CSS Valido!

BASEBALL PAOLO 2 K 10
 

 

 

 

 

Due straordinari artisti ci hanno lasciato una serie di capolavori che ritraggono gli storici ballparks del Pastime e gli avvenimenti e i personaggi che li hanno resi famosi. Stiamo parlando di due amatissimi cartoonist americani che con i loro fumetti hanno raccontato la storia del baseball dai primi del 1900 agli anni '80: Eugene McGillicuddy e Amadee Wohlschlaeger.

Eugene McGillicuddy, in arte Gene Mack, nacque nel 1890 appena fuori Boston, e giocò a baseball amatoriale e semi-professionista nell'area bostoniana. Dopo il liceo, Mack lavorò in un negozio di incisioni, dove imparò a disegnare. Questo gli permise di collaborare con il Boston Globe come disegnatore pubblicitario, una posizione che alla fine divenne a tempo pieno, e le illustrazioni di Mack cominciarono presto ad apparire regolarmente. Mack non solo illustrò le notizie sportive delle edizioni giornaliere, ma disegnò anche la grafica per alcune storie di fiction. Tra i suoi schizzi più famosi c'erano illustrazioni di ciascuno dei principali ballpark delle Leagues, comprese le giocate e i momenti storici più importanti di ogni campo da baseball, oltre alle sue caratteristiche degne di nota. Mack dopo aver trascorso oltre 35 anni al Globe, morì nel luglio del 1953 dopo una lunga malattia. Le sue opere sono esposte alla National Baseball Hall of Fame.

Amadee Wohlschlaeger (3 dicembre 1911 - 24 giugno 2014) è stato un dei più famosi fumettisti americani del secolo scorso. Conosciuto professionalmente solo come Amadee, ha catturato il cuore, l'anima e l'umorismo degli sport di St. Louis con la sua penna, matita e pennelli per più di 70 anni, disegnando per il St. Louis Post-Dispatch dal 1932 fino al 1981. Amadee divenne noto soprattutto per i suoi cartoons sportivi, in particolare per le sue rappresentazioni dei Cardinals dai tempi di Dizzy Dean e della Gas House Gang agli anni di Whitey Herzog. Continuò anche a disegnare la mascot storica del giornale: Weather Bird. Molti dei suoi disegni sono stati esposti alla National Baseball Hall of Fame.

Buon divertimento.

Anaheim Stadium - Anaheim, CA.

per ingrandire clicca qui

Arlington Stadium - Arlington, VA

per ingrandire clicca qui

Astrodome - Houston, TX

per ingrandire clicca qui

Busch Memorial Stadium - St. Louis, MO

per ingrandire clicca qui

Candlestick Park - San Francisco, CA

per ingrandire clicca qui

Comiskey Park - Chicago, IL

per ingrandire clicca qui

County Stadium - Milwaukee, WI

per ingrandire clicca qui

Crosley Field - Cincinnati, OH

per ingrandire clicca qui

Dodger Stadium - Los Angeles

per ingrandire clicca qui

Ebbets Field - Brooklyn

per ingrandire clicca qui

Exhibition Stadium - Toronto, ONT

per ingrandire clicca qui

Fenway Park - Boston, MA

per ingrandire clicca qui

Forbes Field - Pittsburgh, PA

per ingrandire clicca qui

Griffith Stadium - Washington, D.C.

per ingrandire clicca qui

Kingdome - Seattle, WA

per ingrandire clicca qui

League Park - Cleveland, OH

per ingrandire clicca qui

Braves Field - Boston, MA

per ingrandire clicca qui

Memorial Stadium - Baltimore, MD

per ingrandire clicca qui

Municipal Stadium - Cleveland, OH

per ingrandire clicca qui

Oakland Coliseum - Oakland, CA

per ingrandire clicca qui

Olympic Stadium - Montreal, QUE

per ingrandire clicca qui

Polo Grounds - New York, NY

per ingrandire clicca qui

Riverfront Stadium - Cincinatti, OH

per ingrandire clicca qui

Royals Stadium - Kansas City, KS

per ingrandire clicca qui

San Diego Stadium - San Diego, CA

per ingrandire clicca qui

Shea Stadium - New York, NY

per ingrandire clicca qui

Shibe Park - Philadelphia, PA

per ingrandire clicca qui

Sportsman's Park - St. Louis, MO

per ingrandire clicca qui

Three Rivers Stadium - Pittsburgh, PA

per ingrandire clicca qui

Tiger Stadium - Detroit, MI

per ingrandire clicca qui

Veterans Stadium - Philadelphia, PA

per ingrandire clicca qui

Wrigley Field - Chicago, IL

per ingrandire clicca qui

Yankee Stadium - New York, NY

per ingrandire clicca qui

 

 

World of Baseball's Grand World Tour del 1913-1914

La MLB da più di 20 anni, esattamente dal 1996, porta il vero e unico campionato del mondo di baseball professionistico fuori dai propri confini del Nord America per disputare alcune partite di regular season. Ne sono state giocate 17, fino alla stagione 2018, in Messico, Giappone, Australia e Puerto Rico. Londra sarà la prima città europea ad ospitare un paio di partite della regular season nel 2019.

Il CEO dei Boston Red Sam Kennedy, ha manifestato "il forte interesse di giocare con gli Yankees a Londra nel corso della regular season 2019, ma la decisione finale spetta alla MLB e alla MLBPA, il sindacato dei giocatori della Major League". Il teatro delle due partite tra New York Yankees e Boston Red Sox (che si disputerebbero sabato 29 e domenica 30 giugno 2019) sarebbe l’Olympic Stadium (la casa della squadra di calcio del West Ham), la sede dei Giochi Olimpici 2012.

Ma questo tipo di propaganda era già stata fatta molto prima e anche più in grande. Un po' più di un secolo fa, un tour internazionale, ancora da eguagliare, portò i New York Giants, Chicago White Sox e Jim Thorpe, l'uomo considerato il più grande atleta del pianeta, in un tour mondiale senza precedenti.

Gli ideatori della serie di partite attorno al mondo furono John "Mugsy" McGraw dei Giants, il manager di maggior successo nel baseball, e Charles Comiskey, proprietario dei White Sox. Una notte, nel dicembre del 1913, McGraw e Comiskey stavano bevendo al bar "Smiley" di Mike Corbett nell'East Side di Chicago, e venne fuori l'idea di un tour mondiale. McGraw sapeva qualcosa sul business - era nel bel mezzo di un tour di 16 settimane nei teatri di vaudeville, dove tutto quello che doveva fare era raccontare aneddoti sul baseball per un'enorme somma di 3000 $ alla settimana. Comiskey era già ricco di suo e McGraw ci stava arrivando, quindi fare soldi non era il motivo principale per un viaggio intorno al mondo. Entrambi erano invidiosi della fama che aveva raggiunto Albert Spalding, il quale cercando di propagandare la sua società di articoli sportivi aveva riunito vari giocatori in un tour del 1889-90 e li aveva portati in diversi paesi, tra cui Nuova Zelanda, Australia, Egitto e Italia. McGraw e Comiskey volevano gestire un tour più grande e migliore con squadre che rappresentavano le due più grandi città degli Stati Uniti. Il venticinquesimo anniversario dell'avventura di Spalding si stava avvicinando, quindi era il momento giusto per una nuova edizione.

Il tour immaginato da McGraw e Comiskey sarebbe iniziato come un viaggio attraverso il paese dopo le World Series del 1913. Una volta raggiunta la costa occidentale, le due squadre e chiunque altro autorizzato a seguire la comitiva sarebbero saliti a bordo di una nave per attraversare il Pacifico (Sessantasette persone hanno partecipato al tour internazionale, tra cui 24 giocatori, due arbitri, varie mogli, bambini, suoceri, giornalisti, un prete, personale medico, addetti al front office dei White Sox e vari compari di Comiskey e amici di bevute).

La prima tappa del tour in terra straniera sarebbe stata la città di Tokyo e, passando da est a ovest, l'ultima sarebbe stata a Londra. Tra un viaggio e l'altro i viaggiatori sarebbero sbarcati in Cina, nelle Filippine, in Egitto, a Ceylon, in Francia e in altri paesi con almeno un campo da baseball rudimentale.

McGraw e Comiskey impiegarono la maggior parte degli attuali giocatori dei Giants e White Sox, ma irrobustirono i rosters con alcuni giocatori famosi e più colorati. A bordo c'erano i futuri Hall of Famers Christy Mathewson, Tris Speaker, Urban Farber e "Wahoo" Sam Crawford. Tra quelli che si unirono a loro c'erano Lee Magee, “Nixey” Callahan, Jim “Death Valley” Scott, Ivey Wingo, Hooks Wiltse, Bunny Hearne, Fred Merkle, Buck Weaver, Hans Lobert, “Laughing Larry” Doyle, “Turkey” Mike Donlin, Mike Doolan, Joe Benz, Jack Bliss, Dick Egan, Tommy Daley, Andy Sleight, Steve Evans e Walter Leverenz. Germany Schafer fu invitato a fornire il diversivo comico.

Il più famoso di tutti era Jim Thorpe. Considerato il più grande atleta alle Olimpiadi estive del 1912 a Stoccolma, e nel 1913 fu anche il più famoso del mondo. Quel gennaio, il Worcester Telegram riferì che alcuni anni prima Thorpe aveva guadagnato 2 $ per una partita di baseball professionista nella Eastern Carolina League. Gli articoli successivi indussero l'Amateur Athletic Union ad avviare procedimenti disciplinari che avrebbero tolto a Thorpe le medaglie conquistate sulle piste. Appena sposato e bisognoso di guadagnarsi da vivere, Thorpe prese al volo l'offerta dei New York Giants per un accordo triennale che gli avrebbe fruttato 6000 $ all'anno, quando la maggior parte dei giocatori nel 1913 portava a casa 2000 $ o meno.

Alla fine della stagione, i Giants, con un record di 101-51 e dopo aver dominando la National League, affrontarono i Philadelphia Athletics nelle World Series del 1913. McGraw aveva fantasticato di girare il mondo come il manager campione del mondo, ma gli As' vinsero le World Series in cinque partite. L'ultima sconfitta, 3-1, fu particolarmente irritante per McGraw a causa di ciò che il New York Times descrisse come degli "errori grossolani" commessi dalla sua squadra e di essere stati fermati dal pitcher “Old Man” Eddie Plank, a 40 anni, il lanciatore più vecchio del baseball.

I Giants, tuttavia, erano ancora il nome da cartellone nel baseball (I White Sox, 78-74, erano arrivati quinti nell'American League). Il tanto atteso tour iniziò finalmente il 18 ottobre con una vittoria 11-2 dei Giants a Cincinnati, solo una settimana dopo la fine delle World Series.

Quale parte dei profitti avrebbero avuto i giocatori? Nessuno, secondo James E. Elfers, autore del libro The Tour to End All Tours, i giocatori dovevano davvero pagare per partecipare. Elfers scrive:

"Hanno dovuto pagare qualche centinaio di dollari per prenotare il loro posto nel tour. Una volta imbarcati sull'Empress of Japan, i giocatori hanno recuperato la loro riserva più un importo corrispondente per il tour - hanno dovuto pagare 250 $ e ne hanno guadagnati 500. I soldi che il tour fece in tutto il mondo - ed erano considerevoli - furono divisi in tre modi dopo che le spese furono pagate. Comiskey, McGraw, e Jimmy "Nixie" Callahan [caro amico di Comiskey e promotore] ottennero tutti i profitti. Sono sicuro che i giocatori pensavano che il viaggio fosse vantaggioso e con un interessante profitto, ma la quota perdente annuale della serie della città di Chicago, che coinvolgeva alcuni dei giocatori del tour, era più grande della somma che guadagnavano per rischiare la vita e gli arti intorno mondo".

Dopo Cincinnati, le squadre viaggiarono in treno attraverso il cuore dell'America, con soste per le partite in luoghi come Peoria, Springfield, Tulsa, Sioux City e El Paso, poi sulla costa occidentale, dove sono risaliti da San Diego a Seattle. Dato che all'epoca la franchigia più grande della West League era i St. Louis Cardinals (che aveva perso 99 partite nella stagione 1913), il pubblico sulla costa era particolarmente entusiasta. Il Los Angeles Times scrisse della partita dell'8 novembre: "Un vasto numero di persone era in fila per riuscire disperatamente ad acquistare il biglietto. La partita è iniziata quando tutti loro sono riusciti ad entrare perché nessuno doveva essere escluso".

Il 9 dicembre, i Giants si imbarcarono sull'Empress of Japan e salparono per visitare 13 nazioni e viaggiare per oltre 30000 miglia (48300 km), per lo più via acqua e ferrovia, decenni prima che i proprietari dalle grandi disponibilità scendessero a bordo di aerei privati. Comiskey notoriamente parsimonioso aveva fornito la maggior parte dei 90000 $ per le navi a vapore noleggiate e aveva portato con sé una lettera di credito di 121000 $ per spese di viaggio aggiuntive (Comiskey era anche un uomo d'affari notoriamente esperto, e potè godere di un eccellente ritorno sul suo investimento). Da parte loro, i giocatori, molti dei quali non erano mai stati fuori dagli Stati Uniti, sapevano che questa era la loro unica opportunità di vedere il mondo e perché non farlo sulla monetina di Comiskey mentre si lasciavano alle spalle l'inverno di New York e Chicago.

I paesi del Pacifico occidentale e del subcontinente hanno affascinato i giocatori, una volta arrivati lì. Sulla strada per il Giappone incontrarono un tifone di fine stagione che alzò onde di 60 piedi (20 m) sulla nave, e furono particolarmente lieti di raggiungere Tokyo, dove 5000 fans giapponesi parteciparono alla prima partita, e 7000 alla seconda, entrambi giocati in piccoli stadi. "Lo spazio era così prezioso che molti dei fans si sono seduti su stuoie di bambù stipate in qualsiasi spazio libero del campo", scrive Elfers, "Per gli americani, era tutto molto inebriante ed opprimente". Poi per le squadre fu la volta della Cina.

Thorpe si dimostrò particolarmente attraente al botteghino. Per i fans stranieri era ancora il più grande atleta del mondo, ed era presentato come tale nelle pubblicità e nei giornali che anticipavano l'arrivo delle squadre. E pochi erano consapevoli che nella stagione 1913 era apparso in soli 19 partite per i Giants e aveva battuto un anemico .143. I fans più romantici erano entusiasti del fatto che questo fosse un viaggio di nozze anche perché Ina Thorpe accompagnava suo marito nel tour. Mentre la nave a vapore delle squadre si avvicinava al molo di Shanghai, la folla in attesa urlava, "Thorpe! Thorpe! Thorpe! ". I grandi giocatori di baseball che erano con lui erano considerati semplicemente membri della corte del re.

Dopo una sosta ad Hong Kong - dove i medici dovevano certificare che nessuno dei visitatori avesse il vaiolo - i viaggiatori arrivarono a Manila. In un articolo pubblicato sul New York Times, John McGraw riportò:

Nei miei giorni di baseball ho attraversato molti episodi eccitanti che mi hanno dato veri brividi, ma mai prima d'ora ho avuto un tale brivido lungo la schiena quando il party dei turisti del mondo è arrivato qui ieri.

Sono stati accolti da persone estremamente esultanti. Molti filippini non avevano mai visto una partita di baseball prima e forse non sapevano perché stavano facendo il tifo, ma c'erano anche molti militari americani presenti e più tardi anche al campo da baseball.

Il nuovo anno ha trovato le squadre a Brisbane, in Australia. Un disorientato Sam Crawford, abituato al freddo di gennaio, ha commentato: "È una città bellissima, se solo nevicasse una volta ogni tanto". Venne giocata una partita lì, e poi i problemi di viaggio li fecero infuriare. Dopo due partite a Sydney, il 9 gennaio, il Morning Herald scrisse: "Se l'apprezzamento e il calore del saluto ai giocatori da parte della folla in attesa di oltre 10000 persone al Sydney Cricket Ground conta qualcosa, i visitatori non devono temere il successo della loro colorata avventura". Anche McGraw era stato sentito gridare alla folla: Adoro gli australiani!.

Da Sydney, le squadre sono salite su un treno a Melbourne per Adelaide, ma i ritardi hanno trasformato il viaggio in un incubo di 18 ore. La partita venne cancellata in modo che le squadre potessero saltare sul HMS Orontes per l'India, spingendo l'Adelaide Advertiser a recitare un articolo: "Visitatori scortesi; Baseballers locali snobbati".

Un lungo viaggio in nave, con l'attraversamento dell'equatore il 20 gennaio 1914, portò le squadre a Ceylon, dove il magnate del tè Sir Thomas Lipton li accolse, e la partita fu giocata al Victoria Gardens Racetrack davanti ad un pubblico confuso che si chiedeva perché non stessero guardando una partita di cricket. Il 23 gennaio, la troupe si diresse verso il Medio Oriente.

Due partite al Cairo furono giocate a febbraio. Per i giocatori, più eccitante dei giochi stessi fu visitare le Piramidi e in particolare la Grande Sfinge. In questa occasione, ciò che rese speciale la visita fu vedere Ivy Wingo, il ricevitore dei Giants, a 100 metri di distanza, lanciare una palla da baseball sopra la Sfinge che venne catturata dall'altra parte dall'esterno centro dei Sox Steve Evans. Poi i turisti salirono a bordo del transatlantico tedesco Prinz Heinrich, diretto a Napoli. Dopo tre giorni a Roma, dove i viaggiatori incontrarono il Papa Pio X, andarono a Nizza e poi a Parigi. La pioggia non permise la disputa di nessuna partita a Roma e a Parigi, ma imperterriti, McGraw, Comiskey e i giocatori non mancarono di visitare le due città.

L'Inghilterra fu l'ultima fermata, e davanti a 20000 spettatori che includevano Re Giorgio V, i Sox sconfissero i Giants 5-4 in 11 inning. Quando McGraw e Comiskey vennero presentati al Re, che indossava una bombetta nera e un abito scuro e non aveva mai partecipato a un evento sportivo al Chelsea Stadium, gli fecero tre urrà e poi ricevettero dalle sue mani la palla per iniziare la partita. Dopo la partita, Re Giorgio mandò il seguente messaggio: "Dite al signor McGraw e al signor Comiskey che mi è piaciuta molto la partita".

Finalmente, il 28 febbraio, era tempo che gli stanchi viaggiatori tornassero a casa. Lo avrebbero fatto con stile - salirono a bordo della Lusitania, la nave di lusso che sarebbe affondata dai siluri tedeschi l'anno successivo uccidendo 1198 passeggeri. Il 7 marzo, a New York, si tenne un banchetto per dare il benvenuto ai giocatori e alla comitiva al seguito e Comiskey li ospitò per un secondo rinfresco tre giorni dopo a Chicago.

I giocatori erano finalmente tornati a casa? No, perché lo spring training era già iniziato. Senza dubbio appesantiti dal tour di successo ma estenuante, i New York Giants terminarono la stagione del 1914 10 partite e mezza dal primo posto. I White Sox andarono peggio, 70-84 che assieme ai nuovi New York Yankees si piazzarono al sesto posto, 30 partite dietro gli Athletics. Eppure, come McGraw aveva scritto dopo l'ultima partita a Londra, "Il gioco è stato un incontro perfetto per il grande tour, che ha avuto successo in ogni esibizione. La cosa più notevole per me dell'intero viaggio è stata la manifestazione del buon feeling nazionale in tutti i punti che abbiamo visitato".

