CSS Valido!

BASEBALL PAOLO 2 K 7
 

 

 

 

 

Nel 1957, i magri giocatori del Messico, contro ogni probabilità, diventarono la prima squadra straniera a vincere la Little League World Series.

Divennero famosi come "Los Pequeños Gigantes", i piccoli giganti.

Nel baseball, un gioco pieno di reali e immaginarie fiabe dal "Shot Heard' Round the World" di Bobby Thomson alla favola di "The Natural" di Bernard Malamud, nessuna storia può essere più stimolante e sorprendente di quella vissuta dalla squadra di Monterrey, Messico, nella Little League del 1957.

La squadra era composta per lo più da bambini poveri di una città industriale che avevano iniziato a giocare a baseball solo pochi anni prima, dopo aver liberato il loro campo dalle rocce, vetri e sporcizia giocando a piedi nudi con una palla fatta in casa e dei guanti. Avevano solo immaginato le partite della Major League, raccogliendosi attorno a una radio per sentire la radiocronaca domenicale in spagnolo delle partite dei Brooklyn Dodgers (Roy Campanella, ricevitore dei Dodgers aveva giocato a Monterrey nel 1942 e nel 1943, incantando i loro genitori). Anche quando raggiunsero la Little League World Series, la maggior parte dei loro avversari li superavano in peso di 15 o 18 chili. Ma nel corso delle quattro settimane e delle 13 partite a partire dal mese di luglio, diventarono meravigliosi.

Il 23 agosto del 1957, dietro la magia dei lanci di Angel Macias, sconfissero La Mesa, California, 4-0, davanti a 10.000 persone a Williamsport, Pennsylvania, per diventare la prima squadra al di fuori degli Stati Uniti a vincere la Little League World Series. Quel giorno, Macias lanciò quello che rimane l'unico perfect game in una finale della Little League World Series, eliminando tutti i 18 battitori in successione - le partite della Little League sono solo di sei inning, e Macias mise strikeout 11 battitori con un preciso controllo, maligne breakings e pura astuzia. La Mesa non colpì una palla in campo esterno.

La squadra di Monterrey arrivò a Williamsport, dopo un incredibile viaggio che iniziò quando i giocatori attraversarono il confine a piedi su un ponte del Rio Grande, da Reynosa verso McAllen, Texas, sperando di andare in un piccolo hotel prima della loro prima partita del Torneo. Monterrey era stata ammessa nella franchigia della Little League con quattro squadre solo l'anno prima. Si aspettavano di perdere e tornare a casa.

"Non sapevamo nemmeno esistesse Williamsport" ricordava Jose "Pepe" Maiz, lanciatore e outfielder della squadra che ora dirige una società di costruzioni di Monterrey e possiede i Sultanes, una squadra di baseball della Mexican League, "Pensavamo di giocare solo una partita a McAllen".

Vinsero la loro prima partita a McAllen 9-2 contro una squadra da Città del Messico piena di giocatori che erano figli di americani che lavoravano a sud del confine. Spazzarono il resto dei tornei regionali e statali, vincendo con almeno cinque punti, fino a raggiungere la partita di semifinale dello stato a Fort Worth contro Houston. Lì, Maiz si rivelò come lanciatore di rilievo negli inning supplementari per condurli ad una vittoria in rimonta 6-4.

Nel frattempo, scaddero i visti. Solo l'intervento dell'ambasciatore americano in Messico li tenne nel paese. Avevano nostalgia; solo Maiz non aveva mai lasciato Monterrey. Maiz raccontava che spesso non avevano i soldi per il cibo, accontentandosi di due pasti al giorno. Mangiavano grazie alla gentilezza degli estranei e dei nuovi amici, che offrivano loro pasti nei ristoranti o un paio di dollari dopo una vittoria.

Nonostante le difficoltà, rimasero vincenti, 11-2 nel campionato dello stato del Texas, e poi 13-0 contro Biloxi, Mississippi, e 3-0 su Owensboro, Kentucky, nel Campionato Regionale del South, e i 14 giocatori si guadagnarono una corsa in autobus per Williamsport.

Squadre provenienti dal Canada e dal Messico avevano già giocato le Little League World Series, ma non avevano mai vinto. La concorrenza internazionale era ancora così nuova che la squadra di Monterrey aveva giocato nel torneo dello stato del Texas ed erano avanzati attraverso la U.S. South Region.

I funzionari della Little League a Williamsport consegnarono le loro nuove divise con "South" sul petto, emblema del loro titolo regionale. A nessuno di loro andavano bene; i ragazzi di Monterrey erano troppo piccoli. Avevano un'altezza media di 1.50 per 36 kg mentre la media della squadra di La Mesa era di 1,63 per 57 kg. Dopo aver visto La Mesa sconfiggere comodamente Escanaba, Michigan, in semifinale, Maiz era molto preoccupato. Joe McKirahan, stella mancina di La Mesa lanciò una one-hitter e colpì due homer, di cui uno molto alto a destra.

"Dissi a me stesso, Wow, che cosa accadrà a noi domani?", ricordava Maiz.

Angel Macias, numero 8, era alto 1,52 per 40 kg, un raro giocatore ambidestro. Quel giorno, aveva deciso di lanciare solo con la mano destra. Lew Riley, il suo avversario sul monte, leadoff per La Mesa, colpì il primo lancio dritto sulla linea della prima base. "Era in foul di un centimetro", ricordava Riley, che ora vive a Yorba Linda in California, "Questo fu quello che più si avvicinò ad una valida".

McKirahan, che batteva da cleanup per La Mesa e che poi firmò con i Boston Red Sox, andò strikeout in entrambe le volte contro Macias: "Il mio ricordo di Angel durante la partita era che aveva una fast subdola. Era il primo lanciatore che vedevo con un grande controllo selettivo. Anche a 12 anni, si intuiva che questo ragazzo sapeva esattamente dove stava andando la palla. Ci dominò come nessun altro era riuscito a fare".

L'esterno Richard Gowins non giocò nella partita per La Mesa, ma guardò Macias mettere giù un battitore dopo l'altro dal suo posto come coach di prima base. Mentre la partita andava avanti, la folla cambiò ed iniziò a sostenere i ragazzi del sud del confine. "Erano veloci. Erano ottimisti. Erano animati da uno grande spirito", ricordava Gowins.

Riley non ebbe problemi fino al quinto inning. Il primo battitore di Monterrey andò in base con quattro lanci. Il secondo mise giù un bunt perfetto tra Riley e la terza base, mettendo corridori in prima e seconda con nessun out. Maiz andò a battere. Vide una palla veloce di Riley, e la colpì al centro del campo per un doppio che fece segnare il primo punto della partita. Nell'inning, nove battitori di Monterrey andarono a battere e segnarono quattro volte, lasciando a La Mesa un'ultima possibilità.

Con due out nel sesto e ultimo inning, Macias lanciò tre ball, poi tornò con due strike contro Byron Haggard. Il lancio successivo fu una palla curva. Haggard sventolò a vuoto. La folla esplose a Williamsport, così come tutti quelli che ascoltavano la trasmissione radiofonica a Monterrey.

Cinquantadue anni dopo, la vittoria rimane l'unico perfect game in una Little League World Series Championship. Dopo la celebrazione, Maiz disse che il primo pensiero della squadra era quello di tornare a casa. Ma dovettero aspettare quasi un mese. I giocatori di Monterrey andarono in autobus a New York per vedere una partita dei Dodgers e a fare shopping con 40 $ ciascuno (donati da Macy). Poi, fecero tappa a Washington DC per incontrare il presidente Dwight Eisenhower e il vice presidente Richard Nixon prima di andare a festeggiare a Città del Messico. Quando finalmente tornarono a Monterrey, furono accolti da centinaia di migliaia per le strade.

Ogni giocatore ottenne una borsa di studio per il liceo dal governo messicano, anche se Maiz disse che solo lui e un altro andarono al college. Angelo Macias firmò per i Los Angeles Angels e fu invitato al loro primo spring training nel 1961 all'età di 16 anni. Giocò brevemente per gli Angels nelle minor leagues prima di iniziare la carriera nella Mexican League.

"Si aprirono tutte le porte e ovunque andassimo qualcuno ci ricordava o voleva un autografo", disse Macias a un intervistatore pochi anni fa, "La gente sapeva i nostri nomi, e il mio nome era Angel Macias, bambino campione".

Angel Macias esercita la sua tecnica di lancio nella sua casa di Monterrey, in Messico. Questa immagine fu scattata probabilmente tra il 1958 e il 1960, dopo che la squadra era diventata famosa per le loro imprese

Una foto delle World Series - il lanciatore ambidestro Angel Macias posa con due guanti. Lanciò una no-hitter - eliminando tutti i diciotto battitori della squadra Northern LaMesa che affrontò in una shutout 4-0


La formazione di Monterrey. Da sinistra in piedi: Cesar Faz (manager), # 4 Alfonzo Cortez (pitcher), # 5 Mario A. Ontiveros (esterno destro), # 13 Norberto Villareal (catcher), # 7 Riccardo Trevino (prima base), # 15 José Maiz (esterno sinistro), # 10 Francisco Aguilar (terza base), # 14 Enrique Suarez (pitcher), # 6 Roberto Mendiola (seconda base), # 9 Baltasar Charles (seconda base), José Gonzales (coach). In ginocchio da sinistra: # 3 Gerardo Gonzales (interbase), # 11 Fidel Ruiz (terza base), # 12 Rafel Estrello (esterno destro), # 8 Angel Macias (pitcher), # 2 Jesùs Contreras (catcher)

Con un'altezza media di 1,50, la maggior parte dei ragazzi erano troppo piccoli per indossare una qualsiasi delle divise fornite dalla Little League, quindi la squadra indossò le loro uniformi con "Monterrey" sulla parte anteriore della casacca. Infatti, prima che la squadra entrasse negli Stati Uniti due settimane prima per il torneo iniziasse il peso medio era di 36 kg. Quando le World Series effettivamente iniziarono, molti ragazzini della squadra messicana avevano guadagnato dai 4 ai 6 kg ciascuno



 Il clown di fama mondiale Emmett Kelly, in prestito dai Brooklyn Dodgers, intrattiene la folla tra gli inning alle World Series del 1957

  Macias sollevato dai suoi compagni dopo aver lanciato il perfect game - aveva lanciato nella partita con la mano destra, ma era anche capace di lanciare da mancino. I giocatori erano più piccoli della maggior parte delle squadre della Little League. Quando i giornalisti chiesero se l'altezza dei bambini americani li preoccupava, il prima base Ricardo Trevino rispose: "Dobbiamo giocarli, non portarli"



  I membri del team alzano i sombreri salutando mentre il bus navetta della Little League li trasporta all'aeroporto



  Duke Snider dei Dodger Brooklyn posa con Francisco Aguiler, il terza base di Monterrey. Dopo che la squadra aveva vinto il titolo, partirono dalla sede della Little League accompagnati da Bob Stirrat per un tour turistico di New York City. Macy invitò i ragazzi al negozio per rifornirli di abiti e macchine fotografiche. La loro tappa successiva fu la Casa Bianca



  La storia degli Industrials balzò sui titoli nazionali, e il presidente degli Stati Uniti, Dwight Eisenhower, invitò la squadra di Monterrey alla Casa Bianca. Incontrarono anche i futuri presidenti Lyndon Johnson e Richard Nixon



  Pure Hollywood se ne interessò. Un anno dopo la squadra recitò nel film "The Little Giants", che fu anche trasmesso sulla NBC nel 1960 e 1961 con il titolo "How Tall is a Giant?"

 

 

Babe Ruth giocò la sua prima partita in Major League 100 anni fa, l'11 luglio 1914 e nel 2014 è stato festeggiato l'anniversario dalla MLB. Per l'occasione, ecco le 100 cose che non sapete sul più grande giocatore nella storia del baseball, presentate in ordine cronologico, così come alcuni miti che sono stati ridimensionati.

1 - Il suo vero nome era George Herman Ruth, come suo padre. E' l'unico giocatore con questo cognome nella storia delle Major Leagues.

2 - La sua data di nascita è ora ampiamente accettata come 6 febbraio 1895, ma Ruth visse tutta la vita convinto di essere nato il 7 febbraio 1894. Il certificato di nascita con quella data era per un figlio maschio senza nome della famiglia Ruth. I genitori di Ruth persero sei figli in tenera età, tra cui due coppie di gemelli, e solo George e sua sorella Mary Margaret, nota come Mamie, sopravvissero.

3 - Ruth visse per qualche tempo sul luogo dove oggi c'è l'Oriole Park at Camden Yards, sopra uno dei saloon di suo padre.

4 - Prima che compisse otto anni, Ruth aveva già masticato tabacco e bevuto whisky. Classificato come incorreggibile, fu mandato alla St. Mary’s Industrial School per ragazzi, una scuola riformatorio cattolica.

5 - Ogni ragazzo doveva imparare un mestiere per una possibile futura carriera. Il mestiere di Ruth era il camiciaio.

6 - Ruth viveva ancora alla St. Mary’s Industrial School quando firmò con i Baltimore Orioles dell'International League nel febbraio del 1914, e avrebbe giocato in major league meno di cinque mesi più tardi.

7 - Colpì il suo primo home run da professionista il 7 marzo del 1914 a Fayetteville, Carolina del Nord, durante una partita intersquadra in cui giocò interbase.

8 - Fu mentre era con gli Orioles, una squadra veterana popolata da numerosi ex major leaguers, che gli fu dato il suo famoso soprannome. Nessuno sa chi per primo lo avesse chiamato Babe.

9 - Gli Orioles vendettero Ruth ai Boston Red Sox il 9 luglio 1914 insieme ad altri due giocatori come parte di una svendita da parte del proprietario del team Jack Dunn, che si trovava in difficoltà finanziarie, causate dalla presenza di una franchigia di Baltimora nella nuova Federal League che annullò l'affluenza di pubblico degli Orioles.

10 - Ruth fece il suo debutto in Major League al Fenway Park l'11 luglio 1914 come lanciatore partente. Lanciò sette inning per la vittoria, ma andò 0 su 2 al piatto, con uno strikeout contro il mancino dei Cleveland, Willie Mitchell, nel suo primo at-bat in Major.

11 - Il primo home run da major leaguer di Ruth arrivò il 5 settembre del 1914 con i Providence Grays dell'International League, dove era stato mandato dai Red Sox il mese prima per fare più esperienza.

12 - La prima valida in Major League di Ruth fu un doppio contro Leonard Cole degli Yankees al Fenway Park il 2 ottobre 1914 in una partita da partente e che vinse.

13 - Il 17 ottobre del 1914, meno di due settimane dopo che si concluse la sua stagione da rookie, Ruth sposò Helen Woodford, una 16enne cameriera di un bar che aveva incontrato il suo primo giorno a Boston.

Babe Ruth e Helen Woodford

14 - Ruth era un lanciatore mancino di potenza che fece 127 apparizioni sul monte di lancio prima di giocare in qualsiasi altra posizione in campo.

15 - Nel documentario del Baseball di Ken Burns, il noto giornalista e scrittore Dan Okrent disse che Ruth fu "senza dubbio il miglior lanciatore mancino del decennio del 1910, nell'American League". Infatti, tra i mancini dell'AL con almeno 1000 IP nel decennio, Ruth aveva l'ERA più bassa (2.19) e la percentuale di vittorie più alta (.659), mentre era al quarto posto nelle vittorie, a pari merito al quarto posto nelle shutouts e nono negli strikeout.

16 - Nel 1916, andò 23-12 e fu leader dell'American League con nove shutouts e una ERA di 1.75 in 323 innings e 2/3.

17 - Nel 1917, andò 24-13 con una ERA di 2.01 in 326 innings e 1/3 e leader dell'AL con 35 complete game.

18 - In sei stagioni con Ruth, i Red Sox vinsero tre titoli delle World Series. In 107 stagioni senza di lui ne hanno vinte quattro.

19 - Nella prima apparizione di Ruth alle World Series del 1915 colpì, come pinch-hitter, un groundout sulla prima base e non lanciò nelle cinque partite dei Boston vittoriosi sui Phillies.

20 - In gara 2 delle World Series del 1916, Ruth lanciò 14 innings complete game per battere i Dodgers 2-1. E' ancora oggi il maggior numero di innings mai lanciati da un pitcher in una sola partita di postseason.

21 - Ruth registrò una ERA di .87 in tre World Series da partente e il suo record di 29 innings e 2/3 consecutivi senza concedere punti nel Fall Classic rimase dal 1918 fino al 1961, quando Whitey Ford lo superò.

22 - Il 23 giugno 1917 al Fenway Park, Ruth fu espulso dall'umpire di casa base Brick Owens per aver protestato su ball e strike, dopo aver concesso la base su ball al primo battitore nella partita contro i Senators. Ernie Shore lo sostituì. Il corridore, il seconda base dei Senators Ray Morgan, fu colto rubando, e poi Shore eliminò tutti i 26 uomini che affrontò per la vittoria dei Red Sox, 4-0. Ufficialmente, Ruth fu accreditato per aver partecipato a una no-hit combinata, ma Shore non fu accreditato per aver lanciato un perfect game.

23 - Il 6 maggio 1915, arrivò il primo home run in Major di Ruth contro gli Yankees al Polo Grounds. Esattamente tre anni dopo, nello stesso ballpark, Ruth colpì un home run nella sua prima partenza in una posizione (1B) diversa dal lanciatore.

24 - Subito dopo quella prima apparizione come giocatore di posizione, Ruth cominciò a rifiutarsi di lanciare, entrando in disaccordo con il manager dei Red Sox Ed Barrow. Ai primi di luglio, Ruth tentò di lasciare la squadra per far parte del team degli Shipyards di Chester, Pennsylvania, e evitare una multa di Barrow. Ruth rapidamente cedette alla minaccia di azioni legali da parte del proprietario dei Red Sox, Harry Frazee, e ritornò ai Red Sox senza giocare per la squadra di Chester.

25 - Ruth fu leader dell'American League negli home runs per la prima volta nel 1918, eguagliando Tillie Walker degli A's con 11 nella stagione accorciata dalla guerra. Inoltre fu leader della League negli strikeouts (58), slugging (.555) e OPS (.966).

26 - Ruth è l'unico giocatore dall'inizio del 20° secolo a condurre la sua League nella categoria della Triple Crown sia come un battitore che come lanciatore e li realizzò nel giro di tre anni.

27 - Ruth si rifiutò di andare allo spring training nel 1919, perché voleva un contratto triennale del valore di 10000 $. Minacciò un nuovo rifiuto dopo la stagione 1919, dicendo che valeva il doppio dello stipendio che aveva concordato prima di quella stagione. Frazee, ancora in debito per il suo acquisto di tre anni prima, rispose con la vendita di Ruth agli Yankees il 3 gennaio 1920, per 100000 dollari e un prestito di 300 mila dollari garantito dall'ipoteca sul Fenway Park.

