2007 al 2010

1 - Suvvia George [Steinbrenner], stai dicendo che se Gesù Cristo tornasse sulla terra con i suoi capelli lunghi, non lo lasceresti giocare per gli Yankees?

2 - Ho maledetto Armando [Rodriguez] in spagnolo e lui mi ha cacciato fuori in inglese.

3 - Le statistiche sono come i bikini - mostrano molto, ma non tutto.

4 - Stiamo bene. L'unica volta che perdiamo la nostra concentrazione è quando l'arbitro dice: 'Play Ball'.

5 - Sweet si riferisce al suo swing, non alla sua personalità (Phil Rizzuto, sul comportamento di Piniella sul campo).

6 - Loro non si rendono conto di quanto ci si stanchi nel corso di una stagione di baseball ... stanchi mentalmente ... Hai bisogno di tempo per rilassarti.

7 - Più sono in sintonia il lanciatore e il catcher, maggiori sono le possibilità che abbiano successo. Penso che questa sia fiducia.

8 - Lui gioca duro ed è un po' spavaldo. La spavalderia può essere una buona cosa per un club. Buone squadre hanno sempre un po' di spavalderia.

9 - Il pitching coach è il migliore amico di un manager. Sta gestendo 12 dei 25 giocatori della squadra.

DAN QUISENBERRY

1953 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1979 al 1990

1 - Ho visto il futuro ed è più o meno come il presente, solo più lungo.

2 - Aiuta essere stupidi se si è un rilievo. I rilievi devono entrare in una zona tutta loro. Spero soltanto di essere abbastanza stupido.

3 - Un manager usa un rilievo come una sei-colpi. Fa fuoco finchè non è scarica e poi prende la pistola e la tira al villano.

4 - La cosa migliore del baseball è che non ci sono i compiti a casa.

5 - Cullo i battitori in un fallace senso di sicurezza mentre mi guardano lanciare. Se l'eccesso di sicurezza in sè ha causato la caduta dell'Impero Romano, io dovrei essere in grado di ottenere una groundball.

6 - Non credo possa esserci un qualunque buon uso per le armi nucleari, però [il Metrodome] potrebbe essere uno.

7 - Anche quando la mia sinker non funziona i battitori colpiscono delle rimbalzanti. Solo che il primo rimbalzo lo fanno dopo 350 piedi.

8 - L’erba naturale è una cosa meravigliosa per i piccoli insetti e i lanciatori di sinker.

9 - Sono diventato un lanciatore migliore quando ho trovato un rilascio nel mio difetto.

10 - Egli (Ted Simmons) non sembra un giocatore di baseball. Ha detto cose come 'ciò nondimeno' e 'se, in effetti'.

11 - Voglio ringraziare (come vincitore dell’Award Fireman del 1982) tutti i pitchers che non hanno potuto completare nove inning, e il manager Dick Howser che non voleva lasciarli finire.

12 - Il nostro fielders deve prendere un sacco di palle, o almeno deviarle a qualcuno che può prenderle.

13 - Gli scioperi (quello del 1981) sono la vita reale. Ci sono volute sette settimane di tempo reale. Questo è un quinto di una gravidanza.

14 - Loro (i California Angels) sono come il team dell’American League All-Star, è questo il loro problema, il team dell’American League All-Star perde sempre.

15 - Quando sono arrivato qui (nella National League), ho sempre sentito dire che era la league più forte, con le anfetamine in tutte le clubhouse, ma tutto quello che ho trovato è stato la Michelob Dry (un tipo di birra).

TED "DOUBLE DUTY" RADCLIFFE

1902 - 2005

Ruolo: Lanciatore - Ricevitore - Manager

Giocatore e Manager Negro League dal 1928 al 1954

1 - Eravamo soliti giocarne quattro in un giorno più o meno tutti i 4 di luglio. Io ne lanciavo due e ne ricevevo due. Il modo in cui ci riuscivo era di dormire 35 minuti tra ogni partita.

VIC RASCHI

1919 - 1988

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1946 al 1955

1 - Il mio lancio migliore è qualcosa che viene colpito a terra, un line, o un pop up in direzione di (Phil) Rizzuto.

PEE WEE REESE

1918 - 1999

Ruolo: Interbase

Giocatore MLB dal 1940 al 1942 e dal 1946 al 1958

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Se dovessi rigiocare tutta la mia carriera, l’unica cosa che farei diversamente è girare di più la mazza. Quelle 1200 basi ball che ho ottenuto…nessuno le ricorda.

2 - Se tu avessi un figlio, sarebbe una gran cosa di farlo crescere fino a diventare come Gil Hodges.

3 - Essere il capitano del Dodgers significa che rappresenti un’organizzazione impegnata a vincere e che cerca di andare avanti. Avremmo potuto vincere ogni anno, se le opportunità fossero andato a buon fine.

4 - Brooklyn è stata la più bella città in cui un uomo potesse giocare, e i tifosi sono stati i più fedeli che si potesse avere.

5 - Non ho voglia di giocare lì da quando ho scoperto che mi è stata venduta Brooklyn, ma sono onorato. Sono contento di aver potuto giocare a Brooklyn.

6 - Se si corre dentro e fuori dalla club house, si corre dentro e fuori dal baseball.

7 - Avevo giocato solo cinque partite nel mio ultimo anno al liceo. Non ero abbastanza grande. Diamine, quando mi sono laureato, ero alto circa 163.85 cm e pesavo 54.3 kg. Non sono andato con i Dodgers fino allo spring training del 1940 e pesavo in tutto 70.3 kg bagnato fradicio. Sembrava che avessi sedici anni, credo. Quando sono arrivato lì, non conoscevo nessuno dei ragazzi della squadra, ed ero spaventato a morte. Ovunque andassero, mi hanno portato con sé. Perché lo hanno fatto? Ero sconcertato. Ero solo un ragazzino spaventato del Kentucky, e questi ragazzi erano nelle major da un po'. Credo che fosse perché ero proprio un gran bel ragazzo - se si accetta questo.

8 - Ero solito dire a Jackie (Robinson) quando a volte gli lanciavano contro: 'Jackie, non ti stanno lanciando addosso perché sei nero. Ti lanciano contro perché non ti piace.

9 - Pensando alle cose che sono successe, io non conosco nessun altro giocatore di baseball che avrebbe potuto fare quello che lui (Jackie Robinson) ha fatto. Per essere in grado di battere con tutti che gli urlavano contro. Ha dovuto lasciare fuoritutto ciò, bloccare tutto ma la palla stava arrivando a cento miglia all'ora e lui aveva una frazione di secondo perché la sua mente capisse se era dentro o fuori o in basso o prossima alla sua testa, una frazione di secondo per sventolare. Per fare quello che ha fatto ha realizzato la cosa più incredibile che abbia mai visto nello sport.