Il programma di 32 pagine e lo scorecard, intitolato "Touring the World / New York Giants / Chicago White Sox / 1913-1914"

NY Giants

Pos

Chicago White Sox

John McGraw

NY Giants

Mgr

James Callahan

Chicago White Sox

Fred Merkle

NY Giants

1B

Tommy Daly

Chicago White Sox

Larry Doyle

NY Giants

2B

Germany Schaefer

Washington Senators

Mike Doolan

Philadelphia Phillies

SS

Buck Weaver

Chicago White Sox

Hans Lobert

Philadelphia Phillies

3B

Dick Egan

Cincinnati Reds

Lee Magee

St. Louis Cardinals

LF

Steve Evans

St. Louis Cardinals

Mike Donlin

Pittsburgh Pirates

CF

Tris Speaker

Boston Red Sox

Jim Thorpe

NY Giants

RF

Sam Crawford

Detroit Tigers

Ivy Wingo

St. Louis Cardinals

C

Jack Bliss

St. Louis Browns

Hooks Wiltse

NY Giants

P

Joe Benz

Chicago White Sox

Red Faber

Chicago White Sox

P

Walter Leverentz

St. Louis Browns

Bunny Hearne

NY Giants

P

Jim Scott

Chicago White Sox

New York Giants

(Da sinistra a destra) John McGraw, Hans Lobert, Mike Donlin, Lee Magee, Larry Doyle, Ivy Wingo, Bunny Hearne, George "Hooks" Wiltse, Mickey Doolan, Urban "Red" Faber, Fred Merkle, Jim Thorpe, umpire Bill Klem

TOUR AMERICANO

Cincinnati, OH
18 Ottobre 1913—NY Giants 11, Chicago White Sox 2

Chicago, IL
19 Ottobre 1913—NY Giants 3, Chicago White Sox 1

Springfield, IL
20 Ottobre 1913—NY Giants 6, Chicago White Sox 4

Peoria, IL
21 Ottobre 1913—Chicago White Sox 6, NY Giants 4

Ottumwa, IA
22 Ottobre 1913—Chicago White Sox 7, NY Giants 3

Sioux City, IA
23 Ottobre 1913—NY Giants 6, Chicago White Sox 3

Blue Rapids, KS
24 Ottobre 1913—Chicago White Sox 8, NY Giants 5

St. Joseph, MO
25 Ottobre 1913—Chicago White Sox 4, NY Giants 3

Kansas City
26 October 1913—NY Giants 6, Chicago White Sox 2

Joplin, MO
27 Ottobre 1913—NY Giants 13, Chicago White Sox 12

Tulsa, OK
28 Ottobre 1913—Chicago White Sox 6, NY Giants 0

Muskogee, OK
29 Ottobre 1913—Chicago White Sox 7, NY Giants 1

Bonham, TX
30 Ottobre 1913—NY Giants 4, Chicago White Sox 1

Dallas, TX
31 Ottobre 1913—Chicago White Sox 9, NY Giants 3

Beaumont, TX
1 November 1913—NY Giants 3, Chicago White Sox 2

Houston, TX
2 November 1913—Chicago White Sox 9, NY Giants 4

Marlin, TX
3 Novembre 1913—NY Giants 11, Chicago White Sox 1

Abilene, TX
4 Novembre 1913—Rain

El Paso, TX
5 Novembre 1913—Chicago White Sox 10, NY Giants 7

Douglas, AZ
6 Novembre 1913—NY Giants 14, Chicago White Sox 5

Bisbee, AZ
7 Novembre 1913—NY Giants 9, Chicago White Sox 1

Los Angeles, CA
8 Novembre 1913—Chicago White Sox 5, NY Giants 3
9 Novembre 1913—Chicago White Sox 7, NY Giants 7

San Diego, CA
10 Novembre — NY Giants 4, Chicago White Sox 3

Oxnard, CA
11 Novembre 1913—NY Giants 3, Chicago White Sox 2

Sacramento, CA
12 November 1913—Rain

Oakland, CA
13 Novembre 1913—Chicago White Sox 5, NY Giants 2
16 Novembre 1913—Chicago White Sox 12, NY Giants 8

San Francisco, CA
14 Novembre 1913—Chicago White Sox 3, NY Giants 2
15 Novembre 1913—NY Giants 6, Chicago White Sox 3

Medford, OR
17 Novembre 1913—NY Giants 3, Chicago White Sox 0 (5 innings)

Portland, OR
18 Novembre 1913—Chicago White Sox 2, NY Giants 0

Tacoma, WA
19 Novembre 1913—Rain

Seattle, WA
19 Novembre 1913—Rain

TOUR INTERNAZIONALE
Tokyo
6 Dicembre 1913—Chicago White Sox 9, NY Giants 4
7 Dicembre 1913—NY Giants/Chicago White Sox 16, Keio University 3

Foto ricordo della partita tra Giants/Sox e la Keio University

Nella foto in alto, il Presidente della Keio University lancia la cerimoniale prima palla nella partita tra i giocatori americani e i giapponesi. Il manager Jim Callahan e diversi giocatori dei White Sox appaiono in sottofondo. Nella scena sotto il pitcher Jim Scott dei Sox stringeo la mano al capitano Sugase, lanciatore di Keio

Ivy Wingo, Walter Leverenz, Jim Scott, Lee Magee, Buck Weaver e Steve Evans
Keio University, Toyko, Japan

Shanghai
11 Dicembre 1913—Rain

Hong Kong
14 Dicembre 1913—NY Giants 7, Chicago White Sox 4 (5 innings)

Manila
17 Dicembre 1913—Chicago White Sox 2, NY Giants 1
18 Dicembre 1913—Chicago White Sox 7, NY Giants 4 (7 innings)

Brisbane, Australia
1 Gennaio 1914—NY Giants 2, Chicago White Sox 1

Sydney, Australia
3 Gennaio 1914—Chicago White Sox 5, NY Giants 4
3 Gennaio 1914—Chicago White Sox 10, New South Wales 1
5 Gennaio 1914—Chicago White Sox 10, NY Giants 5
5 Gennaio 1914—NY Giants 15, New South Wales 3

Melbourne, Australia
7 Gennaio 1914—NY Giants 12, Chicago White Sox 8
7 Gennaio 1914—NY Giants 18, Victoria 0
8 Gennaio 1914—NY Giants 4, Chicago White Sox 3 (11 innings)
8 Gennaio 1914—Chicago White Sox 16, Victoria 3 (5 innings)

Adelaide, Australia
9 Gennaio 1914—No Game

Ceylon
23 Gennaio 1914—NY Giants 4, Chicago White Sox 1 (5 innings)

La “family group” dei Sox-Giants a Ceylon

Cairo
1 Febbraio 1914—NY Giants 3, Chicago White Sox 3 (10 innings, darkness)
2 Febbraio 1914—NY Giants 6, Chicago White Sox 3

La “family group” dei Sox-Giants davanti alla Sfinge

Napoli
7 Febbraio 1914—No Game

Roma
11 Febbraio 1914—Rain
12 Febbraio 1914—Rain
13 Febbraio 1914—Rain

Giants e White Sox in visita al Vaticano nel febbraio del 1914, quando i World Tourists giocarono in Italia. McGraw e Comsikey sono seduti in prima fila al centro

Nizza
16 Febbraio 1914—Chicago White Sox 10, NY Giants 9

Parigi
18 Febbraio 1914—Rain
19 Febbraio 1914—Rain
20 Febbraio 1914—Rain
21 Febbraio 1914—Rain

White Sox a Parigi

Londra
26 Febbraio 1914—Chicago White Sox 5, NY Giants 4 (10 innings)

White Sox e Giants allo Stamford Bridge, stadio di Chelsea

Re Giorgio nel Royal Box di Londra "Uccidilo, urlò un fan americano mentre il lanciatore lanciava una palla interna vicina al battitore, poi arrivò il sorriso e la folla applaudì" (da James E. Elfers, autore del libro The Tour to End All Tours)

VIDEO: Royal Baseball Fans King And Queen

Fine del Tour – Ritorno a New York

Banchetto al Congress Hotel di Chicago alla conclusione del World Tour
Hotel del 10 marzo 1914

La freccia al centro della fila superiore indica Charles A. Comiskey,Presidente dei White Sox. A destra di Comiskey ci sono: James J. Callahan, Ban B. Johnson, Garry Herrmann, Drury Underwood, John B. Foster, M. L. McKinley, Charles A. McDonald e R. M. Sweitzer. Alla sua sinistra ci sono in ordine: Adelor J. Petit, Adrian C. (Pop) Anson, Ted Sullivan, James G. Condon, John Maynard Harlan, Charles M. Foelland e il colonnello Milton J. Foreman- Sotto la visione generale del banchetto al Congress Hotel

Il cartoon di Wallace Carlson che mostra le squadre del World Tour che arrivano a New York da Liverpool sulla nave Lusitania il 6 marzo 1914



Il fumettista del Chicago Tribune, Sidney Smith, celebrato la fine del World's World Tour con una scivolata a casa

 

 

Gli storici nella loro ricerca del primo All-Star Game della storia del baseball professionistico hanno individuato varie manifestazioni accadute negli anni precedenti il 1933, data effettivamente riconosciuta per essere stata l'epifania del Midsummer Classic ufficiale della MLB. In un altro articolo pubblicato in questo sito, e che potete leggere sulla Pagina Storia 5, indicavo il 24 luglio 1911 come primo “All-Star Game” quando le All-Stars dell'American League e i Cleveland Naps si affrontarono in un'esibizione a favore del giocatore Addie Joss da poco deceduto.

Alcuni soloni del baseball del diciannovesimo secolo indicherebbero come primo All-Star Game le tre partite del Fashion Race Course del 1858 (Anche se più che un All-Star Game si potrebbe individuare in questa serie di partite le radici delle primissime World Series). Nove stelle dei migliori club di New York giocarono contro quelli selezionati dai club d'élite della città rivale, Brooklyn. New York vinse due delle tre partite in programma inaugurando l'era della professionismo. Furono anche le prime partite di baseball dove si pagò per assistere e le prime a pubblicizzare la partecipazione del pubblico. Nel momento in cui la serie finì quasi 15000 spettatori avevano presenziato, registrando un record per le partite di baseball in quei giorni.

Ma come emerge da un articolo dello storico John Thorn (*) il primo All-Star Game della mezza stagione nel baseball professionale organizzato non avvenne nel 1858 e neppure nel 1911 ma nel 1903, in una League minore di Classe D della Hudson River League.

Andrew “Rube” Foster

Nel 1902 il lanciatore afroamericano Andrew Foster vinse 51 partite per i Cubans X-Giants di Philadelphia. In una di queste partite aveva sconfitto l'eccentrico asso mancino dei Philadelphia Athletics, Rube Waddell, acquisendo così il suo soprannome.

All'inizio di settembre del 1903, Andrew “Rube” Foster e gli X-Giants sconfissero i Philadelphia Giants nelle prime World Series nere (anche se non fu fino al 1924 che i campioni delle due distinte Negro League si affrontarono in una gara di postseason). Poi gli X-Giants cominciarono a giocare partite in barnstorming, opposti a squadre bianche di minor e semipro, guadagnandoci bene. Il 21 settembre 1903, Rube Foster e i suoi campioni andarono a Kingston per giocare al Driving Park, un nuovo campo da baseball di fronte al deposito della West Shore.

I loro avversari, i Kingston Colonials, erano solo a quattro giorni di distanza dalla conquista del pennant della Hudson River League, un circuito minore al suo primo anno di attività. I Saugerties Colts iniziarono subito bene, vincendo la gara d'esordio il 21 maggio in casa contro Newburgh, 5-2, poi vinsero anche le loro successive tre partite; ma a settembre i Colts erano tornati in coda alla classifica mentre i Colonials di Kingston e i Marines di Hudson emergevano come la naturale eccellenza del campionato. I Poughkeepsie Colts finirono molto indietro rispetto a Saugerties, così come Newburgh Taylor-Mades e la squadra di Catskill, che si era trasferita da Ossining ad agosto. Peekskill, che aveva rifiutato di entrare a far parte dell'HRL all'inizio della stagione, aveva cambiato idea il 10 agosto ed era rientrata abbastanza bene nella sua stagione tronca per finire terza, misurata in base alla percentuale di vittorie e sconfitte.

Art DeGroff con Franklin Delano Roosevelt, 32° presidente degli Stati Uniti d'America. Nel 1936 Franklin D. Roosevelt, anch'egli nato a Hyde Park, assistette a una partita dei Robin Hoods e disse alla folla che lui e il manager DeGroff da giovani avevano giocato nella stessa squadra di baseball

Il giocatore principale di Saugerties era Art DeGroff, nativo di Hyde Park, dove aveva giocato con i Robin Hoods (Altri Robin Hoods che giocarono nella HRL furono Artie Rice di Kingston, in seguito sceriffo della contea di Ulster e tesoriere della città di Kingston, Bill "Pony" Farley, che giocò 2B per i Saugerties e in seguito si trasferì a New York, e Eugene Ressigiue, che aveva giocato outfield e lanciatore per Kingston nel 1905). DeGroff lanciatore e outfield raggiunse le Major con i St. Louis Cardinals nel 1905-06, e giocò professionalmente fino al 1917. Quando intervistato all'età di 69 anni ricordava così la sua carriera: "Ho vissuto il periodo più bello della mia vita quell'anno a Saugerties. Trattavano i giocatori come dei figli e fratelli. Ti invitavano a casa loro. Quando avevi una buona giornata, erano felicissimi di vederti .... Mentre sali nel baseball, perdi tutto questo ... ".

Art DeGroff fu il solo selezionato dei Saugerties a giocare nell'All-Star Game della Hidson River League. Quell'importante disputa fu giocata a Poughkeepsie il 17 agosto. Le star, chiamate All-Leaguers, sconfissero Poughkeepsie con un punteggio di 7 a 0 di fronte ad un numeroso pubblico. Dimostrando il dominio di Kingston nel campionato infatti cinque delle stelle provenivano dai Kingston Colonials, con uno ciascuno da Catskill, Peekskill, Hudson e Saugerties. Il club di Newburgh non fornì nessun giocatore.

L'11 settembre, con Saugerties fuori dalla competizione e Kingston che lottava per tenere a bada la carica di Hudson, DeGroff venne scambiato in una strana trade, con Kingston che diede in cambio un anonimo esterno centro, Bill Peoples, e un lanciatore con il braccio dolorante, George Van Riper.

Cuban X Giants 1903

Dieci giorni dopo essersi unito a Kingston, DeGroff salì sul monte contro i Cuban X-Giants. Non solo i campioni neri avevano Foster come loro partente, ma schierarono anche Home Run Johnson all'interbase, Danny McClellan al centro, Pete Hill in terza e lo straordinario Charley Grant in seconda. Grant, dalla pelle chiara, era così apprezzato che due anni prima, in primavera, John McGraw, allora manager dei Baltimore Orioles, aveva tentato di portarlo di nascosto nell'American League come un Cherokee purosangue, "Chief Tokohama", che si dice avesse giocato attraverso gli Stati Uniti con i famosi Nebraska Indians di Guy Green, una squadra che in diverse occasioni aveva giocato nella contea di Ulster. Lo stratagemma aveva funzionato attraverso diversi giochi dimostrativi mentre gli Orioles si dirigevano verso nord ... fino a quando raggiunsero un luogo in cui i fans di Grant uscendo dallo stadio lo chiamarono "Charley". Il 31 marzo 1901 il Washington Post riportò: "Si racconta in giro che il giocatore indiano del Manager McGraw non è affatto un Cherokee, ma è il giocatore di colore di vecchia data, Grant".

Rube Foster, che avrebbe continuato creando la Negro National League nel 1920 guadagnandosi nel 1981 la targa a Cooperstown, sconfisse i Kingston Colonials, ma con difficoltà. Finì con il punteggio di 3-2 e Art DeGroff lanciò brillantemente. Potrebbe essere una coincidenza, ma quando raggiunse Rochester nella stagione del 1904, da allora in poi, anche lui era conosciuto come "Rube".

Il 20 settembre, il giorno prima che il futuro Rube avrebbe dovuto duellare a Kingston, Hudson e Poughkeepsie giocarono un'incredibile quadruple-header. In quella che fu la giornata più lunga che un team di professionisti avesse mai affrontato nel ventesimo secolo, Poughkeepsie perse tutte e quattro le partite.

La HRL del 1903-07 è nota per diverse stranezze e primati. I suoi team e fans viaggiavano in battello insieme per le partite lontane giocate a sud di New York, imbarcandosi sulla celebre Mary Powell, contro gli Intruders di Paterson (New Jersey), che erano entrati nella League nel 1904. Le squadre di Kingston e Saugerties sconfissero due dei più famosi team di barnstorming del tempo, gli All-Cuban e i Sioux Indians (il cui pedigree come Sioux, o persino come Indians era aperto alla discussione). La gara tra questi Sioux Indians e Kingston Colonials dell'anno precedente era stata giocata di notte, per quanto incredibile possa sembrare, sotto le luci ad arco del Driving Park. La prima partita notturna della Major League non ebbe luogo fino al 1935.

Molti Major Leaguers passarono attraverso la vecchia HRL, sia durante la loro salita che durante la discesa. La maggior parte di questi nomi sono noti solo a pochi storici: Elmer Steele, Joe Lake, Ernie Lindeman, Pete Cregan, Al Burch, George Gibson, Heinie Beckendorf, Phil Cooney, Pete Lamar. Tra questi ci furono tre autentici protagonisti: Jimmy Dygert del team Poughkeepsie del 1903 che come spitballer con i Philadelphia A's nel 1907 aveva realizzato un record di 21-7 che includeva tre vittorie per shutout in quattro giorni; George McQuillan dei Paterson del 1905, un Major Leaguer per dieci anni e che con i Phillies nel 1910 fu leader della League con una ERA di 1.60; e l'inimitabile Dan Brouthers.

L'Hall of Famer fu indubbiamente il più temuto slugger del diciannovesimo secolo. Brouthers giocò prima base per Poughkeepsie nel 1903-05 e per Newburgh nel 1906. La splendida carriera di Big Dan nelle Major terminò con i Phillies nel 1896, nonostante la sua media battuta di .344 all'età di 37 anni, due punti sopra la sua media vita. Il 1897 segnò il suo esilio a Springfield guidando l'Eastern League nella battuta (.415, con 208 valide), ma mentre il nuovo secolo bussava alle porte, tornò a casa a Wappingers Falls. Quando un nuovo campionato aprì le sue porte proprio dietro l'angolo della sua fattoria di cavalli, tuttavia, ritornò sulla scena. Il 1° giugno 1904, in una partita al Driving Park dei Saugerties, Brouthers andò 6 su 6 con un grand slam e un homer da tre punti. Merce Farrell dei Saugerties, intervistato da John Thorn nel 1981 quando aveva 83 anni, ricordava quella partita dichiarando che i due fuoricampo del vecchio giocatore erano le palle battute più lunghe che chiunque nella città avesse mai visto o avrebbe mai visto. Alla fine dell'anno il 46enne Brouthers fini per guidare il campionato in battuta con una media di .373 e come ricompensa furono persino convocati i New York Giants alla fine della stagione per giocare in due partite.

Come avete letto ci sono state storie e stelle anche allora in ogni angolo d'America come appunto la vecchia Hudson River League che chiuse i battenti alla fine della stagione 1907.

(*) John Thorn si innamorò per la prima volta del National Pastime lanciando le figurine del baseball agli angoli delle strade di New York City. Fu poco dopo essere emigrato in America con i suoi genitori sopravvissuti all'Olocausto nel 1949. Scoprì rapidamente che poteva vincere una figurina del grande Jackie Robinson, l'eroe dei Brooklyn Dodgers Hall-of-Famer, rischiando solo un Wally Westlake, un giocatore di St. Louis Cardinals poco conosciuto. Thorn non solo eccelleva nel lanciare le figurine, ma memorizzava i fatti e le immagini contenute sul retro di ciascuna. Oggi è uno dei principali scrittori e ricercatori americani di baseball con oltre 70 libri al suo attivo, tra cui Treasures of the Baseball Hall of Famee; la serie di enciclopedia Total Baseball; e il suo ultimo, Baseball in the Garden of Eden: The Secret History of the Early Game. È stato consulente creativo senior per la serie "Baseball" di Ken Burns; e l'ex Commissioner Bud Selig lo ha nominato storico ufficiale della Major League Baseball; è solo la seconda persona a ricoprire la carica dalla sua creazione nel 1999.

Riferimento: Baseball’s First All-Star Game di John Thorn 9/7/2012

 

 

100 anni dopo, guardando al "Perfect Game" di Ernie Shore

Ernest Grady Shore

All'inizio del 1961, quasi 44 anni dopo l'evento, Al Laney ricordava l'eccezionale performance del pitcher Ernie Shore contro i Washington Senators con un memorabile articolo nel New York Herald Tribune: "Un sabato dell'estate del 1917 al Fenway Park, a Boston, un giovanotto alto e magro si era seduto all'estremità della panchina dei Red Sox preparandosi ad un lungo pomeriggio di ozio. Il doubleheader con Washington era iniziato ma non era il turno di Shore per lanciare".