28 - Storia inventata, Parte I: Contrariamente alla credenza popolare, la produzione di successo di Frazee dello spettacolo No, No Nanette - che era caratterizzata dalla canzone "Tea For Two" - non ebbe nulla a che fare con Ruth o il denaro degli Yankees ai Red Sox per averlo. Frazee vendette i Red Sox due anni prima che No, No Nanette arrivasse a Broadway nel 1925 e mantenne sempre le sue finanze teatrali separate da quelle del baseball.

29 - Mentre la frase "The Curse of the Bambino" non vide la luce per più di mezzo secolo, non ci volle molto per notare un drammatico cambiamento nelle fortune tra la squadra vecchia e quella nuova. Tra il 1920 e il 1964, gli Yankees vinsero 29 pennant dell'American League e 20 World Series. I Red Sox vinsero un solo pennant e nessun titolo delle World Series.

30 - Ruth fu uno dei 17 giocatori che Frazee scambiò o vendette agli Yankees tra il dicembre 1918 e il luglio 1923, quando finalmente cedette la squadra. Nel primo titolo delle World Series dei New York del 1923, metà dei giocatori regolari e sei dei sette pitchers, che lanciarono più di una dozzina di innings, erano stati acquisiti da Frazee.

31 - Durante il suo primo spring training con gli Yankees nel 1920, Ruth corse in tribuna per inseguire un disturbatore che successivamente gli lanciò un coltello, ma Ernie Shore, che aveva preceduto Ruth agli Yankees, intervenne ed evitò ulteriore violenza.

32 - La famosa frase "I don’t room with Ruth, I room with his suitcase" (Non divido la camera con Ruth, la divido con la sua valigia) un chiaro riferimento all'inclinazione di Ruth di fare le ore piccole, fu attribuita a due ex Yankees: l'outfielder Ping Bodie, il suo primo compagno di stanza di New York, e il seconda base Jimmie Reese, che divise la stanza con Ruth un decennio più tardi.

33 - Ruth ruppe il record degli home runs per singola stagione in tre stagioni consecutive, con 29 nel 1919, 54 nel 1920 e 59 nel 1921. Prima di Ruth, il record era di 27 ed era stato realizzato nel 1884 da Ned Williamson dei Chicago White Stockings, che aveva giocato in un campo da baseball casalingo dove la recinzione dell'esterno destro era a solo 196 feet (60 m) da casa base.

34 - Solo cinque squadre delle due League colpirono più fuoricampo del solo Ruth nel 1919 (senza contare i Red Sox di Ruth), e solo due squadre ne realizzarono più del suo totale nel 1920 (questa volta con gli Yankees di Ruth, che ne avevano colpiti 61 in aggiunta ai suoi 54). Ruth colpì anche più home runs della metà delle squadre nel 1921.

35 - Ruth è spesso accreditato di aver salvato il baseball dalla scia dello scandalo dei Black Sox, anche se la sua influenza è spesso sopravvalutata. Quello che è certo è che nel 1920, il primo anno di Ruth a New York, gli Yankees divennero la prima squadra di sempre ad accogliere 1.000.000 di spettatori, e superò la squadra con meno affluenza delle Major, i Boston Braves, di più di 1,1 milioni di fans.

36 - Ruth si portò al primo posto nella lista degli home runs in carriera nel 1921 con il 139° fuoricampo, battendo il record dell'Hall of Famer prima base Roger Connor che era rimasto intoccato dal 1895. Ruth infine ampliò il record a 714 fuoricampo, più di cinque volte il record di Connor in carriera. Venne superato da Hank Aaron nel 1974.

37 - Ruth colpì 575 home runs dopo aver superato il record di Connor. Solo nove giocatori ne hanno colpiti di più in tutta la loro carriera, e quattro di questi nove sono stati implicati nell'uso di steroidi.

38 - Ruth stabilì il record dell'home run più lungo contro il rilievo dei Tigers, Bert Cole, a Detroit il 18 luglio 1921. L'Hall of Famer e storico Bill Jenkinson una volta lo indicò come l'home run più lungo mai colpito. Ruth colpì la palla al centro del campo del Navin Field (Tiger Stadium), un colpo stimato da Jenkinson distante da casa base 575 feet (175 m) senza alcun ostacolo. Jenkinson accreditò Ruth dei tre più lunghi fuoricampo mai colpiti e altri due uguali per il quarto posto.

39 - Nel 1921, Ruth ebbe quella che potrebbe essere la sua migliore stagione. Colpì .378 / .512 / .846 con 59 fuoricampo, 171 RBI e 177 punti segnati. I fuoricampo e gli RBI totali sono il record della singola stagione.

40 - Storia inventata, Parte II: La "Baby Ruth candy bar" fu prodotta nel 1921, ma la Curtiss Candy Company affermò ufficialmente che venne chiamata così da Ruth Cleveland soprannominata "Baby Ruth", figlia dell'ex presidente degli USA Grover Cleveland. Ci sono molte ragioni per credere che la storia fosse solo uno stratagemma giuridico per consentire a Curtiss di utilizzare il nome del giocatore Babe Ruth senza richiedere il suo permesso. In particolare, Ruth Cleveland morì di difterite nel 1904, all'età di 12 anni, 17 anni prima che la candy bar fosse prodotta al culmine della popolarità dello slugger.

Pubblicità degli anni '50 della Curtiss Candy Company della Baby Ruth

41 - Dopo aver ingaggiato Ruth per un tour vaudeville dopo le World Series del 1921, Edward F. Albee II, nonno adottivo del celebre drammaturgo, scrisse al drammaturgo irlandese George Bernard Shaw, autore del Pigmalione (il materiale base per My Fair Lady) menzionando Ruth. Famosa rimane la risposta di Shaw: "Mi dispiace, mai sentito parlare di lui. Di chi è bambino Ruth?".

42 - Nel 1921, Ruth ed Helen adottarono una figlia, Dorothy, che venne a conoscenza nel 1980 di essere in realtà la figlia biologica di Ruth e Juanita Jennings, una donna che era una cara amica di famiglia e con cui Ruth ebbe una delle sue molte relazioni.

12 dicembre del 1924 - Babe Ruth e sua figlia Dorothy seduti sulla veranda della sua fattoria a Sudbury, Massachusetts, dove visse durante le stagioni che giocò per gli Yankees

43 - Gli Yankees non avevano mai vinto le World Series prima di acquisire Ruth da Boston, ma arrivarono a sette World Series nei suoi 15 anni con la squadra, vincendone quattro. Il loro primo pennant fu vinto nel 1921 e il loro primo titolo del Fall Classic arrivò nel 1923 nel terzo dei tre consecutivi scontri con i New York Giants di John McGraw.

44 - McGraw e il proprietario dei Giants, Horace Stoneham, indispettiti per dover dividere il Polo Grounds con gli ascendenti Yankees, grazie all'arrivo di Ruth come principale attrattiva delle major leagues, tentarono di sfrattarli dopo la stagione 1921. Gli Yankees litigando strapparono un altro contratto di locazione a Stoneham, ma decisero anche di costruire il proprio campo da baseball su un appezzamento di terreno nel Bronx per essere pronti in tempo per la stagione 1923.

45 - Ruth e il compagno di squadra Bob Meusel furono sospesi per le prime sei settimane della stagione 1922 dal nuovo Commissioner del baseball Kenesaw Mountain Landis per aver partecipato a un tour postseason barnstorming nel mese di ottobre 1921 in violazione delle regole della League. Ruth perse le prime 33 partite degli Yankees.

Marzo del 1922 - Il giudice Landis tra Babe Ruth (a sinistra) e Bob Meusel dopo aver rifiutato la loro richiesta di reintegrazione anticipata, allo spring training degli Yankees a New Orleans

46 - Ruth fu nominato capitano degli Yankees prima della stagione 1922, ma il 25 maggio, solo alla sua sesta partita dopo il ritorno dalla sua sospensione, venne espulso e rispose agli insulti del pubblico di casa saltando in tribuna alla ricerca del contestatore. Ruth non riuscì ad individuare il suo uomo, ma fu sospeso per una partita, multato e privato del suo grado di capitano.

47 - Ruth incorse in altre due sospensioni nel 1922. Alla fine di giugno, fu sospeso per tre giornate dal presidente dell'AL, Ban Johnson, dopo che era corso in seconda base dall'esterno sinistro per contestare una chiamata dell'arbitro Bill Dinneen definendolo: "one of the vilest names known" (uno dei più ignobili nomi che si conoscano). Furioso per la sua sospensione, Ruth entrò in contatto con Dinneen durante il batting practice del giorno successivo, con conseguente aggiunta di altri due giornate. Il 30 agosto, venne espulso dopo aver risposto ad una chiamata del terzo strike con un'oscenità e fu di nuovo sospeso per tre giorni.

48 - Dopo aver perso una palla contro il sole all'esterno sinistro al Polo Grounds il 16 luglio 1922, Ruth si rifiutò di giocare di nuovo con il sole contro, riuscendo nel suo intento. La sua posizione in seguito fu determinata dall'orientamento geografico del campo da baseball in cui stavano giocando. Per il resto della sua carriera, Ruth giocò esclusivamente all'esterno destro al Polo Grounds e allo Yankee Stadium, così come a Washington e a Cleveland, ma esclusivamente al sinistro in altre città dell'AL (Boston, Chicago, Detroit, Philadelphia e St. Louis).

49 - Lo Yankee Stadium, soprannominato "The House That Ruth Built" dal giornalista sportivo Fred Lieb, fu inaugurato il 18 aprile del 1923. Ruth colpì il primo home run del nuovo campo da baseball, un colpo da tre punti nel terzo inning contro ​​Howard Ehmke dei Red Sox, la valida chiave nella vittoria per 4-1 degli Yankees.

50 - Ruth colpì 259 home run in 12 stagioni allo Yankee Stadium, secondo solo ai 266 battuti da Mickey Mantle, ma in 18 stagioni.

51 - Nel luglio del 1923, Ruth iniziò ad utilizzare un nuovo tipo di mazza ideata dall'ex giocatore e futuro Hall of Famer Sam Crawford che era composta da quattro pezzi di legno incollati insieme. L'uso di Ruth della mazza e la pubblicità che aveva generato spinse Ban Johnson ad istituire un cambiamento delle regole a fine agosto insistendo sul fatto che tutte le mazze dovevano essere fatte da un unico pezzo di legno. Dal suo primo utilizzo della mazza del 2 luglio all'istituzione del divieto del 28 agosto, Ruth aveva colpito .457 / .586 / .882 con 18 fuoricampo in 53 partite.

52 - Nel 1923, Ruth colpì la sua più alta media in una singola stagione: .393. Gli mancavano quattro valide per ottenere .400.

53 - Ruth vinse un solo premio Most Valuable Player in carriera, che si aggiudicò nel 1923. Questo premio non fu più assegnato dal 1915 al 1921 e venne ripreso dalla Baseball Writers Association of America che subentrò nel 1931.

54 - Tuttavia, fu leader dell'American League, lanciatori inclusi, nella Wins Above Replacement (cioè la portata dei contributi totali di un giocatore alla propria squadra secondo la versione Baseball-Reference.com) per 10 volte, in OPS + (Adjusted OPS) 12 volte, in OPS (On-base plus slugging) 13 volte e per sette volte in due delle tre categorie della Triple Crown.

55 - Il 5 luglio 1924, Ruth rimase privo di sensi dopo aver battuto la testa contro il muro di cemento in territorio foul del Griffith Stadium di Washington. Rimase fuori per cinque minuti, ma non solo rientrò in gioco, ma andò 3 su 3 con due doppi e poi giocò la seconda partita del doubleheader di quel giorno.

5 luglio 1924- Babe Ruth dopo essere svenuto durante la partita al Griffith Stadium

56 - Tra i giocatori che hanno debuttato nella Modern Era (1901 - presente), Ruth ha la settima media battuta più alta in carriera (.342), ma vinse un solo titolo battuta: .378 nel 1924.

57 - Storia inventata, Parte III: Ruth perse le prime 41 partite della stagione 1925, con quello che fu definito "the bellyache heard ‘round the world" (Il mal di pancia sentito in tutto il mondo), e che successivamente si disse fosse stata una malattia sessualmente trasmessa. Secondo il biografo Robert Creamer, però, Ruth ebbe un intervento chirurgico per risolvere un ascesso intestinale tre giorni dopo l'opening day. Ruth trascorse un mese e mezzo in un ospedale di Manhattan prima di ricongiungersi alla squadra.

1925 - Babe Ruth viene fatto uscire dall'ambulanza per essere ricoverato per quello che fu affettuosamente conosciuto come "Bellyache Heard 'Round the World"


18 aprile 1925 - L'articolo del THE NEW YORK TIMES per il ricovero di Babe Ruth dovuto a ulcera

58 - Ruth tornò nel lineup il 1° giugno, il giorno prima che Lou Gehrig fosse sostituito da Wally Pipp in prima base, ma non fu mai pienamente se stesso in quella stagione. La sua media battuta di .290, la percentuale arrivi in base di .393, la percentuale slugging .543, OPS .936 e OPS + 137 furono tutte le più basse statistiche delle sue 15 stagioni con New York. In quella stagione, gli Yankees realizzarono il loro unico record di sconfitte tra il 1919 e il 1964.

59 - Stanco delle baldorie e dell'insubordinazione di Ruth, il manager degli Yankees, Miller Huggins, lo sospese a tempo indeterminato e lo multò di 5000 dollari dopo che era arrivato in ritardo al campo da baseball il 29 agosto del 1925. Il 7 settembre, Huggins costrinse Ruth a scusarsi per le sue trasgressioni di fronte al resto della squadra prima della fine della sospensione.

1925 - Miller Huggins e Babe Ruth si stringono la mano dopo una delle sue sospensioni

60 - Storia inventata, Parte VI: Prima delle World Series del 1926, l'11enne Johnny Sylvester fu ricoverato in ospedale dopo essere caduto da cavallo. Un amico del padre gli portò delle palle da baseball autografate dagli Yankees e la promessa di Ruth che avrebbe colpito un home run per lui. Ruth colpì quattro fuoricampo nella serie contro i Cardinals e visitò il ragazzo in ospedale dopo che era finita la serie. Sylvester finalmente recuperò dal suo infortunio. Quella sequenza di eventi diede vita al mito che Ruth avesse visitato un ragazzo morente in ospedale e che gli avesse promesso di colpire un home run quel pomeriggio e che miracolosamente il ragazzo si fosse ripreso dopo il fuoricampo.

11 ottobre 1926 - Babe Ruth visita il giovane Johnny Sylvester in un ospedale di New York

61 - Con gli Yankees sotto 3-2 nella parte bassa del nono inning di Gara 7 delle World Series del 1926, Ruth ottenne la base su ball contro Pete Alexander dei Cards, con due-out, mettendo il punto del pareggio in prima. Ruth fu poi eliminato nel tentativo di rubare la seconda base e porre fine alla serie. Rimane l'unica volta nella storia delle World Series che l'out finale viene realizzato su un colto rubando.

62 - Ruth colpì tre home run in Gara 4 quell'anno nelle World Series, una prodezza ripetuta contro i Cardinals due anni dopo, di nuovo in Gara 4. Quel record da allora è stato eguagliato tre volte (da Reggie Jackson, Albert Pujols, e Pablo Sandoval), ma mai superato, e Ruth è l'unico giocatore ad aver colpito tre home runs in qualsiasi partita di postseason per due volte.

63 - Il record di 15 fuoricampo nelle World Series di Ruth rimase fino a quando Mickey Mantle lo superò nel 1964. Ruth aveva colpito .326 / .467 / .744 in 10 Fall Classics.

64 - Ruth realizzò il record di home run nella singola stagione per l'ultima volta nel 1927 con 60. Tale record rimase fino al 1961, quando Roger Maris lo superò ma il Commissioner del baseball (ed ex ghostwriter di Ruth) Ford Frick insistette sul fatto che il record di Maris doveva essere classificato separatamente perché aveva avuto bisogno di più partite di quelle giocate da Ruth nel '27 per battere il record. A tutt'oggi, Ruth e Maris sono gli unici giocatori ad aver battuto 60 o più home run in una stagione e non coinvolti nell'uso degli steroidi.

65 - Nel 1927, Ruth e Gehrig divennero la prima coppia di compagni di squadra nella storia del baseball a colpire ciascuno 30 home run. Gehrig ne battè 47 per accompagnare il record di Ruth di 60.

1927 - Babe Ruth e Lou Gehrig nelle loro uniformi barnstorming

66 - Ruth e Gehrig ebbero uno scontro nel 1932 su un'osservazione che la madre di Gehrig fece su come la moglie di Ruth vestisse le sue due figlie, per cui Gehrig si offese. I due non si parlarono mai più al di fuori del contesto di una partita fino alla cerimonia del ritiro di Gehrig il 4 luglio 1939.

67 - Ruth era separato dalla sua prima moglie nel momento in cui mori in un incendio nel gennaio 1929, nella sua nuova casa, dove lei era da sola, ma ufficialmente viveva come moglie di un altro uomo. Tre mesi dopo, Ruth sposò Claire Hodgson. Ruth adottò la figlia di Claire, Julia, che effettuò il primo lancio prima dell'ultima partita allo Yankee Stadium nel 2008.

17aprile 1929 - Nell'Opening Day Babe Ruth si sposò alle 5:00 am ET con Claire Hodgson, la seconda moglie (nella foto)

68 - Storia inventata, Parte V: Ruth portava il suo iconico # 3 - che era legato al suo posto nell'ordine di battuta - nel 1929, ma contrariamente alla credenza popolare, gli Yankees non furono la prima squadra a indossare i numeri sulla schiena. Gli Indians lo fecero brevemente nel 1916 e 1917, i Cardinals lo fecero per un breve periodo nel 1923, e gli Indians li applicarono permanentemente nel 1929, battendo gli Yankees sul filo di lana quando il giorno di apertura nel Bronx fu rinviato per pioggia.

69 - Ruth non indossò mai il famoso logo intersecato "NY" degli Yankees sulla sua casacca. Divenne una parte permanente della casacca dal 1936, due anni dopo che Ruth lasciò il team.

70 - Storia inventata, Parte VI: A Ruth venne a lungo accreditata questa risposta quando gli fu chiesto nel 1931 perché avrebbe dovuto fare più soldi del presidente Herbert Hoover: "Perché no? Ho avuto un anno migliore di lui", ma non c'è traccia di una simile affermazione.

