CSS Valido!

 

** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **

La Storia

Il baseball è sempre stato più di un semplice gioco. Come dicono John S. Bowman e Joel Zoss nel loro The Pictorial History of Baseball "Il baseball, come parte del tessuto della cultura americana, è il terreno sociale comune tra estranei, un mondo di possibilità e di opportunità, dove vale It's never over till it's over" (tradotto sarebbe: Non rinunciare troppo presto, ci può ancora essere una possibilità di successo - Uno dei modi di dire attribuito al leggendario manager Yogi Berra). E' una tradizione americana ricca di leggende, folclore e storia, una storia infinita dove ogni partita è un nuovo capitolo di nove inning e ogni giocatore ha la possibilità di essere l'eroe. Nel corso degli anni, ogni franchigia ha avuto la sua quota di giocatori superstar che spiccano sopra gli altri. La prima Major League All-Star Game si giocò il 6 luglio 1933 al Comiskey Park di Chicago. Fu voluta da Arch Ward, un redattore sportivo del Chicago Tribune, in coincidenza con la celebrazione del Chicago's Century of Progress Exposition. Per oltre settantatré anni, il "Midsummer Classic" (All Star Game) è rimasto l'avvenimento sportivo favorito dei fans proponendo i migliori talenti del baseball. I team dell'All-Star sono stati inizialmente selezionati dai managers e dai tifosi per le partite del 1933 e del 1934. Dal 1935 al 1946, i soli managers selezionarono tutte le squadre per ciascuna League. Dal 1947 al 1957, i fans scelsero i partenti delle squadre e i managers sceglievano i pitchers e i restanti giocatori. Dal 1958 al 1969, le selezioni delle All-Star Team furono curate dai managers, giocatori e coaches. Dal 1970, il voto fu restituito, ancora una volta, ai tifosi per la selezione dei partenti di ogni squadra ed è in vigore ancora oggi.

Scelta delle città

La sede dell'All-Star Game è scelta dalla Major League Baseball. I criteri per la sede sono soggettivi; generalmente tendono ad essere selezionate le città con nuovi ballparks e quelli che non hanno ospitato il gioco da molto tempo o che no lo hanno mai ospitato. Nel corso del tempo, questo ha portato alcune città a essere selezionate più spesso a scapito di altre, principalmente a causa di opportune circostanze: il Cleveland Stadium e l'originale Yankee Stadium sono alla pari per aver ospitato il maggior numero di volte l'All-Star Game, entrambi con quattro giochi. New York City ha ospitato più di ogni altra città, avendolo fatto nove volte in cinque diversi stadi. Allo stesso tempo, i New York Mets non lo hanno ospitato per 48 stagioni (1965-2012), mentre i Los Angeles Dodgers non l'hanno ospitato dal 1980 (37 anni al 2017). Tra le attuali squadre di Major League, i Washington Nationals e i Tampa Bay Rays devono ancora ospitare l'All-Star Game, ma i Nationals sono programmati per ospitare il gioco nel 2018.

Nei primi due decenni dell'All-Star Game c'erano due coppie di franchigie che condividevano i campi da gioco, situati a Philadelphia e St. Louis. Ciò permise l'uso più frequente degli stadi: i Cardinals ospitarono il gioco nel 1940 e i Browns nel 1948. Gli Athletics ospitarono il gioco nel 1943 e i Phillies nel 1952.

Le sedi tradizionalmente si alternano ogni anno tra l'AL e la NL. Questa tradizione è stata interrotta più volte: la prima volta fu nel 1951, quando i Tigers di Detroit, dell'A.L., furono scelti per ospitare il gioco annuale come parte del 250th birthday della città (poi la N.L. ospitò le due stagioni successive). Il secondo fu quando il format delle due partite durante le stagioni 1959-1962 permise all'AL di avvantaggiarsi di una partita nel turno. Questo venne corretto nel 2007, quando i San Francisco Giants della NL ospitarono l'All-Star Game 2007, per poi proseguire nel 2008 nel vecchio Yankee Stadium dell'A.L. nella sua ultima stagione. L'alternanza venne rotta ancora quando la NL ospitò tre giochi di fila del 2015-2017 (a Cincinnati, San Diego e Miami), ed è stato programmato di ospitare una quarta partita di fila a Washington nel 2018. L'AL ospiterà la sua prossima partita nel 2019 a Cleveland.