Gli eventi che seguirono presero la forza di una leggenda del baseball. Il lanciatore di Boston, Babe Ruth, si innervosì dopo aver dato la base su ball a Ray Morgan, il leadoff e il battitore più importante di Washington; Ruth subito dopo affrontò l'arbitro Brick Owens contestando i balls e gli strikes, subendo una rapida espulsione; Shore entrò in partita e, dopo che Morgan fu eliminato mentre rubava la seconda sul primo lancio, eliminò 26 battitori consecutivi, dando vita a quello che, per molti anni, sarebbe stato considerato un perfect game.

Ernie Shore e Babe Ruth

La partita di Shore è probabilmente l'evento del baseball più ricordato del 1917. L'unico sfidante plausibile più importante della stagione fu la doppia no-hit Red-Cubs che ebbe luogo quasi due mesi prima, il 2 maggio. Fred Toney dei Cincinnati Reds e Hippo Vaughn dei Chicago Cubs furono intoccabili nell'unica partita in cui nessuna delle due squadre ottenne una valida in nove inning. Tuttavia, a causa della serie di circostanze mai ripetute che circondano il successo di Shore, l'impresa di Ernie segue giustamente il "Merkle Game" del 1908 e Gara 7 delle World Series del 1912 come il momento più ricordato della Deadball Era.

A 26 anni, Shore era tutt'altro che un lanciatore novizio. Dopo aver lanciato superbamente in entrambe le World Series del 1915 e del 1916, Shore era già un lanciatore formidabile, seppure sottovalutato. Aveva la sfortuna di essere perennemente nell'ombra di Babe Ruth, sua ex coinquilino. La fama che Shore avrebbe normalmente ricevuto per aver vinto sia le partite di apertura che quelle decisive delle World Series del 1916 fu surclassata da Ruth che aveva lanciato 13 inning shutout nella seconda partita, in quello che Hugh S. Fullerton scrisse sul New York Times il giorno successivo: "La più grande partita delle World Series mai giocata, dinanzi alla più grande folla che abbia mai visto". Ruth fu sostenuto da una grande difesa durante la seconda partita e il fatto che Shore non avesse concesso nessun punto e un complete game nella quinta partita decisiva sono dettagli che sono stati dimenticati nel tempo.

Oggi, come allora, la performance di Shore del 23 giugno 1917 è vista prima di tutto attraverso la lente di Ruth. Anche nel necrologio di Shore del 1980 sul New York Times, i due rimasero collegati, con il titolo "Ernie Shore; Pitched A Rare Perfect Game After Relieving Ruth" allontana almeno parzialmente i riflettori dall'ex pitcher destro dei Red Sox. In Babe: The Legend Comes To Life, Robert Creamer ha offerto questo riassunto della dinamica:

"Shore lanciò nelle minor league con Ruth a Baltimora ed era un pitcher migliore di Babe; eppure Ruth fu adulato molto più di Shore. Quando i due furono venduti insieme ai Boston Red Sox, i giornali commentarono che la transazione non poteva che essere una buona cosa per i Red Sox a causa di Ruth. Ma con Boston fu Shore per primo a iniziare come partente, mentre Ruth vacillò e per un po' venne rimandato nelle minor ...

Nel 1917 Shore lanciò un perfect game, una delle imprese più rare nel baseball. Babe aveva iniziato quella partita e fu espulso dall'arbitro di casa base prima che venisse fatto nessun out. Shore, mandato in fretta sul monte a sostituire Ruth, non permise a nessuno di raggiungere la prima base nei nove inning completi che seguirono e fu accreditato di un perfect game. I fans del baseball ricordano più questa partita a causa di Ruth che a causa di Shore. Anche allora, nel suo più grande giorno nel baseball, la solida impresa di Shore fu messa in ombra dalla personalità di Babe".

Clarence Bernard "Brick" Owens

I racconti dello scontro di Ruth con l'arbitro Brick Owens delineano la stessa sequenza generale di eventi ma differiscono nelle descrizioni. Nella storia della partita del Boston Globe pubblicata il giorno successivo, Ruth si sarebbe agitato per due lanci chiamati ball durante la partita contro Morgan. "Entra qui e lancia", ordinò Owens. "Apri gli occhi e tienili aperti", cinguettò Babe. "Entra e lancia o ti espello", rispose l'arbitro. "Mi scacci e io verrò a prenderti per il naso", minacciò Ruth. "Esci da lì ora", disse Brick. La storia poi racconta che il catcher Pinch Thomas (che nell'articolo in questione viene nominato con il suo nickname "Chester Thomas") cercò di mettersi tra Ruth e Owens, che indossava ancora la maschera. Ma Ruth cominciò a muovere entrambe le mani, colpendo Owens con la mano destra dietro l'orecchio sinistro. Infine, il manager Jack Barry e diversi poliziotti dovettero trascinare Ruth fuori dal campo".

Il racconto di Creamer usa dialoghi completamente diversi: "Apri gli occhi!", urlò Ruth, "Apri gli occhi!". "È troppo presto per lamentarti", urlò l'arbitro. "Lancia dentro!". Ruth calpestò il monte con rabbia, caricò e lanciò di nuovo. "Quarto ball!", sbottò Owens. Ruth corse verso il piatto. "Perché non apri i tuoi dannati occhi?", urlò. "Torna là fuori e lancia", gridò Owens, "O ti manderò fuori dal gioco". "Mi fai uscire dal gioco e ti prendo per il naso". Owens attraversò il piatto e agitò il braccio. "Fuori di qui!", gridò, "Hai finito".

"Ruth lo caricò immediatamente, continua Creamer. Chester Thomas, il ricevitore, si mise tra il lanciatore arrabbiato e l'arbitro, ma Ruth menò comunque le mani, sopra la spalla del ricevitore. Sbagliò con un destro, ma il sinistro colpì Owens sulla parte posteriore del collo. Ruth era in delirio, e Thomas e Jack Barry, che arrivarono di corsa al piatto, dovettero allontanarlo dall'arbitro. Un poliziotto scese giù dagli spalti e accompagnò Ruth, ancora in fiamme, fuori dal campo".

Ma il resoconto di Ruth nella sua autobiografia, The Babe Ruth Story raccontata a Bob Considine, complica ulteriormente le cose, poiché Ruth si riferisce erroneamente a Eddie Foster per il primo battitore (Foster era secondo nel lineup), dicendo che aveva minacciato di colpire Owens "alla mascella " (piuttosto che al naso, come citato da Creamer), e che Thomas e altri giocatori lo trascinarono fuori dal campo, senza menzionare l'intervento della polizia. Scrivendo su Sports Illustrated nel 1962, Mal Mallette disse che Ruth aveva tirato un "forte pugno destro", notando che alcuni avevano detto che Ruth aveva tirato un pugno sulla mascella di Owen mentre altri dissero che aveva colpito l'umpire dietro l'orecchio sinistro. Forse gli unici dettagli universalmente condivisi sono contenuti in un titolo contemporaneo, che riassume succintamente gli eventi: "Shore Is Not Hit; Umpire Is, by Ruth".

Ma la cosa più insolita della partita di Shore è che, con tutta l'attenzione prestata al litigio con Ruth, l'azione sul campo che seguì è solitamente discussa in modo molto meno dettagliato. Ancora una volta, Shore sembra essere stato sminuito dal giocatore e personaggio più famoso del baseball. È quasi come se le prestazioni di Shore, sebbene efficienti, non avessero colore sufficiente per meritare molto più delle banalità o delle generalità. Un esempio rappresentativo, la già citata storia di Laney: "Concessi solo cinque lanci di riscaldamento, Shore salì sul monte, e quando tutto finì due ore dopo egli aveva raggiunto quella rarissima impresa nel baseball, il perfect game".

L'articolo del vecchio Globe offre il racconto più completo dell'azione del gioco, dicendo:

"Ernie era appena entrato con calma. Si mise bene in campo dalla sua posizione ed era pronto per qualsiasi intrattabile bunt che gli avversari avrebbero potuto provare a mettere giù. Ma strano a dirsi i Griffmen (i giocatori del manager Clark Griffith) erano lontani da quella roba, basandosi soprattutto sul sistema di slam-bang. Il pitcher della North Carolina fu in debito con Scotty (l'interbase Everett Scott) e Duffy Lewis per averlo aiutato ad ottenere il suo record. L'interbase Scott (soprannominato Bluffton Kid) derubò Charlie Jamieson di una valida nel quinto quando una palla colpita duramente fu deviata da Shore, e Scotty fu obbligato a correre velocemente per recuperarla. Tuttavia, con un pick-up con una sola mano eliminò il corridore.

Nel settimo, "Duff" prese sulla recinzione una volata di Morgan e nell'ultima parte della partita corse come un fulmine portando via una valida che John Henry aveva piantato corta a sinistra. Shore mise strikeout solo due battitori e non sembrò che stesse lavorando sodo. Fece un numero di giocate ingegnose lui stesso. Barry chiuse il gioco con una grande giocata su un swinging bunt da parte del pinch hitter Mike Menosky. ... Quando in seguito gli chiesero della proprietà di un bunt - swing o no - alla fine di una no-hitter, Shore rimase impassibile, dicendo: "Così è il mondo del manager Clark Griffith. Non ha mai dato qualcosa agli avversari".

La vignetta del cartoonist Wallace Goldsmith che racconta i fatti salienti della storica partita

In un'intervista del 21 maggio del 1952 pubblicata su The Sporting News, Shore aveva dichiarato: "Non ho mai visto una squadra più debole nel baseball di quella di Washington quel giorno. Difficilmente riuscirono a far uscire la palla dall'infield per tutto il giorno". Shore, tuttavia, disse anni dopo che la sua miglior partita fu una vittoria in 13 inning per 1-0 contro i Detroit Tigers nel 1915, e aggiunse, "Se la mia palla veloce si rompeva, poteva picchiarla chiunque".

Originariamente fu considerato un perfect game poichè Shore aveva eliminato 27 battitori consecutivamente dopo essere entrato in partita, incluso il baserunner che aveva ereditato, il gioco venne successivamente cambiato in una no-hitter combinata a seguito di una rivalutazione della Major League Baseball nel 1991 sotto la direzione del Commissioner Fay Vincent. Vista la domanda che è rimasta fin dall'inizio di come Shore avrebbe potuto lanciare un gioco perfetto quando non aveva lanciato un gioco completo, disse: "Non so cosa intendessero quando hanno detto che non avevo lanciato un gioco completo. Ma quando è completo? Devi eliminare 27 battitori, ne ho fatti 26, l'altro è stato eliminato mentre stavo lanciando. Nessun altro lanciatore ha eliminato un singolo battitore".

Proprio come successe a Harvey Haddix, a cui non fu attribuita per lungo tempo una no-hit in una partita in cui aveva concesso una valida, Shore non sarebbe entrato nel club dei pitcher che avevano lanciato un gioco perfetto a causa di un corridore che aveva raggiunto la base. Sebbene non sia più il terzo lanciatore dell'era moderna, seguendo Cy Young e Addie Joss, a lanciare un perfect game, Shore fece notare che la novità del gioco stesso rendeva il suo sforzo maggiormente ricordato del perfect game di Charlie Robertson (i Detroit Tiger si lamentarono che aveva alterato la palla per tutto il gioco...).

Dopo il suo ritiro, Shore divenne sceriffo della contea di Forsyth nel North Carolina, prestando servizio per 36 anni. Fu il primo sceriffo del North Carolina a dotare le auto della polizia di apparecchi ricetrasmittenti, secondo il New York Times, e divenne anche presidente della State Sheriff's Association. Il ballpark di Winston-Salem, nel North Carolina, è stato anche nominato in onore di Shore.

Laney riferì nel 1961 che il 69enne Shore era "lo stesso magro giovane del Fenway di fronte al quale la vita arrise così piacevolmente nel 1917". La fama di Shore dal baseball si estese anche nella sua vita post-sportiva: "Praticamente tutti hanno sentito parlare di me", disse Shore, "se devo catturare un prigioniero in qualche posto remoto, generalmente ricevo un trattamento speciale che non avrei ottenuto altrimenti, la gente mi chiede sempre di quella partita. Non posso dire che mi dispiaccia davvero". Nella seconda partita di quel doubleheader, incidentalmente, Dutch Leonard lanciò un complete game contro Walter Johnson mentre i Senators ottennero solo quattro valide.

"Ernie Shore aveva lanciato molte belle partite a Boston, incluse le vittorie della World Series, ma non avrebbe mai lanciato un'altra partita come questa"
, disse Laney. "Dì il suo nome ovunque si sappia di baseball, e quel giorno al Fenway ti verrà in mente". Perfect game o no, la straordinaria performance di Shore di 100 anni fa rimane uno dei momenti più caratteristici della Deadball Era e, molto simile alla partita di Merkle, è connotata da una confluenza di eventi che i fans del baseball sicuramente non rivedranno mai più.

Box Score Washington Senators vs. Boston Red Sox, 23/06/1917

Riferimenti da: McMurray: 100 years later, looking back at Ernie Shore's 'perfect game' di John McMurray del 20/06/2018; https://www.baseball-reference.com

 

 

Cronologia dell'integrazione del baseball USA

John Thorn famoso storico dello sport nel suo blog Our Game il 23 marzo 2015 ha pubblicato, su richiesta dell'ufficio del Commissioner della MLB, una cronologia di Jackie Robinson che presto si è estesa a una linea temporale dell'integrazione del baseball. Precisando che lo schema non può sostituire una più ampia comprensione dell'esperienza afroamericana nel baseball o nella società in generale può fornire, però, un punto di ingresso sul tema. Thorn ricorda nell'articolo che una bella panoramica sull'argomento - anzi la migliore che lui conosca - è "Black Ball" di Jules Tygiel.

1820: lo schiavo Henry Rosecranse Columbus Jr. gioca a baseball a Kingston, NY (la schiavitù non venne abolita nello Stato di New York fino al 1827).

1831: William Lloyd Garrison inizia la pubblicazione del giornale abolizionista The Liberator. Inoltre, Nat Turner guida la ribellione di maggior successo degli schiavi nella storia degli Stati Uniti.

Anni 1840: gli afroamericani giocano a baseball vicino a Madison Square.

1847: Frederick Douglass inizia la pubblicazione del giornale abolizionista The North Star.

Anni 1850: gli schiavi giocavano a baseball nel sud, come attestano alcuni anziani afroamericani intervistati dagli scrittori WPA negli anni '30.

1855: due club afroamericani, il St. John's Club di Newark e l'Union Club (sede sconosciuta) giocano una partita a Newark, New Jersey il 23 ottobre, sospesa per la pioggia dopo due inning - Newark Daily Mercury, 24 ottobre 1855.

1857: In Dred Scott v. Sandford, la Corte Suprema degli Stati Uniti sostiene la schiavitù (Per saperne di più).

1858: l'Hunter Club, di Flushing, NY, sconfigge Jamaica, Henson Club di New York (entrambi neri) di quindici punti.

1859: gli afroamericani formano tre club nell'area di Brooklyn: Unknowns di Weeksville, Henson di Jamaica e i Monitor di Brooklyn; questi saranno seguiti dagli Uniques e dagli Union, entrambi di Williamsburgh.

Abner Doubleday

1861: la guerra civile inizia con il combattimento a Fort Sumter, Carolina del Sud; Abner Doubleday (l'inventore del gioco) non aveva ancora iniziato con il baseball, ma sparò qui il primo colpo dell'Unione in risposta alla raffica di colpi dei confederati, era iniziata la guerra civile.

1863: Proclamazione dell'Emancipazione (Per saperne di più).

1865: Luther B. Askin di Northampton, Massachusetts, gioca in una squadra totalmente bianca, i Florence Eagles.

1866: il Civil Rights Act del 1866 viene approvato dal Congresso contro il veto presidenziale di Andrew Johnson. Tutte le persone nate negli Stati Uniti diventavano da questo momento cittadini (Per saperne di più).

1867: la Color Line viene suggellata dalle formazioni della National Association of Amateur Base Ball Players che si incontrano a Philadelphia. Il presidente ad interim James Whyte Davis dei Knickerbockers raccomanda l'esclusione dei club afroamericani dall'Association, dicendo, "Non si presume dalla vostra commissione che qualsiasi club che ha fatto domanda sia composto da persone di colore o in qualsiasi parte da loro; e le raccomandazioni della vostra commissione in questo rapporto si basano su questo punto di vista, e riferiscono all'unanimità contro l'ammissione di qualsiasi club che può essere composto da una o più persone di colore". A titolo di spiegazione, la DeWitt Base Ball Guide del 1868 aggiunge, a pagina 85: "Se si ammettessero club di colore ci sarebbe, con ogni probabilità, una divisione dei sentimenti, mentre, escludendoli, nessun danno potrebbe essere arrecato a nessuno ...".

Lettera indirizzata a Jacob White del Pythian Base Ball Club

1868: i clubs Eurekas e Adelphi, di Nyack, NY, giocano per il "colored championship". Gli "Eurekas" sconfiggono gli "Adelphi" con il punteggio di 43 a 13.

1869: primo caso di un club nero che gioca contro uno bianco. La formazione di colore dei Mutuals così come quella degli Alerts (entrambi di Washington, DC) giocano partite contro i Washington Olimpics, un club bianco di alto livello il cui cofondatore e presidente è Abraham G. Mills, in seguito presidente e capo della National League e della Special Commission (sulle origini del baseball) del 1905-07. Gioca per i Mutuals un figlio di Frederick Douglass (Per saperne di più). Nello stesso anno l'Union Club di Catskill, NY (nero) sconfigge l'Independent Club di Kingston, NY (bianco) con il punteggio di 36 a 7. Il servitore nero dell'ex senatore William V. Fiero è il capitano dei Catskill.

1870: il Mutual Club, di Wilmington, NC, e il Mutual Club, di Washington, DC, accettano di giocare per il "colored championship of the United States". Nello stesso anno: il Cambria Club, di Providence, RI, domina il locale campionato di baseball amatoriale locale. I "Cambrias" incrociano le mazze con squadre bianche e nere al Dexter Training Ground. A Jersey City, nel frattempo, il 31 agosto, quando una partita programmata non viene giocata, otto membri del Champion Club di Jersey City giocano in nove selezionati "senza rispetto di età o colore". La partita provoca molti commenti, come riportato nel Evening Journal (Jersey City) il giorno successivo.

Base Ball in Blackville di Solomon Eytinge Jr. (illustrazione ingrandita)

1874: l'illustratore grafico Solomon Eytinge Jr. crea per Harper's Weekly la prima rappresentazione visiva conosciuta immaginando la segregazione nel baseball: "Base Ball in Blackville".

1875: William Fisher ("lanciatore professionista" per i Chicago Unique Club, nero) viene assunto da Winona, Clipper Base Ball Club di Minnesota (bianco). Fisher lancia contro i Janesville, WI, Mutuals, sconfiggendoli con un punteggio di 13 a 7. Successivamente, l'hurler nero confessa di aver lanciato una partita contro i Red Caps per 250 $.

1877: con il Compromise of 1877, il repubblicano Rutherford B. Hayes ritira le truppe federali dal Sud in cambio dell'elezione a Presidente. Il compromesso conclude formalmente il periodo di ricostruzione.

1878: Bud Fowler lancia per un club integrato, i Chelseas, e sconfigge i Boston Red Stockings della National League in un partita dimostrativa.

1879: William Edward White, studente della Brown University e figlio di uno schiavo della Georgia gioca in prima base in una partita per i Providence Greys della National League contro i Cleveland Blues.

1881 La squadra di baseball dell'Oberlin College con Fleetwood Walker (seduto a sinistra) e Weldy Walker (in piedi nell'ultima fila, secondo da destra)

1883: Durante la stagione del campionato dei St. Louis Black Stockings, la squadra di Henry Bridgewater gioca con giocatori bianchi e neri semi-professionisti e amatori in Indiana, Missouri, Michigan, Ohio e Ontario.

1888 Syracuse con Fleet Walker (in alto a sinistra) e Bob Higgins (in basso a sinistra)

1884: i fratelli Moses Fleetwood Walker e Weldy Wilberforce Walker giocano nelle major league con Toledo nell'American Association (una major nel periodo 1882-91). Sono gli ultimi neri in MLB fino a Jackie Robinson nel 1947.