10 - Contro ogni previsione, Pee Wee Reese si è guadagnato la possibilità di giocare a baseball professionista, iniziando con i Dodgers, giocando in diverse World Series, fino ad essere eletto nella Hall of Fame. Ha fatto le piccole cose che hanno contribuito a far vincere la sua squadra: bunt oltre il corridore, andare dalla prima alla terza su una valida, o coprire il buco in un grounder. E'stato il miglior interbase nella National League dalla fine del 1940 al 1950. (TheBaseballPage.com)

11 - Ho pensato che fosse un gesto di grande aiuto (rifiutandosi di firmare una petizione che minacciava il boicottaggio se Jackie Robinson fosse entrato nel team), e molto istintiva da parte di Pee Wee. Non si deve dimenticare che Pee Wee era il capitano, e condusse il cammino. Quando Jack fece il primo ingresso (Major League), c'erano ancora un sacco di persone che non sapevano se fosse la cosa giusta da fare. Pee Wee usò tutte le sue capacità di leadership e la sensibilità di tenere la squadra insieme... Pee Wee era più di un amico. Pee Wee era un uomo buono. (Rachel Robinson - Moglie di Jackie Robinson a Jet il 13 settembre 1999)

12 - Mi stavo scaldando sul monte, e ho potuto sentire i giocatori di Cincinnati urlare a Jackie ... e poi hanno cominciato verso Pee Wee. Gridavano contro di lui, 'Come puoi giocare con questo nigger?' e tutta questa roba, e mentre Jackie era in piedi in prima base, Pee Wee si avvicinò e gli mise un braccio intorno come a dire: 'Questo è il mio ragazzo. Questo è il ragazzo. Andiamo a vincere con lui.' Beh, come lo ha fatto ha spinto i giocatori di Cincinnati giusto attraverso il cielo, si poteva sentire il respiro dalla folla. Pee Wee, era una persona talmente strumentale che contribuì al successo di Jackie, questa è una ragione, Pee Wee più di chiunque altro, perché Pee Wee era del sud. Pee Wee capì le cose un po' meglio ... Sono diventati molto amici, e hanno capito l'un l'altro. (Rex Barney - Pitcher e compagno di squadra - "Bums" di Peter Golenbock, 1984)

13 - Pee Wee non voleva riconoscimenti, ma aveva un ego e sapeva di essere un atleta eccezionale, era stato benedetto con caratteristiche di gran lunga più importanti delle dimensioni. E' stato ricco di cose che lo hanno reso un leader, uno pieno di classe senza paragoni. (Earl Cox Sport editorialista in The Voice-Tribune del 18/08/1998)

14 - Pee Wee ha contribuito a rendere realtà il mio sogno dell’infanzia quello di giocare nella Major, le World Series. Quando Pee Wee allungò la mano verso Jackie, tutti noi nella Negro League sorridemmo e dicemmo che era la prima volta che un ragazzo bianco ci aveva accettato . Quando finalmente arrivai a Brooklyn, sono andato da Pee Wee e gli dissi: 'I neri ti amano. Quando hai toccato Jackie, hai toccato tutti noi.' Pee Wee, è stato il numero uno sulla sua uniforme e numero uno nei nostri cuori. (Joe Black - Pitcher e compagno di squadra)

15 - Reese è stata la forza che teneva insieme i Dodgers nella clubhouse. Tutti i giocatori che avevano un problema personale sapevano che potevano avvicinarsi all’armadietto di Reese, così lo prendeva sotto la sua ala e gli offriva consulenza cordiale e disponibile. (Walter O'Malley - Proprietario dei Dodgers)

16 - Pensate al coraggio che ha avuto (il rifiuto di firmare una petizione che minacciava il boicottaggio se Jackie Robinson fosse entrato nel team). Pee Wee ha dovuto tornare a casa (nella segregata Louisville, Kentucky) e rispondere ai suoi amici. Jackie disse più tardi che (il gesto di Reese) aveva aiutato la mia razza più della sua. (Carl Erksine - Pitcher e compagno di squadra a Jet il 13 settembre 1999)

17 - Che essere umano onorevole. Quanto mi ha aiutato. Ma egli si rifiuta di prendere l’onore. (Jackie Robinson - Seconda base MLB)

ALLIE REYNOLDS

1917 - 1994

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1942 al 1954

1 - Ho sempre ritenuto che il pitcher ha il vantaggio. E’ come servire nel tennis.

PAUL RICHARDS

1908 - 1986

Ruolo: Ricevitore - Manager

Giocatore MLB dal 1932 al 1935 e dal 1943 al 1946

Manager MLB dal 1951 al 1961 e nel 1976

1 - Io non comunico con i giocatori. Dico loro cosa fare. Non capisco il significato di comunicazione.

BRANCH RICKEY

1881 - 1965

Ruolo: Ricevitore - Manager - General Manager

Giocatore MLB dal 1905 al 1906, nel 1907 e nel 1914

Manager MLB dal 1913 al 1915 e dal 1919 al 1925

General Manager MLB dal 1913 al 1915, dal 1919 al 1955

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Mai abbandonare l’opportunità per la sicurezza.

2 - L’uomo con la palla è responsabile di ciò che accade alla palla.

3 - La gente del baseball, e includo me stesso, è lenta a cambiare ed accettare nuove idee. Ricordo che ci vollero anni per convincersi a mettere i numeri sulle uniformi.

4 - Un buon giocatore è uno che ci prova.

5 - La fortuna è il residuo del disegno.

6 - Vendi un giocatore un anno troppo presto piuttosto che un anno troppo tardi.

7 - Il baseball è un gioco di centimetri.

8 - Cobb viveva fuori dal campo come se dovesse campare in eterno. In campo viveva come se fosse il suo ultimo giorno.

9 - [Leo Durocher] ha l’abilità di prendere in mano una cattiva situazione e renderla immediatamente peggiore.

10 - Solo nel baseball un giocatore può essere un individualista per primo e un giocatore di squadra per secondo, restando nelle regole e nello spirito del gioco.

11 - Il box-score è una cosa democratica. Non ti dice quanto sei grande, quale chiesa frequenti, di che colore sei, o come tuo padre ha votato alle ultime elezioni. Ti dice semplicemente che tipo di giocatore di baseball sei stato in quel giorno particolare.

12 - [Gil Hodges] è il tipo di ragazzo che rende il posto di lavoro del suo scout sicuro per 20 anni.

13 - [Eddie Stanky] non sa battere, non sa correre, non sa difendere, non sa tirare. Non sa fare una dannata cosa… tranne sconfiggerti.

14 - Il presidente Abramo Lincoln sedeva nella sua poltrona quasi tutto il tempo, e non c'era uomo più industrioso di lui. L'industria non è consumare il cuoio delle scarpe. E' avere idee… idee riguardo al lavoro che possiedi, come migliorarlo, come migliorare te stesso.

15 - L’uomo potrà penetrare le profonde oscurità dell’universo, potrà risolvere il segreto dell’immortalità, ma per me, l’esperienza umana definitiva sarà assistere all’esecuzione perfetta di un batti-corri.

16 - Pensare al diavolo è peggio che vedere il diavolo.

17 - I problemi sono il prezzo che si paga per il progresso.

18 - Il pregiudizio etnico non ha posto nello sport, e il baseball deve riconoscere questa verità, se vuole mantenere la statura come il gioco nazionale.

19 - Un grande giocatore di baseball è un giocatore che avrà una possibilità.

20 - Lui è (Mickey Mantle), il miglior prospetto che io abbia mai visto.

21 - Come usare il tuo tempo libero è il più grande problema di un giocatore di baseball.

22 - Sono preoccupato per l'insidiosa invasione del football professionistico, che sta guadagnando preminenza sul baseball. E' impensabile.

23 - Non è l'onore che porti con te, ma il patrimonio che si lascia alle spalle.

24 - Jackie (Robinson), non abbiamo alcun esercito. Non c'è praticamente nessuno dalla nostra parte. Nessun proprietario, nessun arbitro, assai pochi giornalisti. E ho paura che molti fan saranno ostili. Saremo in una posizione difficile. Possiamo vincere solo se riusciamo a convincere il mondo che io sto facendo questo perché sei un grande giocatore di baseball, un gran signore.

25 - L'ozio è il servo del diavolo.

26 - Non dobbiamo farci prendere dal panico.

27 - Il nostro pitching staff è una cospirazione di se stesso.

28 - Il più grande serbatoio di materie prime non sfruttate nella storia del nostro gioco è la razza nera.

29 - Non c'è mai stato un uomo più di (Jackie) Robinson che avrebbe potuto mettere mente e muscoli più rapidamente e con giudizio in questo gioco.

30 - Questa palla-questo simbolo; vale la vita intera di un uomo?

31 - Quando (Rube) Waddell aveva il controllo e dormiva un po', era imbattibile.