La "squadra di casa" è tradizionalmente la League che ospita l'All-Star Game, ma l'American League è stata designata come squadra di casa nel 2016, nonostante l'All-Star Game venisse giocato al Petco Park, casa dei San Diego Padres della National League. Questa decisione venne presa in seguito all'annuncio che Miami sarebbe stata la sede dell'All-Star Game del 2017, per cui era il terzo anno consecutivo in cui il gioco veniva ospitato in un ballpark della National League.

Selezione dei Manager e Coach

Normalmente i manager dell'All-Star Game sono i manager che si sono affrontati durante le World Series dell'anno precedente. Lo staff tecnico di ogni squadra viene selezionato dal manager che ne ha diritto.

Questo riconoscimento viene dato al manager, non alla squadra, quindi è possibile che il manager dell'All-Star non sia più con la squadra con cui ha vinto. Questo è accaduto nel 2003, quando Dusty Baker ha diretto il team della National League, pur essendo passato dai San Francisco Giants, campioni della National League, ai Chicago Cubs. Questo include anche situazioni in cui la persona non è più il manager di una squadra. Per il primo All-Star Game, inteso come l'evento unico, fu chiesto di guidare, rispettivamente, il team dell'American e della National League, a Connie Mack e John McGraw, considerati manager venerabili del baseball. McGraw che si era ritirato ritornò per questo scopo. Dick Williams si era dimesso da manager degli Oakland Athletics dopo le World Series del 1973. Nel 1974, divenne il manager dei California Angels, e indossò questa uniforme per il Midsummer Classic.

Nel 1979, Bob Lemon fu il manager del team dell'American League dopo essere stato licenziato dal proprietario dei New York Yankees, George Steinbrenner. Lemon aveva portato gli Yankees alle World Series nel 1981, ma non fece il manager nell'All-Star Game del 1982 dopo essere stato nuovamente licenziato da Steinbrenner, così Billy Martin, skipper degli Oakland Athletics, vincitore della West Division dell'AL del 1981, guidò la squadra dell'All-Star.

Ci sono stati alcuni casi eccezionali in cui venne abbandonata la solita regola. Dopo la stagione 1964 e le World Series, i manager, Johnny Keane dei St. Louis Cardinals e Yogi Berra dei New York Yankees, lasciarono le loro squadre e trovarono nuovi posti di lavoro nelle altre League - Keane venne assunto per dirigere gli Yankees e Berra divenne giocatore-manager con i New York Mets. I Philadelphia Phillies e i Cincinnati Reds erano finiti al secondo posto ex-aequo nella NL; i Chicago White Sox avevano concluso al secondo posto nell'AL. Il manager di Cincinnati, Fred Hutchinson, era morto nell'off-season, quindi Gene Mauch dei Phillies e Al Lopez degli White Sox furono scelti come manager per l'All-Star Game del 1965.

A causa della stagione corta per lo sciopero MLBPA del 1994-95, le League scelsero i manager della loro mitica " league champions" per il 1995. Buck Showalter dei New York Yankees e Felipe Alou dei Montreal Expos furono i manager dell'All-Star Game.

Selezione dei giocatori

Il numero dei giocatori nel roster dell'All-Star Game per ogni League fu di 18 nel 1933, 20 nel 1934, 25 nel 1939, 30 nel 1982, 32 nel 2003 e 33 nel 2009. Dal 2010, ci sono 34 giocatori nel roster di ogni lega

Il 28 aprile 2010, la MLB annunciò diversi cambiamenti delle regole per il futuro All-Star Games, efficace con l'edizione 2010:

- Il roster fu ampliato con un giocatore di posizione in più, per un totale di 34.

