CSS Valido!

BASEBALL PAOLO ART 14
 

18/01/2021

Che il 2021 sia l’anno boom delle donne nella MLB?

I Red Sox assumono Bianca Smith, la prima coach nera nella storia del baseball professionistico

Ci siamo lasciati alla fine dello scorso anno con i Marlins che avevano nominato il 13 novembre 2020 Kim Ng come nuovo General Manager della franchigia, prima donna a detenere quel titolo nei quattro sport principali del Nord America. Sempre nello stesso anno altre due grandissime donne hanno esordito all'inizio stagione in due franchigie della MLB, Alyssa Nakken e Rachel Balkovec, nei ruoli a tempo pieno di coach. E’ innegabile che questa sia una rivoluzione epocale e che oramai sia stata tracciata una nuova via che continua anche nel 2021.

Il 31 dicembre 2020 il Boston Globe ha riferito che i Red Sox avrebbero assunto la 29enne Bianca Smith come coach della minor league a gennaio, con sede a Fort Myers, in Florida, per lavorare con i position players. Il 4 gennaio 2021, i Red Sox hanno ufficializzato le assunzioni. Smith è la prima donna afroamericana a servire come coach in un'organizzazione di baseball professionista.

"L'opportunità è incredibile", ha detto Smith in un'intervista al programma Hot Stove di MLB Network, "Sto cercando di capacitarmene. Probabilmente non ci crederò fino a quando non sarò effettivamente lì. Penso che sia una grande opportunità anche per ispirare altre donne che sono interessate a questo gioco. Questo non è davvero qualcosa a cui pensavo quando ero più giovane. Volevo essere un'atleta. Quindi sono eccitata per avere la possibilità di dimostrare cosa so fare".

Smith è attualmente assistente coach e coordinatrice dei battitori alla Carroll University in Wisconsin, ruolo che ricopre dal 2018. Prima di allora, Smith ha lavorato presso la Case Western Reserve University come direttore delle operazioni di baseball dal 2013-17 e per un periodo come assistente coach presso l'Università di Dallas nel '18.

Inizierà la sua carriera nei Red Sox con sede presso la struttura di sviluppo dei giocatori del club a Fort Myers, in Florida.

Smith ha giocato a softball al Dartmouth College, laureandosi nel 2012. Sebbene Smith abbia una solida esperienza negli aspetti biomeccanici e analitici del baseball, non vede l'ora di avere la possibilità di ampliare la sua esperienza con i Red Sox.

"In qualità di hitting coordinator, gestisco tutto il nostro lato tecnologico per la battuta alla Carroll", ha detto Smith, "Sono davvero entusiasta di mettere le mani sulle numerose diverse risorse che i Red Sox hanno per quanto riguarda la tecnologia, imparare le diverse metriche ed essere in grado di approfondire ciò che so attualmente. E' piuttosto eccitante".

Smith in precedenza ha svolto stage nei dipartimenti delle operazioni di baseball dei Texas Rangers e dei Cincinnati Reds.

Bianca Smith è nata a Sewickley, in Pennsylvania. Suo padre, Victor Smith, ha giocato a football al Dartmouth College dal 1985 al 1987; sua madre, Dawn Patterson, era anch'essa un'ex allieva di Dartmouth diventando avvocato.

Smith ha frequentato la Colleyville Heritage High School di Dallas, dove ha giocato a softball ed è stata co-capitano nel suo ultimo anno. Si è diplomata al liceo nel 2008.

Successivamente si è iscritta al Dartmouth College, dove ha giocato come esterno nella squadra di softball ed è stata un membro della squadra di baseball.

Si è laureata a Dartmouth con un B.A. in sociologia nel 2012. Con l'obiettivo di perseguire una carriera come general manager del baseball, Smith ha conseguito una laurea in giurisprudenza in diritto sportivo e un Master in Business Administration in gestione dello sport presso la Case Western Reserve University nel 2017. Allo stesso tempo, dal 2013 al 2017, Smith ha lavorato come direttore delle operazioni di baseball per i Case Western Reserve Spartans.

21/01/2021

The Incredible Women of the All-American Girls Professional Baseball League

Desidero segnalarvi il libro di Anika Orrock pubblicato a marzo 2020 da Chronicle Books: "The Incredible Women of the All-American Girls Professional Baseball League".

Questo libro racconta la storia della All-American Girls Professional Baseball League e le storie delle prime donne a giocare a baseball professionistico in un campionato tutto loro. Scritto in modo accessibile e splendidamente illustrato, The Incredible Women of the All-American Girls Professional Baseball League è una storia unica nel suo genere raccontata attraverso le voci delle donne e le loro prospettive.

"Nel 1941 il mondo era in guerra, e con gli uomini americani che combattevano all'estero, il tanto agognato passatempo del baseball professionistico era in pericolo di estinzione, fino a quando le donne non si fecero avanti".

Iniziamo con la descrizione del libro con le parole stesse dell’autrice Anika Orrock, e il processo di creazione:

"Questo libro sulla All-American Girls Professional Baseball League si è rivelato molto diverso da quello che avevo immaginato in origine. L'editrice di Chronicle Books, Julia Patrick, ha visto del potenziale in più - e in qualche modo ha creduto che potessi farcela - ed è risultato incomparabilmente migliore, così come l'esperienza nel realizzarlo".

"Quando è passato da un sottile libro leggermente illustrato a una storia illustrata di 162 pagine, non ho avuto il tempo di testare il terreno, ho dovuto buttarmici dentro".

"In tal modo, ho avuto modo di esplorare le aree di questo paese - aree in cui una volta esisteva questo campionato - che non l’avrei mai visto altrimenti, con un budget romanticamente ridotto, sperimentando i motel più inquietanti, gli Airbnb più strani e il cibo peggiore del Midwest. Ho avuto modo di trascorrere giorni immersi in gloriosi archivi universitari e museali dove i manufatti più incredibili mi sono stati consegnati su carretti di metallo d'epoca incontaminati".

"Incredibilmente, ho avuto modo di trascorrere del tempo con molte di queste donne che hanno fatto la storia. Durante lunghe conversazioni telefoniche e incontri di persona nei bar degli hotel, le ho ascoltate rievocare le loro esperienze, la cosa più vicina immaginabile al viaggio nel tempo. Mi hanno offerto una sensazione tangibile di com'era giocare a baseball professionistico da donna negli anni '40 e '50".

Il libro si conclude con una sezione di foto storiche dall'AAGPBL. La foto che mi è piaciuta di più è quella di una giocatrice che scivolava in terza base ... con la gonna! Ahia! Non riesco a immaginare di giocare a baseball in pantaloncini, figuriamoci con la gonna. Queste donne avevano tanto coraggio e tolleranza per il dolore quanto e di più di qualsiasi uomo. Hanno giocato duro, come dovrebbe essere giocato professionalmente.

Ecco alcune pagine e illustrazioni:

Anika Orrock è una pluripremiata illustratrice, scrittrice, designer, fumettista, umorista e appassionata di baseball della California Bay Area.

Il suo lavoro di illustrazioni è incluso nella Society of Illustrators 62nd Annual Exhibition. Le sue opere sono state commissionate dal National Pastime Museum; Merrill Lynch; dall'International Women's Baseball Center; dalla All-American Girls Professional Baseball League Players Association; dalle organizzazioni della Major League Baseball e dalle pubblicazioni di sport internazionali, così come una varietà di importanti musicisti ed etichette discografiche.

Anika è cresciuta a Salt Lake City, nello Utah e nella Bay Area della California. Attualmente vive a Nashville, nel Tennessee. E' anche co-fondatrice del Pandemic Baseball Book Club.

The Incredible Women of the All-American Girls Professional Baseball League è disponibile su Amazon al prezzo di 17.53 €.

Per vedere altri lavori di Anika entrate nel suo sito web: www.anikaorrock.com. Seguite il suo lavoro su Instagram o Twitter: @anikadrawls. Facebook: facebook.com/artofanika.

24/01/2021

Anche Henry Louis "Hank" Aaron ci ha lasciati. Se n'è andato nel sonno il 22 gennaio 2021, due settimane prima del suo 87° compleanno, ad Atlanta. La morte di Aaron segue quella di altri sette giocatori della Hall of Fame nel 2020 e altri due - Tommy Lasorda e Don Sutton - già quest'anno.

Di questo grandissimo giocatore si sa tutto. Voglio riportare di seguito le parole pronunciate in questi giorni dall'attuale Presidente Joe Biden, Barack Obama, Jimmy Carter e George W. Bush, dal Governatore della Georgia, dal Sindaco di Atlanta e dai Commissioner MLB, a testimonianza di quello che ha lasciato come uomo e come giocatore.

"Con coraggio e dignità, ha eclissato il record più sacro nello sport mentre ha assorbito la vendetta che avrebbe spezzato la maggior parte delle persone", ha detto il presidente Joe Biden, "Ma era indistruttibile".

Barack Obama ricorda la leggenda del baseball Hank Aaron come "Una delle persone più forti che abbia mai incontrato. Ogni volta che Michelle e io abbiamo passato del tempo con Hank e sua moglie Billye, siamo rimasti colpiti dalla loro gentilezza, generosità e grazia e ci è stato ricordato che eravamo sulle spalle di una generazione precedente di pionieri".

L'ex presidente Jimmy Carter, ha descritto Aaron come "Un eroe personale. Rompendo record e barriere razziali, la sua straordinaria eredità continuerà a ispirare innumerevoli atleti e ammiratori per le generazioni a venire", ha detto Carter, che spesso ha assistito alle partite dei Braves con sua moglie, Rosalynn.

George W. Bush, un tempo proprietario dei Texas Rangers, ha conferito ad Aaron nel 2002 la Presidential Medal of Freedom, il più alto onore civile della nazione. Bush in una dichiarazione venerdì ha detto: "È cresciuto povero e ha affrontato il razzismo mentre lavorava per diventare uno dei più grandi giocatori di baseball di tutti i tempi. Hank non ha mai lasciato che l'odio che ha affrontato lo consumasse".

"Hank Aaron è in cima alla lista di tutti i grandi giocatori di tutti i tempi", ha detto l'attuale Commissioner della MLB Rob Manfred in una dichiarazione, "I suoi risultati monumentali come giocatore sono stati superati solo dalla sua dignità e integrità come persona. Hank simboleggiava il meglio del nostro gioco e la sua eccellenza a tutto tondo fornendo agli americani e ai fan di tutto il mondo un esempio a cui ispirarsi. La sua carriera dimostra che una persona che lavora con umiltà ogni giorno può farsi strada nella storia e trovare un modo per brillare come nessun altro".

L'ex Commissioner della MLB Bud Selig ha definito Aaron un "vero Hall of Famer da tutti i punti di vista. Oltre ad essere uno dei più grandi giocatori di baseball di tutti i tempi, Hank era una persona meravigliosa e cara e un meraviglioso e caro amico", ha detto Selig in una dichiarazione, "Non molto tempo fa, io e lui camminavamo insieme per le strade di Washington, DC e parlavamo di come siamo stati grandi amici per più di 60 anni. Poi Hank ha detto: Chi avrebbe mai pensato che tanti anni fa un ragazzo nero di Mobile, Alabama, avrebbe battuto il record di home run di Babe Ruth e un ragazzo ebreo di Milwaukee sarebbe diventato Commissioner del Baseball?".

"La nostra famiglia ha il cuore spezzato per la notizia della morte di Hank Aaron", ha detto il governatore della Georgia Brian Kemp, "Hank Aaron era un'icona americana e una delle più grandi leggende della Georgia. La sua vita e la sua carriera hanno fatto la storia e la sua influenza si è fatta sentire non solo nel mondo dello sport, ma ben oltre - attraverso il suo importante lavoro per promuovere i diritti civili e creare un società più equa e giusta. Chiediamo a tutti i Georgiani di unirsi a noi nella preghiera per i suoi fan, la sua famiglia e i suoi cari mentre ricordiamo l'incredibile eredità di Hammerin 'Hank".

"Questa è una perdita considerevole per l'intera città di Atlanta", ha detto in un comunicato il sindaco Keisha Lance Bottoms, "Sebbene il mondo lo conoscesse come 'Hammering Hank Aaron' per la sua incredibile carriera da record nel baseball, era una pietra angolare del nostro paese nel rendere, assieme alla moglie, con la loro presenza e le loro risorse la nostra città un posto migliore. In quanto figlio adottivo di Atlanta, il signor Aaron faceva parte del tessuto che ha contribuito a collocare Atlanta sulla scena mondiale. La nostra gratitudine, i nostri pensieri e le nostre preghiere sono con la famiglia Aaron".