71 - Il massimo dello stipendio per singola stagione di Ruth fu di 80000 $, che ricevette sia nel 1930 che nel 1931. E' stato il primo giocatore a guadagnare 50000 dollari in una stagione, 52 mila dollari nel 1922. Secondo un calcolo dell'inflazione al consumo del Bureau of Labor Statistics, 80000 $ nel 1930 equivalgono a poco più di 1,2 milioni di oggi (Per la cronaca, il presidente Hoover ricevette 75 mila dollari nel 1931).

72 - Il 2 aprile 1931, Ruth andò strikeout in una partita dimostrativa contro i Chattanooga Lookouts del doppio A per mano della 17enne lanciatrice femmina di nome Jackie Mitchell. Non è mai stato determinato con precisione se fosse o meno legittimo o una trovata pubblicitaria.

Il titolo del The Oomaha Bee-News, Nebraska, del 3 aprile del 1931, per l'impresa della lanciatrice Jackie Mitchell

73 - Il famoso "Called Shot" home run di Ruth arrivò in Gara 3 delle World Series del 1932 contro i Cubs. Ruth venne schernito dai Cubs e fece un gesto prima di colpire il suo secondo fuoricampo della partita, anche se non sono mai stati determinati con precisione a chi e in quale direzione indicasse. Tuttavia, il titolo nell'edizione pomeridiana del New York World-Telegram del giorno della partita si legge: "Ruth Calls Shot As He Puts Homer No. 2 In Side Pocket".

Ruth punta il braccio prima di colpire il famoso "Called Shot" home run

74 - Ruth fece parte di solo due squadre All-Star perché il primo All-Star Game non fu giocato fino al 1933, la sua penultima stagione con gli Yankees, quando aveva 38 anni. Tuttavia, Ruth ha colpito il primo home run All-Star Game della storia, una fuoricampo da due punto contro Bill Hallahan dei Cardinals nel terzo inning della partita del 1933, che fece la differenza nella vittoria per 4-2 dell'AL.

75 - Ruth lanciò cinque volte dopo aver lasciato i Red Sox, prima nel 1920 e poi due volte nel 1921. Poi rimase lontano dal monte per quasi un decennio prima di lanciare un complete game vincente contro i Boston nel 1930 nel finale della regular season. Replicò l'impresa contro i Red Sox tre anni più tardi, battendoli il 1° ottobre del 1933, un anno dal giorno del suo presunto "Called Shot" home run.

76 - Ruth voleva assolutamente diventare manager della major league, ma le sue possibilità erano limitate. Il motivo è forse meglio riassunto dal GM degli Yankees Ed Barrow, che disse: "Come può gestire altri uomini, quando non riesce nemmeno a gestire se stesso?".

77 - Dopo la stagione 1934, la sua ultima con gli Yankees, Ruth fece un tour barnstorming nel Giappone guidati da Connie Mack, poi con Claire circumnavigò il globo, un viaggio che durò in totale quattro mesi. Ruth colpì 14 home run in 17 partite contro gli All-Stars giapponesi con la squadra di Mack che rimase imbattuta. Un busto di Ruth fu eretto durante quel viaggio e si trova ancora al di fuori dello Koshien Stadium di Osaka.

Il busto di Ruth al di fuori dello Koshien Stadium di Osaka

78 - Gli Yankees rilasciarono Ruth dopo la stagione 1934 con la consapevolezza che i Boston Braves lo avrebbero preso.

79 - Il 25 maggio del 1935, Ruth andò a 4 su 4 con tre home run a Pittsburgh. La sua ultima valida in major league fu il suo terzo home run quel giorno, un fuoricampo solitario che per primo superò il tetto degli stand a due piani dell'esterno destro del Forbes Field e che è considerato l'home run più lungo nella storia di quel campo da baseball, che fu la patria dei Pirates dal 1909 al 1970.

1935 - Babe Ruth con la casacca dei Boston Braves

80 - Ruth giocò ancora cinque partite per onorare il suo impegno, con il proprietario dei Braves, di giocare in ogni città in quella trasferta. Nella suo partita finale, il 30 maggio, andò strikeout contro il partente de Phillies, Jim Bivin, nella parte alta del primo inning, e poi si infortunò al ginocchio inseguendo una palla al volo all'esterno sinistro nella parte bassa dello stesso inning e uscì dalla partita. Fu sostituito da Hal Lee. Due giorni dopo, si ritirò ufficialmente.

81 - Ruth si ritirò come primatista in carriera per i fuoricampo, RBI, basi totali, basi su ball, strikeouts, nella percentuale arrivi in base e percentuale slugging così come primatista nella singola stagione nei fuoricampo, basi totali, basi su ball e slugging, e per breve periodo fu il primatista nella singola stagione degli RBI.

82 - Ruth realizzò il record della singola stagione degli RBI con 171 nel 1921, anche se il futuro compagno di squadra Lou Gehrig lo superò appena sei anni più tardi. Il record in carriera di Ruth di 2214 RBI rimase imbattuto fino a quando Hank Aaron lo superò nel 1975.

83 - Ruth stabilì due volte il record nella singola stagione per le basi su ball, con 150 nel 1920 e 170 nel 1923 quest'ultimo rimase fino al 2001, quando Barry Bonds ottenne 177 BB. Ruth mantenne il record in carriera per le basi su ball dal 1930 al 2001, quando Rickey Henderson lo superò.

84 - Ruth non andò mai strikeout più di 100 volte in una stagione, anche se quando si ritirò era leader in carriera negli strikeouts con 1330. Si classifica tra i primi 100 in questa categoria.

85 - Ruth stabilì il record per singola stagione per le basi totali con 457 nel 1921, che detiene ancora oggi.

86 - Ruth stabilì il record per singola stagione per la percentuale slugging nel 1920 con .847, e durò fino a quando Bonds lo superò nel 2001. La percentuale slugging in carriera di Ruth di .690 rimane il record della League. Ted Williams è secondo con .634.

87 - La percentuale in carriera degli arrivi in base di Ruth è di .474 ed è seconda solo a Williams con .482.

88 - L'OPS in carriera di Ruth di 1.164 rimane il record, così come l'OPS + in carriera di 206. Quest'ultima statistica dell'Adjusted OPS tiene conto del campo di casa e della League dove il giocatore ha giocato. Inoltre, il numero è "normalizzato", in modo che la media della League sia 100, e i valori superiori chiaramente indicano l'eccellenza del giocatore. L'OPS + in carriera di Ruth è più di due volte superiore alla media. A titolo di confronto, l'ultimo giocatore ad avere una singola stagione con OPS o OPS + elevato rispetto alla carriera di Ruth è stato Barry Bonds nel 2004.

89 - Ruth è il leader in carriera, secondo Baseball-Reference.com, nella WAR (Wins Above Replacement) con 183.8 (incluso il record di 163.2 come battitore), ed è titolare dei primi tre bWAR totali nella singola stagione di tutti i tempi: 14,0 nel 1923, 12,9 nel 1921 e 12,4 nel 1927.

90 - Ruth fu leader delle major nei fuoricampo per 11 volte, slugging 11 volte, base su ball 11 volte, OBP 10 volte, punti segnati 8 volte, RBI sei volte, basi totali 6 volte, OPS e OPS + 11 volte e bWAR 7 volte.

91 - Ruth fu uno dei primi cinque eletti nella Baseball Hall of Fame nel 1936 assieme a Ty Cobb, Honus Wagner, Walter Johnson e Christy Mathewson. Di quel gruppo, solo Cobb aveva avuto una più alta percentuale di voti rispetto al 95,1 per cento di Ruth ricevuti solo sei mesi dopo il suo ritiro.

92 - L'ultima apparizione ufficiale di Ruth come membro in divisa di una squadra di Major League fu come coach di prima base per i Brooklyn Dodgers nel 1938, un lavoro che prese metà stagione, iniziando il 19 giugno. Era principalmente un'attrazione e batteva nel batting practice e giocava nelle partite di esibizione. Ruth non ebbe mai la possibilità di dirigere una squadra di Major League.

1938 - Babe Ruth con la casacca dei Brooklyn Dodgers

93 - Ruth apparve in quattro film, impersonando sé stesso o una versione sottilmente romanzata di sè stesso. L'ultimo fu The Pride of the Yankees (L'idolo delle folle), che fu girato l'anno dopo la morte di Gehrig nel 1942. Ruth perse 40 pounds (18 kg) per interpretare la sua parte da giovane nel film.

94 - Il 24 agosto del 1942, Ruth colpì un home run contro Walter Johnson allo Yankee Stadium in una partita di beneficenza per aiutare l'Army-Navy di fronte a una folla di oltre 69000 spettatori. La palla in realtà curvò in foul, ma Ruth girò lo stesso le basi e si tolse il berretto. Apparve in due partite di beneficenza nel 1943, la seconda allo Yankee Stadium. Fu l'ultima partita organizzata che a cui prese parte.

95 - Il 27 aprile 1947 fu dichiarato il Babe Ruth Day per le Major League dal Commissioner Happy Chandler. Ruth si rivolse alla folla allo Yankee Stadium, quel giorno, la voce ridotta a un gracidio rauco dal cancro. È possibile ascoltare il discorso di Ruth qui.

27 aprile 1947 - Babe Ruth durante il suo discorso allo Yankee Stadium

96 - L'apparizione finale di Ruth in un campo da baseball fu il 13 giugno 1948 allo Yankee Stadium. E' diventata famosa la foto del fotografo Nat Fein, con cui vinse il Premio Pulitzer, che ritrae Ruth in uniforme, ripreso da dietro mentre è appoggiato alla mazza.

13 giugno 1948 - Babe Ruth nella sua ultima apparizione

97 - Il # 3 di Ruth fu il secondo numero ritirato dagli Yankee, ma mentre Ruth fu il primo ad indossarlo, non fu l'ultimo. Sette altri Yankees lo indossarono dal 1935 al 1948. L'outfielder Cliff Mapes lo indossò nel 1948 quando fu ritirato. Mapes passò al # 7 l'anno successivo. Dopo essere stato ceduto ai Browns a metà del 1951, il No. 7 andò a un esordiente di nome Mickey Mantle.

98 - L'ultima apparizione pubblica di Ruth fu il 26 luglio 1948, quando partecipòo alla prima di The Babe Ruth Story, il film interpretato da Williams Bendix come Ruth. Lasciò la sala prima che il film fosse finito e tornò in ospedale.

1948 - La locandina del film The Babe Ruth Story

99 - Ruth morì di cancro alla gola il 16 agosto 1948 all'età di 53 anni e il suo feretro fu esposto allo Yankee Stadium per due giorni.

Una fila infinita di tifosi nella notte del 17 agosto 1948 diede un ultimo sguardo a Babe, esposto allo Yankee Stadium. È stato stimato che 50000 fans il 17 agosto e 55000 ial 18 resero omaggio al feretro. Tra i tantissimi allo stadio c'erano dirigenti del baseball come Dan Topping, proprietario degli Yankees, Will Harridge, presidente dell'American League, Happy Chandler, Commissioner of Baseball, e gli ex giocatori Hank Greenberg e Leo Durocher

100 - C'è qualcosa di strano quando si tratta di un ricevitore mancino nel baseball? E' sicuramente sconosciuto ai più che (secondo la National Sports Gallery ) Babe Ruth da ragazzo, quando era nella squadra varsity di baseball del St. Mary’s Industrial School for Boys, giocò da ricevitore, nonostante la mancanza di ogni reale conoscenza dei "tools of ignorance" in quel periodo.

Così, Ruth spiegò la sua improvvisata routine da giovane catcher:

"Naturalmente, non avevamo un guantone da ricevitore costruito per i mancini. Eravamo fortunati ad avere un qualsiasi altro tipo di guanto. Usavo il guantone del ricevitore regolare sulla mia mano sinistra, ricevevo il tiro dal lanciatore, toglievo il guanto e gli tiravo da mancino. Quando dovevo tirare ad una base, cercando di eliminare un corridore, mi piaceva buttare via il guanto, afferrare la palla con la mano sinistra e tirare con tutto quello che avevo".

Nel 1912, fu considerato il miglior catcher, lanciatore e battitore della scuola che aveva schierato oltre 40 squadre in uniforme.

Ruth (in alto a sinistra), non ancora "Babe", nel suo inizio nel baseball alla St. Mary's Industrial School for Boys

 

 

Non usavamo nessuna protezione sulle mani,
Nessuna maschera sul volto;
Ci alzavamo in piedi e prendevamo la palla,
Con coraggio e con grazia.

Harry Ellard, "The Reds of Sixty-Nine" (1880s)

La posizione in campo indicata nello score con il numero "2" non è mai stato un facile lavoro. Palle vaganti, sprizzate foul e mazze volanti sono da sempre una fonte di dolore per i catchers. Le collisioni al piatto si verificano con regolarità, alcune più dolorose di altre. I catchers dei primi cinquant'anni di baseball sopportarono quotidianamente la punizione fisica, il tutto senza il lusso dei dispositivi di protezione dei tempi moderni. Virtù come la forza, la resistenza e il coraggio nelle collisioni sono senza dubbio una grande qualità.

Nessuna protezione avrebbe risparmiato al ventitreenne Ray Fosse dall'infortunio per l'impatto che subì nell'All-Star Game del 1970. Il catcher e poi commentatore Tim McCarver disse che continua a soffrire dei danni ai nervi del collo causati dalle collisioni back-to-back al piatto un quarto di secolo fa. Dalla notte dei tempi fino al 2013, i catchers spesso mettevano i loro corpi letteralmente in linea, molto spesso sul lato della terza base. Dalla stagione 2014, per fortuna, è entrata in vigore nella MLB la regola 7.13 sulle collisioni a casa base.

7.13-1 Un corridore che tenta di segnare il punto non può deviare dal suo percorso diretto verso il piatto allo scopo di cercare il contatto con il ricevitore (o un altro giocatore che sta coprendo il piatto di casa base). Se, a giudizio dell’arbitro, un corridore che tenta di segnare il punto cerca il contatto con il ricevitore (o un altro giocatore che copre il piatto di casa base), l’arbitro deve dichiarare out il corridore (anche se il giocatore che copre il piatto perde la palla). In questa circostanza, l’arbitro chiama palla morta e tutti gli altri corridori tornano all’ultima base toccata al momento della collisione. Commento: la constatazione che il corridore non compie lo sforzo di toccare il piatto, oppure abbassa la spalla oppure ancora spinge con le mani, i gomiti o le braccia, sarà alla base della decisione che il corridore devia dal suo percorso per cercare il contatto con il catcher in violazione della regola 7.13. Se il corridore scivola a casa base nel modo appropriato non si giudicherà violata la regola 7.13. Nel caso di scivolata con i piedi in avanti, questa sarà giudicata “appropriata” se i glutei e le gambe del corridore toccano terra prima del contatto con il catcher. Nel caso di scivolata con la testa avanti, l’azione sarà giudicata corretta se il corpo del corridore tocca terra prima del contatto con il catcher.

7.13-2 Se non è in possesso della palla, il catcher non può bloccare il percorso del corridore che tenta di segnare il punto. Se, a giudizio dell’arbitro, il catcher che non è in possesso di palla blocca il percorso del corridore, l’arbitro dichiarerà salvo il corridore. Tuttavia, non si considererà violazione della regola 7.13 il fatto che il catcher blocchi la linea di corsa del corridore mentre sta cercando di prendere una palla tirata, e l’arbitro giudica che il catcher non avrebbe potuto prendere la palla senza bloccare il percorso del corridore e che il contatto con il corridore era inevitabile.

I catchers sono tenuti a prendere le loro contusioni senza brontolare. Ma i primi sforzi dei ricevitori per proteggere se stessi incontrarono un sacco di critiche. Una reazione tipica arrivò dalla folla al Polo Grounds quando i New York Giants aprirono la stagione 1907 contro i Philadelphia Phillies. Come i Giants entrarono in campo, il catcher, stella e futuro Hall of Famer, Roger Bresnahan sembrò più un portiere di hockey che un ricevitore quando in piedi dietro il piatto indossò un paio di parastinchi fittamente imbottiti.

Roger Bresnahan

Era la prima volta che un catcher osava indossare un equipaggiamento di protezione visibile, e la reazione del pubblico arrivò velocemente quando venne colpito da una sprizzata foul. "Gli spettatori ulularono di gioia quando una sprizzata foul nel quinto inning colpì nettamente gli schinieri", scrisse il New York Times. Bresnahan, più preoccupato per la sua vita che dei commenti sulla sua virilità, ignorò gli insulti dei fans e dei nemici.

Gli schinieri di Bresnahan erano i pezzi finali dell'armatura del ricevitore delle major, dopo il guanto, la maschera, e la pettorina.

Questo kit di protezione venne amorevolmente soprannominato "the tools of ignorance" (gli strumenti di ignoranza) da Herold "Muddy" Ruel, un catcher e avvocato che ricevette i grandi lanciatori come Walter Johnson con gli Washington Nationals negli anni '20. Ruel probabilmente sarebbe rimasto a fare l'avvocato se avesse ricevuto alla fine degli anni 1860, quando i catchers non avevano protezioni.

Il catcher dei New York Mutuals, Nat Hicks, fu il primo ricevitore ad avvicinarsi ai battitori, negli anni 1870. Prima di Hicks, i ricevitori stavano molto indietro dai battitori, prendendo i lanci di rimbalzo. Hicks pagò per il suo coraggio con ripetuti infortuni, talvolta anche gravi al volto, rischiando di perdere l'occhio destro nel 1873.

Una stampa del 1870 raffigurante Nat Hicks "dietro il battitore" con i New York Mutuals

La maggior parte dei catchers iniziarono ad avvicinarsi al piatto nei primi anni 1880, in particolare quando il cambiamento del regolamento definiva che lo strike finale, compresa la spizzata foul, doveva essere preso al volo per l'eliminazione. I lanciatori avevano cominciato a lanciare da sopra la spalla dal 1884, quando, dopo un cambiamento delle regole nella National League, furono rimosse tutte le restrizioni del rilascio del lanciatore e poteva lanciare come voleva sottomano (underhand), laterale (sidearm), o completamente sopra la spalla (overhand). Inoltre, il monte fu creato nel 1893 o poco dopo. Fino a quell'anno la posizione del lanciatore era conosciuta come "pitcher’s box". Nel 1893 il piede posteriore del lanciatore venne spostato più lontano dalla casa base, alla sua attuale distanza di 60 piedi e 6 pollici (18,44 m). Avvicinarsi di più al battitore significava inquadrare meglio i lanci, giocare i bunts, ed eliminare i ladri di base.