32 - Mr. Rickey aveva un grande intuito nella vita quotidiana così come nel baseball. In uno dei nostri incontri con i giocatori una volta disse: Mai giocare a dama con un uomo che porta la sua scacchiera. Non l’ho mai dimenticato. (Bob Purkey - Lanciatore MLB)

33 - La portata del suo pensiero sorprese costantemente anche chi lo conosceva bene ... Godeva nel cercare dentro in qualcosa e poi condividere le sue intuizioni con gli altri. Dava sempre lezioni, insegnamenti, motivazioni, avvertimenti e ispirazioni. (Branch B. Rickey - Nipote)

34 - Dopo che ho lasciato il baseball, ho capito quanto il nostro rapporto si era approfondito. E' stato quel rapporto più tardi che mi ha fatto sentire quasi come se avessi perso mio padre. Soprattutto dopo che non ero più sotto i riflettori dello sport, Branch Rickey mi ha trattato come un figlio. (Jackie Robinson in "I Never Had it Made")

CAL RIPKEN JR.

1960 -

Ruolo: Interbase - Terza base

Giocatore MLB dal 1981 al 2001

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - All'inizio della mia carriera decisi che non volevo mai andare fuori forma.

2 - Mi piacerebbe essere ricordato. Mi piacerebbe pensare che un giorno due tizi parlano al bar e uno di loro dice qualcosa del tipo ”Sì, è un buon interbase, ma non è bravo quanto lo era il vecchio Ripken”.

3 - La realtà è che i giocatori non possono giocare per sempre.

4 - La testardaggine è solitamente considerata un difetto, ma penso che nel mio caso sia stata un pregio.

5 - Qualche volta quando [Ripken] viene colpito da un lancio provo quasi imbarazzo a chiedergli come va. Nel tempo in cui torna al dugout, il livido è già sparito. (Richie Bancells - Fisioterapista degli Orioles)

PHIL RIZZUTO

1917 - 2007

Ruolo: Interbase

Giocatore MLB dal 1941 al 1942 e dal 1946 al 1956

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Crosetti, dopo averlo visto per anni, disse che DiMaggio aveva un unico difetto: non andava abbastanza spesso a Messa.

2 - Non puoi imparare la velocità o la potenza, ma puoi imparare a smorzare. E’ un buon motivo per essere compiaciuto se diventi bravo a farlo.

3 - A sentire Gene [Woodling], solo Dio può diventare un buon battitore.

4 - Ci sono così tanti giocatori latini… dovremo assumere un insegnante di latino.

5 - Farò ogni cosa per entrare nella Hall of Fame. Se vogliono un bat-boy ci andrò come bat-boy.

MICKEY RIVERS

1948 -

Ruolo: Esterno centro

Giocatore MLB dal 1970 al 1984

1 - I lanciatori sono l’80% del gioco e l’altra metà è battuta e difesa.

2 - George [Steinbrenner], Billy [Martin], ed io formiamo una coppia ben assortita.

3 - [Danny Napoleon] è così brutto che fa curvare le volate in foul.

DAVE ROBERTS

1944 - 2009

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1969 al 1981

1 - Preferirei essere nessuno nel baseball… che servire il fuoricampo numero 714.

ROBIN ROBERTS

1926 - 2010

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1948 al 1966

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - In generale nella Little League ti trovi contro un buon lanciatore che lancia dannatamente. Che cosa ti dice l'allenatore? Prendi una base su ball. Non è un bel modo per imparare a colpire? Per quattro anni stai in pedi a guardare e a ricevere una base su ball.

2 - Egli (Roberto Clemente) sembrava stesse cadendo a pezzi, quando correva. Sembrava che stesse andando a pezzi quando tirava. La sua posizione al piatto era ridicola, davvero sembrava poco come giocatore di baseball rispetto a chiunque altro avessi visto. Era una cosa folle. L'unica cosa che lo faceva sembrare sensazionale era il risultato.

3 - Non ho mai dormito quando perdevo. Vedevo sorgere il sole senza aver mai chiuso gli occhi. Vedevo quelle valide più e più volte che mi facevano impazzire.

4 - La mia sensazione è che quando stai gestendo una squadra di baseball, devi scegliere le persone giuste per giocare e poi pregare molto.

5 - Non c'è dubbio che se si cerca di lanciare una curva o un lancio qualsiasi in età precoce, prima di essere sviluppato, e prima che la mano sia abbastanza grande per afferrare la palla correttamente, ci si può danneggiare il braccio.

6 - Quando ero a Houston, alla fine della mia carriera, venne da me un giorno Bob Gibson mentre correvo sul campo esterno. Mi chiese perché non avevo smesso e disse che era una vergogna che mi stessi rovinando una grande carriera cercando solo di aggrapparmicisi. Più tardi, ho visto (Bob) Gibson che cercava di fare la stessa cosa.

7 - Ogni volta che (Robin Roberts) veniva alla club house si cominciava a parlare di pitching. Ha parlato con me del mio slider, ed ero tutto orecchi per tutto ciò che aveva da dirmi. Un'altra cosa di cui Robbie non parlava mai era di quando giocava. Si rese conto che il gioco era cambiato con il tempo. Ero davvero fortunato a poter parlare con una leggenda vivente dei lanciatori. (Brad Lidge - Lanciatore)

8 - Quando penso a Robin (Roberts), c'è sicuramente una parola che viene subito in mente .. classe. Aveva classe dentro e fuori il campo E' stato sicuramente uno dei lanciatori di qualità più costante di tutti i tempi, e il modo in cui ha vissuto la sua vita è stata esemplare. Ogni giovane giocatore di baseball dovrebbero modellare la propria vita a somiglianza di quella di Robin. (Bill Giles - Ex proprietario dei Philadelphia Phillies)

9 - Quando lui (Robin Roberts) vinceva, era gentile. Quando perdeva, così spesso negli inning supplementari con i suoi compagni di squadra che non segnavano punti, non aveva il broncio. Giorno dopo giorno andava là fuori e lanciava così forte, giù duro nel mezzo, un uomo meravigliosamente coordinato che faceva il suo lavoro. Se egli avesse lanciato per gli Yankees avrebbe potuto vincere 350 partite. (James A. Michener - Scrittore del New York Times)

10 - Lanciò con linearità, con un movimento apparentemente senza sforzo per 19 stagioni nella MLB, (Robin) Roberts mostrava un’eccezionale fastball e uno straordinario controllo e resistenza. (Richard Goldstein - Editorialista del New York Times)

11 - Robin Roberts era un tesoro dei Phillies, un Hall of Fame come lanciatore e un Hall of Fame come persona. (David Montgomery - Presidente dei Philadelphia Phillies)

12 - Egli (Robin Roberts) era come un motore diesel. Più lo utilizzavi, meglio correva. Io non credo che si potesse usurare. Alla fine della stagione del 1950, ero nell'esercito e credo che Bob Miller avesse mal di schiena. So che Robin ha dovuto lanciare quasi ogni giorno. (Curt Simmons - Lanciatore ed ex compagno di squadra)

13 - Egli (Robin Roberts) si presentava come il tipo di lanciatore che non vedi l'ora di sventolare, ma il tuo swing e la palla non erano dove pensavi che fossero. (Willie Stargell - Prima base e Hall of Famer)

BROOKS ROBINSON

1937 -

Ruolo: Terza base

Giocatore MLB dal 1955 al 1977

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Trova il tempo di ringraziare chiunque ti abbia aiutato lungo il tuo cammino.

2 - “Avrai problemi a giocare sul sintetico la prima volta in queste World Series?”. “Sono un terza base di Major League. Se c’è da giocare nel parcheggio, si suppone che io sia in grado di fermare la palla”.

3 - E’ sicuro che la mazza di un giocatore è ciò che parla più forte quando è tempo di contratto, ma ci sono momenti in cui il guanto ha l’ultima parola.

4 - Fra 50 anni sarò solo 3 pollici di inchiostro sul libro dei record.