"Dio benedica, Henry "Hank" Aaron, un eroe americano" ha concluso nel comunicato della Casa Bianca il Presidente Joe Biden venerdì 22 gennaio 2021.

Grande "Hammerin' Hank" ci mancherai !

31/01/2021

Per la prima volta dal 2013, nessun giocatore ha ricevuto il 75% dei voti necessari per l'inserimento nella Hall of Fame del baseball.

Curt Schilling, Barry Bonds e Roger Clemens sono stati i più votati ma non hanno raggiunto il quorum. I membri della Baseball Writers 'Association of America hanno deciso che nessuno aveva i meriti - sul campo o fuori - per l'ammissione a Cooperstown quest'anno.

Schilling, un ace destro che ha vinto tre titoli delle World Series, ha ottenuto 16 voti al di sotto della soglia del 75 % necessaria per l'inclusione. Questa volta ha ottenuto il 71,1% dopo che lo scorso anno è arrivato al 70%.

I risultati sul campo di Schilling non si discutono, ma dopo il suo ritiro ha rivolto commenti odiosi verso i musulmani, persone transgender, giornalisti e altro ancora autodanneggiandosi.

"Va tutto bene, il baseball non mi deve nulla", ha detto Schilling durante uno streaming video in diretta sul suo account Twitter. In seguito ha scritto su Facebook di aver chiesto alla Hall of Fame di rimuovere il suo nome dalla votazione del prossimo anno.

Bonds (61,8 percento) e Clemens (61,6 percento) si sono uniti a Schilling fallendo al nono tentativo. Entrambi affrontano forti sospetti di PED, ma Bonds è stato anche accusato di violenza domestica e Clemens di mantenere una relazione decennale con una cantante che aveva 15 anni quando si sono incontrati.

Schilling, Clemens e Bonds saranno raggiunti al ballottaggio del prossimo anno dagli sluggers Alex Rodriguez e David Ortiz. Rodriguez è stato sospeso per tutta la stagione 2014 per aver violato la politica PED della MLB e del contratto collettivo, e il nome di Ortiz sarebbe apparso in un elenco di giocatori risultati positivi nel 2003.

Omar Vizquel, 11 volte vincitore del Gold Glove, è sceso dal 52,6% lo scorso anno al 49,1% dopo che sua moglie lo aveva accusato di ripetuti abusi domestici a dicembre.

La star dei Braves Andruw Jones, arrestato nel 2012 con l'accusa di violenza domestica, ha ottenuto il 33,9% al quarto anno.

Lo slugger dei Rockies Todd Helton, che si è dichiarato colpevole di guida sotto effetto di alcol e farmaci è stato condannato a due giorni di carcere lo scorso anno, ha ottenuto il 44,9% alla sua terza volta al ballottaggio.

È la diciannovesima volta che la BBWAA non riesce a eleggere un membro della Hall e solo la terza volta dal 1971.

Cooperstown non sarà però senza festeggiamenti la prossima estate. Dopo che la cerimonia del 2020 nella cittadina dello stato di New York è stata annullata a causa della pandemia, il grande Derek Jeter degli Yankees e la star dai five-tool Larry Walker saranno al centro della scena il 25 luglio, un anno dopo il previsto.

Saranno onorati insieme al ricevitore Ted Simmons e l'ex direttore esecutivo della Major League Baseball Players Association (dal 1966 al 1982) Marvin Miller.

I membri della BBWAA sono incaricati di eleggere i membri della Hall "in base al record del giocatore, all'abilità nel gioco, all'integrità, alla sportività, al carattere e ai contributi alle squadre in cui il giocatore ha giocato". In un momento in cui i movimenti per la giustizia sociale spingono per una più ampia resa dei conti sulla cattiva condotta sessuale e sulla disuguaglianza razziale, la valutazione del carattere ha assunto un ruolo fondamentale in questo ciclo elettorale.

Mentre gli eletti della Hall includono già razzisti, imbroglioni, donnaioli e criminali, l'attuale votazione ha - in molti casi, in modo restrittivo - preso posizione contro candidati che ritengono non abbiano sufficiente integrità.

Schilling - sei volte All-Star in 20 stagioni con Baltimora, Houston, Philadelphia, Arizona e Boston - è stato coinvolto in molte polemiche dopo il suo ritiro. Ha fondato una società di videogiochi, 38 Studios, che è fallita poco dopo aver ricevuto una garanzia di prestito di 75 milioni di $ dallo Stato di Rhode Island (*), poi è stato licenziato come analista ESPN in seguito alla pubblicazione di tweet che confrontavano gli estremisti musulmani con i tedeschi dell'era nazista e pubblicato commenti sprezzanti su Facebook su persone transgender.

Mesi dopo, Schilling è stato nuovamente criticato dopo aver usato i social media per applaudire ad una maglietta che chiedeva il linciaggio dei giornalisti.

Il 6 gennaio, il giorno dell'attacco al Campidoglio degli Stati Uniti, ha scritto quanto segue in un messaggio delirante sul suo account Twitter: "Voi codardi siete rimasti seduti a far nulla, mentre la spazzatura liberal saccheggiava, creava disordini e bruciava tutto per rubare televisori grandi e scarpe Air Jordan. Adesso state zitti e guardate, mentre il popolo fa partire un conflitto per qualcosa che è davvero importante: i diritti, la democrazia, la fine della corruzione del governo". Parole che si commentano da sole, dalle accuse false e diffamatorie verso i manifestanti di Black Lives Matter fino alla giustificazione del tentato assalto alla democrazia USA da parte dei Proud Boys e company.

Quel tweet è stato inviato pochi giorni dopo la scadenza delle votazioni per la Hall of Fame.

Schilling ha scritto su Facebook che vorrebbe che il comitato dei veterani esaminasse il suo caso per l'ammissione nella Hall. Quella giuria - composta da ex giocatori, managers e altri funzionari del baseball, insieme ad alcuni scrittori - ha il compito di valutare i giocatori che non ottengono l'elezione tramite il voto BBWAA.

"Mi rivolgerò al comitato dei veterani e agli uomini le cui opinioni contano davvero e che sono in grado di giudicare effettivamente un giocatore", ha scritto Schilling, "Non credo di essere una hall of fame come ho spesso affermato, ma se gli ex giocatori pensano che lo sia, lo accetterò con onore".

"Nel mio cuore sono in pace", ha anche scritto, "Niente! Zero! Nessuna delle affermazioni fatte da qualsiasi degli scrittori è valida".

L'ex moglie di Bonds ha testimoniato nel 1995 durante la procedura di divorzio di essere stata picchiata e presa a calci. Bonds ha detto di non aver mai abusato fisicamente di lei, ma una volta l'ha presa a calci dopo che lei lo aveva preso a calci.

Nel 2008, il New York Daily News ha riferito che Clemens aveva una relazione decennale con la cantante country Mindy McCready, iniziata quando lei aveva 15 anni e lui era una star dei Boston Red Sox. Clemens si è scusato per degli errori non specificati nella sua vita personale e ha negato di avere una relazione con una quindicenne. McCready in seguito disse a "Inside Edition" di aver incontrato Clemens quando aveva 16 anni e che la relazione non divenne sessuale fino a diversi anni dopo.

La BBWAA ha recentemente votato in modo schiacciante per rimuovere il nome e la firma dell'ex Commissioner Kenesaw Mountain Landis dalle targhe MVP. Landis divenne Commissioner nel 1920 e non c'erano giocatori neri nelle major durante i suoi oltre due decenni in carica.

Più in basso nel ballottaggio, l'outfielder Gary Sheffield è balzato dal 30,5% al ​​40,6% alla sua settima volta e Jeff Kent è migliorato dal 27,5% al ​​32,4% nel suo ottavo anno. Il candidato per la prima volta Tim Hudson (5,2%) ha superato di poco il 5% necessario per rimanere nel ballottaggio, così come Torii Hunter (9,5%) e Mark Buehrle (11%) nei loro turni iniziali.

Aramis Ramirez, LaTroy Hawkins e Barry Zito hanno ottenuto voti, ma sono stati eliminati dalla futura votazione.

Il ballottaggio del 2022 includerà anche le star dei Phillies Jimmy Rollins e Ryan Howard, lo slugger Mark Teixeira e il due volte vincitore del Cy Young Award Tim Lincecum.

A mio modesto parere da amante di questo sport continuo a pensare che oltre a essere un grande giocatore devi essere un grande uomo e un esempio di rettitudine morale, di umanità e di tolleranza per le nuove generazioni.

(*) Dopo essere stato costretto al ritiro dal baseball giocato a causa di un problema alla spalla, Curt Schilling decise di dedicarsi alla sua più grande passione dopo il diamante: i videogiochi. Già durante la sua carriera, passava gran parte del tempo libero a giocare a MMORPG come Everquest o World of Warcraft e, quando appese il guantone al chiodo, decise di provare a crearne uno. Fondò praticamente dal nulla una software house, la chiamò 38 Studios (38 era il suo numero di maglia) e, nel 2010, annunciò lo sviluppo del suo primo titolo: Kingdoms of Amalur: Reckoning, anch’esso un MMORPG.

Al fine di produrre il videogame, Schilling e la sua compagnia si fecero prestare 75 milioni di dollari, dallo Stato del Rhode Island, promettendo in cambio che avrebbero creato 450 posti di lavoro entro il 2012. Ai tempi il governatore statale era Donald Carcieri, repubblicano, e molti esperti gli avevano sconsigliato di dare quel denaro a 38 Studios, le cui previsioni di crescita (pubblicare un gioco di grandissimo successo ogni due anni) sembravano decisamente troppo ottimistiche e poco giustificate. Ma a Carcieri non importava: serviva qualcosa, qualsiasi cosa, per arrestare la disoccupazione nello Stato, arrivata al 12%, un livello record. E poi le elezioni erano vicine.

Come forse avrete intuito, quella del governatore non fu una buona scelta. Schilling effettivamente assunse le persone che si era impegnato ad assumere, ma la sua gestione aziendale si rivelò più che scellerata. Pur senza ottenere alcuna entrata fino alla pubblicazione del primo titolo, l’ex campione offriva ai suoi impiegati un salario mensile medio di 86mila dollari annui, ben superiore a quello che una startup come la sua si sarebbe potuta permettere. Pagava loro anche l’assicurazione medica (una delle migliori sulla piazza, peraltro) e, per convincerli a trasferirsi in Rhode Island, rese l’azienda garante per i mutui delle loro vecchie case, fino a quando non fossero riusciti a venderle. Inoltre, per creare il mondo in cui il gioco doveva essere ambientato, assunse il rinomato scrittore di fantascienza R.A. Salvatore, al quale promise ben due milioni di dollari.

38 Studios aveva milioni e milioni di spese, ogni singolo mese. E, quando Kingdoms of Amalur: Reckoning uscì, nel febbraio 2012, non riuscì a vendere abbastanza (anche se aveva ricevuto i favori della critica). Solo 1,5 milioni di copie, un numero non brutto per una compagnia esordiente, ma decisamente inferiore rispetto alle aspettative e alle spese di 38 Studios. La compagnia non riuscì a restituire in tempo al Rhode Island i 75 milioni prestati, e smise di pagare gli stipendi ai dipendenti.

Schilling chiese nuovamente aiuto al governo locale, per una dilazione o ulteriori benefici, ma intanto le elezioni le aveva vinte Lincoln Chafee, candidato indipendente ma vicino ai Democratici. Chafee mise la parola “fine” alla storia di 38 Studios, dichiarando pubblicamente che quella compagnia era stata «il peggior investimento nella storia del Rhode Island». Decise inoltre di fare causa all’ex lanciatore e denunciarlo per bancarotta fraudolenta: lui e gli altri dirigenti dell’azienda finirono per accordarsi con lo Stato per un risarcimento di 61 milioni di dollari.

Schilling diede la colpa del fallimento della sua impresa, ovviamente, al governatore filodemocratico: le sue dichiarazioni avevano fatto scappare via un potenziale investitore che si era detto pronto a salvare la compagnia e commissionare un altro titolo a 38 Studios, dal valore di 35 milioni di dollari. Da quel momento in poi, l’eroe dei Sox 2004, che evidentemente aveva già delle idee conservatrici quando giocava ma non le aveva mai espresse, iniziò la sua personale crociata contro i progressisti, rendendola pubblica tramite i suoi account social.