Pitcher box del 1867

Nel 1901 la National League istituì la regola che un "ricevitore deve stare all'interno delle linee della sua posizione quando il pitcher lancia la palla e entro 10 piedi (3,0 m) da casa base". L'American League adottò questa regola l'anno successivo. Le norme attuali affermano che il "ricevitore deve stare direttamente dietro alla casa base ....... con entrambi i piedi all'interno delle linee del box del ricevitore fino a quando la palla lascia la mano del lanciatore"(Regola 4,03 [a]). Il box del ricevitore misura 43 inches (1,09 m) di larghezza e 8 piedi (2,45 m) di distanza dal piatto.

MASCHERA

Il primo pezzo di protezione per ricevitori, un protettore per la bocca di gomma, risale al 1870, preso forse dalla boxe a mani nude. George Wright, fratello del fondatore dei Red Stockings Harry Wright, anticipò la maschera con questo "protettore per la bocca". La sua invenzione era un paradenti in gomma da cinquanta centesimi, simile al boccaglio che indossa il pugile. Questa innovazione, secondo i giornali del tempo, sicuramente ridusse la loquacità dei ricevitori.

George Wright

Le maschere erano ovviamente il dispositivo di protezione per il volto. Probabilmente la prima fu inventata da un uomo della Ivy League, Fred Thayer, che nel 1876 adattò una maschera da scherma per Alexander Tyng, poi con gli Harvard Nine. In un primo momento, la maschera di Thayer venne ironicamente chiamata "trappola per topi". Ma la maschera del ricevitore prese piede rapidamente tra i professionisti e i dilettanti ed era già in largo uso sin dagli anni 1880. Oltre ad essere una protezione, contribuì alla performance in difesa fin dalla prima partita. Tyng degli Harvard Nine fece solo due errori in quella partita del 12 aprile del 1877, eccezionalmente bassi anche per un catcher professionista di quei giorni.

La maschera brevettata di Thayer (brevetto 200.358) entrò nel catalogo Spalding per la stagione 1878 e gli adattamenti seguirono rapidamente. I suoi semplici appoggi per la fronte e il mento furono abbelliti con un'imbottitura fatta di pelle, secondo un catalogo Spalding - per isolare il telaio in acciaio a maglia dalla faccia del ricevitore.

La massima visibilità è sempre stata l'obiettivo nelle maschere da ricevitore. L'inventore George Barnard brevettò la sua maschera "open view" nel 1888 (brevetto 376.278) che offriva sia la protezione che la visuale.

Quelle gabbie di fil di ferro indossate dai ricevitori degli anni 1890 come Roger Bresnahan e Marty Bergen ebbero una visione periferica notevolmente migliorata dal cosiddetto "Open Vision and Wide Sight" nella stagione 1911. A.J. Reach creò questa maschera (brevetto 1.012.223) al fine di rimuovere la barra verticale per una migliore visibilità senza sacrificare la resistenza strutturale.

La "platform mask", una fusione di alluminio in un unico pezzo con traverse orizzontali al posto della rete saldata, fu brevettata dall'arbitro James E. Johnstone nel 1921 (brevetto 1.449.183).

Negli anni '20, la rete si evolse ancora, però, acquistando elasticità, e azione ammortizzante con deviazione della palla. Una maschera disegnata da H. Goldsmith nel 1923 (brevetto 1.475.991) aveva un "contorno ovale" imbottito con due traverse.

Vennero utilizzati altri materiali per la maschera, ma la rete metallica in acciaio al carbonio restava il materiale preferito per quel tempo. I catchers preferivano la maschera in filo saldato, perché aveva una migliore circolazione dell'aria e un minor numero di barre che potevano ostacolare la visibilità. Veniva utilizzato il filo di acciaio al carbonio perché più flessibile, ma forte. L'obiettivo era quello di ottenere una certa deformazione nella maglia per ridurre alcuni shock ma mantenere ancora l'integrità strutturale.

A volte un cambio di un pezzo dell'equipaggiamento ha richiesto cambiamenti nelle altre attrezzature del ricevitore. Ad esempio, con la presa a due mani, con il guanto pillow style, le mani del catcher seguivano la palla nel suo corpo. Nel processo, il catcher fu protetto al mento così la gola non era più esposta. I catchers oggi, con il guanto a cerniera (hinged-mitt), ricevono la palla con una mano più lontana dal loro corpo e la gola è più esposta. Questa è la ragione per cui ricevitori di oggi indossano maschere con protezioni della gola, rese popolari dal ricevitore dei Dodgers Steve Yeager.

Steve Yeager

Nel 1976 Yeager era inginocchiato nell'on-deck circle quando una mazza si frantumò e un pezzo tagliente lo colpì alla gola. Per proteggerlo da ulteriori lesioni, i Dodgers inserirono il dispositivo "billygoat" appeso alla sua maschera. Tuttavia, le protezioni della gola risalgono fin dal 1888, come dimostrato da una pubblicità della Spalding contrassegnata dalla maschera da ricevitore No. 3/0 con una protezione brevettata per il collo.

Nel 1903 la Victor Sporting Goods Company offriva una protezione della gola nel suo modello 314N con una prolunga del collo. Le maschere di ultima generazione hanno la protezione della gola integrate con la gabbia metallica facciale.

La fine del XX secolo ha visto la maschera evolversi in qualcosa di simile a ciò che indossa Darth Vader nel famoso film Guerre Stellari. La sua genesi è scaturita dalla maschera di hockey, ed è stata introdottoa dal ricevitore Charlie O'Brien.

Charlie O'Brien

Era fatta di un nuovo policarbonato ad alta tecnologia, e la maschera di O'Brien era stata progettata da Jerry Van Valden di Toronto. Il casco protegge la parte superiore, laterale e posteriore della testa, ma l'apertura della gabbia nella parte anteriore è più grande di quella di una normale maschera. Aumenta la visione periferica del catcher e devia la palla piuttosto che colpire diritto il ricevitore così come la maschera precedente. Il suo peso è di 50 once (1.4 kg), ed è circa 10 once (0,28 kg) più pesante di una combinazione normale maschera /casco. Molti ricevitori della major-league hanno iniziato ad indossarla, e presto potrebbe diventare un pezzo di serie dell'attrezzatura.

GUANTO

I guanti sono una parte data per scontata del ricevitore. Un primo uso documentato di un guanto di un giocatore si verificò il 28 giugno 1870, ed era di un catcher. Un giornalista sportivo del Cincinnati Commercial mandò un cablo al suo ufficio scrivendo: "Doug Allison ha ricevuto oggi con un paio di guanti di daino, per proteggere le mani". Fu stampato nel giornale del giorno successivo in un riassunto della partita tra i Cincinnati Red Stockings e gli Washington Nationals. Inoltre, un articolo apparve nel Detroit Free Press il 14 agosto del 1867, di un ricevitore di nome Ben Delaverage che giocava per il Victory Club di Troy con il guanto da ricevitore. Alla fine degli anni 1870 i guanti entrarono nell'uso comune. In un primo momento i giocatori dovettero nascondersi in campo. Ma lo stellare pitcher Albert Spalding - trasformato in prima base - fece una cosa virile nel 1877, indossando coraggiosamente un guanto nero che era senza dita, ma imbottito. Sempre l'imprenditore Spalding immaginava grandi vendite per corrispondenza degli articoli sportivi. I catchers erano tra i suoi migliori clienti. L'inventor e A.C. Butts brevettò un guanto senza dita nel 1883 (brevetto 290.664), e G.H. Rawlings aggiunse l'imbottitura nel 1885 (brevetto 325.968).

C'è da chiedersi se Harry Decker, Joe Gunson, Ted Kennedy, o Jack McCloskey abbiano utilizzato per primi il guantone da ricevitore imbottito alla fine degli anni 1880. Secondo un racconto, Gunson dei Cowboys Kansas sognava il guanto, ma era troppo occupato a ricevere Al Spalding in giro per il mondo per sfruttare l'idea. Così, ex-catcher Decker depositò un brevetto per la sua progettazione di un guanto nel 1889 (brevetto 408.650).

Il "Decker Safety Catcher’s Mitt" era un aggeggio che era fondamentalmente un guanto cucito sul retro di un cuscinetto circolare che copriva il palmo della mano. Questi guanti erano letteralmente dei cuscini piatti su cui si creava una sacca centrale a causa delle palle ricevute a scapito del palmo della mano del ricevitore.

Decker modificò il suo guanto nel 1891 per un design più comodo (brevetto 447.233) con l'aggiunta di pelle allacciata sul dorso della mano per tenere il guanto fermo.

Fu solo dal 1895 che vennero incluse delle norme per l'impiego dei guanti nel regolamento: quelle che limitavano le dimensioni dei guanti a dieci once (0,28 kg) e quattordici inches (35 cm) di circonferenza per tutti i giocatori, tranne per i catchers e le prime basi, che furono autorizzati ad usare qualsiasi dimensione del guanto. I primi guanti, privi di cinghie e allacciatura, fornivano semplicemente una protezione per le mani. I giocatori dell'ottocento spesso indossavano guanti su entrambe le mani. Per la mano di tiro, semplicemente tagliavano le dita del guanto per poter impugnare la palla.

Il catcher Doc Bushong dei Brooklyn Bridegrooms con i guanti sulle due mani nella baseball card della Old Judge Cigarettes del 1888

Nel 1899, J.F. Draper si inventò il guanto rotondo "pillowstyle" (brevetto 627.687) che, con varie piccole modifiche, rimase lo stesso che i catcher usarono fino agli anni '20.

R.H. Young nel 1920 modificò questo guanto-cuscino di serie con due fori centrali che disperdevano l'onda d'aria nell'attutire e bloccare la palla quando veniva presa (brevetto 1.362.280).

I guanti furono piuttosto piccoli, piatti e senza forma per tutto il periodo della "dead ball" fino a quando un dipendente della Rawlings, Harry "Bud" Latina, progettando decine di guanti, creò un guanto migliore. Questo disegno della mano con le dita permise al guanto di essere abbastanza largo da permettere di toglierlo rapidamente, ma non a caso utilizzò dei lacci interni per le dita (brevetto 1.562.176).

Questo diventò lo standard per più di quaranta anni. Inoltre, ebbe un vero e proprio cambiamento nella profondità del guanto in modo che la palla vi entrasse e vi rimanesse, anche se il catcher doveva ancora usare due mani. La tecnica della presa con il guanto-cuscino (pillow mitt) era quella di fermare la palla con il guanto relativamente rigido, poi prenderla con la mano nuda. Ciò era realizzato tenendo la mano nuda dietro il guanto e spostarla rapidamente sulla palla presa. Ma se il ricevitore doveva spostare il suo guanto per prendere la palla e non riusciva ad usare entrambe le mani all'unisono, la mano nuda poteva facilmente essere esposta e soggetta a danni. Contusioni e dita rotte erano le lesioni molto comuni durante l'era del pillow mitt.

I guanti moderni si sono evoluti per soddisfare lo stile del baseball di oggi. I catchers prendono ora la palla con una sola mano o in backhand, il che significa che devono lavorare molto più bassi perché ora il lancio è più basso (o al di sotto delle ginocchia del battitore). Tuttavia, quando un ricevitore prende una palla bassa, non può tenere le due mani davanti o anche il guanto con le dita verso l'alto e parallele al corpo.

Nel 1950, il ricevitore Gus Niarhos tagliò un'apertura nella parte posteriore del suo guanto in modo da poter chiudere le due parti insieme un po' di più, come il guanto di un difensore. Ciò modificò i guanti dei ricevitori con interruzioni lungo le tasche ovali. In precedenza, i guanti avevano una tasca, ma senza interruzioni, e il ricevitore prendeva la palla con due mani in modo che non uscisse. La presa con una mano è diventata possibile con il guanto a cerniera, reso popolare da Johnny Bench e Randy Hundley alla fine del 1960. Con questi, l'azione della cerniera scatta nel momento in cui il guanto si chiude a contatto con la palla.

Il guanto di Johnny Bench
Il guanto di Randy Hundley

L'evoluzione del guanto a cerniera del ricevitore risale ai guanti dei primi base degli anni '50. Logicamente, si potrebbe supporre che gli ex prime basi (come J.C. Martin), convertiti in catchers in gran numero nei primi anni '60, siano stati quelli che introdussero il guanto. Ma in realtà, il guanto del ricevitore a cerniera fu introdotto da Hundley nel 1966 e da Bench nel 1968; nessuno di loro aveva mai giocato in prima base.

Nuove e a volte eccentriche innovazioni nei guanti furono introdotte dal 1960. Ad esempio, nel 1975, Al Campanis, ex GM dei Dodgers, introdusse una striscia fluorescente arancione intorno al perimetro del guanto per aiutare i pitchers a concentrarsi sui loro obiettivi (brevetto 3.898.696).

Il guanto con le strisce fluorescenti di Al Campanis

Questo guanto prese piede, ma non tutte le innovazione incontrarono un riscontro. La maggior parte dei ricevitori non ci pensarono molto ad un'altra innovazione nei guanti, il sovradimensionato "Big Bertha" disegnato dal manager dei Baltimore Orioles, Paul Richards, alla fine degli anni '50. Presumibilmente serviva per aiutare i suoi ricevitori a trattenere l'esasperante knuckleball di Hoyt Wilhelm. Tali guanti aumentarono fino ad arrivare ad una circonferenza di 45 inches (1,14 m), prima di essere regolamentati a 38 inches (0,96 m) nel 1965. La superficie poteva aiutare a prendere la palla, ma ostacolava la visione e riduceva la mobilità della mano. Un altro svantaggio del "Big Bertha" era che anche se uno prendeva la palla nel guanto, era difficile trovare il tempo per cogliere i ladri di base.

Il catcher dei Baltimore Orioles, Clint Courtney, con il guanto "Big Bertha"

Alcuni attuali ricevitori sono molto interessati all'ultima trovata, un guanto in "digital leather" (cuoio digitale) realizzato dalla Franklin. L'innovazione è già prodotta nella linea corrente per i guanti dei giocatori di posizione dalla Franklin e farà presto il suo debutto nei guanti da catcher. La pelle è incisa con un motivo a scanalature e a diamante il cui scopo è duplice. Innanzitutto, il modello assorbe l'urto dell'impatto. Poi, i suoi contorni afferrano la palla e fermano la sua azione di rotazione. Entrambi gli attributi potrebbero trasformare i forti colpi alla mano in colpi morbidi. Tessuto, ammortizzatori di aria o gel, e altri elementi del design del guanto sono stati utilizzati per attutire la velocità delle palle, ma solo di recente i produttori hanno rivolto la loro attenzione al fattore dello spin. La rotazione su una palla da baseball può essere molto elevata, per esempio 1800 rpm per un curva. Franklin paragona la sua "digital leather" al modello di presa di un pneumatico da strada.

PETTORINA

Le donne ebbero una parte fondamentale nella nascita della pettorina per la protezione del corpo del catcher. La leggenda vuole che la moglie del ricevitore dei Detroit Wolverines, Charles Bennett, avesse ideato una imbottitura per il petto per proteggere il marito durante le partite. Indossò la creazione sopra la sua casacca nel 1883. Mentre alcuni racconti dicono che i catchers sperimentarono la pettorina all'inizio del decennio, questi ricevitori attenti all'immagine cercavano di nascondere il dispositivo sotto la loro casacca per evitare di essere derisi. Il ricevitore mancino Jack Clements nel 1884 si dice che indossasse un "sheepskin" (pelle di pecora), come vennero chiamate all'inizio le pettorine, sotto la casacca per evitare di essere chiamato femminuccia.

Il catcher Jack Clements nella baseball card della Old Judge Cigarettes del 1887

James "Deacon" White, catcher per nove anni negli anni 1870, poi passato in terza base per ulteriori nove anni, presumibilmente creò la prima protezione per il petto nei primi anni 1880. Il suo progetto era una camera d'aria di tela gommata pompata con aria. L'imbottitura poi sostituì i tubi di aria.

Le pettorine di oggi, anche se munite di nervature ma con l'inserzione di poliuretani per ammortizzare, hanno chiuso il cerchio dai protettori di pelliccia "sheepskin" originali indossati sotto la divisa fino al 1884. Lungo il percorso, i cathers e gli arbitri utilizzarono protezioni gonfiabili.

Pettorina da catcher pubblicizzata dalla Spalding Official Base Ball Guide nel 1889

Il "Gray’s Patent Body Protector" (brevetto 295.543), con le sue nervature in gomma-gonfiata era venduta a 10 $ nel 1889, il doppio del prezzo di quello in tela o in pelle imbottita.

La pettorina di Gray non copriva le spalle, un obiettivo primario per le sprizzate foul. John Gamble nella sua pettorina del 1903 aggiunse imbotiture gonfiabili che coprivano le spalle (brevetto 745.007).

Anche se gli arbitri usarono protezioni gonfiabili fino ai tempi moderni, i catchers rapidamente ripiegarono sulla manovrabilità dell'imbottitura leggera utilizzando il kapok (*), un materiale leggero utilizzato nei giubbotti di salvataggio. Oggi, le pettorine sono riempite con schiuma. Le pettorine ripiene non permettevano di accovacciarsi e di difendere casa base. F.W. Glahe nel 1963 si inventò un corpetto molto flessibile (brevetto 3.076.197), che migliorò notevolmente la mobilità.

(*) kapok (o capoc, o capok): Bambagia costituita dai peli lanosi che rivestono internamente la parete del frutto (capsula) di vari alberi tropicali dei generi Eriodendron, Ceiba, Bombax e Chorisia della famiglia Bombacacee. Il kapok è molto soffice ed è usato per imbottire materassi, cuscini, cinture di salvataggio ecc.

Una delle ultime modifiche alla pettorina fu l'aggiunta delle spalline amovibili. M. Neuhalfen nel 1991 brevettò il suo progetto (brevetto 5.020.156) che proteggeva il catcher dalle brutte sprizzate foul che volano nella parte superiore delle braccia.

Con l'avvento dei materiali balistici, velcro, stoffa traspirante, e imbottitura in polyfoam, i ricevitori di oggi indossano la protezione massima con il minimo peso. La versione 2008 della protezione per il petto pesa meno della metà della protezione per il petto che fu utilizzata dal 1920 al 1940.

SCHINIERI

Tra i "tools of ignorance" (gli strumenti dell'ignoranza), il design delle maschere e dei guanti sono più evoluti, in risposta al modo in cui il baseball viene giocato. Al contrario, le pettorine e gli schinieri non sono molto cambiati. Già nel 1890, i ricevitori iniziarono ad avvolgere le gambe nude con giornali o pelle, che erano nascosti sotto le loro uniformi. Questo si evolse in imbottiture più elaborate, sempre sotto i pantaloni, ma ci volle il determinato Roger Bresnahan che ebbe il coraggio di ammettere pubblicamente che gli dolevano le gambe a causa di tutti i lanci pazzi, sprizzate foul, mazze gettate e spikes avversari. Gli schinieri che Bresnahan indossò più di un secolo fa, in realtà erano una versione modificata dei parastinchi indossati dai giocatori di cricket. Aste di canna racchiuse in tessuto imbottito coprivano gli stinchi, e l'imbottitura proteggeva le ginocchia.