FRANK ROBINSON

1935 -

Ruolo: Esterno destro - Esterno sinistro - Manager

Giocatore MLB dal 1956 al 1976

Manager MLB dal 1975 al 1977, dal 1981 al 1984, dal 1988 al 1991 e dal 2002 al 2006

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Bisogna avere la memoria corta come un closer.

2 - Se lui può colpire, può colpire. Non m'importa se è venuto dalla League Classe Z.

3 - Non vedo il motivo per cui i giornalisti fanno confusione tra me e Brooks (Robinson). Non si riesce a vedere che indossiamo numeri diversi.

4 - E’ bello venire in una città ed essere riconosciuto come il manager dei Cleveland Indians anziché il primo manager nero.

JACKIE ROBINSON

1919 - 1972

Ruolo: Seconda base

Giocatore MLB dal 1947 al 1956

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Tutto ciò che ho mai voluto è finire primo.

2 - Una vita non è importante eccetto per l’impatto che ha su altre vite.

3 - Il baseball è come una partita a poker. Nessuno vuole smettere quando sta perdendo, nessuno vi vuole mollare quando siete in vantaggio.

4 - La vita non è uno sport da spettatori. Se hai intenzione di passare tutta la tua vita sugli spalti guardando cosa succede, secondo me stai sprecando la tua vita.

5 - Sopra ogni cosa, odio perdere.

6 - Con grazia e ferrea determinazione, [Jackie Robinson] aprì una porta che non avrebbe mai dovuto essere chiusa e la mantenne aperta per gli innumerevoli giovani talentuosi che lo hanno seguito. (Bill Clinton - Presidente USA)

PREACHER ROE

1916 - 2008

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB nel 1938 e dal 1944 al 1954

1 - Ogni lancio, perfetto o no, è un potenziale fuoricampo.

PETE ROSE

1941 -

Ruolo: Esterno - Terza base - Seconda base - Prima base - Manager

Giocatore MLB dal 1963 al 1986

Manager MLB dal 1984 al 1989

1 - Sono ancora in divisa? Allora non mi sono ritirato.

2 - Camminerei attraverso l’inferno vestito di petrolio pur di giocare a baseball.

3 - Brooks Robinson appartiene a una lega superiore.

4 - Gullet è l’unico che può tirare una palla attraverso un autolavaggio senza che la palla si bagni.

5 - La squadra che vince i due terzi delle sue partite di un punto di solito vince il titolo.

6 - Sono uguale a chiunque. Ho due braccia, due gambe e quattromila valide.

7 - Come può uno lento come te strapparsi un muscolo?

8 - Quando giochi vent'anni, vai a battere diecimila volte e ottieni tremila valide, sai cosa significa? Che ha i fatto zero su settemila.

9 - Giocare a baseball per aver di che vivere è come avere una licenza per rubare.

10 - I dottori dicono che ho il corpo di un trentenne. Io so di avere il cervello di un quindicenne. Se li metti insieme entrambi, puoi giocare a baseball.

11 - Il manager di una squadra è come una carrozza, non può muoversi se non ha i cavalli.

12 - Non ho mancato una partita da due anni e mezzo. Arrivo allo stadio che sto male come un cane e, quando vedo la mia divisa lì appesa, mi sento subito bene. Poi vedo qualcuno di voialtri [giornalisti] e sto di nuovo male.

13 - Con i soldi che guadagno dovrei giocare in due posizioni.

14 - Penso che la scivolata in avanti sia il modo più sicuro e veloce di arrivare alla base successiva. Non perdi il momento, e c’è un altro motivo per cui scivolo in avanti: mi permette di aver la foto sui giornali.

15 - Non mi ci vuole molto per essere pronto al baseball. Appena parte l’inno nazionale, vado in fibrillazione. Ne conosco persino le parole adesso.

16 - Certo che mi diverto a giocare, e se qualcuno vi pagasse seimila dollari a partita, vi divertireste anche voi.

17 - Scommetterei con te, se io fossi un uomo che scommette, che non ho mai scommesso sul baseball.

18 - Lo dovete a voi stessi se siete il migliore, lo si può essere nel baseball e nella vita.

EDD ROUSH

1893 - 1988

Ruolo: Esterno

Giocatore MLB dal 1913 al 1929 e nel 1931

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Uno dei miei compiti era mungere le mucche, che significava alzarsi prima dell’alba e andare in quella gelida baracca. Non mi aspettavo di arrivare fino alle Big Leagues; dovevo solo riuscire a venirmene via da quelle dannate mucche.

JACOB RUPPERT

1867 - 1939

Proprietario dei New York Yankees

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Qual è il tuo problema [Waite Hoyt]? Gli altri nostri lanciatori vincono le loro partite 9-3, 10-2…tu vinci le tue 2-1, 1-0… Perché non vinci le tue partite come gli altri? (col. Jacob Ruppert)

BABE RUTH

1895 - 1948

Ruolo: Esterno - Lanciatore

Giocatore MLB dal 1914 al 1935

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Giro alla grande, con tutta la potenza che ho. Colpisco alla grande o sbaglio alla grande. Mi piace vivere alla grande.

2 - Il baseball cambia negli anni: diventa più docile.

3 - Parigi non è un granchè di città.

4 - Il modo in cui una squadra gioca nel complesso ne determina il successo. Puoi aver il più grande branco di stelle del mondo, ma se non giocano insieme, la franchigia non vale un soldo.

5 - Giocherei per metà del mio salario se riuscissi sempre a battere in questa discarica [il Wrigley Field].

6 - Prometto di andarci più piano con il bere e di andare a letto prima, ma né per te, 50 o 250 mila dollari rinuncerò alle donne. Sono troppo divertenti.

7 - Se mi fossi accontentato di inetti singoli avrei potuto battere attorno a .600.

8 - Tutti i giocatori dovrebbero smettere quando inizia a sembrare che tutte le corsie tra le basi siano in salita.

9 - Se non fosse per il baseball sarei al penitenziario o al cimitero.

10 - Leggere non va bene per i giocatori, non è buono per gli occhi. Se i miei occhi peggiorassero anche di pochissimo non potrei battere fuoricampo. Così ho smesso di leggere.

11 - Gesù, è triste all'esterno. E' difficile rimaner sveglio senza niente da fare.

12 - Non intendevo colpire l’arbitro con la sabbia, ma quel bastardo sugli spalti lo voleva colpire.

13 - Cosa può farci il presidente Hoover se faccio più soldi di lui? Tra l’altro io ho avuto un’annata migliore della sua.

14 - Tutto ciò che posso dir loro è di sceglierne una buona e distruggerla. Rientro nel dugout e mi chiedono che lancio era quello che ho battuto e io dico loro che non lo so a parte il fatto che sembrava bello.

15 - Appena andai là fuori sentii uno strano rapporto col monte di lancio. Era come se ci fossi nato lì sopra. Lanciare sembrava la cosa più naturale del mondo. Mettere strikeout i battitori era facile.

16 - Non ho mai sentito una folla ululare per un fuoricampo, ma ho sentito un sacco di ululati dopo uno strikeout.

17 - Il baseball era, è e sempre sarà, per me, il miglior gioco al mondo.

18 - Gli attori non valgono niente. Cosa farebbe di buono John Barrymore con le basi piene e 2 out in un incontro tirato? O prendo più soldi di lui o non gioco!

19 - Non sarò felice finchè ogni ragazzo americano tra i 6 ed i 16 anni non indosserà un guantone e sventolerà una mazza.

20 - L'unica superstizione che ho mai avuto era quella di toccare tutte e 4 le basi quando facevo fuoricampo.

21 - Non avere paura di chiedere consigli. C’è sempre qualcosa di nuovo da imparare.

22 - Ho pianto quando mi hanno portato via dal Polo Grounds.

23 - La cosa peggiore di questa [pancia] è che non riesco più a vedermi il pene quando sto in piedi.

24 - Se faccio un home run ogni volta che batto, pensano che vado bene. Se non lo faccio, pensano che possano urlarmi tutto quello che vogliono.