La foto presenta tredici membri del club pioneristico dei Cuban Giants, tra cui Andrew Randolph, Harry Johnson, Ben Holmes, Shep Trusty, Art Thomas (che a metà degli anni 1880 fu offerto ma rifiutò un contratto per giocare con Philadelphia nelle Major League) G. Day , Billy Whyte, Ben Boyd, George Parego, Clarence Williams, G. Shadney, Milton Dabney (proprietario originale di questa foto) e S. Epps

1885: nel mese di agosto tre squadre (Keystone Athletics di Philadelphia, i Manhattan di Washington DC e gli Argyle di Babylon NY) si uniscono per formare i Cuban Giants, il più famoso e influente gruppo di professionisti neri del diciannovesimo secolo. Nello stesso anno: Rough and Ready Club, di Wilmington, NC, sconfigge il Blue Ridge nel campionato locale di donne nere con un punteggio di 18 a 0. Amelia Bradley è la capitana di "Rough and Readys". Norman Van Dyke gioca all'interbase per il club di Perth Amboy, di Rahway, NJ (bianco). Nel 1887, Van Dyke giocherà per i Cuban Giants di Trenton.

1887: ai neri è vietato firmare nuovi contratti nella International League, anche se diversi giocatori di colore sono "esentati" per alcuni anni.

1889: i Cuban Giants rappresentano Trenton, N.J., nella (altrimenti bianca) Middle States League. Negli anni successivi molte altre squadre tutte nere partecipano a campionati minori, l'ultimo dei quali è Celoron, N.Y., Acme Colored Giants della Iron & Oil League del 1898.

1892: il 15 ottobre Charles Leander "Bumpus" Jones lancia una no-hit nella sua prima partita in Major League per i Cincinnati Reds. Le prove ora suggeriscono che fosse un afroamericano che è passato per bianco durante la sua carriera di baseball.

La squadra dei Page Fence Giants con Sol White (secondo da sinistra)

1895: i Page Fence Giants, tutti neri, vincono 118 partite su 154, con due delle loro sconfitte contro la formazione di Major League dei Cincinnati Reds.

1896: in Plessy v. Ferguson, la Corte Suprema degli Stati Uniti sostiene la segregazione razziale per legge di strutture "separate ma uguali". La decisione ha confermato la costituzionalità delle leggi statali che richiedono la segregazione razziale nei servizi pubblici. Homer Plessy, un creolo di colore, aveva sfidato l'usanza locale nel 1892. Il trentenne Plessy fu incarcerato per essersi seduto sul sedile per soli bianchi del treno East Louisiana Railroad. Plessy era stato un membro del club Pickwick Base Ball nero alla fine del 1880 (Per saperne di più).

1899: Bill Galloway diventa l'ultimo afroamericano nel baseball organizzato, giocando cinque partite per Woodstock, Ontario, nella Canadian League. Fatta eccezione per Jimmy Claxton, che passò per breve tempo come nativo americano con gli Oakland Oaks della Pacific Coast League nel 1916, Galloway è l'ultimo nero ad aver firmato per le minor fino a Jackie Robinson il 23 ottobre 1945.

1900: la Cuban League diventa razzialmente integrata con l'aggiunta di una squadra tutta nera, i San Francisco B.B.C., che vince il pennant nella sua prima stagione.

Charlie Grant

1901: il manager dei Baltimore Orioles John McGraw tenta di far passare la seconda base Charlie Grant dei Columbia Giants come un nativo americano di nome Chief Tokohama, fino a quando il presidente dei Chicago White Sox Charles Comiskey scopre lo stratagemma.

1905: William Clarence Matthews, ex interbase per Harvard, gioca per Burlington nell'Independent Vermont League (conociuta come Northern League). Affrontando una considerevole resistenza razzista, lascia il baseball professionistico, diventa avvocato e alla fine svolge il ruolo di Procuratore generale aggiunto degli Stati Uniti nell'Amministrazione Coolidge.

1907: Nove giocatori afroamericani entrano a far parte delle squadre della Cuban League, inaugurando una lunga tradizione di Negro leaguers che giocano professionalmente in America Latina.

Il 26 Dicembre 1908 Jack Johnson diventa il primo pugile afroamericano della storia del pugilato a conquistare la cintura dei Pesi Massimi sconfiggendo in Australia Tommy Burns

1908: Jack Johnson vince il titolo mondiale di pugilato dei pesi massimi. Durante l'anno, in autunno, i Cincinnati Reds disputano una serie di partite contro le squadre della Cuban League a L'Avana, finendo 6-6-1, e perdendo anche una partita contro i Brooklyn Royal Giants, squadra nera degli Stati Uniti, 9 a 1. Nei cinque anni successivi diverse squadre della Major League, tra cui i New York Giants, i Philadelphia Athletics e i Detroit Tigers, giocarono a L'Avana una serie di esibizioni contro squadre che spesso presentano giocatori americani di colore.

1909: Pete Hill e Bruce Petway sono raffigurati nel set di figurine Cabañas stampate a Cuba, diventando i primi giocatori di baseball degli Stati Uniti neri raffigurati su baseball cards.

Anni 1910: molti club duraturi di soli neri - Cuban Giants, Lincoln Giants, All-Nations, e altri - sopravvivono e anche prosperano in questo periodo, ma spesso sono in vita grazie alla sensibile e interessata compassione di promotori bianchi e proprietari di campi da baseball bianchi.

1911: un catcher afroamericano di nome Bill Thompson gioca per Bellows Falls, nel Vermont, nella indipendente Tri-State League, senza polemiche. Due anni dopo, il club Bellows Falls prova a firmare il lanciatore nero Frank Wickware, ma la squadra avversaria si rifiuta di scendere in campo contro di lui.

1914: nelle Filippine, la squadra All-Marines lascia la lega professionale di Manila e viene sostituita da una squadra del 24th Infantry, uno dei reggimenti segregati "Buffalo Soldier". Oltre al 24th, il campionato ha due squadre bianche (Manila e All-Army) e una di nativi filippini. Il futuro Hall of Famer Oscar Charleston è l'ace pitcher per il 24th, e Wilber Rogan il suo ricevitore. Anche quest'anno: il promotore bianco di Kansas City J.L. Wilkinson organizza la squadra All-Nations, che comprende bianchi, neri, indiani, asiatici e latino americani.

1919: scontri razziali "Red Summer" a Chicago, Washington, DC; Knoxville, Indianapolis e Omaha (Per saperne di più).

Rube Foster

1920: Rube Foster dei Chicago American Giants crea la Negro National League. È almeno il terzo e probabilmente il quarto tentativo di una League tutta nera, ma questa prende piede, e tre anni dopo attira una rivale, la Eastern Colored League. Sempre nel 1920, Tom Wilson fonda la Negro Southern League e Fritz Pollard e Bobby Marshall diventano i primi due giocatori afroamericani in quella che presto diventa la National Football League.

1924 Negro League World Series, Hilldale di Darby, PA, contro i Monarchs di Kansas City, MO, (foto ingrandita)

1924: prima Worl Series delle Negro League. Pedro Dibut lancia per i Cincinnati Reds il 1 maggio, diventando il primo giocatore ad apparire in entrambe le organizzazioni delle Negro League e nelle Major bianche, dopo aver giocato con i Cuban Stars della Negro National League nel 1923. Due altri giocatori, Ramón "Mike" Herrera e Oscar Estrada, avrebbero fatto lo stesso salto negli anni '20.

1925: A. Philip Randolph organizza e guida la Brotherhood of Sleeping Car Porters, il primo predominante sindacato nero. Nell'anno i Wichita Monrovians della Colored Western League affrontano il club di baseball tutto bianco dei Ku Klux Klan (Per saperne di più).

1926: Tre squadre bianche (Allentown, Camden, Chester) formano una nuova Interstate League con tre squadre della Eastern Colored League (Harrisburg Giants, Bacharach Giants e Hilldale). La League dura solo mezza stagione. Il club di Camden include Tin Lai, un giocatore di origini cinesi delle Hawaii.

1928: l'11 ottobre, lo slugger di Homestead Grays John Beckwith colpisce tre fuoricampo contro il lanciatore dei Philadelphia Athletics Rube Walberg. E' la prima volta che un giocatore afro-americano batte tre homer in una partita contro un lanciatore di major league in attività. Anche due Hall of Famers hanno battuto un fuoricampo durante la partita: Jimmie Foxx e Martin Dihigo. I Grays sconfiggono le all-stars dell'American League 12-10. La partita è stata giocata a Butler, PA.

1933: Gus Greenlee di Pittsburgh unifica le franchigie in una Negro National League ringiovanita. Il primo All-Star Game East-West si gioca a Chicago, che diventa, per il black baseball, un evento più grande e più importante delle World Series annuali.

1934-35: la squadra barnstorming di Dizzy Dean viaggia per la nazione accompagnata dai "Satchel Paige All-Stars". In una memorabile partita del 1934, che il dirigente di baseball Bill Veeck indica come "la più grande battaglia di pitching che abbia mai visto", Paige sconfigge Dean 1-0.

1935: La Berkeley (CA) International League del 1935, un circuito semipro, comprende afroamericani, caucasici, asiatici e ispanici.

1936: Jesse Owens vince quattro medaglie d'oro alle Olimpiadi estive del 1936 a Berlino.

Nel 1937, a Chicago, conquistò il titolo mondiale dei pesi massimi battendo James Braddock e lo conservò ininterrottamente, difendendolo 27 volte, per 12 anni, fino al 1949 quando annunciò ufficialmente il ritiro dal ring e la rinuncia, per conseguenza, al titolo

1937: Joe Louis diventa il campione mondiale dei pesi massimi nel pugilato, che è stato lo sport professionale più integrato in America. Jackie Robinson, di 18 anni, si iscrive al Pasadena Junior College, dove è una star in ogni sport a cui si dedica. Un secondo circuito nero di altissimo livello, la Negro American League, è formato nel Midwest e nel Sud.

Jackie Robinson con la casacca di Pasadena Junior College

1939: Jackie Robinson si trasferisce alla UCLA, dove continua a eccellere. È uno dei quattro giocatori neri della squadra di football, con Woody Strode, Kenny Washington e Ray Bartlett.

1941: la March on Washington Movement, organizzata da A. Philip Randolph, e Bayard Rustin convince il presidente Franklin D. Roosevelt a emanare l'Executive Order 8802 nel 1941, vietando la discriminazione nelle industrie della difesa durante la seconda guerra mondiale. Jackie Robinson lascia la UCLA poco dopo la laurea, e gioca a football professionistico alle Hawaii (Per saperne di più).

1942: Nate Moreland e Jackie Robinson chiedono un tryout al training camp dei White Sox a Pasadena, in California. Branch Rickey, GM da lungo tempo dei St. Louis Cardinals, si unisce ai Brooklyn Dodgers. Jackie Robinson viene arruolato nell'esercito.

1943: alle riunioni dei proprietari, presieduta dal giudice Landis, il famoso baritono e attivista Paul Robeson e altre personalità nere incontrano Kenesaw Mountain Landis nel tentativo fallito di convincerlo ad ammettere i giocatori neri alla Major League Baseball.

1944: Jackie Robinson viene giudicato dalla corte marziale per insubordinazione ma viene assolto. Riceve un congedo con onore e scrive ai dirigenti dei Kansas City Monarchs per giocare a baseball.

1945: il giornalista sportivo nero di People's Voice, Joe Bostic, porta al training camp dei Brooklyn Dodgers a Bear Mountain, New York, due giocatori della Negro League, Terris McDuffie e Dave "Showboat" Thomas, e chiede un tryout. A Boston, i Red Sox, sotto la pressione del popolare editorialista Dave Egan e del consigliere comunale Isidore Muchnick, accettano di visionare Sam Jethroe, Marvin Williams e Jackie Robinson. Senza alcun seguito, Robinson gioca per i Monarchs e poi in autunno si unisce alla squadra barnstorming dei Kansas City Royal di Chet Brewer, con sede in California. Durante questo periodo, dopo anni di desiderio di agire sui suoi principi e sul suo senso di ottenere un vantaggio competitivo, Rickey culmina con i suoi sforzi di scouting - e il suo sotterfugio dei Brooklyn Brown Dodgers - firmando Jackie Robinson con un contratto con i Royal Montreal, la principale affiliata di Brooklyn. La data del contratto è firmata a Montreal, dove avrebbe giocato nel 1946, il 23 ottobre, ma Rickey aveva incontrato Robinson negli uffici dei Dodgers a Brooklyn (215 Montague Street) il 28 agosto. Sentiva di dover agire rapidamente questa volta perché l'Ives-Quinn Act, che bandiva la discriminazione razziale nel mondo del lavoro nello Stato di New York, era passato in primavera. Sempre in questo anno, Jesse Owens e Abe Saperstein, insieme all'High Marine Club di West Oakland, sviluppano il progetto di una West Coast Negro League. Questo è in diretto conflitto con l'esistente Pacific Coast League, che è diretta da Clarence Rowland.

1946: La West Coast Baseball Association presenta un problema per la Pacific Coast League, nel tentativo di diventare la terza major league. I clubs della PCL si rifiutano di affittare i campi nei giorni di riposo alla Negro League proposta. Inoltre, Robinson partecipa allo spring training a Daytona Beach con i Montreal Royals. Il 18 aprile, l'Opening Day per i Royals a Jersey City; Robinson va 4 su 5 con un fuoricampo da tre punti e due basi rubate. Montreal continua a vincere il pennant dell'International League e la Little World Series (contro il vincitore del pennant dell'American Association).

Opening Day a Jersey Cit il 18 aprile del 1946, George Shuba, a sinistra, si congratula con Jackie Robinso dopo il suo fuoricampo da tre punti

1947: 15 aprile, Robinson fa il suo debutto all'Ebbets Field, giocando in prima base. Si sarebbe trasferito in seconda base nel 1948. Il lanciatore afro-americano Dan Bankhead si unirà ai Dodgers più tardi nel 1947; Larry Doby spezza la linea del colore con i Cleveland Indians nella American League. Roy Campanella e Don Newcombe sarebbero arrivati ​​presto, così come Monte Irvin, Minnie Minoso e Satchel Paige.

1948: Il leader dei diritti civili A. Philip Randolph e la Brotherhood of Sleeping Car Porters fanno pressioni sul presidente Harry S. Truman per emettere l'Executive Order 9981, ponendo fine alla segregazione nei servizi armati (Per saperne di più (Per saperne di più).

1949: Robinson vince gli onori di MVP della NL e gioca nella sua seconda World Series in tre anni. A metà estate è chiamato a testimoniare davanti alla House Un-American Activities Committee (HUAC) Comissione per le attività antiamericane, dove critica Paul Robeson, un'azione che poi rimpiange. Sempre in questo anno, i White Sox di Chicago assumono John Donaldson, ex lanciatore stellare, come primo scout nero a tempo pieno in MLB.

1950: La National Football League assorbe quattro club dalla rivale All-American Football Conference e quindi si "reintegra" (i neri avevano giocato negli anni '20 e nell'AAFC). I campioni della AAFC, i Cleveland Browns, hanno inserito in squadra le star nere Bill Willis e Marion Motley. La National Basketball Association si integra nello stesso anno, con tre neri: Earl Lloyd, Sweetwater Clifton e Chuck Cooper.

1951: il quarantenne star degli Homestead Grays, Sam Bankhead, entra nel baseball organizzato come giocatore-manager dei Farnham Pirates (Classe C) della Provincial League.

1952: i neri cominciano ad apparire nei club delle minor league nel sud dove sono ancora in vigore le leggi Jim Crow. I Dallas Eagles della Texas League firmano l'ex lanciatore degli Homestead Gray Dave Hoskins per diventare il "Jackie Robinson della Texas League".

Henry Aaron a Jacksonville nel 1953

1953: I fratelli di Cotton States League Jim e Leander Tugerson, vengono messi sotto contratto con i Bathers Hot Springs (AR), entrano in partita solo nel caso sia consentito dagli altri clubs. Il diciannovenne Henry Aaron, che gioca a Jacksonville, nella South Atlantic League desegregata, che comprende club in Florida, Atlanta e Georgia, mentre Bill White gioca nella integrata Carolina League.

1954: Nat Peeples rompe la linea del colore nella Southern Association, ma di fronte a un'opposizione virulenta, dura solo due settimane. In Brown v. Board of Education of Topeka, Kansas, la Corte Suprema rovescia Plessy v. Ferguson e vieta le scuole pubbliche "separate ma uguali". Eppure, nel baseball della major league, il lussuoso Chase Hotel di St. Louis informa Jackie Robinson e altri giocatori dei Dodgers neri che posson stare lì, ma devono astenersi dall'usare la sala da pranzo o la piscina o bighellonare nella hall (Per saperne di più).

1956: Jackie Robinson si ritira dal baseball, non avendo ottenuto il lavoro di manager che aveva desiderato. In quest'anno Ozzie Virgil diventa il primo giocatore in MLB della Repubblica Dominicana; ad oggi ne sono seguiti altri 617 (aggiornato al 2015).

1958: Willie O'Ree diventa il primo giocatore nero nella National Hockey League.

1959: Boston Red Sox diventa l'ultimo club della MLB ad integrarsi, con Elijah "Pumpsie" Green.

1961: i Pittsburgh Pirates collocano Gene Baker al timone del loro franchigia Batavia, spesso citato come il primo nero a dirigere nelle minor league, ma in verità il secondo dopo Sam Bankhead nel 1951 (vedi sopra).

1962 Buck O'Neil

1962: i Chicago Cubs nominano Buck O'Neil primo coach nero nelle major league. A James Meredith, un afroamericano, è vietato frequentare l'Università del Mississippi.

1963: Martin Luther King viene arrestato e imprigionato a Birmingham, in Alabama per aver "sfilato senza permesso". Il presidente Kennedy invia la proposta di legge Civil Rights Bill al Congresso, dove languisce. Viene assassinato il 22 novembre dello stesso anno.

1964: passa la legge sui diritti civili: vieta la discriminazione basata su "razza, colore, religione, sesso o origine nazionale" nelle pratiche lavorative e negli alloggi pubblici.

1965: passa la legge sul diritto di voto.

1966: Nel suo discorso di induzione alla Hall of Fame, Ted Williams dice: "L'altro giorno Willie Mays ha colpito il suo 522° fuoricampo (Williams si ritirò con 521). Mi ha superato, e sta spingendo, e gli dico: Dacci dentro, Willie. Il baseball dà a ogni ragazzo americano la possibilità di eccellere. Non solo per essere buono come qualcun altro, ma per essere bravo. Questa è la natura dell'uomo e l'essenza del gioco. Spero che un giorno Satchel Paige e Josh Gibson siano votati nella Hall of Fame come simboli dei grandi giocatori neri che non sono qui solo perché non hanno avuto la possibilità".

1972: Jackie Robinson muore, nove giorni dopo un breve discorso alle World Series in cui rimprovera la MLB per la sua continua discriminazione nelle pratiche di assunzione.

1974: Henry Aaron rompe il record in carriera di Babe Ruth per i fuoricampo.

1975: Frank Robinson diventa il primo manager nero della MLB.

1981: si stima che il 19 percento dei giocatori in MLB sia afro-americano. La maggior parte delle fonti (c'è un po' di dibattito) affermano che questo è il punteggio massimo. La percentuale di afroamericani è ora ben al di sotto del 10 percento, mentre la rappresentanza Latina continua a salire.

1987: il Commissioner Peter Ueberroth dedica la stagione alla commemorazione del quarantesimo anniversario del debutto in major league di Jackie Robinson.

Riferimenti da: ourgame.mlblogs.com di John Thorn

 

 

Anche se molte persone suppongono che il softball sia derivato dal baseball, in realtà la prima partita di questo sport nacque a causa di una partita di football. Il softball fu inventato nel Thanksgiving Day del 1887, in una ventosa giornata invernale, all'interno del Farragut Boat Club (*), a Chicago, Illinois.

Farragut Boat Club al 3016 Lake Park Avenue fi Chicago nel 1888

Partita di softball al coperto a Chicago, tra All Chicago e Illinois Central nel 1905

Un gruppo di ex studenti di Yale e Harvard che aveva atteso con ansia i risultati della partita di football tra Harvard e Yale, alla notizia che Yale aveva sconfitto Harvard 17-8, un sostenitore di Yale raccolse un vecchio guantone da boxe e lo lanciò giocosamente contro un fan di Harvard, che prontamente cercò di colpirlo con un bastone davanti al gruppo che guardò interessato.

George Hancock

George Hancock, un giornalista del Board of Trade di Chicago, scherzosamente gridò "Boys, let’s play baseball". Fu la prima partita di softball giocata con i tifosi di football che usarono il guantone da boxe come una palla e un manico di scopa al posto della mazza.