03/02/2021

L'ex giocatrice di softball degli Oregon Ducks Sara Goodrum sta facendo la storia nella MLB

Il field of dreams di Sara Goodrum è diventato realtà

Con il mio primo articolo di quest’anno avevo descritto la rivoluzione femminile che è in atto nella MLB per l’assegnazione di posizioni di prestigio nelle franchigie e, a conferma di ciò, è arrivata la notizia della new entry nell'olimpo di Sara Goodrum.

L'ex giocatrice di softball della University of Oregon è stata promossa giovedì 28 gennaio 2021 alla posizione di hitting coordinator delle Minor League dei Milwaukee Brewers.

La 27enne Goodrum è la prima donna ad avere questo ruolo in un'organizzazione della Major League Baseball.

Goodrum non ha considerato il peso dell'essere una donna in una professione dominata dagli uomini mentre ha trascorso le ultime tre stagioni nel dipartimento di scienze sportive dei Brewers.

"Diventa semplicemente il tuo normale stile di vita", ha detto Goodrum durante un'intervista con The Register-Guard, "Tutti quelli con cui ho interagito mi sono stati di grande aiuto. Quindi non ho mai pensato molto alla parte relativa al genere".

Questo è stato un anno monumentale per le donne che hanno abbattuto le barriere nello sport.

Tra queste Becky Hammon (prima donna a servire come capo allenatore in una partita NBA), Sarah Fuller (prima donna a giocare in una partita di football del college al livello Power Five), Callie Brownson (prima donna coach di una posizione di gruppo in una partita della stagione regolare della NFL) e Sarah Thomas (che si prepara ad essere la prima donna ad arbitrare un Super Bowl).

Quando Kim Ng è stata nominata General Manager dei Miami Marlins a novembre - la prima donna ad ascendere al ruolo di GM a tempo pieno in uno dei principali campionati maschili del Nord America - Goodrum si è sentita ispirata a sognare le possibilità di avanzamento nella MLB.

"Questo è il momento che mi ha colpito un po' di più perché ho finalmente visto arrivare qualcuna ad un punto così alto della loro carriera", ha detto Goodrum, "Diventare GM è davvero una cosa grossa. Quindi ho realizzato, santo cielo, che non ci sono limiti per me dopo quello che ha appena fatto Kim Ng".

Ng ha contattato Goodrum il giorno dopo per congratularsi con lei per l'incarico.

"Penso che sia fantastico per l'organizzazione, per Milwaukee", ha detto Ng a MLB.com, "Penso che sia fantastico per il baseball mettere un'altra donna in una posizione più visibile per gli altri".

Goodrum è stata una giocatrice di ruolo per i Ducks dal 2012 al 2015, che lei descrive come "i quattro migliori anni della mia vita".

L'Oregon ha collezionato tre presenze nelle Women’s College World Series in questi quattro anni.

L’ex manager di Oregon, Mike White, che ora sta entrando nella sua terza stagione da skipper ai Texas Longhorns, ha descritto Goodrum come una eccellente giocatrice di squadra e ha detto: "si poteva sempre vedere che stava studiando e imparando".

Goodrum ha portato con lei l'esperienza di aver giocato con star come Cheridan Hawkins, Jenna Lilley, Janie Takeda e Nikki Udria al baseball professionistico.

"Mi è piaciuto molto lavorare con le mie compagne di squadra. Sono rimasta in stretto contatto con alcune di loro", ha detto Goodrum.

"Per me, quella cultura di essere in mezzo a un gruppo di persone che sono molto motivate e stanno lavorando per un obiettivo comune di vincere i campionati - quella spinta è qualcosa che penso non mi lascerà mai".

Mentre si specializzava in fisiologia umana e lavorava come assistente di ricerca universitaria presso la Bowerman Sports Science Clinic in Oregon, Goodrum sapeva che voleva intraprendere una carriera nello sport dopo la laurea.

"Ho sempre avuto una passione per lo sport. Durante i miei studi, stavo imparando come si muove il corpo. E poi, quando giocavo, pensavo sempre al mio corpo che si muoveva nello spazio. Quindi la scienza dello sport è sempre stata qualcosa che ha suscitato il mio interesse. Per me era solo questione di rendermi conto che il baseball era una potenziale strada".

Goodrum ha conseguito un master in scienze motorie e sportive alla University of Utah e ha iniziato a fare uno stage con i Brewers nell'aprile del 2017. Il suo primo lavoro con l'organizzazione è stata coordinatrice per le prestazioni sportive integrative.

Ora supervisionerà la battuta delle Minor Leagues dei Brewers, implementando un programma di studi in linea con le filosofie dell'organizzazione e viaggerà in tutto il paese verso le affiliate per assicurarsi che coaches e giocatori di tutta l'organizzazione siano sulla stessa linea.

"Quello che sto facendo professionalmente, dove stiamo tutti lavorando per un obiettivo comune per aiutare i nostri giocatori a raggiungere la Major League e poi anche a vincere campionati, è davvero fantastico", ha detto Goodrum, "Sono ancora in grado creare quel tipo di ambiente competitivo e lavorare con persone che sono anche molto appassionate e aiutarle a raggiungere i loro obiettivi".

Goodrum, che ha vinto un campionato statale della high school in Arizona prima di giocare per i Ducks, risiederà a Phoenix, dove i Brewers si allenano durante lo spring training.

Quando i giocatori andranno nel loro field of dreams per la stagione 2021, il sesso del nuovo coordinatore della minor league non avrà nessun peso.

"Il fatto è che tutti quelli con cui lavoro hanno un sacco di passione per quello che fanno, motivo per cui è fantastico trovarsi in un ambiente così al top e lavorare per un'organizzazione così grande", ha detto Goodrum, "Alla fine della giornata, se puoi fornire buone informazioni che aiuteranno i giocatori a realizzare il loro sogno di arrivare alle Major, non importa chi sei o che aspetto hai".

"Se puoi aiutarli e mostri loro quanto ci tieni, questa è la cosa più importante".

05/02/2021

UNA FAVOLA HOLLYWOODIANA

L’ex giocatore Castellano Stefano Ongaro dà vita a un team giovanile di baseball in California

Quello che sto per raccontarvi non poteva che succedere nella fantastica città di Los Angeles e in particolar modo nel quartiere di Hollywood dove l’immaginario trova il suo ambiente naturale per trasformarsi in realtà.

E’ anche il posto giusto perchè dall’idea di un ex giocatore trevigiano amante del baseball trasferitosi negli USA, trentatrè anni fa, è nata dal nulla una squadra di ragazzini sulle orme del celeberrimo film "Che botte se incontri gli Orsi" che in questo caso si sono trasformati in piccoli Dragons.

Stefano Ongaro, già giocatore del Verona negli anni '80 (15 presenze nel massimo campionato), ex direttore di ristoranti di primo piano a Los Angeles (Valentino, Enoteca Drago, Il Grano, All'Angelo) ha diretto fino a qualche tempo fa la Gold Sport Collectibles, azienda del gruppo Rawlings, creando le famose palline per l'home run derby e quelle commemorative in pelle 24 carati e i Gold Gloves per conto della Rawlings. Sua anche la creazione di Maronet che ha prodotto gadget in metalli preziosi della MLB tra cui anche i Maple Wood Watch, orologi in legno d'Acero, lo stesso che viene abitualmente utilizzato per le mazze Rawlings.

Nel frattempo tra una cosa e l’altra ha messo su una bellissima famiglia con la moglie Rosanna e la sua passione, al di là dell'impegno professionale, l’ha trasmessa anche ai tre figli Pierangelo, Ciro e Mario che sono diventati protagonisti di questo importante progetto.

Stefano mi ha raccontato in questi giorni come è scattata la molla che ha dato i natali alla squadra giovanile:

"L’idea di formare una squadra indipendente 'Hollywood Dragons' è nata perchè, a causa del Covid-19 a Los Angeles, qualsiasi attività sportiva era stata sospesa e le scuole erano state chiuse da Marzo del 2020.

Mi sono accorto che i miei figli, avendo una vita sociale limitatissima, si erano incollati ai videogames, iPads, televisione con un continuo via vai alla dispensa a caccia di patatine.

Osservando questa situazione, mi sono messo al telefono con il comune di Los Angeles chiedendo l’uso di un campo da gioco poichè per legge sono state sospese le attività organizzate (Little League – Pony League) ma non le squadre indipendenti.

Così ho percorso questa strada.

Il comune, mi ha fornito l’uso di un campo illuminato proprio quì vicino a casa mia.

Il nome Dragons, è stato scelto dai miei figli perchè quando li metto a letto la sera, mi chiedono sempre di raccontargli la favola del Drago Volante; una storia che mi sono inventato ma che è così bella che a volte, nonostante siano già addormentati, continuo a raccontarla tra me e me perchè voglio capire come va a finire.

Abbiamo scelto il nome Hollywood Dragons e, grazie ai miei contatti con Rawlings e MLB, sono riuscito a creare i loghi e assicurarmi tutto l’equipaggiamento e divise.

Ho cominciato con 8 bambini e ora ne ho 19. I genitori sono contentissimi perchè i ragazzi, essendo forzatamente a casa da scuola, hanno questo sbocco sportivo dove disciplina, tecnica, allenamento e aggregazione, nel rispetto delle norme anticovid, aiutano anche la loro formazione psicologica.

Vista la continua richiesta di adesioni ho pensato, grazie all’aiuto di alcuni genitori, tra i quali un ex giocatore dei Detroit Tigers, un ex dei Seattle Mariners e altri 2 ex giocatori di college, di trasformare questa squadretta in una vera e propria Accademia del Baseball che ha preso il nome di: Hollywood Dragons Baseball Academy".

Good Luck Stefano & Hollywood Dragons!

Articolo pubblicato su TREVISOTODAY e FIBS

05/03/2021

La MLB annuncia il "Lou Gehrig Day" per onorare la leggenda degli Yankees e aumentare la consapevolezza della SLA

Giovedì 4 marzo 2021 la Major League Baseball ha annunciato l'intenzione di onorare Lou Gehrig, lo storico prima base dei New York Yankees costretto al ritiro a causa della SLA (la malattia che ora porta il suo nome), con la sua giornata commemorativa.

Il "Lou Gehrig Day" sarà celebrato in tutte le League il 2 giugno. Le squadre che non giocheranno il 2 giugno onoreranno Gehrig il 3 giugno.

La data scelta dalla MLB è quella che coincide con il giorno in cui Gehrig divenne il prima base titolare degli Yankees. Gehrig sostituì Wally Pipp nel 1925.

Gehrig è il terzo giocatore che la MLB ha scelto di onorare con un giorno specifico, insieme a Jackie Robinson (15 aprile) e Roberto Clemente (9 settembre). Ecco gli altri motivi dietro la creazione del giorno, secondo il comunicato stampa della lega:

"Il focus del Lou Gehrig Day sarà su tre pilastri: (1) ricordare l'eredità di Gehrig e tutti coloro che sono scomparsi a causa della malattia che porta il suo nome; (2) sensibilizzazione e fondi per la ricerca sulla SLA; (3) celebrare i gruppi e gli individui che hanno guidato la ricerca delle cure. Questa occasione speciale segue una campagna guidata dal "Lou Gehrig Day Committee" (www.lg4day.com), che comprende individui, familiari e amici colpiti dalla SLA, nonché organizzazioni che aprono la strada alla sensibilizzazione e alla raccolta di fondi per il movimento per porre fine alla malattia".

Gehrig nella sua carriera di 17 stagioni ha realizzato un record di .340 / .447 / .632 (179 OPS +) con 493 fuoricampo. Ha vinto due Most Valuable Player Awards, ha giocato in sette All-Star Games, ha vinto sei World Series e ha persino vinto una Triple Crown. È stato eletto nella Hall of Fame nel 1939 attraverso una speciale elezione. Morì poi due anni dopo, nel 1941, all'età di 37 anni.

Gehrig è forse meglio conosciuto per aver giocato 2130 partite consecutive - dal giugno del 1925 fino all'aprile del 1939. Cal Ripken Jr. è l'unico giocatore ad aver superato il record di Gehrig, avendolo fatto nel settembre del 1995, quasi 60 anni dopo.

La SLA, o "malattia di Lou Gehrig", è una "malattia progressiva del sistema nervoso che colpisce le cellule nervose del cervello e del midollo spinale, causando la perdita del controllo muscolare", secondo la Mayo Clinic. NON ESISTE UNA CURA NOTA PER LA MALATTIA.

20/03/2021

Una guida alla stagione MLB 2021

Tutto ciò che dovete sapere sullo spring training, sull'opening day e altro ancora ....