Gli schinieri di Roger Bresnahan

Nel corso del tempo, la pelle imbottita rivestì le rotule, il collo del piede, e le caviglie. Duri schinieri in pesante canne di legno apparvero negli annunci Rawlings nel 1916. Negli anni '20 e '30, la fibra soppiantò la canna. Diversi inventori giocarono con il disign in fibra, compresi D. Levinson nella sua idea del 1918 (brevetto 1.253.260).

William Barrett nel 1927 brevettò il prototipo degli schinieri (brevetto 1.624.129) che utilizzava essenzialmente il disegno ancora oggi in uso.

Gli schinieri a cerniera vennero sviluppati dai Dodgers alla fine degli anni '50, una delle tre notevoli invenzioni che crearono per i catchers (Le altre due furono il protettore della gola billygoat e il guanto a cerniera). Con il 1960, una leggera ma resistente plastica stampata sostituì la fibra. Quanto era dura? L'annunciatore ed ex ricevitore Tim McCarver sopravvisse a due collisioni con gli spikes dell'ex Mets, Tommy Agee, che lo colpirono agli schinieri.

Nel 1995, W.F. Hunt Jr. brevettò degli schinieri regolabili per facilitare l'accucciarsi più basso e una maggiore protezione (brevetto 5.452.475).

G.J. Collins lo seguì con i suoi multi pezzi per la protezione della coscia e del ginocchio nel 2004 (brevetto 6.687.912). La prossima generazione potrebbe anche includere dei gambali completi, flessibili e leggeri a base di kevlar e indossati per tutta la partita e non solo quando il ricevitore è dietro il piatto.

Ricevere non è mai sembrato un lavoro facile o comodo. Anche con gli accessori di protezione, la posizione sembra leader delle leagues negli infortuni annuali. Ecco perché la sicurezza e la produttività sono stati gli obiettivi della varietà di invenzioni dell'equipaggiamento del catcher in tutta la storia del gioco.

Il baseball, anche se a volte sembra più tradizionalmente legato dello sport, ha sempre dimostrato che tutti gli americani hanno un debole per il bricolage e l'innovazione. Questa ricerca per migliorare la maschera è stata ampiamente applicata all'attrezzatura dei catchers. L'evoluzione dell'equipaggiamento corrisponde alle variazioni effettive delle tattiche e delle regole del gioco. Il bricolage continua. Già il un nuovo guanto "digital", concepito per diminuire l'impatto della palla e ridurre gli errori, ha fatto il suo debutto.

Oggi il guerriero ben protetto dietro casa ha approfittato della tecnologia moderna, in particolare quello sviluppato dalle forze dell'ordine. Le pettorine, per il catcher nel ventunesimo secolo, potrebbero benissimo essere identiche ai giubbotti leggeri di Kevlar indossati oggi sotto le camicie dagli agenti di polizia. Dopo tutto, se un sottile, gilé - può fermare un proiettile, certamente può fermare una ribelle fastball a 95 mph. Quindi, forse, la protezione del petto e della gamba chiuderanno il cerchio e i ricevitori di domani potranno indossare l'armatura sotto le loro uniformi proprio come avevano fatto i giocatori negli anni 1880.

Come si riceveva una volta

Come si riceve oggi

 

 

Edith Houghton a 89 anni mostra la foto di quando aveva 12 anni ed era l'interbase delle Philadelphia Bobbies nel 1924

C'è una sorta di santa trinità delle ossessioni a cui credono tutti i veri fans del baseball. In primo luogo, si fissano sulle statistiche forse più dei tifosi di qualsiasi altro sport professionistico negli Stati Uniti d'America. Anche i fans più occasionali del gioco sono bombardati con una raffica di fatti e cifre sui conteggi e i numeri che quantificano il successo di un giocatore o il fallimento in quasi tutti gli aspetti del gioco. In secondo luogo, tutti i legittimi tifosi conoscono la storia del gioco. Il pantheon dei grandi giocatori (o quelli famosi per essere stati meno grandi) rappresenta una pietra di paragone a cui tutti i fans possono far riferimento. Oltre ai nomi famosi ci sono i numeri iconici. Numeri come 714 o 755, .406, 511, o 56 e tutti portano una risonanza speciale all'interno dello sport e sono modi per dimostrare che uno "è a conoscenza", come deve essere un fan degno del titolo. Questa attrazione con la storia spesso si combina con la fissazione sulle statistiche per formare una perfetta tempesta che conduce al terzo aspetto che caratterizza ogni appassionato di baseball: una predilezione per la discussione. Gli appassionati di baseball sono sostanzialmente un gruppo di polemici. Si discute sui ball e sugli strike per stabilire la superiorità di un giocatore rispetto ad un altro, spesso attraverso l'arco di decenni, il baseball sembra sostenere una cultura del disaccordo. Certamente alcuni di questi dibattiti sono più comuni di altri. Uno di questi che spesso non viene dibattuto è la questione di chi sia stata in realtà la prima donna impiegata come scout nelle Major Leagues.

Alcuni sostengono che Bessie Largent era sotto contratto con i Chicago White Sox nel 1920 e 1930 e che fu quindi la prima donna scout nelle majors. Bessie e suo marito Roy lavoravano in tandem ed erano pagati per il loro lavoro dal club. Tuttavia, la maggior parte è d'accordo che fu Edith Houghton, assunta dai Philadelphia Phillies nel 1946, perchè lei non venne pagata come parte di una coppia di marito e moglie. Edith ebbe una lunga storia d'amore con il baseball, prima del suo lavoro con i Phillies. Era nata a Philadelphia il 12 febbraio 1912, un anno importante che aveva visto il naufragio del Titanic. Forse ebbe più influenza nella vita di Edith, invece, l'apertura nello stesso anno di due belli e nuovi ballparks delle Major Leagues: il Fenway Park di Boston e il Tiger Stadium (allora conosciuto come il Navin Field) a Detroit. La più giovane di dieci figli, Edith si interessò al baseball quasi dal momento che iniziò a camminare. Giocava con i bambini del vicinato, quando ne aveva la possibilità, e guardava dalla finestra della camera da letto dei suoi genitori, al secondo piano, le partite di notte sul campo vicino a casa sua.

Edith Houghton a 10 anni

Era così innamorata del baseball che già a 8 anni era la mascotte sul campo per le squadre del campionato della polizia locale. Il lavoro le permetteva di sedersi alle partite, di tanto in tanto, accanto al sindaco. A 9 anni, la giovane Edith batteva e prendeva palline sul campo prima delle partite. Questo la portò all'attenzione di Mary O'Gara che nel 1922 aveva formato una squadra all-girls chiamata Philadelphia Bobbies. Anche se le Bobbies di solito schieravano in campo ragazze tra i 13 e i 20 anni di età, il talento di Edith l'aiutò ad ottenere un posto come interbase titolare quando aveva solo 10 anni.

Edith Houghton nel 1922 quando iniziò a giocare interbase per le Philadelphia Bobbies

Edith era così giovane che la divisa le stava un po' larga. Usava delle spille di sicurezza per stringere il cappellino e un pugno di fori supplementari nella cintura per aiutarla ad avere un bell'aspetto sul campo. Ma Edith non curava solo il suo aspetto. I giornali locali lodavano le sue performance come il punto culminante di molte partite delle Bobbies.

Le Philadelphia Bobbies. Edith Houghton è la prima a destra seduta per terra

Quando aveva 13 anni, Edith si unì alle Bobbies in un tour in Giappone. Il club giocò 15 partite contro squadre di college maschili e venne pagata la somma principesca di 800 $ a partita. Sulla via per Seattle, da dove sarebbero partite, giocarono otto partite di esibizione negli Stati delle Montagne Rocciose prima di unirsi ai giocatori che avrebbero formato la batteria della squadra per il tour in Giappone. Il lanciatore per le Bobbies sarebbe stato Earl Hamilton, che aveva trascorso la sua carriera di 14 anni in major league, con i Pirates e i St.Louis Browns e brevemente con i Tigers e i Phillies. Eddie Ainsmith, che aveva ricevuto il grande Walter Johnson durante i suoi 15 anni nelle major, sarebbe stato il catcher titolare. E così, con la formazione al completo, la squadra si imbarcò sul President Jefferson e arrivò a Yokohama, in Giappone, il 18 ottobre del 1925. I fans giapponesi accorsi a vedere le ragazze giocare le soprannominarono "the American team".

La foto della squadra delle Philadelphia Bobbies Girls Baseball quando sono arrivate in Giappone con Eddie Ainsmith e Earl Hampton, ex ricevitore ed ex lanciatore di Major League

I tifosi non rimasero delusi. I giornali espressero sorpresa che le ragazze fossero tutte vestite "come vere persone di sport" e che indossassero "scarpe sportive, invece dei tacchi alti". E Edith Houghton fu scelta per uno speciale encomio quando, in una partita contro la squadra dei Nippon Dental College, eliminò un corridore giapponese utilizzando "la famosa bravata della 'palla nascosta' di Hans Wagner". Edith non sempre utilizzava dei trucchi per eliminare i corridori. Quando Eddie Ainsmith espresse la sua preoccupazione sulla possibilità che la giovane interbase fosse in grado di gestire il suo tiro in seconda se avesse avuto bisogno di far fuori un corridore, Edith lo assicurò che non ci sarebbero stati problemi. Ancora non convinto, Ainsmith promise un incentivo di un yen a Edith per ogni presa che avesse fatto. Edith prontamente accettò e poi ricordò che prese "un sacco di yen" dall'ex big leaguer durante il loro tour in Japan.

Nonostante le performance di spicco occasionali (il più delle volte della Houghton), tuttavia, il team era in generale costituito da giocatrici di baseball non particolarmente buone. Le Bobbies non ottennero la prima vittoria fino a quando giocarono con una squadra di attori giapponesi. La partecipazione diminuì. Lo sponsor americano del team ritirò il suo appoggio, rinnegando il suo accordo di pagare per le rimanenti partite e persino si rifiutò di pagare per il ritorno della squadra di nuovo negli Stati Uniti. Edith e la maggior parte delle ragazze rimasero bloccate a Kobe, sotto la guida del proprietario del team Mary O'Gara quando Ainsmith e Hamilton se ne andarono a Formosa (odierna Taiwan). Fortunatamente, il proprietario di un albergo americano a Kobe le ospitò per un po', e un banchiere indo-britannico si offrì di pagare il ritorno delle ragazze a Seattle. Finalmente le Bobbies tornarono a Philadelphia ai primi di dicembre del 1925.

La squadra delle New York Bloomer Girls negli anni '20

Comprensibilmente delusa della sua esperienza con le Bobbies, Edith lasciò il team e giocò per vari club nella sua città natale. Alla fine giocò in ogni posizione sul diamante, compreso lanciatore e catcher. In poco tempo fu invitata a giocare per una nuova squadra di ragazze lungo la East Coast. Questa volta, fece la pendolare tre volte alla settimana a New York per giocare con le New York Bloomer Girls di Margaret Nabel. Edith aveva 18 anni e guadagnava 35 $ alla settimana per giocare allo sport che amava. L'anno successivo venne invitata a far parte di un team di barnstorming attraverso il Texas e l'Oklahoma. Ancora una volta fu pagata 35 dollari a settimana, questa volta per giocare con le Hollywood Bloomer Girls. Nello stesso momento iniziò la Grande Depressione. L'opportunità per il baseball femminile scomparve del tutto. Nel 1932, Edith, ancora desiderosa di giocare, coraggiosamente contattò la Fisher AA, squadra semipro di uomini a Philadelphia, e chiese di fare un tryout. In qualche modo li convinse a lasciarla provare e finì per ottenere un posto giocando in prima base. Il pungiglione della Grande Depressione colpì anche le minor league e presto Edith, ancora una volta, dovette ricercare altre opportunità per giocare. A questo punto le opzioni disponibili per le donne erano diminuite ancora di più e Edith fu costretta a giocare a softball. Anche se dovette prendersi un po' di tempo per abituarsi alla palla più grande e al campo più piccolo, ben presto si distinse sul campo come parte delle New York Roverettes, che giocavano al Madison Square Garden.

Edith Houghton durante il suo servizio nella WAVES

Come milioni di donne americane, la vita di Edith Houghton fu sconvolta dall'entrata in guerra degli USA. Lavorò volontariamente per il servizio ausiliario femminile delle forze armate WAVES (Women Accepted for Volunteer Emergency Service) come assistente di segreteria per le forniture del dipartimento della base navale locale. Allo stesso tempo, provò e fu accettata nella squadra di baseball del dipartimento. In parte a causa del suo talento naturale e in parte perché i lanciatori erano mediocri, Edith fu in grado di realizzare dei numeri impressionanti. Mise a segno delle medie battute come .800 durante dei momenti della stagione. Il giornale della Navy elogiò la sua abilità dicendo: "il soldato semplice della WAVE, Houghton ... può giocare in qualsiasi squadra di baseball nel paese." Quando la guerra finì, Edith trovò lavoro come responsabile acquisti di bicchieri per un grossista di Philadelphia, e ancora una volta cercò opportunità nello sport che amava.

Edith Houghton nel 1946 quando iniziò a lavorare come scout dei Phillies

Frustrata per la mancanza di opzioni, e troppo vecchia per giocare in modo competitivo, Edith avvicinò il proprietario dei Philadelphia Phillies, Bob Carpenter, da anni all'ultimo posto. Offrì i suoi servizi come scout per il club. Il suo curriculum comprendeva un album delle sue esperienze di baseball. Era certamente una mossa audace in un'arena dominata dagli uomini come il baseball professionale, ma Edith aveva già rotto le barriere e le major leagues erano sull'orlo di un periodo di cambiamenti drammatici. L'ex stella infielder probabilmente aveva capito che non aveva niente da perdere, facendo il tentativo e i Phillies non avrebbero avuto nulla da perdere assumendola. Carpenter apparentemente la pensava allo stesso modo.

Pochi giorni dopo la sua visita, nel febbraio del 1946, Edith ricevette una telefonata in cui le si chiedeva di diventare il primo scout donna per una squadra di Major League. Carpenter avrebbe dovuto ricevere qualche critica per aver assunto la Houghton, e alcuni commenti suggerivano che la scelta di una donna scout era una mossa disperata da parte di una squadra disperata. Con un giro di parole, un giornale spiegò che dal momento che i Phillies avevano spesso giocato come un gruppo di "Girl Scouts", si poteva anche prendere la drastica decisione di assumere uno scout donna nel tentativo di uscire dal seminterrato della National League. Però, Edith era certa che avrebbe portato ai Phillies "un'ondata di talento". Ed Carpenter decise che avrebbe avuto l'ultima risata quando Edith fosse riuscita a firmare un degno prospetto. Infatti, Carpenter aveva sostenuto con fermezza non solo la Houghton, ma anche l'idea delle donne scout in generale. "Non c'è motivo", aveva detto annunciando l'assunzione, "che una donna non dovrebbe essere un buon giudice di un giocatore di baseball come lo può essere un uomo. Alcune di loro ne sanno molto più di baseball". Da parte sua, Edith aveva una chiara idea di cosa la squadra avesse bisogno. Quando venne assunta, annunciò che il suo obiettivo principale era quello di assicurarsi per il roster dei Phillies i giocatori che erano "grandi e veloci". Il suo periodo a giocare con le ragazze delle Hollywood Bloomer contro squadre maschili nel Texas e nella Piedmont Leagues nel 1930 le aveva dato una buona idea di "quello che un giocatore di baseball doveva essere". "Non è difficile scegliere", aveva detto, "Si guardano le capacità naturali. Il resto viene con l'allenamento". Nel corso dei successivi sei anni, Edith fece lo scouting a centinaia di giocatori e ne firmò 16; e, anche se nessuno di questi fece mai il debutto nelle major, due raggiunsero la Classe B. L'apparente mancanza di successo come scout di Edith può non essere chiaro come i numeri suggeriscono. Perché fare lo scout è un'attività così spietata, aveva detto, che se pensi che qualche giocatore ha del talento "puoi scommettere sicuramente che ce ne sono altri dieci dopo di lui". Edith Houghton dopo aver lasciato i Phillies nei primi anni '50, fu richiamata in servizio dalla Marina durante la guerra di Corea e successivamente scomparve dalla scena pubblica. Non si sposò né ebbe dei figli, si guadagnò il rango di Chief Petty Officer (Primo Sottufficiale), e si ritirò a Sarasota nel 1964. Poco fu scritto sulla sua vita da allora. Non aveva superstiti noti. Morì il 2 febbraio 2013 a Sarasota, in Florida, e il decesso fu notificato da una casa funeraria fuori Philadelphia. Il Philadelphia Inquirer intervistò la Houghton nel 1986 per un articolo sulla scoperta di un diario di una donna di Philadelphia negli archivi della National Baseball Hall of Fame. Era stato scritto da una delle compagne di squadra della Houghton con le Bobbies, e descriveva il loro tour di due mesi in Giappone. "Per le giovani donne nel 1925 - poter giocare a baseball e andare in Giappone - beh, era abbastanza eccitante", ricordò la Houghton all'intervistatore, "Vorrei poter ricordare di più. Ma ero così giovane allora". Nel 2006, il berretto da baseball della signora Houghton e altri attrezzi furono messi in mostra nella National Baseball Hall of Fame di Cooperstown. Edith Houghton si distinse fuori e dentro il diamante. Fu notevole sia per il suo gioco innovativo nelle squadre maschili che nel suo ruolo di primo scout donna nelle Major Leagues.

 

 

Settantaquattro anni fa di martedì, Joe DiMaggio iniziò la sua storica striscia di cinquantasei partite con almeno una valida, una prodezza che probabilmente non sarà mai più eguagliata. Per commemorare questo risultato, seguiremo Joe D day-by-day e game-by-game nel corso dei due mesi che lo videro realizzare lo storico record e che promette di essere davvero divertente. Ecco la prima puntata ...