I tifosi si divisero in due squadre e presero le loro posizioni. Non c'erano regole oltre a quelle che i ragazzini utilizzavano per giocare in strada.

Fu molto divertente e alla fine Hancock chiamò i suoi colleghi e disse:

"Credo che questa faccenda possa essere trasformata in una normale partita di baseball che può essere giocata al chiuso, e se tutti verranno sabato sera, inventerò alcune regole, avrò una palla e una mazza che si adatteranno allo scopo dello sport con nessun danno all'ambiente circostante".

Quindi tornò a casa, tirò fuori una copia delle regole della lega e si mise al lavoro per uniformare il punteggio della partita per effetto del cambio di ambiente. Il giorno successivo diede istruzioni ad Augustus J. White su come realizzare una palla che potesse essere vista di notte e soddisfacesse i requisiti: palla grande, morbida e una piccola mazza: questa fu l'idea centrale che passò dal guantone da boxe e dal manico di scopa, e la distinzione materiale tra il nuovo gioco e il suo prototipo. Da ciò il resto dello schema venne elaborato abbastanza agevolmente.

Naturalmente, gli amici di Hancock pensavano che stesse parlando di giocare all'aperto, non al coperto.

La nascita del softball a Chicago nel 1887

Hancock non stava scherzando e nella palestra del Farragut Boat Club, usò un pezzo di gesso, segnando il piatto di casa base, le basi e la pedana del lanciatore. I tifosi di Yale e Harvard formarono due squadre. Il punteggio finale della partita fu 41-40, e la partita fu descritta come particolarmente ridicola. Il pubblico però rimase estasiato dall'esibizione e il nuovo sport vide i suoi natali. L'inesperienza dei membri delle due squadre e la novità del gioco furono responsabili della generosità del punteggio. Non passò molto tempo prima che i giocatori diventassero più abili e i punteggi vennero ridotti in breve tempo. Ma ciò che era più significativo era che Hancock e i suoi amici avevano inventato uno sport che avrebbe continuato a crescere in popolarità e che oggi più di 40 milioni di persone si divertono a giocarlo ogni estate, facendo del softball il n° 1 degli sports di squadra negli Stati Uniti.

Partite di questo nuovo gioco, che si praticava a mani nude e con una palla soffice che aveva una circonferenza di 16 pollici (406 millimetri), si disputarono da quel giorno ogni sabato e l’abitudine si estese ben presto dal club di Hancock a tutta Chicago. Nella primavera del 1888, Hancock portò il suo gioco all'aperto su campi più piccoli di quelli da baseball. Si chiamava indoor-outdoor e Hancock emerse come autorità riconosciuta nel 19° secolo.

Chicago Tribune 26 ottobre 1896

Chicago Indoor Base Ball Team 1897

Hancock aggiunse 19 regole speciali per adattare il gioco all'aperto a quello indoor, e le regole furono ufficialmente adottate dalla Mid Winter Indoor Baseball League di Chicago nel 1889.

Softball Game al Grant Park nel 1898 circa

Il gioco di Hancock si diffuse gradualmente in tutto il paese e alla fine fiorì a Minneapolis, grazie agli sforzi e all'ingegnosità di Lewis Rober, tenente dei vigili del fuoco di Minneapolis, che voleva un gioco per tenere in forma i suoi pompieri durante il loro tempo di inattività.

Lewis Rober, in piedi all'estremità destra della seconda fila (numero 8)

Usando un terreno libero adiacente alla caserma dei pompieri, Rober mise le basi con la distanza del lanciatore da casa base a 35 piedi (10,67 m). La sua palla era una palla medica di piccole dimensioni con una mazza di due pollici di diametro (5,08 cm). Il gioco diventò popolare da un giorno all'altro e altre compagnie di vigili del fuoco iniziarono a giocare. Nel 1895, Rober si trasferì in un'altra compagnia antincendio e costituì una squadra che chiamò Kittens. George Kehoe, capitano della Truck Company n. 1, denominò la versione di Rober del softball "Kitten League Ball" nell'estate del 1900. Fu in seguito abbreviato in "Kitten Ball".

Chicago Tribune 24 novembre 1889

Il gioco di Rober rimase noto come Kitten Ball fino al 1925, quando il Minneapolis Park Board lo cambiò in Diamond Ball, una delle mezza dozzine di nomi usati durante questo periodo per il softball. Indoor Ball, Kitten Ball, Playground Ball e Diamond Ball sono solo alcuni dei nomi che la gente chiamava quello che alla fine sarebbe diventato il softball. Tra questi ci sono Pumpkin Ball, Recreation Ball, Twilight Ball, Army Ball, Lightning Ball, Mushball, Big Ball e Night Ball.

Nel 1926 Walter Hakanson, un funzionario YMCA di Denver ed ex presidente dell'ASA e commissioner, suggerì il termine "softball" al meeting del National Recreation Congress, ma il comitato non incluse la Amateur Softball Association (ASA) fino al 1934. Gli sforzi per organizzare il softball su base nazionale non si concretizzarono fino al 1933, quando il giornalista Leo Fischer e Michael J. Pauley, un venditore di articoli sportivi di Chicago, fondarono la Amateur Softball Association e concepirono l'idea di organizzare migliaia di squadre locali di softball in America arrivando ad un'organizzazione nazionale.

Chicago Tribune 26 aprile 1933 e 6 maggio 1933

Per riunire le squadre Fischer e Pauley le invitarono a partecipare ad un torneo in concomitanza con l'Esposizione Universale del 1933 a Chicago. Con il sostegno del quotidiano locale Chicago American, Pauley e Fischer invitarono 55 squadre a partecipare al torneo che vennero divise in tre categorie: fastball, slow pitch e donne. Una palla da 14 pollici venne utilizzata durante l'evento a eliminazione diretta.

Durante il National Recreation Congress del 1934, i membri del Joint Rules Committee inclusero la Amateur Softball Association (ASA). Fino alla formazione dell'ASA, il softball era in uno stato di confusione, in particolare nell'area delle regole in cui la distanza delle basi e la pedana del lanciatore venivano costantemente cambiate.

La formazione dell'ASA diede al softball la solidarietà e le basi necessarie per crescere e svilupparsi negli Stati Uniti sotto la rete di associazioni proposte da Fischer e Pauley. Pauley e Fischer visitarono molti stati, invitando le squadre a partecipare al torneo. Fischer e il suo direttore della promozione sportiva, Harry Wilson, vendettero alla Century of Progress Exposition (Esposizione universale di Chicago) l'idea di sponsorizzare il torneo e fornire un campo all'interno del quartiere fieristico. Le pagine sportive americane promossero il torneo quotidianamente e gli uomini d'affari di Chicago raccolsero 500 $ per finanziare l'evento.

Women’s Softball Team A Century of Progress 1934

Il giorno dell'inaugurazione del torneo del 1933, il Chicago American scrisse: "è il torneo più grande e completo mai tenuto nello sport che ha spazzato il paese come un incendio". Con l'ingresso gratuito, 70000 persone videro la prima fase del gioco. Le squadre di Chicago vinsero le tre divisioni con Harry (Coon) Rosen, Softball Hall of Famer, alla guida dei J.L. Friedman Boostersche che sconfisse i Briggs Beautyware di Detroit, nelle finale di slow-pitch. Era la prima sconfitta della stagione per i Briggs dopo 41 vittorie consecutive.

Foto di un battitore che gioca a softball tra i Chicago Symphony Orchestra e i Detroit Symphony Orchestra. La Chicago Symphony Orchestra vinse 18-17 quando Dan Seidenberg, un violoncellista dei CSO, ruppe il pareggio con un fuoricampo nel settimo inning. Entrambe le orchestre si erano esibite al Century of Progress International Exposition, 1933-1934

Fino a questo punto, il gioco veniva giocato con varie regole, posizioni dei giocatori e dimensioni della palla. La palla da softball originale utilizzata dal Farragut Boat Club aveva una circonferenza di 16 pollici. Tuttavia, Lewis Rober Sr., l'uomo responsabile dell'organizzazione dei giochi di softball per i vigili del fuoco a Minneapolis, usò una palla da 12 pollici. La palla di Rober venne scelta come la dimensione preferita del softball, e oggi le partite di softball professionistiche vengono giocate usando una palla da 10-12 pollici. Tuttavia, molti a Chicago sono ancora convinti che il vero softball si gioca con una palla da 16 pollici. I giochi che usano queste palle da 16 pollici sono spesso indicati come "cabbage ball", "super slow pitch" e "mush ball" e, a differenza del softball competitivo, ai giocatori non è permesso indossare i guantoni.

La "Murderers Row" della Chicago Symphony Orchestra, che sconfisse la Detroit Symphony Orchestra in una partita di softball duramente combattuta in sette inning al Grant Park adiacente alla Fiera mondiale, poteva vantare un gruppo di veri sluggers. Questo quartetto, partendo da sinistra: Bill Fantozzi (violino); Joe Mourek (tromba); Sam Dolnik (violino) e Dan Seidenberg (primo violoncellista), avevano colpito una raffica di fuoricampo, tripli e doppi, per segnare il trionfo. La Chicago Symphony Orchestra suonava due volte al giorno in concerti allo Swift Bandshell, mentre la Detroit Symphony Orchestra suonava ai Ford Gardens al Century of Progress International Exposition

Era evidente che il softball aveva finalmente una base da cui partire e nel 1935 la Playground Association Softball Guide scrisse: "gli anni di sforzi persistente, costante promozione e immutata fede dei credenti nel softball non si sono dimostrati vani, perché nel 1934 il softball ha preso piede". In tutta l'America centinaia di leghe e migliaia di giocatori accettarono con entusiasmo questo importante gioco di squadra.

"Le attività promozionali dell'ASA hanno svolto un ruolo importante nello stimolare l'interesse che si stava sviluppando da molti anni. La battaglia per il riconoscimento di questo splendido gioco era finita. Il softball aveva conquistato un posto tra i principali sport d'America".

Nel 1946 nacque la National Fastball League, una lega maschile. Popolarissimo in quei giorni era Eddie Feigner con i King and His Court, una squadra composta da 4 giocatori.

Eddie Feigner

Nel 1951 venne organizzata la prima National Softball Week (dal 22 al 28 luglio). Lo stesso anno fece la sua prima apparizione nel softball la prima donna arbitro: si chiamava Madeline Lorton, 25enne del Bronx.

Nel 1952 venne creata la International Softball Federation.

Secondo le regole ufficiali sviluppate all'inizio della storia del softball e infine definite dall'International Softball Federation, ci sono nove giocatori sul campo alla volta. I giocatori assumono le posizioni di lanciatore, ricevitore, prima base, seconda base, shorttop, terza base e outfielders. Di solito, ci sono tre outfielder che mantengono le posizioni di difensore di destra, di sinistra e centrale. Tuttavia, il softball slow pitch consente un quarto giocatore in campo esterno. Simile al baseball, la squadra con il maggior numero di punti alla fine del settimo inning è la vincitrice. Tuttavia, se le squadre sono in parità alla fine del settimo inning, il gioco può andare agli extra innings, fino a quando il pareggio non viene rotto.

Un campionato mondiale di softball femminile precedette l'avvento dell'ISF. Il campionato fu giocato in Canada tra diverse squadre americane e canadesi nel 1952 e nel 1953. Anche l'Australia aveva ospitato un torneo internazionale precedente al primo Campionato mondiale femminile.

Nel 1965, il primo campionato mondiale femminile ISF si tenne a Melbourne, con partite giocate allo Albert Park. Cinque nazioni gareggiarono e l'Australia vinse 1-0 nella partita finale contro gli Stati Uniti. L'Australia colpì solo due valide mentre gli Stati Uniti ne realizzarono quattro. La lanciatrice Lorraine Woolley fu nominata giocatore del torneo.

1965 World Softball Championship

Mai prima d'ora una squadra degli Stati Uniti aveva gareggiato in un evento internazionale di questo calibro. Le Raybestos Brakettes di Stratford, Connecticut, rappresentarono gli Stati Uniti dopo aver vinto il Women’s Major Fast Pitch National Championship nel 1964. Le Brakettes conquistarono la medaglia d'argento con un record di 8-3, ma fu ciò che fecero dopo i Campionati del Mondo che aiutò a crescere lo sport a livello internazionale.

Brakettes Raybestos di Stratford

Dopo il campionato del mondo, le Brakettes intrapresero un tour vorticoso che coinvolse 10 stati in 37 giorni, in cui i giocatori e gli allenatori lavorarono come ambasciatori dello sport, tenendo clinic didattici nella speranza di diffondere lo sport del softball in tutto il mondo.

USA Softball inviò la sua prima squadra nazionale maschile a un campionato del mondo nel 1966 quando il WBSC ospitò il suo campionato inaugurale a Città del Messico. Gli Aurora Sealmasters, Illinois, che nel 1966 vinsero il Men’s Major Fast Pitch National Championship guadagnarono il diritto di rappresentare gli Stati Uniti, conquistando la prima medaglia d'oro di sempre per gli Stati Uniti in tutti i campionati mondiali di fastpitch con un record di 12-0 tra cui otto vittorie per shutout.

Nel 1968 ci fu un primo tentativo di fare del softball femminile una disciplina olimpica.

Solo i vincitori dei Men’s and Women’s Major Fast Pitch National Championships erano autorizzati a rappresentare gli Stati Uniti negli eventi internazionali fino al 1986, quando gli USA Softball passarono a un formato All-Star che permise alle squadre di aggiungere altri tre giocatori di altre squadre ai loro rosters. Questo cambiamento si rivelò un successo per gli Stati Uniti quando le Raybestos Brakettes conquistarono il  WBSC Women’s World Championship del 1986 con un record perfetto di 13-0.

In America nel 1976 venne creata una lega professionistica, con stipendi che variavano dai 1000 ai 3000 dollari annui. La League chiuse per problemi finanziari nel 1980 e solo vent’anni dopo si tornerà a parlare di softball femminile professionistico negli Stati Uniti.

Nel frattempo, grazie ai soldati canadesi di stanza in Europa, il gioco sbarcò anche nel Vecchio Continente. Fu l’Olanda il paese dove attecchì inizialmente. Per iniziativa del Presidente italiano ed europeo del baseball Bruno Beneck, nel 1976 nacque l'European Softball Federation (ESF).

1969 - Car Renault Torino Campione d'Italia

In Italia il primo campionato si disputò nel 1969 e a vincerlo fu la squadra di Torino. L’Italia avviò fin da subito un’attività internazionale, affidando la nazionale a Giancarlo Mangini. Nel 1974 le azzurre, guidate da Tino Soldi e Donna Lo Piano, parteciparono al Mondiale in Connecticut.

Il softball era ormai sbarcato definitivamente nel Vecchio Continente e nel 1976 si tenne a Roma il primo Congresso della European Softball Federation.

Nel 1979 si giocò a Rovereto il primo Campionato Europeo. Lo vinse l’Olanda. L’Italia attese 10 anni esatti per ottenere il primo successo. Le azzurre, allenate da Chico Soldi, si aggiudicarono infatti il titolo nel 1986.

La Nazionale Italiana di Softball vincitrice del titolo Europeo nel 1986

Il 13 giugno del 1991 il Comitato Olimpico Internazionale annunciò l'inclusione dello sport nel programma olimpico alle Olimpiadi del 1996 ad Atlanta, in Georgia. Questo annuncio significava che lo sport del softball sarebbe stato finalmente presentato al mondo e che avrebbe trovato il suo posto tra gli altri sport d'élite. Ad Atlanta vinsero gli Stati Uniti sulla Cina per 3 a 1.

Nel giugno del 2016, la ASA/USA Softball - che precedentemente si chiamava Amateur Softball Association (ASA) - annunciò una nuova denominazione organizzativa con il nome di USA Softball. Questo nuovo marchio riflette meglio la visione dell'organizzazione per la crescita di questo sport e come Corpo Direttivo Nazionale del Softball, USA Softball continuerà a servire come leader in questo sport aiutando a promuovere la passione e l'amore di tutti per questo gioco.

(*) Il Farragut Boat Club fu creato nel 1872 e, come indica il nome, allo scopo di promuovere gli interessi della nautica. A partire da un numero limitato di membri e una piccola rimessa per barche all'inizio della Dodicesima Strada, si ingrandì gradualmente. La club house (al 3016 Lake Park Avenue) fu completata nella primavera del 1886 e successivamente demolita nel 1952 circa.

 

 

IL GRANDE IMPATTO SUL BASEBALL DEI GIOCATORI SORDI DEI PRIMI ANNI DEL 1900

Nel 1901 c'erano più giocatori con disabilità uditiva nelle squadre di baseball della Major League di quanti ce ne siano stati nei 118 anni da allora. Hanno fortemente influenzato il gioco all'inizio del 20° secolo, come si può leggere nel libro Havana Heat di Darrell Brock. Stranamente, pochissimi giocatori sordi hanno giocato a baseball a quel livello negli anni successivi, lasciando degli interrogativi sul perché il loro impatto avesse raggiunto il picco e poi improvvisamente fosse diminuito.

Havana Heat è un romanzo che segue una parte della vita di Luther Taylor, uno dei più grandi atleti sordi preverbali di tutti i tempi. Fu lanciatore per i New York Giants al culmine dei loro anni di gloria, aiutandoli a vincere due pennants e le World Series nel 1905. La storia di Brock immagina un viaggio che Taylor fece (probabilmente mai) con la squadra a L'Avana, Cuba, dove incontrò e aiutò un ragazzo sordo nell'isola caraibica. È un buon libro per molte ragioni, ma soprattutto per il modo in cui illumina il contributo di questi atleti sordi dei primi anni del 1900. Non avrei mai saputo di questi giocatori se non fosse stato per il libro di Brock.

Baseball per Dummies (letteralmente incapaci)

Verso la fine del secolo, man mano che la popolarità del baseball cresceva negli Stati Uniti, c'era un certo numero di atleti sordi nelle squadre della Big League. I soprannomi sono sempre stati una parte importante di questo sport e all'epoca venivano utilizzati per etichettare alcuni giocatori. Come sottolinea il libro di Brock, i lanciatori mancini erano spesso soprannominati "Lefty", i giocatori piccoli venivano chiamati "Shorty", i giocatori tedeschi erano "Dutch" e tutti i sordi portavano il soprannome di "Dummy". Il soprannome ci sembra abbastanza dispregiativo oggi, poiché le persone sorde non sono stupide. Non hanno il senso dell'udito che molti di noi danno per scontato.

I due giocatori sordi di maggior successo di quell'epoca furono William "Dummy" Hoy e Luther "Dummy" Taylor. Essi scelsero di non ripudiare il loro nickname e, invece, lo usarono come motivazione per lavorare di più e mostrare al mondo ciò che potevano realizzare.

William "Dummy" Hoy

Nel 1880, c'erano altri due giocatori sordi, ma la prima stella del baseball fu Dummy Hoy. Dal 1888 al 1990, Hoy giocò per otto squadre diverse, finendo con una media battuta di .288, 2044 valide, 1426 punti, 725 RBI, 607 basi rubate, il record per il maggior numero di partite giocate all'esterno centro e il maggior numero di putouts in carriera per un esterno. Hoy è membro della Hall of Fame dei Cincinnati Reds. Il campo della Gallaudet University a Washington (unica università al mondo progettata per essere senza barriere per gli studenti sordi e con problemi di udito) prende il suo nome.

Luther "Dummy" Taylor, il lanciatore che ha ispirato il personaggio principale del romanzo di Havana Heat, fu la seconda legittima stella emersa dalla comunità dei sordi. Taylor affrontò Hoy in una partita che fu la prima in cui due giocatori sordi si scontravano uno contro l'altro nel baseball della Major League. Nel 1904, Taylor vinse 21 partite e, nel 1906, finì con una media di minor punti concessi rispetto ai suoi due compagni di squadra dei Giants, gli Hall of Famers Christy Mathewson e Joe McGinnity. Vinsero due pennants e un titolo delle World Series. Taylor giocò dal 1901al 1908, finendo la sua carriera con un record di 116-106, una media di 2,75 di ERA e 767 strikeouts.

Luther "Dummy" Taylor

Luther "Dummy" Taylor (nel cerchio rosso) ha frequentato la Kansas School for the Deaf di Olathe dal 1884 al 1895

A quel tempo c'erano anche altri giocatori sordi. Ma negli anni successivi ce ne furono davvero pochi.