Lo scorso 27 ottobre al Globe Life Field di Arlington, Texas, il mancino dei Dodgers Julio Urías aveva gelato Willy Adames dei Rays con il terzo strike, vincendo per 3-1 Gara 6 delle World Series per accendere la gioiosa celebrazione a Los Angeles. I Dodgers avevano vinto il loro primo titolo dal 1988, chiudendo ufficialmente il libro sulla stagione 2020.

Da quel momento è iniziato anche il conto alla rovescia per l'opening day, che ora si avvicina rapidamente.

Ciò solleva anche molte domande tra i fans, come: "Il baseball tornerà nel 2021?" e "La MLB consentirà ai tifosi di entrare negli stadi?" tra le altre cose. Per aiutarvi, ecco una guida completa a tutto ciò che dovete sapere sulla stagione MLB 2021.

MLB e COVID-19

L'anno scorso, l'arrivo della pandemia da coronavirus ha interrotto lo Spring Training a metà marzo e ha ritardato l'Opening Day. In definitiva, la stagione 2020 non è iniziata fino alla fine di luglio e le squadre hanno giocato un calendario di 60 partite, aderendo alle rigide regole COVID della MLB. Hanno quindi intrapreso una postseason ampliata, con i playoffs allargati da 10 a 16 squadre.

Quasi un anno dopo, la pandemia persiste, anche se le vaccinazioni in corso - comprese molte nei campi da baseball della Major League - stanno dando speranza. Tuttavia, il COVID-19 continuerà a influenzare il programma MLB nel 2021, in particolare durante lo spring training e all'inizio della regular season. Ciò si estenderà sia ai fans (in termini di quanti sono autorizzati a partecipare alle partite) sia ai giocatori (che ancora una volta dovranno attenersi ai protocolli di salute e sicurezza, durante lo Spring Training, la regular season e la postseason).

Free Agency e Trade

Mentre l'offseason è iniziata lentamente, la maggior parte dei migliori free agents ha già firmato. Ciò include il vincitore del Cy Young Award della National League in carica Trevor Bauer (Dodgers), l'esterno centro George Springer (Blue Jays), il catcher J.T. Realmuto (Phillies), seconda base DJ LeMahieu (Yankees) e l'esterno sinistro Marcell Ozuna (Braves). Ci sono stati anche alcune trades di successo, tra cui gli accordi dei Padres per i lanciatori Yu Darvish (Cubs), Blake Snell (Rays) e Joe Musgrove (Pirates), l'acquisizione da parte dei Mets dell'interbase Francisco Lindor e del lanciatore Carlos Carrasco (Indians) e i Cardinals che hanno preso il terza base Nolan Arenado (Rockies).

Detto questo, anche con lo Spring Training ora in corso, alcuni giocatori importanti rimangono sul mercato dei free-agent, inclusi i lanciatori titolari Rick Porcello e Cole Hamels. I club continueranno a cercare di rafforzare i loro roster prima dell'openig day, soprattutto perché gli infortuni si faranno sentire alla distanza.

La primavera tende anche ad essere un momento in cui squadre e giocatori accettano di prolungare i contratti, poiché i giocatori spesso non vogliono essere coinvolti nelle trattative una volta iniziata la stagione regolare. La MLB ha già visto un grosso affare a fine febbraio, con l'interbase superstar dei Padres Fernando Tatis Jr. che ha firmato una estensione del contratto per 14 anni. Ma ci sono molti altri candidati per l'estensione da tenere d'occhio.

Spring Training

Il 1° febbraio, la Major League Baseball ha rilasciato una dichiarazione dicendo di non aver raggiunto un accordo con la MLB Players Association per un ritardo alla stagione 2021, e che i club avrebbero iniziato regolarmente lo spring training e la regular season.

Una volta arrivati i lanciatori e i ricevitori, i primi allenamenti dello spring training 2021 presentati da Camping World si sono tenuti il 17 febbraio e ogni club ha condotto il suo primo allenamento con tutta squadra il 22 o il 23 febbraio. I programmi rivisti per la Cactus League (Arizona) e la Grapefruit League (Florida) sono poi iniziati il 28 febbraio. Le squadre della Cactus League stanno giocando 28 partite in 30 giorni, mentre le squadre della Grapefruit League stanno giocando 24 o 28 partite in 30 giorni.

Un numero limitato di fans può assistere alle partite dello spring training, dando a molti giocatori la prima opportunità di competere di fronte a spettatori esultanti dopo quasi un anno di stadi vuoti. Le limitazioni di capacità e altre regole per ogni partita dipendono dai regolamenti locali e di squadra.

Vale anche la pena notare che le partite di Spring Training quest'anno hanno un aspetto leggermente diverso, con nuovi protocolli in atto. Una cosa a cui i fans devono adattarsi. Una sorta di "mercy rule" della MLB. Nelle partite fino al 13 marzo, alla squadra in difesa è stato permesso al lanciatore di interrompere qualsiasi mezzo inning dopo aver effettuato almeno 20 lanci - qualcosa noto anche come "rolling the inning". Insieme a ciò, ai lanciatori era permesso di uscire da una partita e rientrare più tardi.

Ad esempio, il 2 marzo, gli Orioles hanno rimosso lo starter John Means con due out e due corridori in base nel primo inning dopo aver effettuato 29 lanci. Dopo che un rilievo ha sostituito John e ha ottenuto l'out finale dell'inning, Means è tornato per il secondo completando quel frame prima di uscire definitivamente.

Inoltre, fino al 13 marzo, ai due manager è stato permesso di decidere se giocare cinque, sette o nove inning in qualsiasi partita. Il risultato sono stati alcuni punteggi insoliti, come uno 0-0, sette inning tra i Cardinals e Marlins il 2 marzo.

Opening Day

L'Opening Day 2021 è previsto per giovedì 1 aprile, come originariamente stabilito. Tutte e 30 le squadre dovrebbero entrare in azione. I Dodgers inizieranno la loro difesa del titolo al Coors Field contro i Rockies, uno dei numerosi match di division in calendario, insieme a Blue Jays-Yankees, Braves-Phillies, Cardinals-Reds, Mets-Nationals, Astros-A's e altri.

La Regular Season, l'All-Star Game e la Postseason

Fino all'anno scorso, c'erano 162 partite in una stagione MLB. Il piano è che ciò si avveri di nuovo nel 2021, con il campionato che si attiene al suo programma precedentemente pubblicato, che va dal 1 aprile al 3 ottobre. A differenza della campagna abbreviata del 2020, i club non si limiteranno a giocare contro avversari della stessa regione (West, Central, East).

Le squadre stanno annunciando i loro piani per quanto riguarda la partecipazione alle partite della regular season, qualcosa che dipende dalle politiche locali e dalle regole della squadra. Ad esempio, i Phillies hanno annunciato il 2 marzo che, in base ai regolamenti in Pennsylvania e Philadelphia, saranno ammessi 8800 fans al Citizens Bank Park per ciascuna delle prime 19 partite casalinghe della squadra. Restate sintonizzati su MLB.com e sul sito di ogni club per maggiori dettagli, poiché le politiche continueranno a evolversi nel corso dell'anno.

L'All-Star Game 2021 rimane programmato per il 13 luglio al Truist Park di Atlanta, come parte di una celebrazione del baseball che includerà anche, per la prima volta, il Draft MLB. I Braves erano stati precedentemente scelti per ospitare l'All-Star Game 2020, ma era stato annullato a causa della pandemia. I Dodgers, precedentemente programmati per ospitare l'evento di quest'anno, lo faranno invece nel 2022.

Il calendario postseason 2021 non è ancora ufficiale. Mentre i playoff sono stati ampliati da 10 a 16 squadre per il 2020, tale accordo era solo per un anno. La league e l'unione dei giocatori non hanno ancora raggiunto un nuovo accordo per quanto riguarda i playoff ampliati per quest'anno. In assenza di un tale patto, i playoff tornerebbero ai campi dell'AL e NL con cinque squadre e inizieranno con una Wild Card Game secca.

Modifiche alle regole MLB 2021

Come accennato, la postseason ampliata che abbiamo visto nel 2020 non è attualmente prevista per il ritorno nel 2021. Ma per quanto riguarda le altre modifiche alle regole?

Anche il DH universale non è in linea per il ritorno dopo il debutto nel 2020, anche se è ancora possibile che la MLB e la Players Association possano raggiungere un accordo in tal senso prima del'Opening Day. Se non lo fanno, il DH verrebbe utilizzato solo nei campi da baseball dell'AL, mentre i lanciatori batterebbero negli stadi della NL.

Altre due regole che sono state implementate nel 2020 nel tentativo di ridurre al minimo il tempo trascorso al campo da baseball torneranno nel 2021. I doubleheaders includeranno partite da sette inning e quando una partita va all'extra inning, un corridore verrà posizionato in seconda base per iniziare ogni mezzo inning.

I roster includeranno ancora una volta 26 giocatori, dopo l'espansione nel 2020. Le dimensioni del roster aumenteranno a 28 giocatori a settembre. Non ci sarà un limite al numero di lanciatori che possono essere presenti nel roster di una squadra.

I club possono portare una "Taxi Squad" di un massimo di cinque giocatori in tutte le trasferte, in modo da avere rinforzi disponibili in caso di infortuni o problemi relativi a COVID.

La stagione della Minor League 2021

Un effetto della pandemia è stato che la stagione della Minor League 2020 è stata completamente spazzata via, poiché ogni squadra gestiva invece il proprio sito di allenamento alternativo al fine di mantenere una pronta fornitura di sostituzioni del roster e fornire istruzioni pratiche ad alcuni preziosi prospetti.

Una versione ristrutturata e semplificata delle Minor League tornerà nel 2021, ma non subito. La MLB ha informato i team il 2 marzo che, per motivi di sicurezza, l'inizio del programma di Triplo-A sarà posticipato di circa un mese, al 4 maggio. Anche i livelli più bassi dovrebbero iniziare all'incirca nello stesso momento. Nel frattempo, i club della MLB gestiranno ancora una volta siti di formazione alternativi.

Quando le Minors inizieranno, le cose sembreranno un po 'diverse, poiché la MLB ha annunciato di recente che ogni livello sarà un banco di prova per le modifiche alle regole. L'obiettivo del programma è valutare l'effetto dei cambiamenti su questioni come il ritmo e la durata delle partite e la sicurezza dei giocatori. Tra le regole: basi più larghe e meno scivolose (a Triplo-A), restrizioni sul posizionamento degli interni in campo (Doppio-A), un clock di 15 secondi per lanciare, un massimo di due pick-off per inning con l'obbligo di uscire dalla pedana per effettuarli (in singolo A-West). I risultati di questi cambiamenti saranno studiati per determinare se meritano considerazione per la futura adozione nelle Majors.

30/03/2021

Previsione degli esperti per i vincitori delle MLB Series 2021

Sebbene ci siano stati molti colpi di scena nella stagione 2020 accorciata dalla pandemia, l'anno si è concluso con un risultato che non è stato poi così sorprendente, poiché i Dodgers hanno vinto le World Series. Era un traguardo che i pronostici degli esperti nel 2020 avevano previsto prima dell'Opening Day.

Con la stagione 2021 che sta per iniziare, una giuria di 100 esperti della MLB.com hanno fatto del loro meglio per prevedere come andrà a finire la stagione, presentando le loro scelte per ogni vincitore di Division e squadra Wild Card, i due vincitori dei Pennants e i campioni delle World Series.

Ecco i risultati.

American League East: Yankees

New York non è stata in grado di ripetersi come campione dell'AL East la scorsa stagione, finendo sette partite dietro i Rays, che hanno vinto otto su 10 contro gli Yankees nella stagione regolare prima di sconfiggerli nelle AL Division Series. Tampa Bay ha ancora uno staff di lanciatori profondo e diversificato nonostante abbia scambiato Blake Snell con i Padres, e i Blue Jays sono migliorati con l'aggiunta di George Springer e Marcus Semien, tra gli altri. Ma con Corey Kluber e Jameson Taillon che si uniscono a Gerrit Cole nella rotazione e DJ LeMahieu con un nuovo contratto di sei anni, i Bronx Bombers hanno ottenuto un forte consenso per la vittoria di questa division nel 2021, ottenendo 83 voti.

AL Central: White Sox

Dopo aver accumulato giovani talenti durante una lunga ricostruzione, i White Sox sono emersi come contendenti nel 2020, ottenendo una stagione vincente con lo MVP Award di José Abreu e raggiungendo la postseason. Perdere il 24enne slugger Eloy Jiménez a causa di uno strappo al muscolo pettorale sinistro è stato un colpo devastante, ma il roster di Chicago è ancora impressionante, sostenuto dalle aggiunte fuori stagione di Lance Lynn, Liam Hendriks e Adam Eaton. Con 71 voti, i White Sox sono la scelta chiara tra gli esperti della MLB.com per vincere l'AL Central per la prima volta dal 2008.