15 maggio 1941: Gara 1

Sia la squadra degli Yankees che il suo 26enne esterno centro erano arrivati a metà del mese di maggio nel mezzo di un terribile slump. DiMaggio era entrato nella partita del pomeriggio contro i White Sox battendo un rispettabile .306, ma aveva visto diminuire la sua media di più di 200 punti nelle ultime tre settimane dopo un inizio di stagione caldissimo. Gli Yankees iniziavano quel giorno 5 partite e 1/2 dietro il primo posto occupato dai Cleveland Indians, e persero ancora a Chicago, 13-1. Con 1 su 4 al piatto, DiMaggio abbassò effettivamente la sua media battuta a .304, e così sembrò che entrambi gli slumps continuassero. Mentre è probabile che pochi si aspettassero che il team potesse continuare a lottare, è certo che nessuno aveva idea di dove il singolo di DiMaggio del primo inning lo avrebbe portato.

16 maggio 1941: Gara 2

C'erano meno di 1500 tifosi allo Stadium, e gli Yankees scioccarono tutti dopo cinque sconfitte consecutive, battendo i White Sox, 6-5. Quelli che erano lì videro DiMaggio colpire un home run epocale nel terzo inning, un'esplosione colossale che sgombrò il bullpen all'esterno sinistro prima di atterrare lontano sulle gradinate. Si disse allora che l'unico altro battitore destro a colpire una palla così lontana allo Yankee Stadium era stato Hank Greenberg dei Detroit. Gli Yankees andarono a battere nella parte bassa del nono sotto di un punto quando DiMaggio fracassò un triplo al centro nella zona morta, realizzando due punti, che avrebbero fatto guadagnare alla sua squadra la vittoria tanto necessaria. Due realizzate, cinquantaquattro ancora da fare.

17 maggio 1941: Gara 3

Il giorno dopo aver reagito, gli Yankees scivolarono di nuovo, perdendo contro i White Sox, 3-2. Gli Yankees erano ormai una partita sotto .500 con un record di 15-16, ed erano dietro ai Cleveland Indians (23-9) di 7 partite e 1/2 nella classifica dell'American League. DiMaggio si era limitato a battere un singolo nel secondo inning, ma ora aveva battuto valido in tre partite consecutive.

18 maggio 1941: Gara 4

Una folla di oltre trentamila persone riempì lo Yankee Stadium quella domenica pomeriggio a guardare come gli Yankees colpirono ripetutamente la squadra peggiore dell'American League, battendo i St. Louis Browns, 12-2. Lefty Gomez, uno dei closer amico di DiMaggio, iniziò ed ottenne la vittoria. Joltin 'Joe andò tre su tre, nel pomeriggio, segnando tre volte e realizzando un RBI. Il giorno dopo i giornali di New York riportarono che due delle valide avrebbero potuto essere anche degli errori, e la terza era una valida assegnata sull'interferenza del catcher, il risultato di una norma che da allora fu modificata. In ogni caso, le tre valide portarono il totale di DiMaggio in quattro giochi a 7 su 14, ancora a .500; lo slump era certamente superato.

19 maggio 1941: Gara 5

Gli Yankees continuarono nel loro modello di alternanza di vittorie e sconfitte perdendo con i Browns, 5-1, davanti a una folla di soli 5388 spettatori. Per la prima volta nella sua giovane striscia, DiMaggio fu costretto ad aspettare fino al suo turno di battuta finale per mantenere intatto il suo record colpendo un doppio a sinistra con due out nel settimo inning. Terminò la partita 1 su 3, ma il ricevitore Bill Dickey colpì un home run per l'unico punto degli Yankees ed estese la propria striscia a ben venti partite con almeno una valida.

20 maggio 1941: Gara 6

Proseguendo sul modello della stagione, gli Yankees fecero seguire la sconfitta con una vittoria perchè superarono i Browns in una slugfest terminata 10-9. DiMaggio perse una valida sicura nel quinto quando il terza base dei St. Louis, Harland Clift, raccolse il suo tremendo line per la scelta difesa in seconda, ma la striscia proseguì con un singolo pulito al centro del campo nell'ottavo inning. Bill Dickey estese la sua striscia a ventuno e alzò la media battuta a .391 colpendo tre hit.

21 maggio 1941: Gara 7

Per la prima volta in quasi due settimane gli Yankees furono in grado di mettere insieme delle vittorie consecutive. DiMaggio non perse tempo ad allungare la sua striscia, colpendo un singolo RBI nel primo inning per aiutare gli Yankees a sconfiggere i Detroit Tigers in visita, 5-4. Bill Dickey vide la fine della sua striscia che si era fermata a ventuno, ma Ted Williams dei Boston realizzò quattro valide per eguagliare la striscia di DiMaggio a sette partite. Per un bel po' di tempo Williams ingaggiò un duello con DiMaggio partita su partita. Si deve ricordare che il 1941 fu un anno da ricordare anche per Teddy.

22 maggio 1941: Gara 8

Gli Yankees ottennero la loro terza vittoria consecutiva in quel giorno con una vittoria 6-5 sui Tigers. DiMaggio riuscì a battere un singolo soltanto nel settimo inning, ma fu sufficiente per tenere in vita la sua striscia. E' probabile che DiMaggio non fosse a conoscenza della sua giovane striscia fino a questo giorno, e ancora non vi era stata fatta alcuna menzione in nessuno dei giornali locali, ma sia lui che gli Yankees avevano smesso gli insuccessi.

23 Maggio 1941: Gara 9

Gli Yankees e i Red Sox entrarono in partita venerdì pomeriggio allo Stadium occupando rispettivamente il terzo e il quarto posto, dietro ai Cleveland Indians e ai Chicago White Sox per una manciata di partite. Come gli Yankees, anche i Red Sox stavano lottando; il loro record era di 15-15. Mentre DiMaggio stava battendo valide di recente, anche l'ottimo slugger dei Boston, Ted Williams, stava facendo lo stesso. Entrambi i giocatori iniziarono la partita con la medesima striscia di valide in otto partite, ed entrambi tennero in vita la loro striscia.

In linea con le simili situazioni delle due squadre e delle loro stelle, la partita si concluse con un pareggio 9-9, terminata a causa del buio. Il gioco non contava per la classifica (e alla fine fu rigiocata il 1 luglio come parte di un doubleheader), ma le statistiche erano valide. I singoli RBI per DiMaggio e Williams furono sufficienti per tenere in vita le strisce, ma non abbastanza per guadagnare una vittoria per entrambe le squadre.

Ted Williams e Joe DiMaggio

24 maggio 1941: Gara 10

Di colpo lavorando su una propria striscia, gli Yankees vinsero la loro quarta partita consecutiva (non comprendeva la partita sospesa il giorno prima) e continuarono pure altre tre strisce importanti. Sotto 6-5 nel settimo inning, DiMaggio coronò un recupero di quattro punti con un singolo da due RBI, portando il risultato sul punteggio finale di 7-6. Fu la sua unica valida della partita. Williams, da parte sua, colpì due singoli, alzando la media battuta della sua striscia a .447. Nessuno di questi risultati erano stati ancora notati dalla stampa, ma venne riportato che il prima base rookie degli Yankees, Johnny Sturm, stava realizzando una striscia di otto partite. Il manager Joe McCarthy lo aveva inserito nel lineup appena un giorno prima dell'inizio della sua striscia, e i giornalisti al seguito della squadra stavano seguendo i suoi progressi, in attesa che tutto finisse. Ancora non erano nella vera storia; alla fine avrebbero capito le cose.

25 maggio 1941: Gara 11

La striscia vincente degli Yankees si concluse quel pomeriggio per mano dei Red Sox, 10-3. Ancora una volta, DiMaggio ottenne solo un singolo, ma la grande storia fu Williams. Realizzò tre singoli e un doppio, tutte e quattro le valide tra la prima e la seconda base, e alzò la media come leader della League a .404. Anche se entrambi gli uomini si vantavano della striscia di undici partite con almeno una valida, Williams era chiaramente il battitore più caldo. Una rapida nota curiosa: il singolo di DiMaggio fu battuto contro il veterano e futuro Hall of Famer Lefty Grove. Grove aveva anche concesso il record dei sessanta home run di Babe Ruth nel 1927, facendo di lui uno dei due lanciatori a contribuire alle storiche realizzazioni. Infine, anche il giovane Johnny Sturm era riuscito a prolungare la sua striscia, portando il suo totale a nove.

27 maggio 1941: Gara 12

Per la prima volta, Joe DiMaggio e gli Yankees realizzarono la striscia in trasferta mentre si dirigevano a Washington per una serie di tre partite contro i Senators. I Senators erano vicini al fondo della classifica dell'American League quando la partita iniziò quel giorno, e gli Yankees approfittarono dei loro avversari, vincendo 10-8. DiMaggio aprì la strada con la sua prima grande partita della striscia, con quattro valide, tra cui un home run da tre punti lungo 425 piedi (129,5 m) alla sinistra del campo. Johnny Sturm continuò la sua marcia con tre valide, e anche l'interbase Frank Crosetti colpì tre valide. La stampa continuò a seguire le dieci partite consecutive di Sturm, e avevano preso a seguire le nove partite di Crosetti, ma non ci sarebbe stata alcuna notizia di DiMaggio fino a dopo la sua tredicesima partita.

28 maggio 1941: Gara 13

Nella notte, quando gli Yankees e i Washington Senators giocarono la prima partita in notturna al Griffith Stadium di Washington, DiMaggio portò la sua squadra alla vittoria 6-5. Tre note interessanti circa l'illuminazione: La prima, il Griffith Stadium era ora uno dei quattro ballpark dell'American League a vantare luci elettriche. La seconda, le luci furono accese per la prima volta dalla fastball di Walter Johnson. L'ex Senators in pensione aveva effettuato il primo lancio cerimoniale attraverso un fascio elettrico proiettato sul piatto di casa base; il suo terzo tentativo illuminò la notte. La terza, fu necessario un permesso speciale da Washington per far sventolare la bandiera dopo il tramonto per l'esecuzione dell'inno nazionale.

Verso la fine della partita, gli Yankees si trovarono sotto 3-1 nell'ottavo inning con DiMaggio senza valide e alla battuta. Colpì un triplo profondo a destra per prolungare la sua striscia e innescare una riscossa che valse cinque punti. Oltre a DiMaggio, anche Johnny Sturm e Frank Crosetti mantennero le loro strisce, e quella di DiMaggio fu menzionata dalla stampa per la prima volta dal New York World-Telegram: "la battaglia di ieri sera ha visto continuare tutte e tre le strisce di battuta degli Yankees. DiMaggio ha colpito valido nella sua tredicesima partita consecutiva, Sturm nella sua undicesima e Crosetti nella sua decima". Il fatto che un giocatore del calibro di DiMaggio potesse realizzare quasi da due settimane la striscia di valide senza essere notato sottolinea una delle ragioni principali per cui questo record non sarà mai minacciato. In questa epoca di saturazione dei media e di continui eventi sportivi, nulla sfugge alla sete inestinguibile del pubblico per le informazioni. Non è raro sentire un annunciatore televisivo o radiofonico far menzione di una striscia di valide della durata di tre partite, e ogni volta che un giocatore ottiene una valida fino a una ventina di partite, nemmeno a metà strada del record di DiMaggio, diventa la storia di copertina su SportsCenter. Anche nel 1941 DiMaggio subì un esame minuzioso quando la nazione intera seguì le sue imprese durante le ultime fasi della sua striscia, ma la ressa dei media che circonda un giocatore che si sta avvicinando a quel record sarebbe soffocante. La realizzazione fisica di cinquantasei partite con almeno una valida è sorprendente; la forza mentale necessaria per arrivarci è ancora più impressionante. Non potrà mai accadere.

29 maggio 1941: Gara 14

Un cielo oscurato che minacciava pioggia per tutto il pomeriggio abbinato al caldo soffocante, 36 °C, vide al Griffith Stadium di Washington appena 1500 tifosi, con Senators e Yankees in parità, 2-2, in una partita di cinque inning terminata per la pioggia. DiMaggio era stato indisposto per un paio di giorni, ma fu abbastanza fortunato di battere un singolo e di segnare nel quarto inning, estendendo la sua striscia a quattordici partite. Il rookie Johnny Sturm, però, attese la parte alta del sesto per registrare la sua valida, solo per vederla spazzare via quando la pioggia decretò la fine prima che i Senators potessero battere nella parte bassa dell'inning. Per regola, il punteggio faceva riferimento all'ultimo inning completato, e tutto ciò che era accaduto nella parte alta del sesto fu spazzata via, tra cui la striscia di Sturm. Anche Crosetti colpì un singolo nel quarto per mantenere viva la sua striscia e andare a undici. Anche se ancora all'oscuro della striscia di DiMaggio, il New York Times riportò una nota interessante della partita: DiMaggio era andato strikeout per la terza volta in tutta la stagione. Era andato strikeout due volte nella stessa partita il 25 aprile, poi aveva aspettato 113 at-bats prima di andare K quel pomeriggio.

30 maggio 1941: Gare 15 & 16

Gli Yankees andarono a Boston per un doubleheader nel Memorial Day, uno dei sei doppi incontri durante la striscia di DiMaggio, un'altra differenza notevole tra il baseball di allora e quello di adesso. Una folla da tutto esaurito di 34500 tifosi stipò il Fenway Park, con gli Yankees e i Sox che si divisero la posta. Nella prima partita, le cose sembrarono critiche per gli Yankees e DiMaggio quando andò a battere nella parte alta del nono sotto 3-1. Ancora senza una valida, DiMaggio entrò nel box con un corridore in prima. Scelse di tenere vivo l'incontro (e la striscia), e New York alla fine segnò tre volte per prendere il comando che avrebbe dato loro la vittoria per 4-3. Nella partita serale, Boston martellò gli Yankees, battendoli 13-0, ma DiMaggio colpì una volata alta nel vento e nel sole che spesso affligge il campo a destra del Fenway. L'esterno dei Boston Pete Fox tentò valorosamente di effettuare la presa, ma la palla cadde intatta ai suoi piedi, e DiMaggio scappò in seconda base con un doppio.

A parte le due valide, la giornata per di DiMaggio fu assolutamente da dimenticare. Normalmente uno dei migliori outfielders difensivi del gioco, DiMaggio si era guadagnato il soprannome di Yankee Clipper, per la naturale velocità con cui navigava attraverso l'erba dell'outfield e prendeva i flyballs. Quel giorno, però, gli venne accreditato un errore nel gioco di apertura e altri tre nel secondo, stabilendo forse il suo giorno peggiore in difesa. Nulla di tutto questo, però, ebbe effetti sulla striscia.

1 giugno 1941: Gare 17 & 18

Giocando il loro secondo doubleheader in tre giorni, gli Yankees continuarono la loro trasferta spazzando due partite ai Cleveland Indians per portarsi a una partita e mezza dal primo posto degli White Sox. DiMaggio realizzò una valida in ciascuna delle partite per portare la striscia a diciotto. La valida nella seconda partita arrivò nel suo ultimo at-bat della giornata. A quel punto, dato che i giornali ogni giorno parlavano della striscia di DiMaggio, doveva essere certamente consapevole di ciò che c'era in gioco. Colpì un razzo che uscì dal guanto del terza base Ken Keltner (la volta successiva che gli Yankees tornarono a Cleveland, Di Maggio non fu così fortunato). Da un'altra parte, anche Ted Williams stava continuando il suo torrido ritmo. Aveva realizzato quattro valide in un doubleheader contro i Tigers, alzando la media battuta a un mostruoso .430. La sua striscia di valide era ancora intatta e raggiunse le diciannove partite consecutive, una partita in più di DiMaggio. Williams era ancora più caldo di Joe D. ed era ancora a .500 (36 su 72), mentre DiMaggio stava colpendo una media relativamente mite di .362 (25 su 69).

2 giugno 1941: Gara 19

Gli Yankees tentarono di completare una sweep nella loro serie contro gli Indians, ma si trovarono di fronte l'arduo compito di battere contro uno dei lanciatori più caldi della League, Bob Feller. Il pitcher di Cleveland prima di questa partita non aveva concesso un punto in ventinove inning consecutivi, e anche se gli Yankees fecero saltare quella striscia nel secondo inning, Feller fu ancora in grado di guadagnarsi l'undicesima vittoria della sua giovane stagione con gli Indians che alla fine risultarono i migliori imponendosi 7-5. DiMaggio colpì un singolo e un doppio in quel giorno, e nella sua città natale, il San Francisco Chronicle raccontò della sua striscia per la prima volta. Ben presto, tutti i giornali del paese avrebbero messo in luce i progressi di DiMaggio.

3 giugno 1941: Gara 20

Quando arrivarono in treno a Detroit la sera prima della loro serie contro i Tigers, gli Yankees furono accolti dalla scioccante notizia che Lou Gehrig era morto nel corso della giornata. Molti dei giocatori più anziani, tra cui DiMaggio, che avevano giocato con Gehrig, erano turbati per la moglie e consideravano di saltare la partita. DiMaggio decise di giocare, e il suo home run al quarto inning fu un piccolo punto luminoso in un giorno triste con gli Yankees che persero 4-2, mentre piangevano il loro ex capitano.

Lou Gehrig e Joe DiMaggio

5 giugno 1941: Gara 21

Forse turbati a seguito della morte e del funerale di Lou Gehrig, gli Yankees persero la loro terza partita consecutiva, contro il pitcher Hal Newhouser e i Tigers, 5-4. DiMaggio colpì un triplo nell'angolo del campo a sinistra nel sesto inning, ma questo fu tutto per lui. La sola valida su cinque at-bats quel giorno vide scendere la sua media a .326, ma durante la striscia stava battendo un po' meglio .354 (29 su 82). Ted Williams, nel frattempo, stava tenendo il passo. Aveva ormai colpito in ventidue partite consecutive, e stava battendo ancora .500 (40 su 80!) durante la sua striscia, spingendo la sua stagione a un incredibile .434.

7 giugno 1941: Gara 22

I St. Louis Browns, dopo aver sostituito recentemente il manager Fred Haney con Luke Sewell, continuarono nel loro modo di perdere concedendo cinque punti nel nono inning agli Yankees che vinsero 11-7. DiMaggio colpì tre singoli quel giorno, mantenendo facilmente intatta la sua striscia a ventidue partite consecutive. A Chicago, nel frattempo, Williams era rimasto a una partita davanti a di DiMaggio colpendo un singolo in quattro at-bats e allungando la sua striscia a ventitre partite. La striscia di DiMaggio, naturalmente, era ancora una settimana dalla sua metà del record; quella di Teddy Ballgame sarebbe finita il ​​giorno dopo.

8 giugno 1941: Gare 23 & 24

Di nuovo, gli Yankees approfittarono dei St. Louis Browns, questa volta spazzando entrambi i giochi del doubleheader con il punteggio di 9-3 e 8-3. DiMaggio martellò i pitchers dei Brown con uno dei suoi più impressionanti spettacoli della stagione. Colpì due homer in apertura, poi andò profondo di nuovo nella seconda partita oltre ad un doppio. Realizzò in totale sette RBI in due partite. Altrove, Ted Williams cadde lungo la strada nel suo sforzo di mantenere il passo con la striscia di DiMaggio. In un doubleheader contro i Chicago White Sox, Williams andò senza valide in entrambi i giochi, fermando la sua striscia a ventitré partite di fila.