25 - Non costruiranno mai dei monumenti a Harry Frazee a Boston.

26 - Le termiti (cancro - frase detta il giorno prima di morire, a Connie Mack) mi hanno preso.

27 - Nato? Diavolo, Babe Ruth non è nato. E’ venuto giù da un albero. (Joseph Anthony Dugan - Terza base dei New York Yankees dal 1922 al 1928)

28 - Il migliore giocatore di sempre? La mia scelta va sull’immorale Babe Ruth. (Johnny Logan - Interbase MLB)

29 - The Babe ha sempre pensato di essere il migliore fuoricampista. Voleva essere il migliore. Se avesse saputo che qualcuno avrebbe battuto il suo record di 60 in una stagione, ne avrebbe fatti 70. Se avesse saputo che qualcuno avrebbe superato 714, ne avrebbe battuti 800. (Dick Reese)

NOLAN RYAN

1947 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB nel 1966 e dal 1968 al 1993

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Il mio lavoro è di dare alla mia squadra una possibilità di vincere.

2 - E’ di aiuto se il battitore pensa che tu sia un pazzo.

3 - Mi ricordo i tempi quando ero ai Mets, quando speravo di arrivare a mettere assieme i quattro anni per avere diritto alla pensione. Quello era il mio obiettivo. Poi, dopo esserci arrivato, ho pensato che forse potevo andare avanti abbastanza a lungo per arrivare a 10 anni.

4 - Se [Nolan Ryan] lo fai arrivare in vantaggio di uno spillo al 7° inning, non lo puoi battere. Non puoi nemmeno vederlo. (Larry Sherry - Lanciatore MLB)

5 - Non riesco a pensare a qualcosa di più umiliante di perdere una partita per un ragazzo che ti ruba casa base. Mi è successo una sola volta contro Kansas City. Avevo un conteggio di 2-2 sul battitore - e Amos Otis partì dalla terza . Il lancio fu un ball e scivolò salvo. Mi sono sentito una nullità.

6 - Una delle cose belle del baseball è che per dimostrare qualcosa ogni tanto si entra in una situazione dove si vuole e si deve raggiungere il fondo.

7 - A ogni battitore piace la fastballs proprio come il gelato piace a tutti. Ma non mi piace quando qualcuno ti riempie di litri di gelato. Ecco come ti senti quando (Nolan) Ryan ti lancia le palle. (Reggie Jackson - Esterno)

8 - E' l’esorcista del baseball, fa scappare il diavolo fuori da voi. (Dick Sharon - Esterno)

9 - Non mi ha dato nessuna possibilità. Lo ha semplicemente fatto esplodere (strikeout numero cinquemila) contro di me. Ma è un onore. Avrò un altro paragrafo in tutti i libri del baseball. Sono già presente tre o quattro volte. (Rickey Henderson - Esterno)

10 - Ero solo nel posto giusto (strikeout numero tremila) al momento giusto. (Cesar Geronimo - Esterno)

11 - (Frank) Tanana e Nolan (Ryan), due giorni di pianto. (Detto degli Angels per descrivere il pitching)

BRIAN SABEAN

1956 -

General Manager e Vice Presidente dei San Francisco Giants dal 1966 - presente

1 - Serve talento. La chimica di squadra non vince le partite. Non si va in giro a reclutare chimica, si recluta talento.

TOM SEAVER

1944 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1967 al 1986

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Se i Mets riescono a vincere le World Series, gli Stati Uniti possono venire fuori dal Viet Nam.

RYNE SANDBERG

1959 -

Ruolo: Seconda base

Giocatore MLB dal 1981 al 1994 e dal 1996 al 1998

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Io non sono certo il tipo di persona che può richiedere all'organizzazione dei Cubs e ai fan dei Chicago Cubs di pagare il mio stipendio quando io non sono felice del mio approccio mentale e delle mie prestazioni.

JOHAN SANTANA

1979 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 2000 - Presente

1 - Da bambino mi piaceva giocare all’esterno centro. Mi piaceva effettuare le prese in tuffo.

2 - Non lancio per lo strikeout, ma giusto perché i battitori sventolino swing and miss. Io scambierei strikeouts per più innings. Come partente, il mio lavoro è quello di andare in profondità nel gioco. Quando ottieni strikeouts, lanci un sacco di palle e qualche volta si esce presto.

3 - Volevo solo essere come mio padre, Jesus. Era un buon interbase.

4 - So cosa fare quando mi danno la palla. So cosa fare per dare a questa squadra la possibilità di vincere.

5 - Mi sto divertendo e non sto nemmeno cercando di fare molto. Ogni cosa si unisce.

6 - Al fine di poter vincere una partita, un sacco di cose devono andare bene. La tua squadra deve vincere. Il tuo team deve agire. Quando si parla di mettere strikeout le persone o ERA, questa è roba personale e devi mostrare alla gente che tipo di lanciatore sei.

7 - In futuro, voglio essere consistente dal primo giorno. Stiamo ancora facendo gli aggiustamenti. Continuo a credere che posso essere migliore.

8 - Non importa quanto tempo sei stato qui. Devi dimostrare che puoi fare il lavoro. E devi lavorare sodo.

9 - E' bello essere paragonato a Randy Johnson, ed è bello essere paragonato a tutti i migliori lanciatori del gioco.

10 - Ero abituato ad essere iper, tirare pazzescamente e non pensare a quello che volevo fare ad ogni lancio. Ora ho una migliore comprensione di ciò che è essere un lanciatore di Major League.

11 - Il mio changeup sembra una palla veloce, ma va dritta e si allontana dal battitore destro. A volte taglia da sola, e non so dove vada.

12 - Siamo orgogliosi del Venezuela e del baseball venezuelano. La gente in America non se ne rende conto, ma abbiamo 25, 30 milioni di persone qui, e molti di noi amano il baseball. Questo è un luogo ideale per cercare talenti.

13 - Quando senti dagli altri giocatori che stanno dicendo che sei il migliore lanciatore nel baseball, questo ti fa sentire veramente bene.

14 - Mi ricorda un Curt Schilling o Randy Johnson dei tempi moderni. (Gary Sheffield - Esterno MLB)

15 - Egli era meglio prima, ma wow. (Johnny Damon - Esterno MLB)

RICHARD SCHEINBLUM

1942 -

Ruolo: Esterno

Giocatore MLB nel 1965, dal 1967 al 1969, dal 1971 al 1976

1 - L’unico vantaggio di giocare a Cleveland è che non devi venirci a fare le trasferte.

MIKE SHANNON

1939 -

Ruolo: Terza base - Esterno

Giocatore MLB dal 1962 al 1970

1 - La direzione del vento è cambiata di 360 gradi.

DICK SHARON

1950 -

Ruolo: Esterno

Giocatore MLB dal 1973 al 1975

1 - Lui è (Nolan Ryan - grande detentore del record della major league per le no-hitters in carriera) l'esorcista del baseball, il diavolo ha paura di lui.

JOE SCHULTZ

1918 - 1996

Ruolo: Ricevitore - Coach - Manager

Giocatore MLB dal 1939 al 1941 e dal 1943 al 1948

Coach MLB nel 1949, dal 1963 al 1968 e dal 1970 al 1976

Manager MLB nel 1969 e nel 1973

1 - Beh, ragazzi, è una palla rotonda e una mazza rotonda e devi colpire la palla quadrata.

MIKE SCHMIDT

1949 -

Ruolo: Terza base

Giocatore MLB dal 1972 al 1989

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Ogni volta che pensi di avere conquistato il gioco, il gioco si rivolta e ti dà un cazzotto dritto sul naso.

CURT SIMMONS

1929 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1947 al 1967

1 - Tentare di lanciare una fastball a Henry Aaron è come tentare di annunciare l'alba prima di un gallo. 