I New York Giants: i bravi ragazzi che finirono primi

Nel 1901, il pitching staff dei New York Giants comprendeva tre giocatori sordi: Dummy Taylor, Dummy Deegan e Dummy Leitner. C'erano altri giocatori sordi nello stesso periodo in altre squadre. Da allora, gli unici giocatori sordi che sono riuscito a trovare sono stati uno nel 1914 (Herbert “Dummy” Murphy, Philadelphia Phillies, 1914), due negli anni '40 (Matthew Daniel "Dummy" Lynch, Chicago Cubs, 1948 - Dick Sipek, Cincinnati 1945) e uno nel 1993.

Curtis Pride

Nel 1993, Curtis Pride diventò il primo giocatore sordo, dopo oltre 50 anni, a giocare un'intera stagione nelle Major League (al suo attivo 10 stagioni in MLB con sei differenti franchigie).

All'inizio del '900 fu il periodo con più giocatori sordi che in qualsiasi altro momento della storia di questo sport.

Avevano affrontato discriminazioni e soprannomi sdegnosi, per contro le Leagues, le squadre e i fans erano stati accoglienti. Questo fu certamente il caso dei New York Giants di Taylor, che impiegarono un certo numero di sordi in quel periodo. Vinsero dei pennants nello stesso periodo con grande chimica di squadra e un manager che tirò fuori il meglio dai suoi giocatori.

I New York Giants del 1905 con Luther "Dummy" Taylor (primo in piedi a sx)

Come ha scritto il biografo Sean Lahman: "I Giants non avevano semplicemente aggiunto Taylor al loro roster; lo abbracciarono come membro della loro famiglia. Il manager-giocatore George Davis aveva imparato la lingua dei segni e incoraggiò i suoi giocatori a fare lo stesso. Lo stesso fece John McGraw quando subentrò come manager dei Giants".

Il compagno di squadra di Taylor, Fred Snodgrass, in seguito disse che "Potevamo tutti leggere e parlare la lingua dei segni dei sordi, perché Dummy Taylor l'aveva presa come un affronto se non imparavi a conversare con lui. Voleva essere uno di noi, essere un membro a tutti gli effetti della squadra. Se andavamo allo spettacolo di Vaudeville, voleva sapere qual'era lo scherzo e qualcuno doveva dirglielo. Quindi abbiamo imparato tutti. E ci siamo esercitati continuamente".

Al manager John McGraw piaceva tenere Taylor in panchina durante le partite in cui non lanciava. Era il clown della squadra, spaventava le altre squadre con i suoni che produceva e poteva anche maledire gli arbitri nel linguaggio dei segni senza che loro lo sapessero. Ma uno degli arbitri, Hank O’Day, aveva un genitore sordo e capiva il linguaggio dei segni, quindi sapeva che Taylor lo stava definendo cieco come un pipistrello. L'arbitro indicò a Taylor l'espulsione e con i segni dei sordi gli disse: "Vai nella clubhouse. Multa di 25 $".

Chiamata di out

I segni manuali di vario genere nel baseball sono stati importanti da sempre. I catcher segnalano ai lanciatori il tipo di lancio. I coaches indicano con dei segni le giocate ai corridori e ai battitori. Gli arbitri con i gesti delle mani indicano gli strikes, balls e se un corridore è salvo o out. Alcuni storici ritengono, anche se non c'è certezza, che i segnali manuali degli arbitri risalgano a William "Dummy" Hoy, che secondo quanto emerso aveva chiesto agli arbitri di fare dei segni visibili a tutti con le mani quando lui era in campo.

Altri motivi del picco dei giocatori sordi dei primi anni del 1900

Forse così tanti giocatori sordi sono riusciti in quei giorni perché Hoy e i primi giocatori con lo stesso deficit servivano da modello per gli altri. E forse avevano dimostrato alle squadre di quel periodo quanto potevano essere bravi i giocatori sordi, spingendo quelle squadre a scovare più giocatori da scuole come la scuola per sordi del Kansas, che era l'alma mater di Luther Taylor e la scuola in cui tornò a lavorare subito dopo che la sua carriera terminò.

Inoltre, nel giro di pochi anni, George Herman "Babe" Ruth diventò il primo legittimo slugger del gioco, colpendo lunghi fuoricampo che avrebbero cambiato il gioco per sempre. Ogni volta che il gioco cambia, le squadre iniziano a cercare diversi tipi di talento e l'ascesa di Ruth aveva segnato la fine di un'era in cui le partite erano vinte con l'abilità dei fondamentali e pochi punti.

Questo non voleva dire che i giocatori sordi non avrebbero potuto avere successo nella "live ball era" che Ruth aveva inaugurato. C'erano semplicemente meno persone (portatori di handicap o meno) che avevano le capacità atletiche per avere successo a un livello così alto, quindi forse anche una comunità con alcuni giocatori fondamentalmente bravi ha avuto difficoltà a trovare ruoli nella Big League. E più tardi, quando i giocatori di colore entrarono nel gioco, ci fu un nuovo afflusso di talenti che rese le Leagues ancora più competitive. Tuttavia, ci si sarebbe aspettato che almeno alcuni atleti di alta qualità fossero emersi dalle fila della comunità dei sordi; la loro quasi totale assenza dai roster della MLB sembra indicare la scomparsa di quel percorso di carriera verso il baseball che una volta era esistita per Hoys e Taylors.

Tirando a indovinare, direi che tutte queste ragioni probabilmente sono state prese in considerazione nel maggior numero di giocatori sordi all'inizio del 1900. Particolarmente notevole è stato l'atteggiamento accogliente di quella squadra per la quale molti di loro hanno giocato, i New York Giants. E forse i programmi di quella squadra forniscono un modello per come le squadre sportive professionistiche oggi potrebbero fare un lavoro migliore per incoraggiare e attirare i migliori atleti da comunità non tradizionali. Tralasciando i soprannomi a parte, quando tutti sono aperti e disponibili alle persone provenienti da altri contesti, ne trae vantaggio l'intera società.

Riferimenti da:

- Havana Heat di Darryl Broc (University of Nebraska Press, 2000)

- https://steemit.com/history/@donkeypong/deaf-players-of-the-early-1900s-had-a-big-impact-on-baseball

 

 

LA MERAVIGLIA DELL'OPENING DAY

29/04/2020

Il Covid-19 è tuttora un flagello purtroppo presente con vari focolai in molte parti del mondo e che continua, ahimè, a mietere vite. E' la pandemia che ha radicalmente cambiato il modo di vivere di tutti noi e del mondo intero. Se è vero che almeno in Italia è nella fase discendente l'augurio è che le attività sportive all'aperto possano riprendere (con tutti gli accorgimenti del caso per la salute degli sportivi e dei tifosi) e iniziare, anche se in forma ridotta, i campionati di baseball e softball. Se ciò si potesse avverare tra un paio di mesi vorrebbe dire anche che possiamo riprendere lentamente a vivere al di fuori dalle necessarie quarantene e distanziamenti. In attesa di un'auspicato Opening Day 2020 della MLB e anche dei nostri Campionati, voglio raccontarvi per alleggerire l'atmosfera quello che da sempre ammanta questa fantastica prima partita della stagione.

Anche per i più grandi giocatori che il baseball abbia mai conosciuto, l'Opening Day è qualcosa di speciale.

Con tre partite in programma per aprire la stagione di domenica, le farfalle fluttueranno nello stomaco di ogni giocatore, anche quelli che sono predestinati ad entrare a Cooperstown nella Hall of Fame.

"Hai sempre un impatto speciale nell'opening day, non importa quanti ne hai giocati", aveva detto Joe DiMaggio, esterno centro leggendario degli Yankees e Hall of Famer, "L'aspetti come una festa di compleanno quando sei bambino. Pensi che succederà qualcosa di meraviglioso".

Altri sport hanno il giorno dell'inizio della stagione, ma l'Opening Day del baseball segna l'inizio cerimoniale della primavera. Considerata da molti una festa nazionale, l'apertura di una stagione di baseball della MLB porta con sé la speranza che sia l'anno della tua squadra.

Che si tratti del primo lancio o del primo hot dog allo stadio della stagione, l'Opening Day è motivo di ottimismo, speranza e, per alcuni, anche un motivo per darsi malati al lavoro o a scuola.

In verità è solo solo 1/162° della stagione, ma i fans e i giocatori allo stesso modo la sentono come un'aspettativa unica. Il giorno di apertura potrebbe essere l'inizio di una stagione da favola per la tua squadra del cuore, il debutto di un Hall of Famer, l'inaugurazione di un nuovo campo da baseball o una performance spettacolare, come una no-hit.

Vista del Great American Ball Park a Cincinnati durante l'inno nazionale nell'Opening Day 2018 prima della partita tra Washington Nationals e Cincinnati Reds del 29 marzo

È esattamente quello che è successo nel 1940.

Articolo del The New York Times del 17 aprile 1940 

Il 16 aprile del 1940, il ventunenne Bob Feller lanciò il primo, e ad oggi unico Opening Day, no-hitter, sconfiggendo i White Sox nel vecchio Comiskey Park, 1-0. È stato ancora più straordinario se si considera che la temperatura era di 1 °C al momento della partita.

Nel 1990, in occasione del 50° anniversario della sua impresa, Feller ha ricordato i dettagli di quella partita.

"Ricordo che la mia ultima uscita era stata una partita di esibizione a Cleveland di sabato ed ero stato colpito duramente. Avevo lanciato molto male, ma nell'Opening Day mi sentivo in buone condizioni”.

"La prima coppia di inning fu piuttosto combattuta. Nel secondo inning caricai le basi. Qualcuno nel bullpen si stava scaldando e il manager (Ossie Vitt) si stava preparando per uscire sul monte. Ma riuscii a mettere strikeout l'ultimo battitore sul conto pieno".

Feller aveva anche affrontato una sfida contro l'interbase dei White Sox e futuro Hall of Famer Luke Appling, che aveva colpito in foul 15 lanci nel suo at-bat prima di essere eliminato.

Bob Feller. al centro, esce dal campo con i suoi compagni dopo aver realizzato la no-hitter il 16 aprile del 1940

La no-hitter non è stato l'unico successo di Feller nell'Oening Day durante la sua carriera da Hall of Famer. Il pitcher destro ha cesellato tre shutout in sette starts nella partita d'apertura.

Score ufficiale della no-hitter di Bob Feller il 16 aprile 1940

Red Ames

Red Ames, che nel 1909 perse una straziante partita nell'Opening Day per i Giants, quando tenne Brooklyn senza una valida per 9 innings e 1/3, ci provò anche nelle sue due successive partenze nella prima gara di apertura della stagione con una famigerata performance senza valide. Nel 1910, Ames lanciò sette inning senza valide prima di concederne una; e nel 1911, Ames lanciò sei inning senza valide. Incredibilmente, Ames perse tutte e tre le sue esibizioni quasi no-hit del giorno di apertura, contribuendo a guadagnarsi lo sfortunato soprannome di "Calamity".

Herb Pennock

Il 14 aprile 1915, il lanciatore di Philadelphia A's Herb Pennock concorse per fare la storia dell'Opening Day. Astuto mancino, Pennock non concesse valide ai Boston Red Sox per 8 innings e 2/3. Al nono inning, Pennock con un out, concesse una valida a Harry Hooper all'esterno centro, rovinando quello che avrebbe potuto essere la prima no-hit dell'Opening Day.

Lon Warneke

Ci sono stati anche altri lanciatori che si sono dati da fare raggiungere l'immortalità del primo giorno di apertura e che includono Lon Warneke, che andò 8 innings e 1/3 inning senza valide il 17 aprile 1934, per i Cubs, prima che Adam Comorosky dei Cincinnati centrasse una valida.

Robin Roberts

L'Hall of Famer Robin Roberts si avvicinò all'impresa di Feller il 13 aprile 1955, quando lanciò 8 innings e 1/3 senza valide prima che Alvin Dark dei Giants rovinasse il suo tentativo con un singolo.

Roberts detiene il record della MLB per il maggior numero di partenze consecutive dell'Opening Day per la stessa squadra (12), iniziando ogni giorno di apertura per i Philadelphia Phillies dal 1950 al 1961. Dopo la sua introduzione nella Hall of Fame nel 1976, Roberts fissò la partita d'inizio del 1950 come uno dei più grandi Opening Day da brivido della sua carriera.

"Sceglierei l'apertura del 1950 quando battemmo i Dodgers, 9-1, come il mio più elettrizzante Opening Day dal punto di vista della squadra", aveva detto Roberts, "Avevamo terminato bene nel 1949 e avevamo speranze di conquistare il pennant nel 1950, quindi quella prima partita ci rese tutti orgogliosi".

Tom Seaver

Anche Tom Seaver aveva iniziato 12 Opening Day, ma con due squadre diverse: i Mets e i Reds.

Jack Morris

Jack Morris arrivò ad un passo per eguagliare il record di Roberts di 12 consecutive con una squadra. Morris aveva iniziato 11 Opening Day consecutivi per Detroit dal 1980 al 1990, prima di giocarne altri tre per Minnesota e Toronto. Le 14 partenze consecutive di Morris nell'Opening Day sono un record.

Seaver detiene il record per il maggior numero di Opening Day con 16. Ne aveva lanciati 11 per i Mets, tre per i Reds e due per i White Sox. "Tom Terrific" si rivelò vincente aprendo la stagione, registrando un record di 7-2.

Steve Carlton

Steve Carlton aveva iniziato 14 delle 15 partenze per i Phillies dal 1972 al 1986, mancando solo l'Opening Day del 1976 quando Jim Kaat fu scelto come partente.

Giocatori e fans in piedi per l'inno nazionale allo Shea Stadium per l'Opening Day del 12 aprile 1965

Il record di presenze in un Opening Day è di 74420 spettatori al Municipal Stadium di Cleveland, il 7 aprile 1973. Gaylord Perry gratificò l'enorme pubblico di casa con una vittoria per 2-1 su Mickey Lolich dei Detroit Tigers.

Gaylord Perry

Perry detiene il record per aver iniziato l'Opening Day con cinque squadre diverse: Giants, Indians, Rangers, Padres e Mariners.

Walter Johnson

Walter Johnson potrebbe essere stato il lanciatore di maggior successo nell'Opening Day nella storia del baseball. Johnson lanciò in 14 Opening Day per i Senators di Washington, realizzando sette shutout. Il record complessivo per l'Opening Day è stato di 9-5, e le sue 14 partenze sono state un primato fino a quando non è stato superato da Seaver.

Le due esibizioni più famose dell'Opening Day di Johnson si svolsero nel 1910 e nel 1926. Il 14 aprile 1910, "The Big Train" lanciò un magistrale one-hitter per sconfiggere gli A's, 3-0. L'unica valida si verificò nel settimo inning quando l'esterno destro dei Senators, Doc Gessler, inciampò su un bambino seduto sul bordo dell'warning track, permettendo alla palla di cadere tra la folla straripante per un doppio. Il 13 aprile 1926, Johnson fece il suo 14° e ultimo Opening Day, lanciando per 15 inning contro Eddie Rommel dei Philadelphia, prima di vincere 1-0.

Opening Day Cleveland Indians 1930

Jimmy Key detiene il record per la maggior numero di vittorie nell'Opening Day senza sconfitte, con sette. Altri perfetti lanciatori dell'Opening Day: Wes Ferrell con 6-0 e Warneke e Rip Sewell entrambi alla pari con 5-0.

Jimmy Key

Come primo club completamente professionale del baseball, i Cincinnati Reds hanno avuto il diritto di iniziare ogni stagione della National League in casa, e hanno anche tradizionalmente ospitato i primi Opening Day. Dal 1876 al 1989, ogni Opening Day dei Reds fu programmato in casa, ma due volte, nel 1877 e nel 1966, la pioggia costrinse la squadra a giocare la prima partita della stagione in trasferta. Alla fine, nel 1990, la loro serie terminò quando i Reds aprirono la stagione in trasferta in una partita programmata contro gli Houston Astros. La straordinaria tradizione includeva sfilate, fuochi d'artificio e spettacoli circensi. Nel 2003, i Reds inaugurarono il loro nuovo stadio, Great American Ballpark, ma non era la prima volta che i fans di "Queen City" avevano una nuova sistemazione per il giorno di apertura. Nel 1902, Cincinnati inaugurò una nuova tribuna tanto attesa, sostituendo i sedili in legno che erano stati danneggiati in un incendio due anni prima.

Palace of the Fans League Park III Cincinnati 1902

La tribuna in ferro e cemento da 3000 posti si guadagnò il nome di "Palace of the Fans" e vantava una miscela di architettura romana e greca mai vista prima in nessun campo da baseball. Furono incluse due dozzine di "box faschion" più costosi che contenevano 15 o più fans. "Rooter's Row", era una sezione per posti in piedi e si trovava sotto la tribuna ospitando più di 500 tifosi, che divennero famosi per il loro rumoroso supporto alla squadra di casa.

Rooter's Row League Park III Cincinnati 1902

Nonostante le nuove tribune, i Reds quel giorno vennero sconfitti dai Chicago Cubs. La città di Cincinnati era così protettiva nei confronti del loro tradizionale stato di essere i primi ad inaugurare la stagione che nel 1988 il consiglio comunale votò di riportare indietro gli orologi per l'Opening Day, per garantire così che i Reds giocassero la "prima" partita della stagione.

Hank Aaron iniziò la stagione 1974 a Cincinnati con un fuoricampo nel suo primo at-bat. Era il suo 714° HR che eguagliava il totale in carriera di Babe Ruth.

Il 714° fuoricampo di Hank Aaron colpito nell'Opening Day del 4 aprile 1974 al Riverfront Stadium di Cinincinnati nel primo inning contro Jack Billingham. Il catcher è Johnny Bench e l'arbitro di casa base è Ed Vargo

I festeggiamenti dei compagni di squadra di Hank dopo il suo arrivo a casa base

L'Opening Day divenne un giorno ancora più speciale a Washington D.C. a partire dal 14 aprile 1910, quando il presidente William Howard Taft partecipò alla prima partita della stagione al League Park nella capitale della nazione.

Il Presidente William Howard Taft lancia la prima palla all'Opening Day del 14 aprile 1910 all'American League Park II di Washington nella gara tra Senators e Philadelphia A's

Nella collezione conservata nella Hall od Fame ci sono palle lanciate da Taft, Herbert Hoover, Franklin D. Roosevelt, Harry Truman, Dwight Eisenhower ae Lyndon Johnson, e un guanto usato da Eisenhower nell'Opening Day del 1956. Truman era ambidestro e lanciò i primi lanci nel 1950 con entrambe le mani destra e sinistra. Taft e Woodrow Wilson portarono maggior fortuna ai Senators che realizzarono un "record" di 3-0 e 2-0 nelle loro apparizioni per il giorno di apertura, mentre Herbert Hoover portò un po' meno fortuna 1-3 e con Lyndon Johnson i Senators sprofondarono a 0-3.

Quando i Senators lasciarono Washington dopo la stagione 1971, i presidenti lanciarono spesso il primo lancio per altre squadre. Da Taft, solo un presidente non riuscì a lanciare un primo lancio in una gara di campionato almeno una volta mentre era in carica: Jimmy Carter. Ma suo fratello Billy rispose alla chiamata, effettuando il primo lancio per gli Oakland A's di Charlie Finley nel 1977.

Dan McGinn

L'espansione dei Montreal Expos giocarono il loro primo Opening Day l'8 aprile 1969. Quel giorno, il primo fuoricampo nella storia degli Expos fu colpito da un lanciatore, Dan McGinn, che una volta era stato anche un placekicker per Notre Dame. Meno di una settimana dopo, McGinn vinse l'Opening Day in casa per gli Expos, diventando così il primo a vincere una partita di campionato in terra straniera.

Mike Parrott

Il lanciatore dei Seattle Mike Parrott fu il partente e vinse l'Opening Day dei Mariners nel 1980, ma non vinse mai più un'altra partita per tutta la stagione, finendo con un record 1-16.