AL West: Astros

Houston ha perso Gerrit Cole per la free agency, il vincitore dell'AL Cy Young Award 2019 Justin Verlander per l'intervento di Tommy John dopo una partenza e l'AL Rookie of the Year del 2019 Yordan Alvarez per un doppio intervento al ginocchio dopo due partite, terminando con un record vincente di 29-31 la scorsa stagione. Tuttavia, l'ampliamento del roster postseason ha permesso agli Astros di fare i playoff, dove hanno eliminato i Twins e gli A's prima di cercare di rimontare da uno svantaggio di tre partite a zero contro i Rays nelle AL Championship Series. Mentre Springer ha lasciato per firmare con i Blue Jays, il ritorno di Alvarez e gli sforzi per riprendersi di Jose Altuve e Carlos Correa potrebbero aiutare gli Astros a resistere alla perdita della mazza del difensore centrale. Questa era la previsione più combattuta di qualsiasi division; gli Astros hanno battuto gli A's, 46 voti contro 33, e anche gli Angels hanno ottenuto un certo sostegno.

AL Wild Cards: Rays, Blue Jays

Sebbene gli esperti della MLB.com non abbiano previsto che i campioni in carica Rays dell'AL possano vincere un altro titolo di division, credono che Tampa Bay si aggiudicherà uno dei due posti dell'AL Wild Card. Con una vasta collezione di lanciatori, i Rays potrebbero essere ben equipaggiati per gestire l'aumento di inning quest'anno, e ottenere un'intera stagione dalla superstar della postseason Randy Arozarena che dovrebbe aiutare il loro attacco. Tampa Bay ha anche il jolly per la wild card in Wander Franco, il prospetto numero 1 del gioco per MLB Pipeline.

L'AL East ottiene un terzo rappresentante postseason, con gli esperti che scelgono i Blue Jays per l'altro posto Wild Card. La rotazione di Toronto ha alcuni punti interrogativi dietro l'ace Hyun Jin Ryu, ma Springer e Semien stanno entrando in un club con una seria potenza di fuoco offensiva. Bo Bichette non ha fatto altro che colpire da quando ha debuttato nelle Major nel 2019, Teoscar Hernández, Lourdes Gurriel Jr. e Rowdy Tellez stanno uscendo da stagioni di successo e Vladimir Guerrero Jr. potrebbe essere pronto per una sua esplosione, rendendo Toronto una nemico potenzialmente formidabile.

Campione dell'AL: Yankees

La scorsa stagione ha segnato l'undicesima volta consecutiva degli Yankees senza una presenza nelle World Series, ma gli esperti ritengono che la siccità finirà nel 2021. Gli Yankees hanno tanto talento quanto chiunque altro in AL. Si tratta solo di tenere tutti in campo, in particolare gli imponenti sluggers Aaron Judge e Giancarlo Stanton, che hanno perso un sacco di partite nelle ultime due stagioni. Cole regala a New York uno dei lanciatori più dominanti del gioco in cima alla sua rotazione, e Kluber, Taillon, Jordan Montgomery e Domingo Germán sono stati fantastici in questo spring training. I White Sox sono nelle previsioni i secondi classificati qui, ottenendo 28 voti contro i 54 degli Yankees.

National League East: Braves

Solo i Dodgers hanno una striscia di titoli di division attiva più lunga rispetto ai Braves, che hanno vinto la NL East in ciascuno degli ultimi tre anni. Questa division potrebbe essere una delle più competitive nel baseball dopo la fortuna dell'offseason dei Mets, ma Atlanta è la scelta del consenso degli esperti della MLB.com per finire al primo posto ancora una volta, ricevendo 64 voti contro i 33 di New York. È facile capire perché i Braves hanno ottenuto così tanto supporto, con il MVP in carica della NL Freddie Freeman, Ronald Acuña Jr. e Marcell Ozuna leader dell'attacco, e Max Fried, Ian Anderson, Charlie Morton e Drew Smyly che danno al club una forte rotazione che diventerà ancora migliore quando Mike Soroka tornerà dall'intervento chirurgico per riparare il tendine di Achille destro strappato.

NL Central: Cardinals

I Cardinals hanno raggiunto la postseason in ciascuno degli ultimi due anni, ma dopo essersi classificati al 14° posto tra i club della NL in run e OPS la scorsa stagione, era chiaro che i Redbirds dovevano fare i conti con il loro attacco durante l'offseason. Hanno fatto proprio questo, acquisendo il terza base All-Star Nolan Arenado, che arriva a St. Louis con 235 home run in carriera e un .890 OPS, per non parlare di otto Gold Glove Awards in otto stagioni. Nel frattempo, Trevor Bauer e Yu Darvish - rispettivamente il primo e il secondo posto dello scorso anno nella gara del NL Cy Young Award - non sono più nella division. Questa non è stata una previsione particolarmente difficile; i Cardinals hanno ricevuto 66 voti, contro i 25 dei Brewers, 6 dei Cubs e 3 dei Reds.

NL Ovest: Dodgers

Come se questo roster non fosse abbastanza profondo e talentuoso, i Dodgers hanno firmato Bauer, aggiungendo il vincitore in carica del NL Cy Young Award a una rotazione già stellare. Julio Urías, Dustin May e Tony Gonsolin sarebbero i partenti per la maggior parte dei team MLB, ma due dei tre saranno rilievi per questa organizzazione. Los Angeles ha anche l'imbarazzo delle ricchezze del loro attacco, tra cui Mookie Betts, Cody Bellinger, Corey Seager, Justin Turner, Max Muncy e Will Smith. I Padres potrebbero essere la seconda migliore squadra di baseball, ma i Dodgers hanno vinto questo sondaggio comodamente - 82 voti a 18. Sono così bravi!

NL Wild Cards: Padres, Mets

Non ci sono molti duetti, se ce ne sono, migliori di Fernando Tatis Jr. e Manny Machado, e i Padres hanno aumentato la loro rotazione acquisendo Darvish, Snell e Joe Musgrove durante l'offseason. I Friars hanno chiaramente uno dei roster più impressionanti del gioco, con più talento nelle Minors, ma solo una squadra può vincere la NL West e capita che condividano una division con i Dodgers.

Se tutto andrà come previsto dai nostri esperti, i Padres finiranno per affrontare i Mets - e il due volte vincitore del Cy Young Award Jacob deGrom – nella partita della NL Wild Card Game. I Mets hanno avuto una offseason impegnativa dopo che il nuovo proprietario Steve Cohen ha preso ufficialmente il controllo a novembre, prendendo Francisco Lindor e Carlos Carrasco e ingaggiando Marcus Stroman, James McCann e Trevor May.

Campione della NL: Dodgers

I Dodgers hanno rappresentato la NL nella Fall Classic in tre delle ultime quattro stagioni e il panel della MLB.com ritiene che torneranno lì questo ottobre. I Padres sono di nuovo secondi in classifica rispetto ai loro rivali di division, finendo 38 voti meno di Los Angeles.

Campione della World Series: Dodgers

C'era una volta i Dodgers che affrontavano gli Yankees nelle World Series ed era una tradizione quasi annuale. I due club si sono affrontati nel Fall Classic nel 1941, '47, '49, '52, '53, '55 e '56, con gli Yankees che sconfissero gli allora Brooklyn Dodgers in sei dei sette scontri (tutti tranne il '55). Hanno giocato altre quattro volte nelle World Series da quando i Dodgers si sono trasferiti a Los Angeles, vincendone due ciascuno, ma l'ultimo di quegli incontri è stato nel 1981. Gli esperti di MLB.com vedono i due club riaccendere la loro rivalità nel 2021, con i Dodgers che domineranno per diventare la prima squadra dagli Yankees, del periodo 1998-2000, a ripetersi come campioni.

Tratto da: Experts pick 2021 division winners, champion di Thomas Harrigan MLB.com del 2021

03/04/2021

È stato il primo HR del 2021 dei Dodgers ... fino a quando non lo è stato!

Lo strano singolo RBI di Cody Bellinger del 1 aprile 2021

Video

Se state cercando la più strana giocata dell'Opening Day, guardate cosa è successo al Coors Field.

Nel terzo inning di una sconfitta per 8-5 dei Dodgers contro i Rockies, abbiamo assistito a un singolo RBI che è rimbalzato fuori dal guanto dell'esterno oltre la recinzione.

Ma come è possibile? Proviamo a spiegare il fattaccio.

L'esterno dei Dodgers Cody Bellinger ha colpito una palla al volo lunga verso il campo sinistro sullo slider del pitcher Germán Márquez. Poiché la partita si è giocata al Coors Field, amico dei battitori, sembrava che la palla avesse buone possibilità di superare la recinzione. Ma l'outfielder dei Rockies Raimel Tapia ha fatto un gran salto e l'aveva nel guanto mentre cozzava contro la recinzione. Tranne che non l'ha trattenuta.

Quando Tapia ha sbattuto contro il muro, la palla è saltata fuori dal guanto e ha superato la recinzione del campo sinistro. Allora è un homer per Bellinger, giusto?

In una giocata normale, sì! Ma questa non è stata una giocata normale.

Justin Turner, che era in prima base quando è stata fatta la presa, aveva girato la seconda ed era diretto in terza. Quando ha visto Tapia che aveva ancora il posseso della palla e stava per iniziare la giocata per coglierlo fuori base, ha fatto un'inversione a U e ha abbassato la testa mentre si precipitava di nuovo in prima. Non aveva visto la palla oltrepassare il recinto.

Turner è tornato in prima base, costringendo Bellinger a sorpassarlo mentre continuava la sua corsa per completare il giro delle basi. Se il battitore (o corridore) supera il corridore che gli sta davanti, viene dichiarato out per regola. Ciò vale anche se la palla alla fine supera la recinzione.

"Non credo che sia colpa di nessuno. Penso che Cody stesse uscendo dal box velocemente, cosa che avrebbe dovuto fare, guardando dove stava la palla e correndo al massimo", ha spiegato il manager dei Dodgers Dave Roberts, "Justin era appena oltre la seconda base, credo, e quando ha visto la palla nel guanto di Tapia, si è girato per tornare in prima abbassando la testa. Ma a quel punto, si sono semplicemente incrociati".

Dopo una lunga discussione sul campo con entrambi i manager, gli arbitri hanno assegnato a Bellinger un singolo RBI nonostante la palla avesse superato la recinzione. Turner è stato autorizzato a fare il giro delle basi, dando ai Dodgers forse il più strano vantaggio di 1-0 che vedremo in questa stagione.

"Sì, è qualcosa che non avevo mai visto prima", ha detto l'interbase dei Rockies Trevor Story, "All'inizio, pensavo che Tapia l'avesse presa. Ed ero entusiasto per questo. E poi mi sono guardato intorno e ho visto Bellinger che correva oltre Turner. Sapevo che qualcuno doveva essere eliminato per regola. Per un istante è sembrata una grande presa di Tapia, ma alla fine si è rilevata una specie di bizzarra giocata".

"È solo uno di quegli spettacoli bizzarri che non credo succederà di nuovo quest'anno", ha detto il manager Roberts.

04/04/2021

La MLB trasferisce l'All-Star Game del 2021 da Atlanta per la legge sul voto in Georgia

La Major League Baseball ha annunciato venerdì che trasferirà l'All-Star Game del 2021 da Atlanta ad un'altra sede. Decisione presa in risposta a una nuova legge della Georgia che preoccupa i gruppi per i diritti civili per la sua potenziale limitazione all'accesso al voto per le persone di colore.

Anche il draft della MLB del 2021, una nuova aggiunta ai festeggiamenti dell'All-Star Game di quest'anno, verrà trasferito.

In una dichiarazione, il Commissioner della MLB Rob Manfred ha detto che la league sta "finalizzando una nuova città ospitante e i dettagli su questi eventi saranno annunciati a breve". Una fonte ha detto a ESPN che l'All-Star Game del 2022 è ancora in programma al Dodger Stadium di Los Angeles e che quel sito non verrà utilizzato per riempire il vuoto questa estate.

"Nell'ultima settimana, ci siamo impegnati in confronti ponderati con i Clubs, ex giocatori e in attività, la Players Association e The Players Alliance, tra gli altri, per ascoltare le loro opinioni", ha detto Manfred nella sua dichiarazione, "Ho deciso che il modo migliore per dimostrare i nostri valori come sport è trasferire l'All-Star Game e il Draft MLB di quest'anno".