- Il battitore designato sarebbe stato utilizzato in tutte le partite, anche nei ballparks della National League.

- I lanciatori starter nella domenica che precede l'All-Star sarebbero stati sostituiti nel roster, rimanendo sempre un All-Stars.

- Ogni manager poteva designare un giocatore di posizione che diventava eleggibile per la partita, rientrando nell'ultima posizione in sostituzione di un giocatore infortunato. Questo si aggiunse alla regola che permetteva ad un giocatore di rientrare per sostituire un catcher infortunato.

I giocatori di ogni squadra della League sono selezionati attraverso il seguente processo:

- Voto dei fans (8 giocatori NL / 9 giocatori AL): gli appassionati di baseball votano i giocatori partenti per l'All-Star Game, con schede distribuite dalla Major League Baseball prima della metà della stagione e, più recentemente, su Internet. Il battitore designato per la squadra dell'AL è anche lui selezionato in questo modo. Questo metodo è stato recentemente criticato perché la maggior parte dei giocatori partenti possono provenire da squadre che hanno una base di fans di grandi dimensioni, come i New York Yankees ed i Boston Red Sox.

- Voto dei giocatori (16 giocatori): otto lanciatori (cinque partenti e tre rilievi) e un giocatore di riserva per ogni posizione vengono eletti dai giocatori, coach e manager. Se questi voti assegnati ai giocatori coincidono con player già selezionati tramite la votazione dei fan, viene selezionato il secondo classificato in questa categoria.

- Selezione dei manager (9 giocatori NL / 8 giocatori AL): Il manager di ogni All-Star Team, consultandosi con gli altri manager della sua League e con l'Ufficio del Commissioner, completerà il roster della sua squadra fino a 33 giocatori. Il manager della NL avrà anche la possibilità di selezionare il battitore designato della sua squadra. A questo punto, è garantito che ogni squadra è rappresentata da almeno un giocatore.

- Final vote (1 giocatore): Dopo che l'elenco dei 33 giocatori di ciascuna squadra viene annunciato, i fans votano (su Internet) per un giocatore supplementare, scelto da una lista di 5 giocatori che viene compilata dal manager del team di ogni League e dall'Ufficio del Commissioner.

- A disposizione: Dopo che il roster è selezionato, il manager dell'All-Star team e l'Ufficio del Commissioner andrà a sostituire i giocatori che sono infortunati o che rifiutano di partecipare, così come i lanciatori che sono stati i partenti della domenica che precede la partita.

Divise dell'All-Star Game

Dalla prima partita, i giocatori dell'AL indossarono le divise della propria squadra invece di indossare delle uniformi appositamente per il gioco, mentre i giocatori della NL aspettarono fino alla seconda partita per fare questo. Nella prima partita, la squadra All-Star della NL aveva indossato delle divise grigie con la scritta "NATIONAL LEAGUE" di colore blu navy e con il cap con la scritta "NL".

1933 American League All-Stars
In piedi, da sinistra a destra: Batboy; Bill Conroy, Lou Gehrig, Babe Ruth, Oral Hildebrand, Connie Mack (Mgr.), Joe Cronin, Lefty Grove, Batboy, Bill Dickey, Al Simmons, Lefty Gomez, Wes Ferrell, Jimmy Dykes, clubhouse boy.

BInginocchiati: da sinistra a destra: Al Schacht, Eddie Collins, Tony Lazzeri, Alvin Crowder, Jimmy Foxx, Art Fletcher, Earl Averill, Ed Rommel, Ben Chapman, Rick Ferrell, Sam West, Charlie Cehringer, batboy.