10 giugno 1941: Gara 25

Gli Yankees vinsero la loro quarta partita di fila quel pomeriggio al Comiskey Park di Chicago, superando i White Sox con un punteggio di 8-3. DiMaggio fu in grado di prolungare la sua striscia solo attraverso il beneficio di una decisione dello scorer ufficiale. Aveva battuto una palla fortissima sul terza base Dario Lodigiani nel settimo inning. Lodigiani ebbe difficoltà a controllare la palla e non potè fare la giocata; lo scorer la classificò come una valida, e la striscia visse un altro giorno. La tradizione del baseball dice che le no-hit e i perfect game spesso hanno bisogno di un piccolo aiuto da parte di una grande giocata difensiva o di una chiamata discutibile di un arbitro. Questa battuta di DiMaggio non era poi così controversa, ma nella cultura di oggi qualcuno avrebbe potuto sollevare qualche sopracciglia. Vabbè. Venticinque consecutive per Joe D.

12 giugno 1941: Gara 26

In una delle poche partite degli Yankees di notte del 1941, DiMaggio allungò la sua striscia a ventisei partite con un singolo nel quarto inning contro i Chicago White Sox. Più tardi, con il gioco in parità nella parte alta del decimo, diede alla sua squadra il punto vincente con un home run da solista. Gli Yankees vinsero 3-2 e si avvicinarono al primo posto dei Cleveland Indians.

14 giugno 1941: Gara 27

Gli Yankees tornarono a casa allo Stadium per affrontare il futuro Hall of Famer Bob Feller e gli Indians, al primo posto. Feller stava lavorando su una striscia tutta sua; dalla sconfitta del 9 maggio, aveva vinto otto decision consecutive, un successo che lanciava la sua stagione ad un impressionante record di 13-3. Quando DiMaggio andò a battere nel terzo inning, guardò tre ball consecutivi prima che Feller finalmente entrasse nella zona. DiMaggio colpì subito la palla, realizzando un drive nel buco sul centro-destra del campo per una doppio. Ancora una nota, Tommy Henrich colpì un homer per gli Yankees nel primo inning, estendendo un'altra striscia. Gli Yankees avevano colpito home runs in dieci partite di fila, una striscia che alcuni giornali locali cominciarono a seguire.

Bob Feller e Joe DiMaggio

15 giugno 1941: Gara 28

Con gli Yankees che giocavano in giorni consecutivi, per la prima volta in una settimana, DiMaggio realizzò una sola valida contro i Cleveland Indians in quel pomeriggio nel Bronx, ma fu sufficiente per continuare le due strisce. DiMaggio colpì il suo tredicesimo home run dell'anno, un'esplosione che finì sul ponte superiore, portando la sua striscia personale a ventotto partite e la striscia della squadra degli Yankees a undici home runs. Gli Yankees sconfissero gli Indians 3-2, sempre al primo posto, per la loro settima vittoria di fila; ora erano a solo due partite dalla testa della classifica della League.

Con ventotto partite, DiMaggio era ormai solo a una sola partita dietro il record degli Yankees, detenuta congiuntamente da Earl Coombs (1931) e dall'attuale manager di Cleveland Roger Peckinpaugh (1919). I reporters si stavano chiedendo se DiMaggio avesse potuto sfidare il record di tutti i tempi, detenuto da George Sisler nel 1922 con quarantuno partite consecutive. Contattato dal New York Daily News, Sisler disse, "Non si può immaginare lo sforzo. I giornali continuano a menzionare la striscia. I vostri compagni di squadra a parlarne continuamente. Si tenta di dimenticare, ma non può essere fatto. E' nella tua testa ogni volta che avanzi al piatto". E lui non aveva avuto a che fare con i collegamenti in diretta di ESPN, più probabilmente fumava sigarette con tonnellate di nicotina.

16 Giugno 1941: Gara 29

Nella partita finale della loro prova di forza allo Stadium con i Cleveland Indians, gli Yankees conquistarono la vittoria per 6-4 e si avvicinarono ad una partita dal primo posto. DiMaggio colpì un doppio a sinistra nel quinto inning, stabilendo il record degli Yankees e realizzando la sua ventinovesima partita consecutiva. Il seconda base Joe Gordon aveva colpito un home run in precedenza nel quarto inning, e così gli Yankees avevano allungato la striscia a dodici partite consecutive. Gli Yankees avevano ormai vinto otto partite di fila, e sembravano aver finalmente intrapreso la loro stagione andando nella giusta direzione.

17 giugno 1941: Gara 30

I Chicago White Sox ruppero la striscia vincente di New York con una vittoria per 8-7, ma le altre due strisce yankee continuarono. Charlie Keller battè un fuoricampo sul ponte superiore nell'ottavo inning, pareggiando temporaneamente e portando a tredici le partite di fila con almeno un home run degli Yankees, ma i Sox vinsero nel nono inning. DiMaggio stabilì il record di tutti i tempi degli Yankees battendo valido in trenta partite consecutive, ma ebbe bisogno di un po' di fortuna. Si presentò al piatto nel settimo inning, ancora senza una valida, e colpì una palla a terra difficile direttamente sull'interbase di Chicago, Luke Appling. Ma poco prima che Appling potesse raccogliere il grounder e porre fine alla striscia, la palla prese una brutto rimbalzo, che colpì Appling alla spalla. Non aveva fatto la giocata e DiMaggio continuò la striscia. A volte è meglio essere fortunati che bravi. Molto più su quello che successe il giorno dopo …

18 giugno 1941: Gara 31

Gli Yankees persero la loro seconda partita consecutiva con i White Sox, con un punteggio stretto di 3-2. DiMaggio gestì un singolo in tre at-bats, un blooper sopra la testa dell'interbase Luke Appling, ma fu sufficiente per mantenere viva la striscia. Un home run da due punti di Charlie Keller nel secondo rappresentò tutto il bottino degli Yankees ma allungò a quattordici le partite di fila in cui i battitori dei New York avevano colpito almeno un fuoricampo.

Ci furono alcuni che credevano che i singoli di DiMaggio nelle Gare trenta e trentuno fossero discutibili. La palla che saltò fuori sulla spalla di Appling il 17 fu vista come particolarmente controversa, e vari giornalisti al momento riferirono che i fans allo stadio rimasero in silenzio nell'attesa della decisione dello scorer ufficiale. Questo scorere ufficiale era Dan Daniel, e nel mese di ottobre del 2007 David Robeson scrisse un articolo su The Walrus in cui affermava che la valutazione faziosa di Daniel aveva erroneamente dato a DiMaggio due valide che non meritava (la battuta nella Gara 31 uscì fuori dal guanto di Appling, e Robeson sostiene che avrebbe dovuto essere assegnato un errore). Ecco il punto cruciale del ragionamento di Robeson:

In linea con l'etica dell'epoca, Dan Daniel, un popolare scrittore che seguiva il baseball dal 1909, godeva di tutti i vantaggi della protezione degli Yankees. Aveva viaggiato in amicizia con i giocatori, e le sue spese erano pagate dal club stesso. Daniel era, per gli standard moderni, parte della squadra, tanto un PR come un reporter. Aveva scritto ampiamente di DiMaggio, definendolo "The Big Dago" prima ancora che DiMaggio entrasse nei bigs, e fu lui che creò la citazione: "Ecco il sostituto di Babe Ruth". Fece un meraviglioso ritratto di The Clipper: era un bello scapolo che pattugliava la posizione più venerata in tutti gli sport, il campo centrale per i New York Yankees. Capitò anche che Daniel fosse il testimone più importante per la striscia. Il motivo? Questo amico di DiMaggio e quasi dipendente dei New York Yankees, incredibilmente quando accadde era pure lo scorer ufficiale delle partite casalinghe degli Yankees - il vero arbitro delle valide e degli errori. Per le partite allo Yankee Stadium, Daniel, e solo Daniel, decise se DiMaggio doveva essere accreditato di una valida.

Non c'è, naturalmente, nessun video di quella giocata, quindi ci ritroviamo solo con un box scorer e una manciata di testimonianze scritte. Una cosa è certa, però. Ci sono innumerevoli variabili nel gioco del baseball, che vanno dal punto di vista di un arbitro di un lancio nei pressi di un angolo esterno alla distanza di una recinzione del campo rispetto ad un altro. La decisione di uno scorer ufficiale è semplicemente una cosa che va oltre il controllo di un giocatore. DiMaggio aveva una valida il 17, un'altra il 18, e molto di più dopo.

L'aterisco nella contestata 31a partita

19 giugno 1941: Gara 32

DiMaggio evitò qualsiasi dramma colpendo valido nel primo inning, per portare la striscia a trentadue partite di fila. Apparentemente rilassato, continuò a raccogliere un altro singolo nel quinto e un home run all'ottavo. Questi sforzi, insieme con un grand slam di Charlie "King Kong" Keller, portarono alla vittoria gli Yankees che riuscivono a recuperavano la partita finale della serie da tre con i White Sox, vincendo 7-2. Trentadue consecutive per Dimag, quindici home runs per gli Yankees, e un home run in tre partite di fila per Keller. Non era affatto male.

20 giugno 1941: Gara 33

I Detroit Tigers arrivarono a New York per una serie di tre partite e furono accolti duramente dai Bronx Bombers, che schiacciarono i lanciatori di Detroit con una vittoria per 14-4. Tommy Henrich colpì un alto drive nelle tribune a destra nel primo inning, mantenendo viva la striscia degli home runs Yankees a sedici partite, e DiMaggio battè valido subito dopo per mantenere la propria striscia. Aggiunse altre tre valide, due singoli e un doppio, per darsi un bel 4 su 5 nel pomeriggio. Con sette valide in due giorni, la media battuta stagionale di DiMaggio era salita fino a .354, abbastanza buona per il quinto posto della League, ma ancora molto dietro a Ted Williams, che guidava la classifica con .420. DiMaggio si trovava ora a otto partite dal record di Sisler, che era ancora il record di tutti i tempi, e sembrava vi prestasse attenzione. Molto più tardi, DiMaggio ricorderà questa partita come fondamentale: "Non mi ero riscaldato fino a quando giocai la 33a Gara". Mentre arrivava l'estate nel Bronx, DiMaggio avrebbe avuto ancora più caldo.

21 giugno, 1941: Gara 34

DiMaggio andò a battere nel primo inning e riuscì a colpire un singolo sopra la testa del prima base di Detroit, Rudy York, estendendo la sua striscia a trentaquattro partite consecutive. Questo totale eguagliò la striscia di George McQuinn del 1938; tutto ciò che restava era la striscia di Ty Cobb del 1911 con quaranta partite e le quarantuno di Sisler. Continuò pure l'altra striscia, con Phil Rizzuto (Holy Cow!) che colpì un fuoricampo a sinistra. Gli Yankees avevano battuto home runs in diciassette partite di fila, eguagliando il record della major league. Niente di tutto questo fu sufficiente per guadagnare la vittoria in questo primo giorno d'estate, con i Tigers che si imposero per 7-2.

22 giugno 1941: Gara 35

Ci volle un po', ma nel sesto inning DiMaggio andò a battere e prese due piccioni con una fava, colpendo un home run a destra, per portare la sua striscia personale a trentacinque partite e allungare la striscia degli home runs Yankee e realizzare il record della major league di diciotto partite di fila. Il fuoricampo diede alla sua squadra un breve vantaggio, ma ebbero bisogno di un recupero con due-out del nono inning (che comprendeva anche un doppio di DiMaggio) per guadagnare la vittoria 5-4.

24 giugno 1941: Gara 36

I St. Louis Browns, una delle peggiori squadre di baseball, arrivò allo Yankee Stadium per una serie di tre partite, e gli Yankees presero subito il vantaggio, vincendo facilmente la prima gara, 9-1. Red Rolfe colpì un home run per i Bombers nel secondo inning, mantenendo viva la striscia dei fuoricampo, ma DiMaggio fece aspettare i tifosi un po' più a lungo per vedere se riusciva a prolungare la sua striscia di partite con valide. Colpì un ground out nel primo, un pop up nel terzo, e poi fu vittima delle dimensioni dello stadio mentre colpiva una lunga volata al centro sinistro, che fu presa al volo a 139 m dal piatto di casa base. Infine, nell'ottavo inning, The Clipper concluse la suspense battendo un singolo sopra la testa dell'interbase. Ted Williams era entrato in slump. Era senza valide per la seconda partita di fila, e la sua media era crollata a .403.

25 giugno 1941: Gara 37

DiMaggio non aspettò quasi tutto il tempo che aveva utilizzato il giorno precedente per mantenere viva la sua striscia. Colpì un homer da due punti a sinistra nel quarto inning, estendendo la striscia della squadra per i fuoricampo a venti partite di fila e la sua personale striscia a trentasette partite consecutive. Ora era a solo quattro partite dalle 41 partite consecutive di George Sisler. L'home run era il 16° dell'anno per DiMaggio, e si trasferì al primo posto nella classifica dellAmerican League. Basandosi su questo vantaggio iniziale, gli Yankees sconfissero i Browns 7-5, e si collocarono con Cleveland al primo posto nell'AL.

26 giugno 1941: Gara 38

Ormai gran parte della nazione stava seguendo quotidianamente la striscia di DiMaggio attraverso aggiornamenti radio e giornali. Oltre ai tifosi, i compagni di squadra di DiMaggio erano acutamente consapevoli di quello che stava succedendo, come testimonia il dramma di questa trentottesima partita. DiMaggio andò al volo nel secondo inning, ma il suo quarto inning alla battuta fu più movimentato. Colpì un duro grounder che l'interbase John Berardino trasformò in un evidente errore (il ventiquattrenne Berardino, tra l'altro, avrebbe avuto una carriera trascurabile di undici anni con una manciata di squadre di baseball, ma una carriera quarantennale come attore. I fans delle soap potrebbero ricordarlo nei trentennali panni del Dr. Steve Hardy in "General Hospital"). Come DiMaggio attraversò salvo la prima base, i suoi compagni di squadra si radunarono sul gradino più alto del dugout, scrutando il tabellone in attesa della decisione dello scorer ufficiale. Quando fu imputato l'errore, i giocatori si infuriarono. DiMaggio era 0 su 2.

Dopo un altro groundout nel sesto, questa volta in terza, la pressione cominciò a salire, ed è qui che le cose si fecero interessanti. Gli Yankees conducevano 3-1 sui Browns e andarono a battere per quella che sarebbe stata probabilmente l'ultima volta nella parte bassa dell'ottavo inning, e DiMaggio doveva battere per quarto. Il primo battitore, Johnny Sturm, colpì un pop up per il primo out, ma Red Rolfe andò in prima su base su ball. Con DiMaggio on-deck, Tommy Henrich entrò nel box, ma si rese conto che sarebbe stato perduto tutto se avesse colpito in doppio gioco. Aveva colpito un fuoricampo prima per allungare la striscia di home run, ma ora era più preoccupato della striscia di DiMaggio. Chiamò tempo per consultarsi con il manager degli Yankees, Joe McCarthy, e suggerì che forse avrebbe dovuto fare un bunt. Anche se il punteggio e la situazione di gioco chiaramente dettava altrimenti, McCarthy gli diede l'ok. Henrich mise giù il bunt e fece avanzare Rolfe in seconda, evitando il doppio gioco e portando DiMaggio nel box per un colpo finale. A questo punto della striscia, DiMaggio era diventato più aggressivo del solito al piatto, preferendo battere il primo lancio battibile che vedeva piuttosto che mettersi in un buco di due strike o accettare una base su ball. In questo finale di battuta, battè il primo lancio che vide e il line passò la terza base e finì nell'angolo del campo a sinistra per un doppio. Sia la folla che la sua squadra gli tributarono una prolungata standing ovation. Trentotto partite consecutive con almeno una valida.

Come ulteriore prova della frenesia della folla su DiMaggio, il lanciatore partente degli Yankees Marius Russo aveva realizzato una no-hit nel settimo inning, ma nessuno sembrò accorgersene. Gli Yankees vinsero la partita 4-1, e rimasero al primo posto alla pari con gli Indians, ma in questa giornata, almeno, a nessuno sembrava importasse.

27 giugno 1941: Gara 39

DiMaggio e gli Yankees allungarono le loro due strisce a Philadelphia affrontando gli Athletics di Connie Mack e persero la prima partita della serie 7-6. Però, DiMaggio non ripropose la drammaticità del giorno precedente in quel pomeriggio battendo il primo lancio che vide nel primo inning per un singolo. Con la sua striscia in sicurezza per un altro giorno, DiMaggio si prese cura della striscia della squadra nel settimo quando mise a segno un fuoricampo a sinistra. Era il suo diciassettesimo della stagione, che gli permise di rimanere il leader dell'American League.

28 giugno 1941: Gara 40

Gli Yankees recuperarono dalla sconfitta del giorno precedente battendo gli A's 7-4. Oltre alla vittoria, che mise i Bombers di nuovo in testa alla classifica, allungarono entrambe le strisce. Al settimo inning il fuoricampo di Charlie Keller portò il record degli Yankees a ventitre partite consecutive.

La pressione su DiMaggio, che entrava in campo mancandogli solo due partite dal moderno record di George Sisler (mentre era stato riscoperta la striscia record di Wee Willie Keeler nel 1897 con 44 partite consecutive), era aumenta ogni giorno. La maggior parte dei lanciatori che avevano affrontato DiMaggio durante la striscia presero il confronto come una sfida, e avevano cercato disperatamente di eliminarlo con la loro roba migliore, ma il lanciatore iniziale di Philadelphia, Johnny Babich, si avvicinò a questa partita con un piano di gioco diverso. Non aveva fatto mistero della sua intenzione di non dare a DiMaggio niente da battere, non importa quale fosse il conteggio o la situazione del gioco.

Fedele alla sua parola, Babich lanciò 3 ball consecutivi con DiMaggio al piatto nel terzo inning. Lanciò poi quello che avrebbe dovuto essere stato il quarto ball, un lancio a diversi centimetri dal piatto. Invece di accettare la sua base su ball, però, DiMaggio allungò la mano e colpì un line drive alto che mancò Babich viaggiando nel buco nel centrodestra per un doppio. La nazione ora era in attesa di cosa sarebbe successo il giorno dopo, quando Di Maggio avrebbe avuto la possibilità di eguagliare e superare il record di Sisler nel doubleheader a Washington contro i Senators.