Nel marzo del 1979, i proprietari dei San Diego Padres e dei San Francisco Giants annunciarono che avrebbero aperto la stagione 1980 in Giappone. Le tre serie di partite furono provvisoriamente programmate per il 28-30 marzo 1980 a Tokyo. Tuttavia, quando i proprietari della National League  si incontrarono per approvare il piano, non raggiunsero un accordo condiviso e l'idea fu cancellata. Solo nel 1999 la MLB giocò partite della stagione regolare al di fuori degli Stati Uniti e del Canada per aprire la stagione. Quell'anno, i Rockies e i Padres giocarono la loro serie Opening a Monterrey, in Messico. La stagione successiva, i Cubs e i Mets aprirono a Tokyo, in Giappone, e nel 2001 i Blue Jays e i Rangers diedero il via alla stagione a San Juan, Puerto Rico. Le partite in programma per l'inizio della stagione 2003 in Giappone vennero annullate dalla MLB a marzo. Nel 2004, toccò ai New York Yankees e ai Tampa Bay Devil Rays ad aprire la stagione in Giappone con una serie di partite a Tokyo, seguiti nel 2008 dai Boston Red Sox contro gli Oakland A's e nel 2012 con gli Oakland A's che affrontarono i Seattle Mariners. La stagione MLB 2014 iniziò con due partite in Australia tra Dodgers e Diamondbacks e nel 2019 ancora gli Oakland A's e i Seattle Mariners a Tokio.

Joe Torre

Joe Torre è stato l'unico giocatore a battere due fuoricampo nell'Opening Day in stagioni consecutive. Il 12 aprile 1965, a Cincinnati, Torre andò in profondità due volte per i Milwaukee Braves, e nella stagione successiva ne colpì altri due contro Pittsburgh nella stessa data, il 12 aprile, ad Atlanta.

Gli Atlanta Braves del 1982, con Torre come manager, aprì la stagione con 13 vittorie consecutive, un record eguagliato dai Milwaukee Brewers del 1987. Nel 2009, Torre allenò i Dodgers e realizzò 13 vittorie consecutive in casa dall'inizio della stagione, il maggior numero dal 1886.

Ted Williams

Ted Williams fu davvero speciale nell'Opening Day. L'ultimo a colpire .400 in un'intera stagione, Williams viaggiò con una media BA di .449 nelle partite dell'Opening Day, con tre fuoricampo e 14 RBI in 14 partite. Williams realizzò almeno una valida in ogni partita del giorno di apertura in cui aveva giocato.

Sixto Lezcano

Sixto Lezcano colpì tre grand slam nella sua carriera, e due di questi furono messi a segno nell'Opening Day per i Milwaukee Brewers: nel 1978 e nel 1980.

Gary Gaetti

Il 6 aprile 1982, nell'Opening Day del nuovo Metrodome, Gary Gaetti diventò quasi il primo giocatore a colpire tre home run nella partita di apertura. Il rookie terza base andò in profondità nel quarto e settimo inning e nel secondo inning colpì un triplo e fu eliminato al piatto cercando di completare un inside-the-park homer.

George Bell

Solo due battitori hanno colpito tre fuoricampo in un Opening Day. George Bell lo fece il 4 aprile 1988, quando colpì tutte e tre i fuoricampo contro Bret Saberhagen a Kansas City.

Karl Derrick "Tuffy" Rhodes

Il secondo giocatore fu Karl Derrick "Tuffy" Rhodes, che battè tre fuoricampo contro Dwight Gooden dei Mets il 4 aprile 1994, al Wrigley Field.

Karl "Tuffy" Rhodes esce dal dugout per ricevere la standing ovation dopo il terzo fuoricampo

Dopo il terzo homer di Rhodes, i fans di Cubs lanciarono i cappelli sul campo, ricordando i fans dell'hockey che omaggiano il giocatore che realizza una tripletta. I fuoricampo di Tuffy fecero poca differenza: i Cubs persero comunque.

Dwight Evans

Il 7 aprile 1986, Dwight Evans dei Boston colpì il primo lancio di Jack Morris nella prima partita della stagione sulle tribune al Tiger Stadium per il primo home run; il più rapido in assoluto nella storia del baseball.

Nolan Ryan

Nolan Ryan è stato il lanciatore più anziano ad iniziare una partita dell'Opening Day . Nel 1993 aveva 46 anni quando andò sul monte per i Texas Rangers.

Tommy John

Tommy John aveva 45 anni quando iniziò e vinse l'Opening Day del 1989 per gli Yankees.

Nessun battitore ha mai colpito un numero di fuoricampo maggiore di Frank Robinson nell'Opening Day. L'esterno Hall of Famer colpì otto fuoricampo in carriera il primo giorno della stagione, mentre Willie Mays e Eddie Mathews ne misero a segno sette nel giorno di apertura.

John Lowenstein, a sinistra, si congratula con il DH e manager Frank Robinson, dopo aver colpito un fuoricampo contro il partente degli Yankees Doc Medich nel suo primo at-bat nell'Opening Day al Municipal Stadium dell'8 aprile 1975

Il fuoricampo finale di Robinson nell'Opening Day arrivò come giocatore/manager di Cleveland l'8 aprile 1975, nel suo primo at-bat in quel ruolo, mentre divenne il primo manager afroamericano nella storia della MLB. Oltre al suo record per il maggior numero di homer nell'Opening Day, nessun altro battitore ha eguagliato l'impresa di Robinson di colpire fuoricampo nell'Opening Day per quattro squadre diverse.

Alcuni Opening Day sono stati contrassegnati da eventi bizzarri, strane promozioni, maltempo o una combinazione di tutti e tre. L'11 aprile 1907, i New York Giants aprirono la stagione al Polo Grounds contro i Phillies. Il giorno prima era caduta una forte nevicata e gli addetti al campo avevano spalato la neve in grandi pile nelle zone esterne del campo esterno e in territorio foul. Verso la fine della partita, con i Giants in svantaggio per 3-0, la folla di casa frustrata per il gioco della loro squadra iniziò a lanciare palle di neve sul campo da gioco, interrompendo la partita. Presto, la situazione diventò caotica quando i fans entrarono in campo e cominciarono a lanciarsi palle di neve e rifiutandosi di andarsene di fronte alla polizia. L'arbitro di casa base Bill Klem si stancò di questo parapiglia quando fu colpito da una palla di neve e diede la partita vinta ai Phillies per forfait.

Il 5 aprile 1974, i fans usarono diverse tattiche per interrompere l'Opening Day al Comiskey Park di Chicago tra cui quella dell'invasione del campo di tifosi maschi nudi. Alcune donne nelle tribune iniziarono a spogliarsi ma non entrarono mai sul campo. Numerosi combattimenti scoppiarono sugli spalti prima che l'ordine fosse ripristinato.

"Non ho mai visto nulla di simile", disse il manager dei White Sox Chuck Tanner. "Se andiamo oltre l'Opening Day, il fan medio non so se potrebbe accettarlo". Non ci furono più notizie di fans nudi che fossero entrati sul campo a Chicago in quella stagione.

L'11 aprile 1912, l'Washington Park a Brooklyn fu teatro di un'altra rivolta nell'Opening Day. Con la squadra di casa in vantaggio per 18-3 contro i rivali Giants, i fans iniziarono a scalare le recinzioni e a correre sul campo di gioco. Alla fine, così tanti spettatori occuparono il diamante rallentando il gioco, che venne sospeso a causa dell'oscurità nel sesto inning.

Negli anni '70, i Philadelphia Phillies si guadagnarono la reputazione di ideare delle promozioni uniche per i loro Opening casalinghi. In vari Opening, i fans rimasero elettrizzati da "Parachute Man", che atterrò sul campo prima del primo lancio; "Rocket Man", che fu spinto da uno zaino a razzo sul campo da gioco; "Kite Man", che si librò molto sopra lo stadio;

Kite Man

"Cycle Man", che ruggì sulla superficie artificiale su una moto ad alta velocità; e il "Great Merrifield", un acrobata che eseguiva acrobazie mentre era sospeso sotto un elicottero.

Great Merrifield

Nell'Opening Day del 1977, gli Astros fecero il loro "colpo" quando superarono i Phillies, introducendo "The Human Cannonball", che fu sparato da un cannone a una velocità di 100 miglia orarie in una rete di nylon.

The Human Cannonball

Il 9 aprile 1976, prima dell'Opening Day dei White Sox il proprietario Bill Veeck, il manager Paul Richards e il socio di lunga data Rudie Schaffer indossarono costumi della Guerra di Rivoluzione e marciarono dall'esterno centro al piatto di casa con pifferi e tamburi.

La sfilata dell'Opening Day del 9 aprile 1976 con il proprietario dei White Sox Bill Veeck (a destra), il manager Paul Richards (al centro) e il socio di lunga data Rudie Schaffer

Anni prima con i Cubs, Veeck realizzò una delle sue trovate più famose nell'Opening Day, quando impiegò dei nani come venditori al Wrigley Field. Veeck aveva pensato che i nani non avrebbero impedito la visione agli spettatori del gioco mentre vendevano le loro merci. Sembrava una buona idea, tuttavia, Veeck non aveva programmato il fatto che i vassoi delle bevande fossero molto pesanti, e dagli inning centrali, secondo l'allora broadcaster dei Cubs Jack Brickhouse, "La birra, le bevande analcoliche e i nani erano caduti dappertutto".

Le trovate dell'Opening Day non si limitavano alle Major League. I Little Falls Mets della New York-Penn League pianificarono di far atterrare quattro paracadutisti sul loro campo ed effettuare i cerimoniali primi lanci della stagione nel 1982. Sfortunatamente, il pilota scambiò un campo da softball con il diamante da baseball e lasciò cadere i suoi paracadutisti a 10 miglia da Little Falls. Nel frattempo a Little Falls, oltre 2.200 fans allungavano il collo alla ricerca degli uomini che fluttuavano verso il Veterans Memorial Park. Il gioco iniziò senza di loro e 20 minuti dopo arrivarono allo stadio in auto.

Occasionalmente, l'Opening Day ha preso una squadra alla sprovvista. A volte i ballparks non sono del tutto pronti, ma il gioco deve continuare. Per il loro Opening Day del 1946, i Boston Braves diedero alle tribune agli esterni una nuova mano di vernice rossa. Ma il tempo freddo e umido impedì alla vernice di asciugarsi e, dopo la partita, diverse centinaia di fans marciarono verso gli uffici dei Braves per lamentarsi della vernice sui loro vestiti. Il team alla fine accettò di pagare tutte le spese di pulizia e pubblicò un annuncio sul giornale chiedendo scusa ai fans.

Andre Ethier dei Dodgers ha indossato questa maglia il 22 marzo 2014 durante la partita della sua squadra contro l'Arizona Diamondbacks a Sydney, in Australia, quando la MLB ha aperto la stagione Down Under. - B-77-2014 (Milo Stewart, Jr. / National Baseball Hall of Fame)

I Dodgers giocarono la loro prima partita al Dodger Stadium di Los Angeles l'Opening Day del 1962. Mentre i fans entravano in massa, i funzionari del team si resero conto che gli architetti avevano dimenticato di installare le fontanelle d'acqua.

Diversi anni prima, nel 1913, si era verificata una situazione più imbarazzante all'apertura dell'Ebbets Field a Brooklyn. Qualcuno aveva smarrito le chiavi delle gradinate, e migliaia di fans dovettero aspettare per sedersi.

Early Wynn

Il lanciatore Hall of Famer Early Wynn, vincitore di 300 partite della big league, ha condiviso la sua esperienza dell'Opening Day in una carriera lunga 23 anni.

"Un Opening Day non è come qualsiasi altra partita", aveva ricordato nel 1972, "c'è quella piccola eccitazione in più, un battito più veloce del cuore. Hai l'ansia di iniziare bene, per te e per la squadra. Tu sai che quando vinci la prima, non puoi perderle tutte".

 

 

INTERLEAGUE PLAY

L'Interleague Play nella MLB sono le partite della regular season giocate tra una squadra dell'American League e una squadra della National League. Furono introdotte per la prima volta nella stagione 1997. Prima di questo, gli incontri tra squadre dell'AL e della NL si erano verificate solo durante lo spring training, l'All-Star Game, altre partite dimostrative (come la Hall of Fame Game a Cooperstown, New York) e le World Series. A differenza delle moderne partite interleague, nessuna di queste gare, fatta eccezione per le World Series, contava per i record ufficiali della squadra o della league.

L'idea di introdurre l'interleague play nella regular season era già stata discussa tra le due league nel 1903, quando fecero la pace e formarono la National Commission come organo di governo.

Herrmann August Gary

Il primo presidente della National Commission, il presidente dei Cincinnati August Herrmann (che era già stato un sostenitore delle partite di interleague), propose un ambizioso programma alla fine del 1904. Il piano di Herrmann avrebbe visto le due league terminare le loro stagioni dopo circa 116 partite, "per poi fare in modo che ogni squadra della National League potesse giocare due partite in ogni città dell'American League e viceversa".

John Taylor

Un'altra idea di partite di interleague fu lanciata nello stesso periodo dal proprietario dei Boston Americans John Taylor, il cui piano prevedeva che ogni league disputasse il suo intero programma di 154 partite, a cui far seguire non solo una serie tra i due vincitori delle due league, ma anche una serie tra le due squadre terminate al secondo posto, quelle al terzo posto e via via a tutte le altri classificate.

William Veeck Sr.

Nell'agosto del 1933, diversi proprietari reagirono favorevolmente alla proposta del presidente dei Chicago Cubs William Veeck Sr. di far giocare le squadre in quattro partite di interleague a metà stagione, a partire dal 1934. Nel dicembre del 1956, i proprietari della Major League considerarono una proposta del GM di Cleveland e del proprietario di minoranza Hank Greenberg di implementare un gioco interleague limitato a partire dal 1958.

Hank Greenberg

Sotto la proposta di Greenberg, ogni squadra avrebbe continuato a giocare una stagione di 154 partite, con 126 tra le squadre della stessa league e 28 contro le otto squadre dell'altra league. Le partite interleague sarebbero state giocate immediatamente dopo l'All-Star Game. In particolare, secondo la proposta di Greenberg, tutti i risultati avrebbero contato nelle classifiche delle partite della regular season e nelle statistiche della league. Sebbene questa proposta non fu adottata, l'attuale sistema condivide molti elementi.

Bill Veeck

Bill Veeck predisse nel 1963 che un giorno la Major League Baseball avrebbe avuto l'interleague play. Mentre il concetto fu nuovamente preso in considerazione negli anni '70, ma non venne attuato fino agli anni '90, almeno in parte come uno sforzo per rinnovare l'interesse del pubblico per la MLB a seguito dello sciopero dei giocatori del 1994.

La prima partita di Interleague della MLB ebbe luogo il 12 giugno 1997, quando i Texas Rangers ospitarono i San Francisco Giants al The Ballpark di Arlington.

Quella sera c'erano quattro partite di Interleague in programma, ma le altre tre si giocavano sulla costa occidentale, quindi il matchup Giants-Rangers iniziò poche ore prima delle altre.

Darren Oliver dei Texas effettuò il primo lancio contro il leadoff Glenallen Hill dei San Francisco che era anche il primo battitore designato utilizzato in una partita della regular season da una squadra della National League.

Darryl Hamilton dopo aver colpito la prima valida dell'Interleague il 12 giugno 1997 (video)

Darryl Hamilton dei San Francisco realizzò la prima valida dell'Interleague, mentre Stan Javier segnò il primo fuoricampo, portando i Giants alla vittoria per 3-4 contro i Rangers.

Stan Javier colpisce il primo fuoricampo dell'Interleague il 12 giugno 1997

Il primo lancio cerimoniale per ogni squadra venne effettuato da Nolan Ryan e Willy Mays (foto sotto).

Dal 1997 al 2001, le squadre giocarono contro la stessa division dell'altra league; ad esempio, l'American League West giocava con le squadre della National League West, in genere programmate per alternare tra casa e trasferta in anni consecutivi. Nel 2002, tuttavia, la MLB iniziò ad alternare le division che giocavano tra di loro, e così nel 2002 l'American League East giocò con la National League West, l'American League Central con la National League East e l'American League West con la National League Central. I matchup che erano stati di particolare interesse prima di questo format - principalmente i rivali geografici - furono conservati. Si prevede che questo sarà il format permanente del programma interleague. Le partite tra le division corrispondenti non vennero giocate una volta all'inizio di questa rotazione, ma furono rimesse nella rotazione nel 2006.

Dal 2002 al 2012, tutte le partite di interleague vennero giocate prima dell'All-Star Game (ad eccezione delle partite rinviate per pioggia che vennero recuperate dopo l'All-Star Game). La maggior parte delle partite vennero giocate a giugno e all'inizio di luglio, sebbene a partire dal 2005, le partite di interleague si giocarono durante un fine settimana a metà maggio.

La regola del battitore designato (DH) venne applicata nello stesso modo delle World Series (e dell'All-Star Game prima del 2010). Nello stadio dell'American League, entrambe le squadre hanno la possibilità di usare un DH. Sui diamanti della National League, i lanciatori di entrambe le squadre devono battere. Le squadre di entrambe le league hanno beneficiato e sono state in svantaggio quando si trattava della regola DH nella partita di interleague. Ad esempio, Barry Bonds, che aveva trascorso tutta la sua carriera nella National League vincendo otto Gold Gloves all'inizio della sua carriera, fu utilizzato rigorosamente come DH più tardi nella sua carriera quando i San Francisco Giants giocavano le partite di interleague a causa della sua scarsa difesa. Al contrario, lo slugger dei Boston Red Sox David Ortiz, che aveva trascorso tutta la sua carriera nell'American League ed era stato il DH regolare dei Red Sox, fu costretto a giocare in prima base quando i Red Sox giocavano in trasferta le partite di interleague, costringendo i Sox a rinunciare a un buon difensore a favore del mantenimento del potenza in battuta di Ortiz.

Nel 2007, due squadre - i Los Angeles Dodgers e i Baltimore Orioles - giocarono sei partite con più di un avversario interleague. I Dodgers giocarono sia con i Toronto Blue Jays che con i Los Angeles Angels, mentre gli Orioles si scontrarono sia con gli Arizona Diamondbacks che con i Washington Nationals. Questo accadde di nuovo nel 2012 quando i New York Yankees giocarono sia con i New York Mets che con gli Atlanta Braves in sei partite. Anche i Miami Marlins giocarono sia con i Tampa Bay Rays che con i Boston Red Sox per sei partite ciascuno (A meno che non vengano apportate importanti modifiche all'attuale format interleague, ciò non accadrà più).

Il primo Civil Rights Game fu una partita interleague dimostrativa tra i Cleveland Indians e St. Louis Cardinals all'AutoZone Park di Memphis il 31 marzo 2007.

La prima stagione regolare Civil Rights Game è stata una partita interleague tra Chicago White Sox e Cincinnati Reds al Great American Ball Park il 20 giugno 2009.

Dall'introduzione dell'interleague play, due squadre hanno cambiato league: i Milwaukee Brewers dall'American League sono passati alla National League nel 1998 e gli Houston Astros dalla National League alla American League nel 2013. Di conseguenza, la serie interleague del 2013 tra le due squadre è stata la prima volta che due franchigie si sono affrontate in una serie interleague dopo che entrambe le squadre si erano affrontate in una serie interleague che rappresentava league opposte: le due squadre si sono incontrate dal 1 al 3 settembre 1997 (Houston in NL, Milwaukee nell'AL), poi di nuovo dal 18 al 20 giugno 2013 (Houston nell'AL, Milwaukee in NL). In entrambi i casi, la serie si è svolta a Houston, con la squadra che rappresentava l'AL vittoriosa per 2-1. Dal 1998 al 2012, entrambe le squadre sono state avversarie nella division della National League Central.

L'Interleague play ha ampiamente favorito l'American League in termini di vittorie/sconfitte. In 22 anni di gioco, l'AL ha vinto la serie stagionale 17 volte, di cui 14 consecutivamente dal 2004-2017.