1933 National League All-Stars
In piedi, da sinistra a destra: Gabby Hartnett, Jimmie Wilson, Frankie Frish, Carl Hubbell, Walker, Paul Waner, Woody English, Hal Schumacher, Pie Traynor, Lotshaw

Seduti, da sinistra a destra: Bill Hallahan, Dick Bartell, Bill Terry, Bill McKechnie, John McGraw, Max Carey, Chuck Hafey, Chuck Klein, Lefty O’Doul, Wally Berger

Seduti a terra, da sinistra a destra: Hasbrook, Pepper Martin, Lon Warneke, Tony Cuccinello

Durante le All-Stars degli anni '70 e '80, furono comunemente indossate casacche alternative dai giocatori degli Oakland Athletics, Baltimore Orioles, Cleveland Indians e Chicago White Sox. Verso la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90, vennero utilizzate meno casaccche alternative. Furono nuovamente utilizzate per l'All-Star Game del 1992 da Jack McDowell e Robin Ventura dei White Sox, e per finire nel 1997 dall'esterno Ken Griffey Jr., dei Seattle Mariners, e dal terza base dei San Diego Padres, Ken Caminiti. Secondo le regole MLB correnti, le casacche alternative non sono più permesse, in quanto i giocatori devono indossare divise bianche o grigie della propria squadra, a seconda di quale League è la squadra di casa.

Vengono prodotte ogni anno uniformi specifiche per l'All-Star Game, ma non sono indossate per il gioco stesso. Vengono indossate durante il batting practice e l'Home Run Derby.

Caps dell'All-Star Game

A partire dall'All-Star Game 2014, i giocatori indossano speciali cap All-Star Game. Per l'allenamento, il batting practice e l'Home Run Derby, i giocatori utilizzano un cap con i colori corrispondenti alla League. Per il giorno dell'All-Star Game, i giocatori indossano un cap con il logo frontale della squadra e il logo All-Star Game sul lato destro.

Storia del metodo di selezione dei giocatori

Nel 1933 e nel 1934, i fans selezionarono i 18 starters per la partita e i managers sceglievano il resto dei giocatori delle due squadre. Dal 1935 al '44 e nel 1946, il manager di ciascuna League selezionava l'intera squadra; nel 1945 non si svolse nessuna All-Star Game e nessuna squadra fu ufficialmente nominata.

Nel 1947, i fans ebbero la possibilità di votare gli otto giocatori di posizione partenti. Nel 1957, i fans dei Cincinnati Reds riempirono le urne elettorali (vedi di seguito "Urne piene"), ed elessero un Reds in tutte le posizioni, tranne il prima base. Il Commissioner Ford Frick intervenne e rimosse due Reds dal lineup. In risposta a questa ingiustizia, il voto dei fans fu interrotto. Per i successivi dodici anni, giocatori, coach e manager furono i soli autorizzati ad eleggere i giocatori di posizione di partenza.

A causa della mancanza di affluenza dei fans e alla sovraesposizione dovuta al doppio All-Star Games durante gli anni 1959-1962, l'interesse per il gioco cominciò a scemare. Come parte della ripresa la MLB Promotion Corporation, nel tentativo di modernizzare il marketing del baseball, restaurò il ballottaggio con il voto dei fans degli otto partenti.

Rico Carty fu il primo giocatore selezionato ad un All-Star team come "write-in candidate" (write-in candidate è un giocatore il cui nome non compare sulla scheda elettorale, ma che i fans potranno votare scrivendo il suo nome nella scheda) dai tifosi, nel 1970, il primo anno in cui il voto fu ridato ai fans. Una volta eletto, disse: "Grazie ai tifosi per aver reso possibile questo e grazie a Gillette per aver fatto tutto il necessario".

Steve Garvey fu il secondo giocatore di sempre ad essere selezionato in un All-Star team come "write-in candidate" dai fan, nel 1974. Fu il Most Valuable Player di quel Midsummer Classic così come il MVP della National League nello stesso anno.

Dal 2002, la selezione del roster finale venne completata attraverso l'All-Star Final Vote (l'annuale voto effettuato via internet dai fan per eleggere il giocatore finale di ciascuna squadra che parteciperà all'All-Star Game, dopo che tutte le altre selezioni sono state già fatte e annunciate dalla televisione nazionale).