TED SIMMONS

1949 -

Ruolo: Ricevitore

Giocatore MLB dal 1968 al 1988

1 - Per quanto mi riguarda, non c'è maggior piacere al mondo di camminare verso il piatto con uomini sulle basi e sapere di essere temuto.

MOOSE SKOWRON

1930 - 2012

Ruolo: Prima base

Giocatore MLB dal 1954 al 1967

1 - Non sempre sventolo sugli strike. Sventolo quando la palla sembra grande.

OZZIE SMITH

1954 -

Ruolo: Interbase

Giocatore MLB dal 1978 al 1996

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Un paio di anni fa c'era un gruppo di buoni, giovani shortstops che sono apparsi come le future stelle: Derek Jeter, Rey Ordonez, Alex Rodriguez e Nomar Garciaparra per citarne alcuni.

REGGIE SMITH

1945 -

Ruolo: Esterno destro - Esterno centro

Giocatore MLB dal 1966 al 1984

1 - Quell’uomo [Bob Gibson] andava alla guerra ogni volta che lanciava. Il giorno che lanciava lui, dicevo a me stesso: “è meglio che tu faccia tutta la tua cacca oggi, Reg, perché ci sarà la guerra!”.

DUKE SNIDER

1926 - 2011

Ruolo: Esterno centro

Giocatore MLB dal 1947 al 1964

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - [Jackie Robinson] E’ il più grande competitore che abbia mai visto. L’ho visto battere squadre con la sua mazza, con la sua palla, con il suo guanto, il suo braccio e, una volta in una partita a Chicago, con la sua bocca.

2 - Se facessi un milione di dollari, arriverei alle sei del mattino, spazzerei le tribune, laverei le uniformi, pulirei gli uffici, dirigerei la squadra e giocherei le partite.

Louis Sockalexis

1871 -1913

Ruolo: Esterno

Giocatore MLB dal 1897 al 1899

1 - Ho visto tutti i buoni outfielders della lega e io sono buono quanto loro.

2 - Se i piccoli e i grandi ragazzi di Brooklyn trovano divertente insultarmi, non faccio obiezioni. Non importa dove giochiamo, attraverso lo stesso tormento oggi come ieri e dimentico raramente di sorridere ai miei tormentatori. Essi credono che ciò faccia parte del gioco.

3 - Forse fra un po’ sarò un grande giocatore, ma non lo sono ancora. Ho molto da imparare e osservo ogni giocatore, qualcuno di loro può fare qualcosa di buono per il mio futuro.

4 - Riuscirò? Naturalmente. Non avete idea quanto sia ansioso di imparare ogni trucco e momento del gioco. Ci sono molte piccole cose che emergono in quasi tutte le partite che sono nuove per me, ma i giocatori bianchi sono buoni con me e sono sempre pronti a consigliarmi.

5 - Non ricordo di aver mai visto un battitore così rapido o un braccio più forte. Fra i giocatori di oggi, l’unico probabilmente che può tenere il confronto è quel giovane Joe Di Maggio. Ha qualcosa delle caratteristiche di Sockalexis, ma non credo che possa correre o tirare come l'Indiano. - Red Sox Manager Bill Carrigan

6 - Se Sockalexis rimaneva nelle major per cinque anni sarebbe stato migliore di (Ty) Cobb, (Honus) Wagner, e (Babe) Ruth - Hall of Famer John McGraw

7 - Louis Sockalexis ha avuto la carriera più brillante di tutti gli uomini che hanno giocato il gioco. In nessun tempo un giocatore ha accumulato tante straordinarie realizzazioni in una così breve carriera come Sockalexis. Dovrebbe essere il giocatore più grande di tutti i tempi - più grande di (Ty) Cobb, (Honus) Wagner, (Nap) Lajoie, (Roger) Hornsby o degli altri uomini che hanno fatto la storia del gioco. - Hall of Famer Hughie Jennings

8 - Sockalexis era l’outfielder più grande della storia, il migliore battitore, il migliore lanciatore, il migliore difensore e anche il più grande bevitore. - New York Yankees General Manager Ed Barrow

9 - Sockalexis era il giocatore più grande che abbia mai visto, magnifico battitore sinistro, colpiva la palla come Babe Ruth, era più veloce di Ty Cobb e ottimo corridore. Ha avuto l'abilità di outfielding di Tris Speaker e tirava come Bob Meusel, ciò significa che nessuno poteva tirare più lontano o più esattamente una palla. - Philadelphia A's Pitcher Andy Coakley

10 - L'uomo che ha detto che non ci sono buoni Indiani ma cattivi Indiani, certamente non ha mai visto Louis Sockalexis" - Sporting Life (May 1897)

WARREN SPAHN

1921 - 2003

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB nel 1942 e dal 1946 al 1965

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Un braccio dolorante è come un mal di testa o un mal di denti. Ti può far sentire male, ma se solo te ne dimentichi e fai ciò che devi fare, passerà. Se davvero ti piace lanciare e vuoi lanciare, quello è tutto ciò che devi fare.

2 - [Willie Mays] era qualcosa come zero su ventuno la prima volta che lo vidi. La sua prima valida in Major League fu un fuoricampo su di me e non me lo perdonerò mai. Ci saremmo potuti sbarazzare di Willie per sempre se solo l'avessi messo strikeout.

3 - Sono probabilmente l'unica persona ad aver lavorato per Stengel prima e dopo che fosse un genio.

4 - Che cos'è la vita, dopo tutto, se non una sfida? E quale sfida ci può essere migliore di quella tra il lanciatore e il battitore?

5 - Non devi semplicemente tirare la palla... La devi propellere.

6 - Quando faccio battere una groundball, mi aspetto un out, magari due.

7 - Mi sentii come... wow che gran bel modo di guadagnare da vivere! Se faccio una stupidaggine c'è un rilievo che prende il mio posto. Nessuno mi sparerà [come in guerra].

8 - Una volta che Musial aveva preso il tempo alla tua fastball, i tuoi interni erano a rischio.

9 - (Ralph) Kiner può staccarti la testa con uno swing.

10 - Se qualcuno mi chiede chi è il mio lanciatore preferito di tutti i tempi, dico Warren Spahn. (Whitey Ford - Lanciatore MLB - nel libro "An Indian Summer: The 1957 Milwaukee Braves Champions of Baseball" di Thad Mumau, 2007)

11 - Non so se siamo la più vecchia batteria, ma siamo certamente la più brutta (Yogi Berra - Ricevitore MLB)

12 - Non credo che (Warren) Spahn potrà mai entrare nella Hall of Fame. Egli non smetterà mai di lanciare. (Stan Musial - Esterno e prima base MLB)

A.G. SPALDING

1850 - 1915

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1871 al 1878

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Il baseball forgia gli uomini.

2 - Tutto è possibile a colui che osa.

3 - Non capisco come possa essere giusto pagare un attore o un cantante per intrattenere il pubblico e sbagliato pagare un giocatore di baseball per fare esattamente la stessa cosa.

4 - La genialità delle nostre istituzioni è la democrazia. Il baseball è un gioco democratico.

TRIS SPEAKER

1888 - 1958

Ruolo: Esterno centro - Manager

Giocatore MLB dal 1907 al 1928

Manager MLB dal 1919 al 1926

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Se si mette una palla da baseball e altri giocattoli di fronte a un bambino, sarà lui a prendere la palla da baseball preferendola agli altri.

2 - Ruth ha fatto un grave errore smettendo di lanciare. Lavorando una volta alla settimana, avrebbe potuto durare a lungo e diventare una grande stella.

WILLIE STARGELL

1940 - 2001

Ruolo: Esterno sinistro - Prima base

Giocatore MLB dal 1962 al 1982

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Non si dice “Lavoro!”, si dice “Gioco!”. Per me, significa che bisogna divertirsi.

2 - Tentare di battere contro Koufax era come provare a bere il caffè con la forchetta.

3 - Il baseball è stato per me istintivo, nato dentro di me, datomi come un dono di Dio.