Anno
Best Records
Total Games
American League
National League
Winning Pct.
1997
National
214
97
117
.547
1998
American
224
114
110
.509
1999
National
251
116
135
.538
2000
American
251
136
115
.542
2001
American
252
132
120
.524
2002
National
252
123
129
.512
2003
National
252
115
137
.544
2004
American
252
127
125
.504
2005
American
252
136
116
.540
2006
American
252
154
98
.611
2007
American
252
137
115
.544
2008
American
252
149
103
.591
2009
American
252
138
114
.548
2010
American
252
134
118
.532
2011
American
252
131
121
.520
2012
American
252
142
110
.563
2013
American
300
154
146
.513
2014
American
300
163
137
.543
2015
American
300
167
133
.557
2016
American
300
165
135
.550
2017
American
300
160
140
.533
2018
National
300
142
158
.527
2019
National
300
134
166
.553
Overall
American
6,064
3,166
2,898
.522

Alla fine della stagione MLB 2019, l'American League detiene un vantaggio di tutte le serie di 3.166–2.898 e ha chiuso con il miglior record nelle partite interleague per 14 stagioni consecutive, risalente al 2004 fino al 2018. Il 2006 è stata la stagione più sbilanciata nella storia degli interleague, con le squadre dell'American League che hanno registrato un record di 154–98 contro le loro controparti della National League. La squadra con il miglior record di tutti i tempi nell'interleague play sono i New York Yankees dell'AL con 144-102 (.585), seguita dai Chicago White Sox con 143-104 (.579). I Miami Marlins detiene il miglior record interleague della NL con 127-107 (.543), seguiti dai St. Louis Cardinals con 109–96 (.532).

Con i Pirates che spazzarono i Royals il 19 settembre 2018, la National League garantì la vittoria della serie per la prima volta dal 2003.

Abbinamenti geografici e rivali naturali

Alcuni matchup interleague sono molto attesi ogni anno, a causa della vicinanza geografica delle squadre coinvolte. Molte città, aree metropolitane e stati hanno almeno una squadra in ogni league. In ognuna di queste partite dalla "rivalità naturale", le due squadre si incontrano ogni anno per quattro partite, due nel proprio stadio. Prima del 2013, e nel 2015, c'erano sei partite tra le due squadre, tre per stadio:

- Baltimore Orioles v. Washington Nationals - Beltway Series, Battle of the Beltways, Parkway Series o MARC Madness. Serie introdotte nel 2006, la seconda stagione dei National a Washington DC, dopo il loro trasferimento da Montreal.

- Chicago Cubs v. Chicago White Sox - Windy City Series, Crosstown Classic o Red Line Series. Le due squadre giocarono alle World Series del 1906.

- Cincinnati Reds contro Cleveland Indians - Ohio Cup

- Detroit Tigers v. Pittsburgh Pirates - Mentre questa serie è diventata una rivalità solo perché le altre squadre dell'AL e della NL Central erano già accoppiate, è diventata popolare tra i fans di entrambe le squadre, probabilmente a causa della rivalità tra Detroit Red Wings e Pittsburgh Penguins della NHL. Le due squadre hanno anche molte altre connessioni. Gli Erie SeaWolves, affiliati ai Tigers di AA della Minor League, localizzati nell'area vicino a Pittsburgh, erano stati affiliati dal 1995 al 1998 ai Buccos e hanno conservato il logo di un lupo che indossa una bandana da pirata e una benda sull'occhio. Inoltre, Jim Leyland, ex manager dei Pirates (1986–1996) e dei Tigers (2005–2013), rimane popolare a Pittsburgh dove continua a risiedere. Le due squadre giocarono alle World Series del 1909.

- Kansas City Royals v. St. Louis Cardinals - I-70 Series o Show-Me Series, sono così chiamate perché le città di Kansas City e St. Louis sono entrambe nel Missouri e collegate dall'Interstate 70. Le due squadre hanno giocato nel 1985 World Series.

- Los Angeles Angels v. Los Angeles Dodgers - Freeway Series.

- Miami Marlins v. Tampa Bay Rays - Citrus Series.

- Milwaukee Brewers v. Minnesota Twins - Border Series. I Twins e i Brewers erano precedentemente rivali regionali nell'American League, così come rivali di division dal 1970-1971, e ancora dal 1994-1997. Le due aree della metropolitana sono collegate dall'Interstate 94. Tuttavia, il termine "Serie I-94" è usato quasi esclusivamente per riferirsi alle partite giocate tra i Milwaukee Brewers e i Chicago Cubs, e le partite di interleague con l'ex-rivale dei Chicago White Sox.

- New York Mets v. New York Yankees - Subway Series. Le due squadre hanno partecipato alle World Series 2000. L'aggiunta dei Mets nel 1962 riportò il baseball della National League a New York dopo che Dodgers e Giants si trasferirono in California nel 1958.

- Oakland Athletics v. San Francisco Giants - Bay Bridge Series o Battle of the Bay. Le due squadre hanno giocato alle World Series del 1989, nonché alle World Series 1905, del 1911 e del 1913 quando si trovavano rispettivamente a Philadelphia e New York.

- San Diego Padres v. Seattle Mariners - Inizialmente giocavano perché erano le uniche squadre della weat coast a non essere accoppiate con un altro rivale interleague. Le due squadre condividono il complesso di Spring Training a Peoria, in Arizona. Spesso citata come controargomentazione contro le serie di "rivalità" in generale a causa della mancanza di una rivalità storica delle due squadre e delle loro posizioni alle estremità opposte della Costa del Pacifico (e del corridoio I-5), così come del mancato raggiungimento di risultati generali da entrambe le squadre durante il loro tempo da "rivali". A volte scherzosamente definita Vedder Cup dal cantante dei Pearl Jam, Eddie Vedder, che ha vissuto in entrambe le città (anche se Vedder stesso, cresciuto nella zona di Chicago, è un fan dei Chicago Cubs).

Nel 2014, le dieci squadre che si sono qualificate per la postseason erano cinque coppie di rivali geografici: Angels, Athletics, Orioles, Royals e Tigers dell'AL; Dodgers, Giants, Nationals, Cardinals e Pirates dalla NL.

Ex rivalità interleague

- Baltimore Orioles v. Philadelphia Phillies - Serie giocate dal 1997 al 2005. Nel 2006, i Washington Nationals hanno sostituito i Phillies come rivali degli Orioles. Sebbene i Nationals si siano trasferiti a Washington nel 2005, il programma per quella stagione era già stabilito, quindi le serie di rivalità tra Washington e Baltimora non poteva iniziare fino alla stagione successiva. Pertanto, nel 2005 gli Orioles hanno giocato con i Phillies come rivali per l'ultima volta, mentre Washington ha giocato il calendario di Montreal previsto per il 2005, che includeva quelle che sarebbero stati le partite di rivalità interleague degli Expos con i Toronto Blue Jays.

- Houston Astros v. Texas Rangers (Lone Star Series) - Giocate dal 2001 al 2012. Nel 2013, gli Astros si sono trasferiti nell'American League West, e le due squadre hanno iniziato a giocare l'una contro l'altra 19 volte l'anno come rivali di division.

- Arizona Diamondbacks v. Texas Rangers - Giocate dal 1998 al 2000 quando i Diamondbacks erano una squadra di espansione. Rianimate nel 2013 e 2015 come parte di una rivalità divisa con Rockies e Astros.

- Montreal Expos v. Toronto Blue Jays (Pearson Cup o The All-Canadian Series) - Giocate dal 1997 al 2004 (e da Washington contro Toronto nel 2005). Quando gli Expos si trasferirono a Washington, D.C., per diventare i Nationals Washington nella stagione 2005, il programma del 2005 era già stato fissato, quindi i Nationals giocarono quello che era stato inteso come serie di rivalità di Montreal con i Blue Jays in quella stagione. Nel 2006, i Nationals hanno iniziato a giocare con i Baltimore Orioles ogni anno come loro rivale interleague.

Match-up

Il 1° aprile del 2013, per la prima volta nella storia della Major League, è stata giocata una partita interleague nell'opening day, tra i Los Angeles Angels di Anaheim e i Cincinnati Reds al Great American Ball Park, con gli Angels che vinsero quella partita 3-1 in 13 inning.

Chris Iannetta (n. 17) dei Los Angeles Angels of Anaheim colpisce il singolo vincente da due punti nella parte alta del 13esimo inning nella partita contro i Cincinnati Reds del 1° aprile 2013 al Great American Ball Park di Cincinnati, Ohio

I Reds, tuttavia, avrebbero vinto le successive due partite con punteggi di 5-4. Inoltre, il 29 settembre 2013, per la prima volta nella storia della MLB, è stata giocata una partita interleague l'ultimo giorno della regular season, tra i Miami Marlins e i Detroit Tigers al Marlins Park.

Henderson Álvarez esulta per la sua no-hitter realizzata il 29 settembre 2013

I Marlins non solo vinsero la partita per 1-0 con un walk-off, ma il loro lanciatore Henderson Álvarez lanciò una no-hitter (la settima volta che una No-No veniva lanciata in una gara di interleague).

Il 3 aprile 2016, per la prima volta nella storia della MLB, i partecipanti alle World Series dell'anno precedente si sono affrontati il ​​giorno di apertura dell'anno successivo. I Kansas City Royals hanno ospitato i New York Mets al Kauffman Stadium in una partita televisiva a livello nazionale e hanno vinto 4-3. I Mets non solo avrebbero restituito il favore due giorni dopo con una vittoria per 2-0 per dividere la serie da due partite, ma avrebbero anche spazzato i Royals nelle altre due gare di interleague al Citi Field il 21 e 22 giugno di quell'anno.

Mike Moustakas (8) festeggia con il compagno di squadra Kendrys Morales (25) dopo aver segnato, il primo punto dei Royals nel primo inning dell'opening day del 3 aprile 2016 al Kauffman Stadium. Di lato il lanciatore dei New York Mets Matt Harvey (33)

Con la vittoria dei Pittsburgh Pirates sugli Oakland Athletics nella partita di interleague del 10 luglio 2013, ogni squadra della NL ha battuto almeno una volta ogni altra squadra dell'AL; gli A's in precedenza avevano sempre sconfitto i Pirates negli 11 incontri disputati.

Pedro Alvarez # 24 dei Pittsburgh Pirates colpisce un singolo RBI nel quarto inning contro gli Oakland Athletics durante la partita il 10 luglio 2013 al PNC Park di Pittsburgh, in Pennsylvania

Ogni squadra di ciascuna league ha anche ospitato e visitato, almeno una volta, ogni altra squadra. Questa particolarità è stata completata il 25 (Video), 26 e 27 luglio 2016 quando i San Diego Padres hanno fatto la loro prima trasferta a Toronto. Le due squadre avevano già giocato a San Diego nel 2004, 2010 e 2013.

Division rotation

Dal 1997 al 2001, le division sono state accoppiate con la loro controparte geografica (AL East contro NL East, AL Central contro NL Central, AL West contro NL West). A partire dal 2002, gli accoppiamenti delle division ruotarono. Le controparti geografiche sono state inizialmente ignorate nel 2004, ma sono tornate in calendario nel 2006, creando una rotazione di tre anni che è ancora in uso oggi. Nel 2020, a causa della pandemia di COVID-19, si è tornati alla controparte geografica e solo per quest'anno per limitare i viaggi (AL East contro NL East, AL Central contro NL Central, AL West contro NL West).

Gli abbinamenti delle division per le stagioni recenti e future includono:

Season NL East vs. NL Central vs. NL West vs. AL East vs. AL Central vs. AL West vs.
2017 AL West AL East AL Central NL Central NL West NL East
2018 AL East AL Central AL West NL East NL Central NL West
2019 AL Central AL West AL East NL West NL East NL Central
2020[nota 1] AL East AL Central AL West NL East NL Central NL West
2021 AL East AL Central AL West NL East NL Central NL West

Nota 1: La stagione 2020 era originariamente prevista per avere AL East vs NL Central, AL Central vs NL West e AL West vs NL East. Tuttavia, questo è stato modificato per far sì che ciascuna division giocasse con la sua controparte geografica al fine di ridurre i viaggi in una stagione ridotta a causa della pandemia di COVID-19.

Argomenti

Fin dalla sua introduzione, le partite di interleague della regular season hanno continuato a essere fonte di controversie tra i fans del baseball e altri protagonisti coinvolti nello sport. Tra gli argomenti usati a favore e in opposizione all'interleague play c'è da segnalare:

Pro

- La partita di Interleague aumenta la partecipazione del pubblico; tuttavia, questi numeri possono essere distorti, dato che le partite di interleague erano precedentemente giocate principalmente nei fine settimana, quando la frequenza era più alta su tutta la linea, e venivano giocate a giugno, quando la scuola era terminata e le temperature erano più miti di altri mesi della stagione. Tuttavia, le partite di interleague durante l'intera stagione dovrebbero mitigare questo pregiudizio statistico.

- I fans possono vedere giocatori che altrimenti non potrebbero vedere, in particolare quelli che hanno giocato solo in una sola league.

- Durante la stagione regolare si svolgono alcune rivalità geografiche che altrimenti potrebbero non accadere per anni. Gli Yankees ora giocano quattro o sei partite contro i Mets ogni stagione mentre si sarebbero scontrati solo nelle World Series del 2000 se non ci fossero state le partite di interleague. Dal 1962 fino all'inizio delle interleague play, i Mets e gli Yankees avevano giocato solamente nel Mayor's Trophy Game (svoltosi dal 1963-83), che era una partita di esibizione anche se veniva giocata durante la stagione regolare.

Joe Pepitone ( a sinistra) chiacchiera con il vecchio compagno di squadra e manager Yogi Berra prima del Mayor's Trophy Game tra Yankees e Mets nella metà degli anni '60 allo Shea Stadium

Crea incontri che potrebbero non essere stati mai visti da generazioni. Per esempio:

- Durante la stagione 2004, i Giants e i Red Sox giocarono tra loro per la prima volta dall'incontro delle World Series del 1912.

- I Red Sox non avevano mai giocato al Wrigley Field (il ballpark della NL del 1916) fino al 2005. Al contrario, la trasferta dei Chicago Cubs al Fenway Park nel 2011 fu la loro prima apparizione nello storico stadio da quando le squadre si erano incontrate nelle World Series del 1918. I Cubs giocarono le loro partite in casa in quella serie nel più vasto Comiskey Park.

Derek Jeter (a sinistra) e Cesar Izturis durante la prima partita di interleague del 18 giugno 2004 al Dodger Stadium

- Nel 2004, gli Yankees e i Dodgers si incontrarono per la prima volta dalle World Series del 1981 al Dodger Stadium. Non si incontrarono nel Bronx fino al 2013, con Los Angeles che era rimasta l'unica squadra a non aver mai giocato una regular season al vecchio Yankee Stadium.

Il terza base dei New York Yankees Alex Rodriguez (R) guarda mentre Nate McLouth (13) dei Pittsburgh Pirates arriva salvo sul sacchetto di terza nel quinto inning della loro prima partita di interleague a Pittsburgh, in Pennsylvania, il 10 luglio 2008

- Nel 2008, i New York Yankees giocarono in trasferta con i Pittsburgh Pirates per la prima volta dalle World Series del 1960.

- Consente una rivincita delle precedenti World Series. Ciò si è verificato in 13 delle 23 stagioni complete di interleague play. Ciononostante, la squadra vincitrice delle World Series ha vinto la serie stagionale solo quattro di queste volte. L'esempio più evidente di questo è successo nel 2016 quando i New York Mets e i Kansas City Royals, che si erano incontrati nelle World Series del 2015, si incontrarono di nuovo nell'opening day a Kansas City.

- Consente di misurare la forza relativa delle due League l'una contro l'altra per oltre 300 partite all'anno, anziché solo nelle World Series una volta all'anno.

Contro

- Alla maggior parte dei lanciatori dell'American League non piace esercitarsi nel batting practice per avere l'opportunità di battere in una o due partite (a meno che non abbiano giocato prima nella National League). Questi lanciatori non sono nemmeno abituati a correre sulle basi, il che può portare a infortuni e affaticamenti (Ad esempio, Chien-Ming Wang dei New York Yankees ha subito una lesione di Lisfranc sul piede destro, terminando prematuramente la stagione, correndo sulle basi durante una partita di interleague contro gli Houston Astros nel 2008).

- Le World Series e l'All-Star Game sono derubati del fascino che un tempo risultava dalle due league che giocavano con calendari completamente esclusivi durante la stagione regolare: nel caso delle World Series, i "migliori della American League" giocano contro i "migliori nella National League" per l'unica volta in quella stagione.

- Più partite contro gli avversari interleague significa meno partite contro rivali della stessa league e della division - quest'ultima decisamente più avvincente. Tuttavia, le league attualmente giocano un calendario sbilanciato che favorisce gli avversari della division piuttosto che le squadre di altre division (che è importante a causa della struttura di qualifica postseason - solo la migliore squadra di una determinata division ha garantito un posto nella postseason). Ora, gli avversari di division si incontrano 19 volte per stagione, e ogni rivalità naturale vede solo 4 partite contro 6 degli anni precedenti (tranne quando si gioca la division del rivale naturale).

- Alcuni hanno sostenuto che l'AL possiede un vantaggio ingiusto rispetto alla NL a causa della regola del battitore designato nell'AL, citando il predominio schiacciante dell'AL nelle partite interleague per più di un decennio. Quando le squadre NL sono in trasferta, sono costrette a mettere un DH al posto del loro lanciatore, che normalmente batte in nona posizione. A volte, la squadra NL utilizzerà uno dei suoi battitori stellari come DH e utilizzerà una riserva per sostituire il DH designato, e altre volte, la squadra NL utilizzerà semplicemente una riserva come DH e lo farà battere più tardi. In entrambi i casi, tuttavia, i vantaggi dell'utilizzo di un DH al posto del lanciatore sono minimi, soprattutto considerando che i battitori designati dell'AL hanno visto più azione nelle loro posizioni e che le squadre dell'AL possiedono ancora il loro lineup completo di battuta di 9 giocatori. Anche quando il team della NL gioca in casa, sono state avanzate argomentazioni sul fatto che non ci sia alcun reale vantaggio per il team della NL. Per la maggior parte, i battitori designati sono anche fielders passabili, il che significa che possono ancora essere utilizzati nella partita. E anche se la squadra dell'AL deve togliere un giocatore dal proprio lineup, lascia un giocatore titolare disponibile ad entrare come pinch-hitter e/o come giocatore sostitutivo più avanti nella partita, al contrario di un giocatore di riserva su una squadra della NL. E sebbene i lanciatori dell'AL vedano meno azione dei lanciatori della NL, le statistiche hanno dimostrato che la media battuta del lanciatore dell'AL non è molto inferiore alla media battuta del lanciatore della NL, in gran parte a causa del fatto che diversi lanciatori dell'AL hanno giocato nella NL. Per questi motivi, alcuni hanno sostenuto che la NL dovrebbe adottare il DH, mentre altri hanno sostenuto che l'AL dovrebbe eliminare il DH.

- Questi considerazioni contrarie si applicavano principalmente ai formats 1997-2001 e/o 2002–2012 e non necessariamente al format attuale:

- La serie di "rivalità" che consiste in sei partite all'anno per alcune squadre porta a ulteriori disuguaglianze del calendario. Ad esempio, la sfida nell'AL West può essere distorta da Seattle che gioca sei partite all'anno contro l'ultimo posto dei San Diego e le sei partite di Oakland contro il campione in carica di San Francisco.

Alcune squadre giocano in interleague contro una certa squadra più che contro alcune squadre nella intra-league. Ad esempio, i Washington Nationals hanno giocato con i Baltimore Orioles (una squadra dell'AL) 6 volte nella stagione 2012, mentre con i San Diego Padres e i Pittsburgh Pirates (squadre della NL) solo 5 volte ciascuna. Questo non è stato più così a partire dal 2013, quando ad ogni coppia di avversari interleague sono stati garantiti sei incontri uno contro l'altro, tre in ogni sede.

- In particolare, le squadre non giocano di più contro identici avversari dei loro rivali della division, e anche dove lo fanno, non giocano sempre un numero identico di volte. Ciò può portare a disparità di "strength of schedule" come quelle che la NFL deve affrontare su base annuale.

- Ad esempio, nel 2005, i San Diego Padres avevano giocato contro tutte le squadre dell'AL Central ad eccezione dei Kansas City, che avevano il peggior record in campionato, nonché sei partite contro Seattle, che aveva chiuso quella stagione con un record di 69-93.

- Nel frattempo i loro rivali della division, i San Francisco Giants, avevano giocato con tutte le squadre dell'AL Central, tranne i Chicago White Sox, che avevano il miglior record nell'AL e che continuarono vincendo le World Series, oltre a sei contro gli Oakland, che era in lizza per i playoff per gran parte della stagione.

- Nel format attuale queste disuguaglianze sono nettamente ridotte, poiché tutte le squadre all'interno di una division hanno ogni stagione gli stessi avversari della division rotante, mentre le serie di rivalità vengono ridotte a quattro partite ogni stagione (tranne quando si gioca l'un l'altra nella division).