"La Major League Baseball sostiene fondamentalmente i diritti di voto per tutti gli americani e si oppone alle restrizioni alle urne. Nel 2020, la MLB è diventata la prima league sportiva professionistica a unirsi alla Civic Alliance apartitica per aiutare a costruire un futuro in cui tutti devono partecipare alla formazione degli Stati Uniti. Abbiamo utilizzato con orgoglio la nostra piattaforma per incoraggiare gli appassionati di baseball e le comunità in tutto il nostro paese a svolgere il loro dovere civico e partecipare attivamente al processo di voto. L'accesso equo al voto continua ad avere il sostegno incrollabile del nostro gioco".

Gli Atlanta Braves si sono detti "profondamente delusi" dal risultato.

"Questa non è stata né una nostra decisione, né una nostra raccomandazione e siamo rattristati dal fatto che i tifosi non saranno in grado di vedere questo evento nella nostra città", ha detto la squadra in un comunicato, "L'organizzazione Braves continuerà a sottolineare l'importanza delle pari opportunità di voto e speravamo che la nostra città potesse utilizzare questo evento come piattaforma per migliorare la discussione. La nostra città è sempre stata conosciuta come unificatrice in tempi divisivi e noi perderemo l'occasione per affrontare questioni importanti per la nostra comunità".

"Sfortunatamente, le imprese, i dipendenti e i fans in Georgia sono le vittime di questa decisione".

La Players Alliance, composta da più di 100 giocatori in attività ed ex che si sono uniti nel tentativo di potenziare le comunità nere, si è espressa a sostegno della decisione della MLB con una dichiarazione che in parte diceva: "Vogliamo che la nostra voce venga ascoltata forte e chiara nella nostra opposizione alla recente legislazione della Georgia che non solo toglie diritti in modo sproporzionato alla comunità nera, ma apre anche la strada ad altri stati per approvare leggi altrettanto dannose basate in gran parte su diffuse falsità e disinformazione".

La Casa Bianca ha detto che anche il presidente Joe Biden sostiene la decisione.

"Il presidente ha chiarito le sue preoccupazioni per il disegno di legge approvato in Georgia, date le sue disposizioni estreme che incidono sulla capacità di tanti cittadini di esprimere i propri voti".

"La Casa Bianca ha detto all'inizio di questa settimana che sosterrà la decisione presa dalla Major League Baseball di spostare la partita dell'All-Star Game''.

In una dichiarazione dal solito tono aggressivo, l'ex presidente Donald Trump ha maledetto la mossa e ha esortato i suoi sostenitori a "boicottare il baseball e tutte le società per i diritti civili che stanno interferendo con elezioni libere ed eque". L'ex presidente Barack Obama, nel frattempo, ha lodato la decisione in quanto onora la leggenda dei Braves del grande Hank Aaron.

Il governatore della Georgia Brian Kemp ha convertito in legge la scorsa settimana un ampio disegno di legge sponsorizzato dai repubblicani che include nuove restrizioni al voto per posta e un maggiore controllo legislativo su come si svolgono le elezioni. Il disegno di legge vieta anche ai volontari di distribuire cibo e acqua agli elettori in fila.

La nuova legge sul voto, SB202, è arrivata sulla scia delle prime vittorie democratiche alle elezioni presidenziali e al Senato in Georgia (Uno degli stati in cui Trump ha innescato ripetute affermazioni non dimostrate che l'elezione era fraudolenta). I sostenitori della nuova legge hanno affermato che si limita a garantire l'integrità elettorale e a eliminare potenziali frodi, mentre i critici l'hanno descritta come una tattica di soppressione degli elettori che renderebbe più difficile il voto per le minoranze, in particolare le persone di colore, riducendo l'accesso al voto nelle comunità urbane che si appoggiano ai democratici.

Un recente esame del disegno di legge di 98 pagine da parte del New York Times ha identificato 16 disposizioni che ostacolano il diritto di voto dei georgiani o privano il potere dei funzionari delle elezioni statali e locali e lo danno ai legislatori.

Il governatore ha detto in una conferenza stampa sabato che il baseball "ha ceduto alla paura e alle bugie degli attivisti liberali" e spostare il gioco significa "cancellare la cultura" per le imprese americane.

"Non mi tirerò indietro. I georgiani non saranno vittime di bullismo", ha detto Kemp in una dichiarazione venerdì, "Continueremo a lottare per elezioni sicure, accessibili ed eque. Oggi ho parlato con la leadership degli Atlanta Braves che mi ha informato che non supportano la decisione della MLB".

Stacey Abrams, ex candidata governativa democratica della Georgia e attivista per i diritti di voto, ha twittato la sua delusione ma la sua comprensione per la decisione della MLB.

"Come molti georgiani, sono deluso dal fatto che la MLB stia trasferendo l'All-Star Game; tuttavia, lodo i giocatori, i proprietari e il Commissioner della League per aver parlato", ha scritto Abrams, "Esorto anche gli altri in posizioni di leadership a farlo".

Il sindaco di Atlanta Keisha Lance Bottoms, un democratico, ha detto che sostiene la decisione della MLB. Atlanta parteciperà senza dubbio alla perdita economica, anche se lo stadio di casa dei Braves si trova ora fuori città, nella periferia di Cobb County.

"Sfortunatamente, la rimozione dell'All-Star Game della MLB dalla Georgia è probabilmente la prima di molte tessere del domino a cadere fino a quando non verranno rimosse le barriere inutili messe in atto per limitare l'accesso alle urne", ha detto Bottoms in una nota.

Il manager dei Los Angeles Dodgers Dave Roberts, che guiderà la squadra All-Star della National League, ha applaudito la MLB per aver spostato la partita dalla Georgia.

"Penso che in un mondo in cui le persone ora vogliono e hanno bisogno di essere ascoltate - e in questo caso particolare, persone di colore - la Major League Baseball ascolti e faccia qualcosa al riguardo, per essere propositivi e dare l'esempio", ha detto Roberts, figlio di padre nero e madre giapponese.

L'outfielder di Cubs Jason Heyward, cresciuto nell'area di Atlanta e scelto dai Braves al primo round del draft del 2007, ha dichiarato: "è stato bello vedere qualcuno pensare fuori dagli schemi e mettersi dalla parte del rispetto delle persone, cercando di spingere per l'uguaglianza".

"Penso che non saranno in grado di accontentare tutti", ha detto Heyward, che è nero, "So che ci sono molte persone ad Atlanta che amano il baseball e non vedevano l'ora di vedere un All-Star Game lì. Un Midsummer Classic, penso che sia speciale, per qualcuno che cresce lì e guarda un sacco di baseball. Ma allo stesso tempo, penso che quando parli di un messaggio, le persone sono ancora qui fuori a spingere per l'uguaglianza''.

Il direttore esecutivo della MLBPA Tony Clark ha detto venerdì scorso che "non vedeva l'ora" di discutere il trasferimento del Midsummer Classic - previsto per il 13 luglio - da Atlanta. Cinque giorni dopo, Biden, che ha vinto la Georgia con meno di 12.000 voti, ha detto a SportsCenter che avrebbe "fortemente sostenuto" tale decisione, definendo il nuovo disegno di legge "Jim Crow sotto steroidi".

La star dei Los Angeles Lakers LeBron James, che ha una quota di proprietà nei Boston Red Sox, è stato tra coloro che hanno espresso sostegno per la decisione della MLB su Twitter. Nonostante lo spostamento dell'All-Star Game, Manfred ha affermato che "gli investimenti pianificati dalla MLB per sostenere le comunità locali ad Atlanta come parte dei nostri All-Star Legacy Projects andranno avanti" e che Aaron, morto a gennaio, sarebbe stato comunque celebrato durante i festeggiamenti dell'All-Star Game.

Atlanta ha già ospitato l'All-Star Game due volte, nel 1972 e nel 2000.

Manfred e la MLB non hanno ancora annunciato una nuova città ospitante per l'All-Star Game, affermando che continueranno con i loro piani per onorare il defunto Henry Aaron, e che una nuova città ospitante "sarà annunciata a breve". Ecco sei possibili destinazioni per l'All-Star Game 2021.

1. American Family Field (Milwaukee). Il campo da baseball precedentemente noto come Miller Park sembrerebbe essere un punto di atterraggio naturale per l'All-Star Game dati i piani della MLB per onorare Aaron. Aaron ha giocato i primi 12 anni della sua carriera con i Milwaukee Braves prima che la franchigia si trasferisse ad Atlanta, e ha concluso la sua carriera con due anni con i Brewers. Milwaukee ha ospitato l'ultima volta l'All-Star Game nel 2002.

2. Dodger Stadium (Los Angeles). I Dodgers, i campioni in carica delle World Series, ospiteranno l'All-Star Game del 2022, e spostare questi piani di un anno sembrerebbe avere senso. Purtroppo, probabilmente non accadrà. Secondo quanto riferito, Los Angeles manterrà la partita del 2022 e la partita del 2021 verrà giocata altrove. Mantenere l'All-Star Game del 2022 al Dodger Stadium prevede minimi disagi. La MLB dovrà già affrettarsi per organizzare l'All-Star Game del 2021. Perché complicare anche il 2022? E' preferibile lasciare che i Dodgers abbiano una passerella adeguata per il loro Midsummer Classic.

3. Globe Life Field (Arlington). L'anno scorso la MLB ha utilizzato il Globe Life Field, sede dei Texas Rangers, come sito neutrale per le NLCS e World Series. È un campo da baseball nuovo di zecca e le linee guida locali probabilmente consentirebbero la massima partecipazione se la MLB fosse determinata ad avere il tutto esaurito. I Rangers avranno il 100% di presenze per il loro Opening Day in casa la prossima settimana prima di ridimensionarsi. La MLB sarebbe in grado di andare con il 100% di presenze per l'All-Star Game. Il Texas ha ospitato l'ultima volta l'All-Star Game nel 1995.

4. Hiram Bithorn Stadium (San Juan, Porto Rico). Che ne dite di questo per un'idea fuori dagli schemi? La MLB ha giocato partite della stagione regolare all'Hiram Bithorn Stadium, per lo più di recente nel 2018, e i Mets e i Marlins dovevano giocare una serie di tre partite lo scorso aprile, prima dello shutdown. Il rovescio della medaglia: lo stadio Hiram Bithorn può ospitare solo circa 18.000 fans a piena capacità e la piena capacità potrebbe non essere nemmeno possibile durante la pandemia. La MLB, se possibile, non vorrà una presenza così esigua per un evento gioiello.

5. Wrigley Field (Chicago). The Friendly Confines ha ospitato l'ultima volta l'All-Star Game nel 1990, in ordine di tempo è la seconda più lunga mancanza dell'All-Star Game. Solo gli Athletics (l'ultimo ASG nel 1987) hanno il record di mancate assegnazioni di un All-Star Game. Il Ring Central Coliseum non è esattamente un luogo degno di nota, e sembra che MLB stia aspettando che gli A's si assicurino un nuovo campo da baseball prima di assegnare loro un altro All-Star Game. È passato molto tempo da quando Wrigley Field ha ospitato l'All-Star Game e i Cubs sono un recente campione delle World Series, il che aiuterà gli sforzi di marketing.

6. Yankee Stadium (New York). Il nuovo Yankee Stadium non ha ancora ospitato un All-Star Game ed è tra i luoghi più riconoscibili del gioco. New York è la piazza più grande dello sport e gli Yankees sono la squadra più popolare dello sport, inoltre gli uffici centrali della MLB sono su Park Avenue, il che potrebbe rendere più facile un processo di installazione in breve tempo. Gli Yankees hanno ospitato l'ultima volta l'All-Star Game nel 2008, nell'ultimo anno del vecchio Yankee Stadium.

14/04/2021

L'All-Star Game della MLB 2021 si giocherà al Coors Field di Denver

La Major League Baseball ha annunciato martedì 6 aprile 2021 che la 91a All-Star Game di quest'anno sarà trasferita al Coors Field di Denver, sede dei Colorado Rockies.

Funzionari governativi dello Stato di Colorado hanno immediatamente iniziato a fare pressioni sulla MLB per l'All-Star Game una volta che il commissario Rob Manfred aveva annunciato che la League stava spostando la partita da Atlanta a causa delle leggi sul voto, approvate in Georgia a marzo, che limiteranno l'accesso al voto alle persone di colore.