4 - Quando si inizia la partita, non gridare, "Work ball". Si dice, "Play Ball".

GEORGE STEINBRENNER

1930 - 2010

Proprietario dei New York Yankees dal 1965 al 2006

1 - Faccio un patto con te. Se cammini sull'acqua farò un'eccezione nel tuo caso.

2 - Datemi un bastardo con del talento.

3 - Dove sta scritto che se non ottieni risultati immediatamente licenzi qualcuno?...Solo un idiota lo farebbe.

4 - Vincere è la cosa più importante nella mia vita, dopo respirare. Prima respirare, poi vincere.

CASEY STENGEL

1890 - 1975

Ruolo: Esterno - Manager

Giocatore MLB dal 1912 al 1925

Manager MLB dal 1934 al 1936, dal 1938 al 1943, dal 1949 al 1960 e dal 1962 al 1965

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Ero un battitore talmente forte che mi davano la base intenzionale persino nel batting practice.

2 - Se gli Yankees non vanno davanti nei primi sei innings, i Browns mettono su quel dannato vecchio uomo [Satchel Paige], e noi siamo fritti.

3 - [Paige] tirava la palla tanto lontana dalla mazza e tanto vicina al piatto quanto fosse possibile.

4 - L’unica cosa peggiore di una partita dei Mets è un doppio incontro dei Mets.

5 - Ok, tutti in fila in ordine alfabetico secondo la vostra altezza.

6 - Il problema non è quando un giocatore passa la notte prima dell’incontro con una ragazza. E’ quando sta fuori tutta la notte per trovarne una.

7 - Jerry Lumpe sembra il miglior battitore del mondo finché non lo inserisci nel line-up.

8 - Johnny Sain non ha molto da dire, ma non è un problema, perché quando sei là fuori sul monte, non hai nessuno con cui parlare.

9 - Non aspiro a battere contro Ryne Duren, perché semmai ti colpisse in testa potresti passare al passato remoto.

10 - Non puoi entrare nella Hall of Fame se non zoppichi.

11 - Vedi quel tizio laggiù? E’ un ventenne. In dieci anni ha una buona possibilità di diventare una stella. Ora, quell’altro tizio laggiù, anche lui è un ventenne. In dieci anni ha una buona possibilità di diventare trentenne.

12 - Senza i perdenti dove sarebbero i vincenti?

13 - Esordii con 4 valide e i giornalisti prontamente dichiararono che avevano visto il nuovo Ty Cobb. Mi ci volle solo qualche giorno per correggere quell’impressione.

14 - Le partite di vecchie glorie sono simili agli atterraggi degli aeroplani. Se ne vieni fuori camminando è stato un successo.

15 - Vedo che un sacco di voi leggono le quotazioni di mercato […]. Ora vi arò un favore, dato che siete così interessati a Wall Street. Vi darò un consiglio sulla borsa. Comprate le Ferrovie Pennsylvania…perché se non cominciate a giocare meglio ci saranno così tanti di voi su quei treni laggiù che le azioni delle ferrovie non potranno che salire.

16 - Il primo anno, la mia faccia da sola farà riempire i Polo Grounds.

17 - La gioventù d’America. Tu dici, “Qui c’è l’opportunità”, e la gioventù d’America dice “Quanto hai intenzione di pagarmi?”.

18 - Tira quelle sinker. Falli battere delle rimbalzanti. Non ho mai sentito qualcuno fare fuoricampo con una rimbalzante.

19 - Dicono che alcune delle mie star bevono whiskey. Ma io ho scoperto che quelli che bevono i frullati non vincono molte partite

20 - Non so se tira la spitball, ma di sicuro sputa sulla palla.

21 - [Cannizzaro] chiama la curva troppo spesso. Non la batte… e pensa che nessuno possa farlo.

22 - [Mark Thronenberry], avevamo intenzione di fare una torta di compleanno anche a te, ma abbiamo immaginato che l’avresti fatta cadere.

23 - Non sono mai stato granché fortunato. Ai tempi della depressione, qualcuno mi suggerì di investire in un allevamento di tacchini. Non lo feci. Poco tempo dopo, il presidente Roosevelt dichiarò due ringraziamenti. Pensa…avrei potuto vendere il doppio dei tacchini. Poi cercai qualche altro investimento. Chiunque ha bisogno di scuri alle finestre, dissi. Così comprai una fabbrica di scuri. Poi qualche tizio italiano inventa le tende veneziane e io fallisco.

24 - Ogni volta che [Ryne Duren] entrava in una partita la gente smetteva di mangiare i pop corn.

25 - Non potevi giocare negli Amazin Mets senza aver detenuto qualche tipo di record, come un tizio che aveva il record mondiale internazionale di tutti i tempi per un catcher di essere colpito nelle caviglie.

26 - Gli Yankees non mi pagano per vincere ogni giorno… solo due su tre.

27 - Cosa credi? Che sono nato vecchio?

28 - Oggi giorno quando un lanciatore manda una palla vicino al battitore, il battitore torna in panchina e dice: "Sai, penso che mi stesse tirando addosso". Quando esordii io, sapevo dannatamente bene che mi stavano tirando addosso. Il primo mese che ero nella lega, passai due settimane sul mio didietro al piatto.

29 - Si parla della caduta degli Yankees. Bè, gli Yankees sarebbero caduti molto prima, se non fosse stato per il mio banty rooster (nickname di Whitey Ford).

30 - Perché il nostro pitching è stato così grande? Il nostro catcher (Yogi Berra), ecco perché. Sembra goffo ma è veloce come un gatto.

31 - Casey Stengel non può proprio fare a meno di essere Casey Stengel. (Kenesaw Mountain Landis - Commissioner of Baseball)

32 - La chiave per essere un buon manager è mantenere le persone che ti odiano lontano da quelle che sono ancora indecise.

33 - Mai fare previsioni, specialmente per il futuro.

34 - Ora ci sono tre cose che si possono fare in una partita di baseball: si può vincere o si può perdere o può piovere.

35 - Se abbiamo intenzione di vincere il pennant, dobbiamo cominciare a pensare che non siamo buoni come pensiamo di essere.

36 - Trovare buoni giocatori è facile. Farli giocare come una squadra è un'altra storia.

37 - Sono molto onorato di avere un campo da baseball intitolato a me, soprattutto dopo essere stato buttato fuori da tanti.

38 - Ho giocatori con cattivi orologi - non possono dire da mezzogiorno a mezzanotte.

39 - Dicono che Yogi Berra è divertente. Beh, ha una bella moglie e la famiglia, una bella casa, i soldi in banca, e gioca a golf con milionari. Cosa c'è di strano?

40 - Devi avere un catcher, perché se non lo hai è molto probabile che avrai un sacco di palle mancate.

41- La chiave per essere un buon manager è tenere separata la gente che mi odia da quella che è ancora indecisa.

DAVE STEWART

1957 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB nel 1978 e dal 1981 al 1995

1 - Vuoi essere quell'uomo. Vuoi essere il pitcher che chiude la questione. Vuoi mettere il tuo piede sul loro collo. Credo che sia quasi come avere la mentalità di un assassino. Trevor [Hoffmann] ce l’ha di sicuro.

STEVE STONE

1947 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1971 al 1981

1 - Il Dr. Zivago? Credo che parli di uno specialista del gomito.

DICK STUART

1932 - 2002

Ruolo: Prima base

Giocatore MLB dal 1958 al 1969

1 - Gli errori fanno parte della mia immagine. Una sera a Pittsburgh, trentamila tifosi mi tributarono una standing ovation quando presi un incarto di un hot dog al volo.

DON SUTTON

1945 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1966 al 1988

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Sono il giocatore più leale che i soldi possano comprare.

RON SWOBODA

1944 -

Ruolo: Esterno

Giocatore MLB dal 1965 al 1973

1 - Se avessimo perso mi sarei mangiato il cuore. Ma siccome abbiamo vinto mangerò soltanto un ventricolo.