Fino al 2003, le riserve e i pitcher erano scelti dal manager. Il voto dei giocatori fu reintrodotto nel 2003, perché i manager furono criticati per aver preso dei giocatori della propria squadra al posto dei più meritevoli giocatori di altre squadre. Questo fu particolarmente evidente nel 2002, quando il manager Bob Brenly della National League scelse il suo catcher, Damian Miller, al posto del più meritevole Paul Lo Duca; mentre il manager Joe Torre dell'American League scelse il suo terza base, Robin Ventura, al posto del terza base Eric Chavez, Gold Glove degli Oakland Athletics e vincitore del Silver Slugger.

Prima della partita del 2009, la Major League Baseball annunciò che un lanciatore supplementare sarebbe stato aggiunto ad ogni roster, portando il totale per ogni League a 33 giocatori. L'anno seguente, la MLB annunciò che un giocatore di posizione supplementare sarebbe stato aggiunto ad ogni roster per la partita del 2010 e oltre, portando il totale a 34 per ogni team.

La continua polemica sul processo di selezione dei giocatori è relativa alla regola che ogni franchigia deve avere almeno un rappresentante nel roster dell'All-Star. Gli oppositori della regola sostengono che lo scopo della partita è di mettere in luce i migliori giocatori della Major League Baseball, e che alcuni giocatori migliori lasciano il roster a favore di giocatori forse meno meritevoli che appartengono a squadre più deboli. Questa tesi è rafforzata dalla maggiore urgenza di vincere la partita, a causa della regola che la League vincente ottiene il vantaggio del campo di casa nelle World Series. I sostenitori di questa regola ritengono che eliminarla diminuisca l'interesse per il gioco e impedisce che le squadre più forti dominino completamente la selezione.

Un certo numero di compromessi sono stati suggeriti dai media, come ad esempio limitare il numero di rappresentanti di una squadra in particolare, che solo una certa percentuale della squadra sia rappresentata, o allargare le dimensioni dei roster dell'All-Star per mitigare il problema.

Se una squadra scambia il suo giocatore All-Star prima della partita, il manager dell'All-Star della sua League non è tenuto ad includere un altro giocatore di quella squadra.

Urne piene

Nel 1957, i fans dei Cincinnati Reds riempirono le urne ed elessero 7 loro giocatori per iniziare nel All-Star Game: Johnny Temple (2B), Roy McMillan (SS), Don Hoak (3B), Ed Bailey (C), Frank Robinson (LF), Gus Bell (CF), e Wally Post (RF). L'unico non Reds eletto ad iniziare per la National League come prima base fu Stan Musial dei St. Louis Cardinals. Nonostante i Reds fossero una grande squadra offensiva, la maggior parte degli osservatori di baseball erano d'accordo sul fatto che essi non meritavano sette titolari nell'All-Star Game. L'inchiesta dimostrò che oltre la metà del numero di schede provenivano da Cincinnati. Il Cincinnati Enquirer aveva stampato le schede per il ballottaggio e le aveva distribuite con il giornale della domenica rendendo più facile ai tifosi dei Reds di votare un maggior numero di volte. C'erano anche delle storie di alcuni bar a Cincinnati che non servivano alcolici ai clienti fino a quando non avessero compilato una scheda.

Il Commissioner Ford Frick nominò Willie Mays dei New York Giants e Hank Aaron dei Milwaukee Braves per sostituire i giocatori dei Reds Gus Bell e Wally Post, e congelò il diritto di voto ai fans nelle edizioni successive. Coach, giocatori e manager scelsero tutta la squadra fino al 1969, quando poi il voto ritornò nuovamente ai fan. Per evitare brogli, dal 1969 fino all'inizio del voto elettronico, ad ogni squadra venne dato lo stesso numero di schede elettorali da distribuire. Nel 1998, quel numero era di circa 400000 voti.