"La Major League Baseball è grata ai Colorado Rockies, alla città di Denver e allo stato del Colorado per il loro sostegno all'All-Star Game di questa estate", ha dichiarato Manfred in una nota, "Apprezziamo la loro flessibilità ed entusiasmo nel fornire un evento di prima qualità per la nostra partita e la nazione. Non vediamo l'ora di celebrare i migliori giocatori del nostro sport e intrattenere i fans di tutto il mondo".

Il sindaco di Denver Michael Hancock ha detto a Yahoo! Finanza che il dipartimento marketing della città e la partnership del centro hanno trascorso il fine settimana a parlare con i funzionari della MLB, dicendo che Denver sarebbe il sito ideale.

Hancock, che ha guidato la Denver Urban League (*) dal 1998- 2003, ha detto "Siamo orgogliosi di accogliere l'ASG e di parlare del sistema di voto progressista a Denver, che garantisce che nessuno, proprio nessuno sia privato del diritto di voto ...".

Il governatore del Colorado Jared Polis (D-Colorado) ha rilasciato una dichiarazione domenica cercando di convincere i funzionari della MLB a spostare la partita a Denver.

"Il Colorado è la migliore casa per l'All-Star Game, soprattutto perché lo stato di Colorado ha anche leggi severe che consentono agli elettori di esprimere il loro voto legalmente in qualsiasi modo scelgano, anche tramite posta o di persona".

I Colorado Rochies hanno ospitato l'All-Star Game nel 1998, quando l’American League vinse 13-8.

La decisione della MLB di spostare il Midsummer Classic da Altanta a Denver non è stata senza precedenti tra gli sports professionistici USA.

Nell'estate del 2016, l'NBA aveva spostato la sede del suo All-Star Game 2017 (tenutosi nel febbraio successivo) da Charlotte a New Orleans in opposizione al "North Carolina House Bill 2", che limitava le protezioni antidiscriminazione nello stato.

Nel marzo 1991, i proprietari della NFL votarono per spostare il Super Bowl del 1993 da Phoenix a Pasadena, in California, dopo che gli elettori dell'Arizona avevano deciso di non riconoscere il Martin Luther King Jr. Day una festa retribuita. L'Arizona alla fine ha riconosciuto l'MLK Day e ha vinto un Super Bowl nel 1996 e di nuovo nel 2008.

(*) La National Urban League, precedentemente nota come National League on Urban Conditions Among Negroes, è una storica organizzazione indipendente per i diritti civili con sede centrale a New York City e che sostiene la giustizia economica e sociale per gli afroamericani e contro la discriminazione razziale negli Stati Uniti. È la più antica e la più grande organizzazione comunitaria del suo genere nella nazione.

16/04/2021

Hope Trautwein della North Texas fa la storia del softball con un perfect game unico nella storia

Hope Trautwein della North Texas ha lanciato un perfect game realizzando 21 strikeouts in sette inning impeccabili.

È il sogno di ogni lanciatore. Tutti i battitori avversari sono stati eliminati consecutivamente. IL PERFECT GAME!

Ma un perfect game è davvero perfetto? Dopotutto, alcuni giocatori avversari avranno almeno toccato la palla, anche se era solo un pop-up o un groundout.

Hope Trautwein della squadra di softball dell'Università di North Texas ha fatto le cose in modo un po' più perfetto domenica 11/04/2021. In una partita di sette inning contro l'Università dell'Arkansas a Pine Bluff ha affrontato 21 battitori e li ha eliminati al piatto tutti. Nessuno ha messo in gioco una palla.

E in qualche modo, non se ne era davvero accorta.

"Sapevo che era un perfect game", ha detto in un'intervista martedì, "Dentro di me lo percepivo ma sentivo le mie compagne di squadra dietro bisbigliare: 'non dirlo' ".

"Ma immagino di non aver realmente registrato che tutti gli outs erano strikeouts fino alla fine della partita".

È stato il primo perfect game da sette inning con 21 strikeout nella storia della N.C.A.A. Division.

È stato anche il terzo college no-hitter per Trautwein. In aggiunta, Hope ha anche messo strikeouts 21 battitori in una partita di sette inning il 13 febbraio contro la squadra della Southeastern Louisiana. Ma in quella partita ha anche concesso cinque valide, due basi su balls e due punti. Solo altre due lanciatrici nella Division I prima di Trautwein avevano eguagliato l'impresa di 21 strikeouts.

Il video da MLB

"Nei miei precedenti no-hitters sono stata super ... super ansiosa", ha detto, "Mi dicevo sarà questo il lancio per romperlo, alla fine colpiranno una valida o raggiungeranno la base. Non è stato così questa volta. Ero molto fiduciosa".

Trautwein ha iniziato a giocare a softball a 10 anni e a lanciare a 12. Mettere strikeout i battitori avversari è sempre stata una parte importante del suo gioco, ma anche nella Little League non aveva mai lanciato un perfect game.

Come molte lanciatrici di softball è alta. "Sono una ragazza abbastanza alta", ha detto, "Crescendo sono stata sempre la più alta di tutte le mie compagne di squadra. Con il mio metro e 80 e quel talento atletico grezzo sono stata più forte di tutte le ragazze della mia squadra. Nella Little League, o andavi strikeout o venivi colpito da un lancio".

Lo score del perfect game di Trautwein: 21 Ks (University of North Texas)

In una partita di barnstorming, la leggenda racconta che Satchel Paige disse ai suoi difensori di andare in panchina, poi mise strikeouts tre battitori consecutivamente. Trautwein avrebbe potuto fare lo stesso, ma per sette inning consecutivi! I sette difensori dietro di lei hanno fornito supporto vocale e morale, ma non hanno fatto una giocata.

E' come se le giocatrici di Pine Bluff non avessero preso parte al gioco; Trautwein ha eliminato 17 battitori che hanno sventolato e solo quattro che hanno guardato il terzo strikes. I primi tre inning sono stati particolarmente vani per Pine Bluff: ciascuno dei primi nove battitori è stato eliminato con tre lanci. "La seconda parte, è stata un po' più competitiva", ha detto Trautwein, caritatevolmente.

La partita non è stata trasmessa in televisione, quindi solo un gruppo selezionato di 75 fans irriducibili può dire che erano lì quando è successo.

L'Università di North Texas, che ha vinto la partita di domenica per 3-0, è ora 19-9 e 2-2 nella Conference USA. La squadra non ha mai giocato nel torneo N.C.A.A.

"Possiamo competere con i primi cinque team della Conference", ha detto Trautwein, "Questo è il passaggio successivo (È stato un anno più difficile per Pine Bluff, che ha un record di 1-19)".

Trautwein, ora è 6-3 in stagione e ha un altro anno di ammissibilità. "Sto inseguendo il record di strikeout della North Texas", ha detto, "Che è di 712, penso di essere a quota 580". Altre sei o sette partite da 21 strikeouts e lei supererà sicuramente il record.

Good Luck HOPE !!!!

Note: Il record NCAA per strikeouts in una sola partita è di 28, realizzati da Eileen Canney della Northwestern in una partita da 18 inning contro Minnesota nel 2006 e da Cristin Vitek di Baylor in 16 inning contro North Carolina nel 2004.

22/04/2021

Il record di 40 K's e 0 basi su balls di Burnes non ha precedenti !

Un paio di record della Major League per Corbin Burnes

Il pitcher destro dei Brewers continua un inizio di stagione sensazionale e martedì sera 20 aprile 2021 ha inanellato altri 10 strikeouts in sei inning senza punti nella vittoria per 6-0 sui Padres al Petco Park.

Burnes è leader degli starters della Major League con un'ERA di 0,37 e guida la National League con 40 strikeout. Deve ancora concedere una base su ball.

Nessun lanciatore ha mai avuto una striscia come questa. Secondo l'Elias Sports Bureau, che ha dati risalenti al 1893, quando la pedana di lancio è stata fissata a 60 piedi e 6 pollici, Burnes ha stabilito il record di strikeouts da parte di uno starter senza concedere BB. Il record precedente apparteneva a Adam Wainwright, che nel 2013 aveva eliminato 35 battitori prima di concedere un walk. E secondo STATS Inc., Burnes è il primo lanciatore dell'era moderna (dal 1901) a realizzare 40 strikeouts e nessuna base su balls in un arco di quattro partite in qualsiasi momento della stagione.

Quando tutti gli hanno detto che aveva stabilito un record, Burnes ha risposto: "Lo so. Lo so. Grazie e andiamo avanti".

È difficile andare oltre a numeri così strabilianti. Quando Burnes ha lanciato la sua ultima partenza con 30 strikeout e nessuna base su balls nel 2021, il manager dei Brewers Craig Counsell ha detto: "Quella statistica lì dice tutto. È assolutamente incredibile".

Corbin Burnes elimina Chris Paddack nel 3° inning per diventare il primo lanciatore partente a eliminare 36 battitori senza basi su balls all'inizio della stagione - Video

E Burnes ha continuato nei primi inning martedì sera. Ha eliminato due battitori nel primo inning, uno nel secondo e tre nel terzo. Ha fatto sventolare a vuoto il lanciatore avversario Chris Paddack su tre cutters consecutivi per terminare il terzo inning e battere il record di Wainwright.

In mezzo a tutto ciò, Burnes è arrivato in base su un errore nella parte alta del terzo durante un rally dei Brewers di cinque punti.

Sul monte, il prossimo obiettivo di Burnes è raggiungere uno dei grandi starter del gioco. Da Elias, ecco l'elenco dei lanciatori in qualsiasi ruolo che hanno eliminato 30 o più battitori senza concedere basi su ball all’inizio di una stagione:

51: Kenley Jansen (Dodgers 2017)

40: Burnes (2021 Brewers)

35: Adam Wainwright (Cardinals 2013)

31: Noah Syndergaard (Mets 2017)

30: Sean Doolittle (Athletics 2014)

30: Billy Wagner (2004 Phillies)

30: Dennis Eckersley (Athletics 1990) * (rilievo)

"Penso che stia contagiando tutti, fino al bullpen", ha detto Adrian Houser, pitcher destro dei Brewers, che ha iniziato la partita finale della serie mercoledì 22, "Penso che stiamo tutti entrando in quella mentalità di uscire e competere per tutto il tempo. Lasciare tutto alle spalle e mettere tutto in gioco per i ragazzi. Saranno là fuori a sostenerci e a fare quello che possono. Penso che stia andando bene, e tutti si nutrono di questo".

Burnes ha deciso di rifarsi dopo una miserabile stagione 2019, quando ha concesso 11 fuoricampo in quattro partenze ad aprile. E’ stato retrocesso nelle minor leagues e in seguito mandato al laboratorio di pitching high-tech dei Brewers a Phoenix. Ha concluso con una ERA di 8.82, la più alta nella NL tra i lanciatori con ben 49 inning.

Ha subito un intervento chirurgico al Lasik per correggere la vista e ha lavorato con un mental skills coach. Ha rimodellato la sua palla veloce a quattro cuciture in una cutter assassina, che Burnes può comandare meglio. Ha abbandonato il windup a favore del lancio esclusivamente laterale. Ha affinato la palla curva e il cambio per metterli alla pari con il suo slider.

Grazie a tutto questo nel 2020 Burnes è emerso come un lanciatore completamente diverso. Ha realizzato una ERA di 2.11 in 59 innings e 2/3 e si è classificato sesto nel ballottaggio per il NL Cy Young Award. Poi ha ripreso nel '21 da dove si era interrotto.

"Quando stai attraversando alcuni cambiamenti drastici, qualunque essi siano", ha detto Burnes questa settimana, "La cosa più importante è attenersi al processo e sapere che alla fine ne verrai a capo. È difficile quando stai affrontando delle cose e cercare di tenere i risultati fuori dalla tua testa. Ma è decisamente positivo quando arrivi al punto in cui ottieni un buon feedback".

Burnes ha concesso un punto guadagnato in 24 innings e 1/3 in questa stagione. L'unico punto è stato al suo debutto in stagione, quando Byron Buxton dei Twins è arrivato a casa al settimo inning per spezzare la no-hit di Burnes.

Da allora, Burnes ha realizzato 18 inning consecutivi senza concedere punti contro Cardinals, Cubs e Padres. Burnes ha strikeouts in doppia cifra in tre delle sue quattro partenze.

Tra i partenti della Major League, solo Carlos Rodón ha una media inferiore a quella di Burnes, pari a .098. Solo Jacob deGrom ha un tasso di strikeouts più alto del 47,1% di Burnes. Nessuno ha un WHIP migliore dello 0,33 di Burnes.