FRANK TANANA

1953 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1973 al 1993

1 - La cosa più difficile da fare, dicono, è colpire la palla da baseball. Il motivo per cui è così difficile sono le persone che la tirano.

CHUCK TANNER

1929 - 2011

Ruolo: Esterno - Manager

Giocatore MLB dal 1955 al 1962

Manager MLB dal 1970 al 1988

1 - La sensazione più grande del mondo è quella di vincere una partita della Major League. La seconda più grande sensazione è quella di perdere una partita della Major League.

2 - E 'difficile vincere un pennant, ma è più difficile perderne uno.

3 - Avere Willie Stargell nella tua squadra è come avere un anello di diamanti al dito.

4 - Quello che devi ricordare è che il baseball non è una settimana o un mese, ma una stagione - E una stagione è un tempo lungo.

5 - Ci sono tre segreti per il managing. Il primo segreto è avere pazienza. Il secondo è di essere paziente. E il terzo segreto più importante è la pazienza.

6 - Se non ti piace il modo in cui stanno giocando gli Atlanta Braves allora non ti piace il baseball.

7 - Non credo che un manager deve essere giudicato se vince o meno il pennant, ma se ottiene il massimo dai 25 uomini che gli sono stati dati.

BILL TERRY

1898 - 1989

Ruolo: Prima base - Manager

Giocatore MLB dal 1923 al 1936

Manager MLB dal 1932 al 1941

Membro della Baseball Hall of Fame

1 - Da lanciatore avevo gran controllo: non mancavo mai di centrare la mazza dell’altro individuo.

2 - Il baseball deve essere un grande gioco per sopravvivere agli sciocchi che lo amministrano.

FRESCO THOMPSON

1902 - 1968

Ruolo: Seconda base

Giocatore MLB dal 1925 al 1932 e nel 1934

1 - [Babe Herman] indossava un guanto per un’unica ragione: era abitudine della lega. Il guanto gli durava un minimo di sei anni perché raramente entrava in contatto con la palla.

2 - Quando entrai nel baseball ogni club aveva due scout: uno a ovest del Mississippi e l’altro ad est del Mississippi. Adesso i Dodgers hanno uno scout che lavora sul lato ovest di Wilshire Boulevard e l’altro che lavora sul lato est.

3 - Willie Mays ed il suo guanto: dove i tripli vanno a morire.

LUIS TIANT

1940 -

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1964 al 1982

1 - [Quando lanciavo la "jaw-breaker"] la mia testa si fermava esattamente sette volte. Prima guardavo in su, poi guardavo in basso; quindi la mia mascella puntava verso la seconda base, poi verso la terza. Poi puntava verso l'esterno centro, poi dietro la mia schiena …e poi, un attimo prima di tirare la palla, la puntavo lassù dove sedeva la signora Yawkey.

2 - La famiglia è tutto. E' ancora più importante del baseball.

3 - Se oggi perdiamo, sarà sul mio cadavere. Dovranno lasciarmi a faccia in giù sul monte.

4 - Avevo sognato per molto tempo di essere un allenatore di college, ma senza istruzione, non ho mai pensato che ne avrei avuto la possibilità.

5 - La fastball è il migliore lancio del baseball. E' come avere cinque lanci, se lo si sposta in giro.

6 - Tu (Gorman Thomas) spaventi la gente. Potresti essere qualsiasi cosa nella giungla, mai il cacciatore.

7 - Quando sono a Boston, mi sento sempre come se fossi a casa. Ho quasi pianto, mi sento così bene.

8 - Suo padre era un lanciatore migliore di lui, ma non ha mai lanciato in major league a causa del colore della sua pelle. Nonostante l'ombra di suo padre, Luis Tiant riuscì a vincere più di 200 partite e deliziare i fan con la sua collezione di rilasci. Per quasi due decenni fu un eccentrico, fumatore di sigari amato dalla folla. (Thebaseballpage.com.)

9 - Se un uomo mi mettesse una pistola alla testa e dicesse che sta per premere il grilletto se si perde questa partita, vorrei Luis Tiant a lanciare quella partita. (Darrell Johnson – Manager Boston Red Sox)

10 - Sembra che Tiant abbia aggiunto un altro lancio. Ora ne ha circa cinquanta! (Thurman Munson - Ricevitore MLB)

11 - E' stato divertente giocare contro di lui. Andava sulla pedana e lanciava in fretta. Tutti erano sulle spine, perché era sempre intorno al piatto. Aveva la competitività del bulldog. (Max Alvis - Terza base MLB)

12 - Non ho mai sentito niente del genere ("Loo-Eee, Loo-Eee, Loo-Eee" cantato al Fenway Park) nella mia vita, ma ti dirò una cosa ... Tiant meritava ogni bit di questo. (Carl Yastrzemski - Esterno MLB)

13 - Se non hai giocato con lui, non puoi capire che cosa Luis significa per una squadra. (Dwight Evans - Esterno MLB)

14 - Quando ero un ragazzo cresciuto a Cuba, Luis Tiant era un eroe nazionale. Ora ho 36 anni e lui 37. (Tony Perez - Prima base MLB)

15 - Tiant è il Fred Astaire del baseball. (Reggie Jackson - Esterno MLB)

16 - Tiant aveva una curva di appoggio. Non ha mai rotto. Il suo changeup era così così, ma aveva un controllo preciso e poteva lanciare a 95 miglia all'ora. E aveva un movimento infernale verso la prima base. Amava parlare con i battitori e gli diceva: 'Hit it baby'. (Joe Azcue - Catcher MLB)

17 - Tiant non giocò che con i Red Sox fino a metà carriera, ma divenne uno dei giocatori più popolari nella storia del club. Calvo, sovrappeso e la sua età era spesso stimata di alcuni anni più della sua data ufficiale, Tiant parlava con un forte accento cubano e fumava sigari ovunque, anche nell'idromassaggio e nella doccia della clubhouse. Era un famoso burlone in spogliatoio, ma era una cosa seria sul monte, vincendo 20 partite per tre volte per Boston. Ha sconcertato i  battitori con un dondolio, un caricamento in torsione e un assortimento di punti di rilascio, che variava da sopra la spalla a quasi un sottomano. (Steve Holtje - Scrittore - in baseballibrary.com)

JOE TORRE

1940 -

Ruolo: Ricevitore - Prima base - Terza base - Manager

Giocatore MLB dal 1960 al 1977

Manager MLB dal 1977 al 2010

1 - O mi date quello che vi chiedo, o prenderò quello che offrite voi!

TOM TREBELHORN

1948 -

Ruolo: Manager

Manager MLB dal 1986 al 1991 e 1994

1 - L'ultima volta che i Cubs hanno vinto una World Series è stato nel 1908. L'ultima volta che ci sono arrivati è stato il 1945. Ehi, qualsiasi squadra può avere un secolo cattivo. (Tom Trebelhorn, ex manager di Chicago Cubs, dopo una sconfitta)

DIZZY TROUT

1915 - 1972

Ruolo: Lanciatore

Giocatore MLB dal 1939 al 1952 e nel 1957

1 - Vedi questo braccio destro? Si è rinforzato mungendo mucche. Ne ho munte tante ai miei tempi che ancora adesso quando incontro qualcuno, cerco di prendergli un solo dito anziché tutta la mano.

TED TURNER

1938 -

Proprietario degli Atlanta Braves dal 1976

1 - Cosa ci sarà scritto sulla sua lapide? Dieci anni fa sarebbe stato: Non potete intervistarmi qui; Cinque anni fa sarebbe stato: Doveva accadere prima o poi; Ora sarebbe: non ho nient’altro da dire.

2 - Ho comprato i Braves per due motivi. Per avere una pallina autografata senza dovere pregare nessuno e per avere buoni posti a sedere.

3 - Quando gli agenti sorridono, gocce di sangue scendono dai loro denti.