La partita del 1988 fu circondata da tacite accuse contro i fans degli Oakland A's per aver riempito urne a favore del catcher Terry Steinbach, la cui qualifica come partente fu motivo di discussione tra i giornalisti sportivi. Steinbach finì con l'essere nominato Most Valuable Player della partita.

Sin dagli albori dell'era di internet, il voto online ancora una volta portò ai brogli. Nel 1999, Nomar Garciaparra ottenne oltre 14000 voti a causa di un programma informatico automatizzato. La Major League Baseball assicura di aver preso le precauzioni necessarie per evitare questo.

Battitore designato

Nel 1989, il DH fu introdotto nell'All-Star Game per la prima volta. Fino al 2010, la regola del battitore designato è stata applicata in base alla League in cui la squadra ospite gioca, ma è stato utilizzato per le partite giocate nei ballparks dell'American League - in questi casi, entrambe le squadre utilizzarono un battitore designato - mentre nei ballparks della National League, i lineup hanno il lanciatore che batte, anche se il pinch-hitter è stato quasi sempre utilizzato. Nel 2010, la Major League Baseball aveva annunciato che la regola del battitore designato si sarebbe applicato per ogni All-Star Game, mentre per la partita del 2010 c'era già il DH, l'All-Star Game del 2011 è stata la prima partita giocata con il DH in un ballpark della National League.

Note

Dei diciotto giocatori che avevano iniziato la partita nel 1934, uno solo, Wally Berger, non è entrato nella Hall of Fame. Brooks Robinson (1966) e Carl Yastrzemski (1970) sono gli unici giocatori ad essere stati nominati All-Star MVP mentre giocavano per la squadra perdente. Nel 1983, Fred Lynn colpì il primo grand slam in un All-Star Game. Nel 1985 nell'American League iniziarono sette futuri Hall of Famer: Rickey Henderson (CF), George Brett (3B), Eddie Murray (1B), Cal Ripken (SS), Dave Winfield (RF), Jim Rice (LF) e Carlton Fisk (C). Questo è il più ricco parterre di Hall of Fame mai avuto nel lineup di partenti per un All-Star Game, non compresi i giocatori eletti dal Committee on Veterans. Nel 1991, Cal Ripken, Jr. diventò l'unico giocatore a vincere l'Home Run Derby, l'All Star Game MVP e l'American League MVP nel corso della stessa stagione. Nel 2000, Derek Jeter diventò il primo giocatore a vincere l'MVP nell'All-Star Game e nelle World Series nello stesso anno. Nel 2003, Garret Anderson vinse l'Home Run Derby e venne eletto MVP per l'All Star Game. Nel 2007, Ichiro Suzuki ha colpito il primo inside-the-park home run in un All-Star Game.

Most Valuable Player Award

Il Ted Williams Most Valuable Player Award viene dato ogni anno al miglior giocatore della partita. Assegnato ogni stagione dal 1962, era originariamente chiamato Arch Ward Memorial Award, in memoria dell'uomo che per primo ideò il concetto dell'All-Star Game. Nel 1970, il nome fu cambiato in Commissioner's Trophy. Ma questo cambio di nome fu revocato nel 1985, quando il trofeo delle World Series fu ribatezzato Commissioner's Trophy. Infine, il trofeo è stato ribattezzato "The Ted Williams Most Valuable Player Award" nel 2002, in onore dell'ex giocatore dei Boston Red Sox Ted Williams, che era morto prima di quell'anno.

Partite in parità, terminate per pioggia, e il vantaggio del fattore casa nella World Series

Il primo pareggio in un All-Star Game avvenne il 31 luglio del 1961 al Fenway Park di Boston quando la partita terminò sul'1-1 dopo nove inning per pioggia; l'unica altra partita terminata per pioggia fu nel 1952, ma la National League sconfisse l'American League, 3-2, in cinque inning.