Degli 85 battitori che Burnes ha affrontato, solo 10 hanno raggiunto il conteggio di tre balls. Solo un battitore ha visto un conteggio di 3-0: Tommy Edman dei Cardinals l'8 aprile. Burnes ha recuperato e lo ha messo strikeout.

"Ero ovviamente entusiasta di affrontare un lanciatore dominante", ha detto il pitcher dei Padres Chris Paddack, "Penso che la cosa più sorprendente per me sia l'assenza di basi su balls. È piuttosto impressionante da parte sua".

Burnes ha elogiato l'esterno sinistro Billy McKinney, che nel terzo inning ha colpito un fuoricampo e ha fatto probabilmente la miglior giocata difensiva della squadra della stagione nel quarto inning, quando Burnes ha perso la sensibilità dei suoi lanci. McKinney si è tuffato per prendere al palla al volo di Wil Myers sulla linea di foul di sinistra per evitare due punti.

Burnes ha riconosciuto che anche il ricevitore Omar Narváez, che ha bloccato una serie di brutti lanci nella terra dopo che i Padres avevano caricato le basi con un eliminato nel quinto, è stato fondamentale per la sua performance. "La maggior parte del merito va a lui", ha affermato Burnes.

Burnes proverà a continuare a lanciare strikes davanti ai tifosi di casa. La sua prossima partenza programmata è per lunedì 26 aprile contro i Marlins all'American Family Field e tutti noi appassionati del gioco tiferemo perché questo record si allunghi ancora.

30/04/2021

Cleveland Indians: 10 potenziali nuovi nomi

La franchigia sta cercando un nuovo nome per la prima volta in 105 anni.

I Cleveland Indians hanno annunciato che la squadra cambierà il proprio nome dopo la stagione 2021.

Il team ha trascorso il 2019 rimuovendo i loghi della mascotte, Chief Wahoo, e questa mossa non è stata uno shock totale. Eppure è ancora sbalorditivo per quello che rappresenta.

La squadra di baseball di Cleveland non poteva più ignorare la resa dei conti razziale più significativa nella storia di questa nazione innescata dall'uccisione di George Floyd.

L'utilizzo dei nativi americani come mascotte è uno degli ultimi pezzi di razzismo hardcore rimasti nello sport. L'uso del soprannome di Cleveland sembrava sarebbe continuato per sempre. Cleveland e Washington ne hanno difeso l'uso per decenni. Hanno ignorato le suppliche dei nativi finché non è stato più possibile.

I funzionari del team di Cleveland hanno parlato con numerosi gruppi di nativi in tutto il paese mentre hanno iniziato a ripensare alla loro posizione. È divertente come cambia la propria prospettiva quando si parla alle persone che stai caricaturando.

La mossa arriva dopo che i Washington Football Team hanno abbandonato il soprannome di Redskins durante l'estate.

La fine del soprannome di Cleveland simboleggia anche il modo in cui le franchigie sportive che utilizzavano questi nomi hanno finalmente iniziato ad ascoltare. Il motivo per cui i nativi sono stati per lo più ignorati per così tanto tempo era perché non possedevano l'influenza politica di altre etnie.

Purtroppo la lotta è tutt'altro che finita. I Kansas City Chiefs, Atlanta Braves e Chicago Blackhawks hanno tutti detto di non avere intenzione di cambiare i loro soprannomi.

Il tempo per la scelta di un nuovo nome, che accontenti tutti o quasi, sta per scadere.

Ecco alcuni ipotetici suggerimenti del soprannome che potrebbe prendere Cleveland mentre entra in un nuovo capitolo della sua lunga storia.

Cleveland Spiders

A giudicare dalla reazione iniziale sui social e usando il buon senso, gli Spiders sono emersi rapidamente come il soprannome preferito. Fondati nel 1887, i Forest Citys erano il terzo team di professionisti con sede a Cleveland. Divennero i Cleveland Spiders nel 1889 e rimasero a Cleveland per 10 anni. La stagione 1899 degli Spiders è tra le stagioni più infami nella storia del baseball. Con i loro proprietari che trasferirono i migliori giocatori della squadra ai St. Louis Browns, il loro nuovo investimento, gli Spiders finirono 20-134. Questo è il momento ideale per dare al soprannome degli Spiders un'opportunità di riscatto.

Cleveland Naps

Immaginate di essere così bravo e amato che chiamano la squadra con il vostro nome? E’ quello che successe con Napoleon "Larry" Lajoie, che sbarcò a Cleveland nel 1902 quando erano conosciuti come i Bronchos. A partire dall'anno successivo, divennero noti come i Napoleons - abbreviato in "Naps" - in onore del loro giocatore di punta che servì come giocatore-manager dal 1905 al 1909. Lajoie lasciò (come giocatore) nel 1914, spingendo al cambiamento del nome in "Indians" la stagione successiva. È stato inserito nella Hall of Fame nel 1937. Questa è una buona scelta, in quanto fornisce qualcosa di completamente unico. The Naps è un nome divertente che i fans possono sostenere e onora una delle grandi star della squadra.

Cleveland Rocks / Rockers

La Rock & Roll Hall of Fame si trova nel centro di Cleveland. Non sarebbe la prima volta che una squadra sportiva professionista si appoggia all'identità musicale di una città per un soprannome.

Cleveland Guardians

L'Hope Memorial Bridge, che si libra sul fiume Cuyahoga e si trova appena fuori Progressive Field, è noto per le sue gigantesche statue "Guardians of Traffic" che si dice siano protettori dei trasporti. Il loro significato per la città e l'area circostante è stato compreso e negli ultimi mesi i fans si sono radunati attorno al potenziale nome.

Cleveland Buckeyes

Questo è un nome che ha evidenti legami con gli Ohio State Buckeyes, ma era anche il nome di un club di baseball della Negro League dal 1942 al 1950. L'Ohio è noto come "The Buckeye State" perché, come spiega State Symbols, "molti alberi buckeye (Aesculus glabra) una volta coprivano le colline e le pianure dell'Ohio". Sembra che lo stato dell'Ohio sia dominato già dai Buckeyes, quindi sarebbe strano avere due squadre famose che possiedono il soprannome nello stesso stato. Mentre alcuni fans lo vogliono, sembra un po' ridondante.

Cleveland Great Lakes / Lakers

Non è necessaria una grande spiegazione qui: la città si trova sul Lago Erie. Inoltre, LeBron James ora è un Los Angeles Laker, quindi potrebbe essere visto come un segno di riverenza nei confronti del figlio nativo del luogo, anche se è "solo un ragazzo di Akron".

Cleveland Municipals

Il Cleveland Stadium, noto anche come Municipal Stadium, è stato il campo da baseball di casa della squadra sul lungolago fino all'apertura del Jacobs Field nel 1994 (ribattezzato Progressive Field nel 2008). Anche i Browns della NFL hanno giocato lì fino al 1995. Una lettera all'editore di Cleveland Plain-Dealer del fan Will Weible sostiene che nominare la squadra Municipals, o "Munis" in breve, renderebbe omaggio al passato, presente e futuro della città perché "qualcosa che è municipale appartiene alla comunità nel complesso". E non è questo il punto focale dello sport?

Cleveland Wild Things

E’ di sicuro lungo e impensabile come soprannome "Wild Things" che è un riferimento al famoso film cult "Major League". L'ex detenuto dalla palla di fuoco selvaggia Rick "The Wild Thing" Vaughn, interpretato da Charlie Sheen, era una figura centrale della squadra immaginaria di Cleveland, che si unì per vincere nonostante i migliori sforzi di un proprietario dispettoso.

Cleveland Blues

Nella musica, c'è un legame evolutivo tra "il blues" e "rock and roll", quindi se il desiderio di perseguire un tema musicale rock non finisce con un soprannome di "Rockers", forse quelli che alla fine dovrebbero prendere la decisione potrebbero fermarsi qui. C'è un precedente per il nome "Blues" negli sport professionistici americani: la squadra NHL di St. Louis. Aggiungendo un aspetto storico, i Cleveland Blues erano una squadra della National League dal 1879 al 1884.

Cleveland Baseball Club

Se Cleveland opta per rendere permanente il temporaneo, forse vedremo "CBC" nei box score in futuro. "Club" su "Team" aggiunge un'aria di raffinatezza, pur rimanendo radicato nella tradizione del gioco di riferirsi alle squadre come "ballclubs".

08/05/2021

Miguel Cabrera è due volte più vicino a raggiungere il record delle 3000 valide

Nel suo tentativo ha superato una leggenda del baseball

Il prima base dei Detroit Tigers Miguel Cabrera colpisce la valida # 2873 contro il lanciatore dei Minnesota Twins Matt Shoemaker nel secondo inning della partita di venerdì 7 maggio 2021 al Comerica Park di Detroit

Nella sua diciannovesima stagione in MLB, il probabile futuro Hall of Famer dei Detroit Tigers ha scelto la profondità dell'esterno destro per piazzare la sua valida nel secondo inning, della partita di venerdì 7 maggio 2021, contro i Minnesota Twins al Comerica Park. Nel successivo at-bat al quarto inning ha messo a segno un altro singolo sul campo centrale. Sono state la 2873a e la 2874a valida in carriera per il 38enne, che ha superato Babe Ruth al 45° posto nella classifica delle valide di tutti i tempi della Major League.

Albert Pujols, 41 anni, è l'unico giocatore in attività con più valide di Cabrera, con 3253 hits, al 14° posto di tutti i tempi.

Un Hall of Famer e sette volte campione della World Series, Ruth ha giocato 22 stagioni nelle major dal 1914 al 1935. Ha concluso la sua carriera con 2873 valide, 714 fuoricampo e una media battuta di .342. Ha anche realizzato una ERA di 2.28 in 163 partite come lanciatore, principalmente con Boston. Fu venduto ai New York Yankees dopo la stagione 1919, provocando la "Curse of the Bambino".

"Non ci ho davvero pensato", ha detto Cabrera il 28 aprile, mentre si stava avvicinando al record di Ruth nella sua ricerca di storiche pietre miliari, "È davvero bello essere accanto a Babe Ruth. È fantastico, è fantastico ... Sono stato benedetto. Ringrazio Dio ogni giorno per questa opportunità".

Cabrera è a 11 homer di distanza dai 500 in carriera.

Il suo curriculum: due volte MVP dell'American League (2012, 2013), vincitore della Triple Crown (2012), 11 volte All-Star, campione della World Series 2003, sette volte Silver Slugger e quattro titoli di battuta dell’AL. Ha aiutato le Tigers alle World Series 2012, dove sono stati spazzati via dai San Francisco Giants.

In 2472 partite in carriera contando venerdì, Cabrera ha realizzato una media battuta di .312.

"Mai nella mia vita ho pensato che avrei ottenuto tante valide quanti ne ho in questo momento", ha detto Cabrera, "Per me e la mia carriera, non darò mai nulla per scontato. Vado là fuori e gioco. Non importa come le persone parlano di me, male o bene, non mi interessa davvero. Esco lì e faccio il mio lavoro. Questo è tutto".

Ad un certo punto, Cabrera probabilmente si unirà a Ruth nella Hall of Fame. Per ora, continua la sua caccia alle 3000 valide e 500 fuoricampo.

Ecco i giocatori che Cabrera deve passare per incontrare Roberto Clemente a 3000 valide: Mel Ott (2876), Omar Vizquel (2877), Frankie Frisch (2880), Zack Wheat (2884), Al Simmons (2927), Rogers Hornsby (2930), Willie Keeler (2932), Barry Bonds (2935), Jake Beckley (2938), Frank Robinson (2943), Sam Crawford (2961) e Sam Rice (2987).

Per raggiungere i 500 home run, Cabrera dovrà superare Fred McGriff e Lou Gehrig. Entrambi hanno terminato con 493 in carriera.

"Questi nomi sono grandi", ha detto recentemente il manager dei Tigers AJ Hinch, "Con lui ci avvicineremo ad alcuni nomi davvero grandi, se questo successo continua e raggiunge alcuni di questi traguardi. È quasi intimidatorio, solo pensare a tutto quello che devi fare per metterti allo stesso livello di questi grandi giocatori, che sono legati all'eredità dell'intero sport".

 

ARTICOLI DEL 2020

 

ARTICOLI DEL 2019

 

ARTICOLI DEL 2018

 

ARTICOLI DEL 2017

 

ARTICOLI DEL 2016

 

ARTICOLI DEL 2015

 

ARTICOLI DEL 2014

 

ARTICOLI DEL 2013

 

ARTICOLI DEL 2012

 

ARTICOLI DEL 2011

 

ARTICOLI DEL 2010

 

ARTICOLI DEL 2009