Nell'All-Star Game del 2002, tenutosi a Milwaukee, si concluse in maniera controversa durante l'undicesimo inning quando entrambe le squadre non avevano più lanciatori rilievi da utilizzare. A quel punto, il Commissioner Bud Selig (nativo di Milwaukee ed ex proprietario dei Brewers) dichiarò che la partita sarebbe finita dopo l'11 inning, e finì in parità, 7-7. La folla fischiò e lanciò bottiglie di birra sul campo, e i media furono molto critici per questa conclusione insoddisfacente.

Per fornire un ulteriore incentivo alla vittoria, la Major League Baseball aveva raggiunto un accordo con il sindacato dei giocatori per assegnare il vantaggio del fattore casa per la World Series alla League che avrebbe vinto l'All-Star Game negli anni 2003 e 2004. L'accordo venne prorogato per il 2005 e il 2006 e reso permanente fino al 2016.

In precedenza, il vantaggio casalingo nella World Series si alternava tra le due Leagues ogni anno. L'American League approfittò della nuova regola in ciascuno dei suoi primi sette anni: tra il 2003 e il 2009. L'AL vinse quattro serie e la NL ne vinse tre. Il campione della NL beneficiò di questa regola per la prima volta nel 2010.

Anche con questa regola in vigore, non c'era alcuna garanzia che non si verificasse una ripetizione della situazione del 2002; per evitare futuri pareggi dovuti alla mancanza di giocatori disponibili, i managers sono stati incaricati di scegliere altri position players e lanciatori. Ciò ha causato insoddisfazione e controversie tra i fans quando questi giocatori non sono mai stati effettivamente utilizzati nel gioco; ad esempio Tim Wakefield nell'All-Star Game del 2009. Tale mossa ha comportato chiamate per consentire il rientro limitato di giocatori che sono stati sostituiti durante la partita (oltre ai catchers, che era già consentito), dando così la libertà di usare tutti i giocatori sul roster senza lasciare le squadre nella situazione in cui non c'erano più giocatori disponibili, come successe nel 2002. A partire dall'All-Star Game del 2010, il manager di ogni League è autorizzato a designare un position player che può rientrare nella partita per sostituire un giocatore infortunato o espulso in qualsiasi posizione, in aggiunta alla norma esistente riguardante i catchers.

Un pareggio potrebbe anche essere considerato una "partita sospesa", nel qual caso resterebbe un pareggio se non fosse programmata una data di prosecuzione nel calendario. Però sarebbe estremamente difficile trovare un appuntamento, in ogni caso, poiché la Major League Baseball dovrebbe posticipare uno o più giorni della regular season e/o programmare la data in un giorno di trasferta durante la postseason; quest'ultima soluzione sarebbe ingiusta per le squadre coinvolte nelle imminenti serie. Dal 2012, ci sono stati giorni liberi per tutte le squadre il mercoledì e il giovedì dopo l'All-Star Game, e se necessario, la partita potrebbe essere finita la mattina o il pomeriggio del mercoledì/giovedì se la situazione lo giustificasse.

Inoltre, diversi giornalisti sportivi hanno affermato che il vantaggio di casa nella serie World dovrebbe essere deciso sulla base dei records stagionali dei partecipanti, non su una partita esibizione come l'All-Star Game giocata diversi mesi prima. Alcuni di loro hanno messo in dubbio l'integrità di questa regola dopo l'All-Star Game del 2014, quando il lanciatore dei St. Louis Cardinals Adam Wainwright aveva dato intenzionalmente a Derek Jeter alcuni facili lanci da colpire nell'ultima apparizione dell'interbase dei New York Yankees prima delsuo ritirò alla fine di quella stagione.

Dal 2017, il vantaggio sul campo di casa nelle World Series va alla squadra campione delle League con il record di vittorie-sconfitte più alto della regular season.

Strisce vincenti, punti totali, partite più lunghe

Sono stati giocati ottantotto All-Star Games (incluse due partite all'anno dal 1959 al 1962), con ogni League che ha vinto quarantatré partite e due pareggi. L'All-Star Game ha visto diverse "ere" in cui una League tendeva a dominare sull'altra. Dal 1933 al 1949, l'American League vinse 12 delle prime 16 edizioni. La National League dominò dal 1950 al 1987, vincendone 33 delle 42, con 1 pareggio; compreso anche il periodo dal 1963 al 1982 quando ne vinse 19 su 20, di cui 11 di fila dal 1972 al 1982. Dal 1988, l'American League ha dominato, vincendo 23 su 30 con 1 pareggio, inclusa una striscia di 13 partite senza sconfitte ( 12-0-1) dal 1997 al 2009.

Ogni League ha segnato 361 punti complessivi.

Il più lungo All-Star Game, in termini di inning, è durato 15 inning, ed è accaduto solo due volte: 1967 e 2008; l'ultimo dei quali fu la partita più lunga, con un tempo totale di 4 ore e 50 minuti.

Programmazione dell'All-Star Game

Dal 1963, l'All-Star Game è stato giocato ogni martedì a luglio di ogni anno tranne che in questi tre casi:

- Nel 1969, la partita non si giocò per la pioggia e venne spostata al mercoledì pomeriggio, il 23 luglio (diventando l'ultima edizione del pomeriggio).

- Nel 1981, la partita venne spostata alla domenica, 9 agosto, a causa dello sciopero dei giocatori di MLB; questo fu l'unica edizione giocata in un fine settimana, ed è anche la più recente che non si è giocata nel mese di luglio.

- Nel 1983, la partita venne disputata mercoledì sera, 6 luglio, al Comiskey Park di Chicago per celebrare il 50° anno del primo All-Star Game (giovedì 6 luglio 1933) nello stesso stadio e stessa città.

L'All-Star Game si giocò di notte per la prima volta nel 1942, al Polo Grounds a New York City. Dal 1970 ogni edizione viene giocata sotto le luci, anche se si tiene in ballparks abbastanza vicini alla costa occidentale, la partita inizia alla luce del giorno nel tardo pomeriggio.

Nell'aprile 1945, a causa delle gravi restrizioni di viaggio in tempo di guerra, la partita in programma al Fenway Park di Boston fu rimandata alla stagione successiva.

Vennero giocati due All-Star Game in ogni stagione dal 1959 al 1962. La seconda partita era stata aggiunta per raccogliere fondi per i fondi pensione dei giocatori della MLB, così come per altre cause. L'esperimento fu poi abbandonato per il fatto che avere due partite annacquava il fascino dell'evento.

Nel 1981, la partita fu spostata da luglio ad agosto, dopo che la parte centrale della stagione 1981, inclusa la pausa programmata per l'All-Star Game, era stata cancellata dallo sciopero dei giocatori della MLB. Per promuovere la ripresa della stagione, la partita (a Cleveland) venne spostata dalla data originale di luglio al 9 agosto. La seconda metà della regular season iniziò il pomeriggio successivo con una partita al Wrigley Field di Chicago.

Altri eventi che precedono l'All-Star Game

Dal 1985, il giorno prima dell'All-Star Game viene disputato l'Home Run Derby, una competizione tra fuoricampisti.

Dal 1999, l'All-Star Futures Game si è tenuto durante l'All-Star Week. Le due squadre, una composta da giovani giocatori provenienti dagli Stati Uniti e l'altra composta da giovani giocatori provenienti da tutte le altre nazioni, sono solitamente scelti tra i migliori prospetti delle Minor Leagues.

Dal 2001, l'All-Star Legends and Celebrity Softball Game ospita squadre con un mix di ex star del passato della squadra ospitante, oltre a celebrità della musica, cinema e televisione. Questo partita si svolge il giorno precedente all'Home Run Derby.

** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **

** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **
** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **
** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **
** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **
** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **
** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **
** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **

** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **

** PLEASE DESCRIBE THIS IMAGE **