29 giugno 1941: Gare 41 & 42

Gli Yankees andarono a Washington per giocare un doubleheader contro i Senators, davanti a 31000 fans che riempirono lo stadio per vedere il tentativo di DiMaggio di eguagliare e superare il record di George Sisler. Il pitcher partente dei Senators nel gioco di apertura era il knuckleballer Dutch Leonard, probabilmente l'ultimo tipo di lanciatore che un battitore con una striscia calda avrebbe voluto affrontare. DiMaggio trovò difficoltà nei suoi primi due at-bats, al volo al centro nel secondo e pop up sulla terza nel quarto inning. Nel sesto inning, Leonard fece l'errore di cercare di lanciargli una fastball che DiMaggio colpì per un doppio nel centro sinistra, eguagliando il record a quarantuno partite consecutive. Nel nono inning, Tommy Henrich colpì un fuoricampo da punti nelle tribune, portando il punteggio finale a 9-4, allungando la striscia di home runs degli Yankees a ventiquattro partite di fila.

Joe DiMaggio mentre cura la sua mazza

Ma torniamo a DiMaggio. Mentre si preparava per realizzare la sua chance di passare Sisler nella seconda gara, scoprì che la sua mazza era stata rubata. Nei giorni prima i giocatori avevano scatole di mazze firmate a loro disposizione, e DiMaggio si trovò improvvisamente senza spada per entrare in battaglia nel pomeriggio. Qualche settimana prima, invece, Tommy Henrich aveva preso in prestito una mazza di DiMaggio, cercando di cambiare la sua fortuna. Aveva certamente lavorato per Henrich, e ora, in questa ora disperata, la offrì di nuovo a Di Maggio.

Con la sua vecchia mazza in mano, DiMaggio sembrava a disagio per la seconda partita. Lui di solito preparava le sue mazze sabbiando il manico per creare lo spessore desiderato, ma non c'era tempo per questo ora. Inoltre, come tantissimi giocatori di baseball di allora e di oggi, era molto superstizioso, e non gli piaceva l'idea di cambiare qualcosa nel bel mezzo della striscia, soprattutto la mazza, ma non c'era scelta.

Per gran parte della partita, sembrò che il ladro della mazza avesse salvato il punto di Sisler nel libro dei records. DiMaggio colpì un fly out a destra nel primo inning, un line out corto nel terzo, poi ancora un fly out al centro nel quinto. Quando andò a battere nel settimo inning, era forse la sua ultima possibilità per stabilire il record. Con la folla in piena eccitazione, e sul conteggio di 1-0 colpì la fastball in campo a sinistra per un singolo. La folla di Washington, incurante della sconfitta per 7-5 della loro squadra, gridò di gioia per l'impresa di DiMaggio - quarantadue partite di fila. Quale fu la risposta di DiMaggio? "Certo, sono deliziato. Penso sia il momento più emozionante che ho conosciuto da quando sono entrato nelle major".

L'home run nel secondo inning di Joe Gordon spinse la strisca a venticinque partite consecutive, e aiutò gli Yankees a prendere una partita e mezza di vantaggio sul secondo posto dei Cleveland.

30 giugno 1941 - L'articolo del The Bethlehem Globe-Times per la 41a partita con almeno una valida di Joe DiMaggio

30 giugno 1941 - L'articolo del The Springfield Union per la 42a partita con almeno una valida di Joe DiMaggio

1 luglio 1941: Gare 43 & 44

Più di 50000 fans riempirono lo Yankee Stadium per vedere DiMaggio che provava a battere il record di tutti i tempi. Wee Willie Keeler aveva colpito in quarantaquattro partite di fila nel 1897. Il pubblico fremeva per il record, ed erano anche senza dubbio entusiasti di vedere la battaglia tra Ted Williams e Red Sox. Nella partita di apertura, DiMaggio andò a vuoto nei suoi primi due at-bats, foul flyball nel primo inning e groundout in terza nel terzo. Nel quinto, colpì un altro grounder in terza, ma il terza base Jim Tabor tentennò momentaneamente prima di sparare all'impazzata in prima, consentendo a DiMaggio di andare in seconda.

Lo scorer ufficiale gli assegnò una valida, anche se molti contestarono la decisione. La folla, per inciso, fu lasciata al buio, poiché il tabellone in quel momento non lampeggiava la H o la E che i tifosi moderni sono abituati a vedere. La maggior parte delle persone allo stadio non sapevano se la striscia fosse stata prorogata. Con il suo successivo at-bat, però, DiMaggio cancellò ogni dubbio con un line drive nel campo a sinistra. La folla esplose con un'ovazione che durò ben cinque minuti. Gli Yankees vinsero la partita, 7-2, ma per la prima volta in quasi un mese non avevano colpito palle sopra la recinzione. Il loro record di fuoricampo di venticinque partite di fila credo duri ancora oggi (È un record difficile da rintracciare).

Va inoltre osservato che vi erano due DiMaggio che giocavano all'esterno centro quel giorno; Il fratello minore di Joe, Dom, era nell'altra panchina con i Red Sox, e colpì il suo quarto fuoricampo della stagione nel sesto inning della gara d'apertura del doubleheader.

I fratelli Dom e Joe DiMaggio

DiMaggio si prese cura di riaffermare il proprio record molto prima nella seconda partita. Mise a segno un singolo sopra l'interbase nel primo inning per eguagliarer il record di Keeler. Gli Yankees vinsero facilmente in una partita accorciata di cinque inning, 9-2, e allungarono il loro vantaggio nell'American League di 2 partite e 1/2 sui Cleveland Indians.

2 luglio 1941: Gara 45

Gli Yankees sconfissero i Red Sox 8-4 per la loro sesta vittoria consecutiva, aumentando il proprio vantaggio nell'AL con tre partite su Cleveland. Avendo DiMaggio già eguagliato il record di Keeler, il pubblico presente fu molto più ridotto, ma gli 8662 tifosi allo stadio quel giorno videro come stabilì il record di quarantacinque partite di fila. Il lungo line di DiMaggio uscì vertiginosamente sopra la testa di Ted Williams e andò a sbattere sulle tribune del campo a sinistra per il suo diciottesimo fuoricampo della stagione. Dopo la partita, un giovane Williams ammise l'ammirazione per DiMaggio: "Devo essere onesto. Vorrei davvero poter battere come Joe DiMaggio". Williams poteva colpire abbastanza bene lui stesso. Al momento stava battendo .401.

6 luglio 1941: Gare 47 & 48

Gli Yankees avevano previsto un enorme doubleheader per il 4 luglio ed erano pronti a onorare Lou Gehrig, recentemente scomparso, scoprendo un monumento nel centro del campo per l'anniversario dei due anni del Lou Gehrig Day in cui fece il memorabile discorso, ma la pioggia spostò la celebrazione al giorno 6. Con più di 60000 tifosi a rendere omaggio al capitano degli Yankees, DiMaggio e il team si superarono per l'occasione. Gli Yankees sconfissero gli A's 8-4 nella gara d'apertura prima di chiudere il conto con la vittoria per 3-1 nella partita serale per la loro nona vittoria di fila; ora conducevano la League con un comodo vantaggio di tre partite e mezza. DiMaggio, nel frattempo, visse un grande giorno. Battè tre singoli e un doppio nel primo gioco e aggiunse un'altro doppio e un triplo nel secondo gioco. Il suo 6 su 9 nella giornata spinse la sua media battuta a un robusto .357 in stagione, ma rimaneva ancora indietro a Ted Williams con il suo margine considerevole di .405.

6 luglio 1941 - La cerimonia della scopertura della targa in memoria di Lou Gehrig

8 luglio 1941: The All-Star Game

Le statistiche dell'All-Star, ovviamente, non incidono sui totali della regular season o sui record, così gli at-bats di DiMaggio certamente non avrebbero avuto alcun effetto sulla sua striscia di valide, ma c'era ancora molta pressione. C'era la sensazione tra i fans e i giornalisti che se DiMaggio non avesse realizzato una valida nell'All-Star Game, la striscia poteva essere in qualche modo contaminata. Nessuno sapeva quanto tempo si sarebbe estesa al di là dell'All-Star Game, ma se DiMaggio fosse andato hitless contro la National League, sarebbe stato applicato un asterisco, se non nel libro dei record, certamente nella mente di molti tifosi.

DiMaggio colpì un pop up sulla terza per l'out finale del primo inning, un fly out al centro con un corridore in seconda nel quarto, poi prese la base su ball e segnò nel sesto. Nel modo in cui la partita viene giocata e diretta oggi, ci sarebbe stata la doccia e il ritorno in albergo a metà della gara, ma invece DiMaggio andò a battere nell'ottavo e colpì un doppio, eliminando la necessità di eventuali asterischi mentali. Suo fratello Dom lo portò a punto per ridurre lo svantaggio sulla NL a 5-3, in preparazione del dramma della parte bassa del nono.

Con un out nell'inning finale, Ken Keltner dei Cleveland colpì un singolo e poi avanzò in seconda sul singolo di Joe Gordon. Dopo che Cecil Travis ricevette la base su ball, la scena era pronta per DiMaggio. Si avvicinò al piatto come la stella indiscussa delle stelle, il più famoso atleta in America nel bel mezzo di una striscia che aveva catturato l'attenzione di tutta la nazione. E ora, con la sua squadra dell'AL in svantaggio di due punti, DiMaggio andò a battere con le basi piene nella parte bassa del nono. L'eroe dell'America sarebbe stato l'eroe. Sembrava quasi fosse stato preparato.

Non fu proprio così. DiMaggio colpì una palla a terra sull'interbase, e improvvisamente la partita sembrava finita. L'interbase dei Boston Braves, Eddie Miller, raccolse la palla in modo pulito e con un flip la passò al seconda base dei Cubs, Herman Franks, per il primo out. Il relè di Franks in prima, però, era spostato. DiMaggio arrivò salvo, Keltner segnò, e Ted Williams si avvicinò al piatto.

Williams, naturalmente, era ancora più caldo di DiMaggio, quindi forse il risultato non avrebbe dovuto essere così sorprendente. Williams scelse una fastball che gli piaceva di Claude Passeau e la spedì nel piano superiore del lato destro del campo per lo walk off home run da tre punti che portò alla vittoria l'AL. Williams, normalmente tranquillo, letteralmente saltò intorno alle basi in festa. American League 7, National League 5.

Ted Williams arriva a casa base dopo lo walk off home run da tre punti nel nono inning accolto da Joe DiMaggio (# 5) e il coach Merv Shea (# 30)

10 luglio 1941: Gara 49

Dopo la pausa dell'All-Star Game, gli Yankees andarono a St. Louis per un matchup con i modesti Browns. Per la quarta partita di fila, DiMaggio assicurò la sua hit necessaria nel primo inning, questa volta individuando su un grounder nel buco dell'interbase per uno delle sole tre valide Yankees di quel giorno. Fu fortunato nell'essersi preso cura della striscia così presto, perchè la partita terminò per la pioggia dopo appena cinque inning, dando agli Yankees la vittoria per 1-0.

11 luglio 1941: Gara 50

A questo punto, sembrava che la striscia di DiMaggio potesse andare avanti per sempre. Arrivava sempre solo un giorno alla volta, e anche quel giorno DiMaggio mantenne la striscia in vita. Gli Yankees con un vantaggio di quattro partite dai Cleveland sconfissero i Browns 6-2, per la loro undicesima vittoria consecutiva. Ancora una volta, DiMaggio mise a segno un singolo nel primo inning per raggiungere le cinquanta partite con almeno una valida di fila, ma era tutt'altro che finito. Avrebbe battuto valido altre due volte per poi finire la sua giornata fracassando il suo ventesimo home run nel nono inning per il primo posto nella League. Andò 4 su 5 quel giorno, alzando la sua media a .365, ancora ben al di sotto di Ted Williams. Lo slugger di Boston era entrato in slump, e la sua media era scesa fino a .398. Come la storia ci racconta, avrebbe recuperato.

12 luglio 1941: Gara 51

Un altro giorno, un'altra vittoria per gli Yankees contro i Browns. Questa volta, vinsero 7-5, e portarono a dodici la loro striscia di vittorie consecutive. DiMaggio dovette aspettare fino al quarto inning per ottenere la sua valida, un solido doppio al centro del campo. Avrebbe aggiunto un singolo più tardi. Gli Indians avevano perso con gli A's, e così il vantaggio degli Yankees era di cinque partite.

13 luglio 1941: Gare 52 & 53

Gli Yankees realizzarono una sweep nel doubleheader contro i Chicago White Sox, allungando la loro striscia vincente a quattordici di fila, e pure DiMaggio mantenne la sua striscia. In apertura, DiMaggio colpì una discutibile valida quando sul suo corto grounder Luke Appling commise un errore. La valutazione dello scorer ufficiale era discutibile, ma quando DiMaggio andò a battere nel quarto, mise a segno un singolo pulito al centro del campo, chiudendo ogni potenziale controversia prima che potesse iniziare. Entrambe le valide furono battute contro il partente dei White Sox, Ted Lyons, che era diventato il secondo lanciatore a rivendicare il merito di aver concesso un homerun a Babe Ruth, durante la sua storica stagione di sessanta fuoricampo nel 1927 e una valida a DiMaggio durante la sua striscia. Il primo era stato l'Hall of Famer Lefty Grove. Dopo aver vinto la prima partita 8-1, DiMaggio realizzò una sola valida nella seconda partita, una vittoria in undici inning degli Yankees per 1-0, e la striscia avrebbe vissuto per un altro giorno.

14 luglio 1941: Gioco 54

Gli Yankees persero per la prima volta in due settimane, 7-1 con i White Sox, ma DiMaggio mantenne la sua striscia in vita per un altro giorno, colpì un singolo infield nel sesto. Ci sarebbe stato il dramma nei prossimi giorni, ma per ora questa era stata solo un'altra partita nella striscia.

15 luglio 1941: Gara 55

Gli Yankees recuperarono contro il Sox, vincendo 5-4 mentre DiMaggio raccolse altre due valide per raggiungere le cinquantacinque partite consecutive. Arrivò in prima su errore nel primo inning, poi sparò una palla a terra sopra la seconda base per un singolo nel terzo. Colpì pure un doppio più avanti nel gioco.

16 luglio 1941: Gara 56

Con il tempo, naturalmente, questa cinquantaseiesima partita sarebbe diventata nota come la gara finale del record della striscia di valide in partite consecutive di Joe DiMaggio, ma al momento era solo un'altra partita di una striscia che avrebbe potuto andare avanti per sempre. Giornali e radio ancora effettuavano notiziari sugli at-bats di DiMaggio, ma non c'era un record su cui puntare; l'unico problema era il tempo che avrebbe potuto continuare la striscia. In quel giorno, la risposta fu la stessa come era stata per le precedenti cinquantacinque partite: un altro giorno.

Come gli Yankees sconfissero sonoramente Cleveland 10-3 spingendo gli Indians indietro di cinque partite dal primo posto, DiMaggio raccolse le ultime tre valide della sua striscia. Colpì una valida al centro nel primo inning, seguito da un blooper che cadde davanti all'esterno centro nel terzo e un doppio a sinistra nel suo at-bat finale della giornata.

In un'intervista dopo la partita, DiMaggio aveva parlato di come era cambiata la pressione. Mentre inseguiva il record di Keeler aveva sentito l'importanza di ogni at-bats, sapendo che ogni occasione persa poteva significare la fine della striscia. A questo punto, però, sentiva ancora la pressione per realizzare una valida, ma non in tutti i turni di battuta. DiMaggio aveva anche due obiettivi che lo avevano tenuto concentrato sulla striscia. In primo luogo, aveva parlato di voler ripetere la striscia di sessantuno partite con almeno una valida che aveva realizzato nelle minor league con i San Francisco Seals, e in secondo luogo, che voleva raggiungere Ted Williams per il titolo di battuta della League. Il suo 3 su 4 del pomeriggio aveva spinto la sua media stagionale a .375, venti punti sotto quella di Williams che si trovava ora a .395.

17 luglio 1941: Fine della triscia

Questa fu, infine, la notte in cui sarebbe finita la striscia di Joe DiMaggio. Gli Yankees superarono gli Indians 4-3, ma tutti gli occhi erano puntati su DiMaggio, come al solito. La fortuna è una parte enorme del baseball, forse più grande di qualsiasi altro sport, quindi non c'è da sorprendersi che Joe D. beneficiasse di più di un paio di colpi di fortuna in tutta la striscia. La cosa interessante di DiMaggio dei quattro at-bats di quella notte è come avrebbe potuto facilmente estendere la striscia avendo appena ottenuto il minimo della fortuna.

I probabili cattivi di quella che fu la partita # 57, Al Smith, Jim Bagby e Ken Keltner, diventarono tutti famosi per la loro parte nella fine della striscia di DiMaggio, ma altri poteri sembravano essere in gioco qui. DiMaggio nel primo at-bat, colpì una dura rimbalzante sulla linea in direzione della terza. Il terza base di Cleveland, Keltner, stava giocando incredibilmente profondo. DiMaggio si ricorda che lui era in realtà sull'erba dell'outfield. Sapeva che DiMaggio non avrebbe mai fatto un bunt (infatti, DiMaggio non mise mai in campo un bunt durante la striscia), e aveva uno dei bracci più forti della League, che gli permetteva di giocare più profondo della maggior parte dei terza base. Come la palla cominciò a viaggiare verso la linea, indirizzata verso l'angolo leftfield e sicuramente un doppio, Keltner in qualche modo riuscì a prendere la palla in backhand dietro il sacco. Il suo slancio lo portò in territorio foul, ma si girò di scatto e sparò un proiettile in prima base, eliminando DiMaggio (Nella foto DiMaggio e Keltner scherzano anni dopo per le telecamere).

Lo starter dei Cleveland, Al Smith, poi mandò DiMaggio in base su ball nel suo successivo at-bat, con grande costernazione della folla di Cleveland, che si stava avvicinando ai 70000 spettatori. Nel suo terzo at-bat, DiMaggio nuovamente testò Keltner con un'altra distruttiva rimbalzante lungo la linea, e il risultato fu lo stesso. Keltner fu abile con il guanto e sparò in prima, eliminando DiMaggio di un passo. In quello che sarebbe stato il suo at-bat finale della striscia, Di Maggio si presentò nel box all'ottavo inning e prontamente colpì un grounder sull'interbase Lou Boudreau. La palla prese un rimbalzo malvagio, e se la fortuna fosse stata con DiMaggio quella notte la palla avrebbe potuto finire nel campo a sinistra per un singolo. Invece, Boudreau prese la palla facilmente e diede inizio a un doppio gioco 6-4-3. La striscia era finita.

O forse non lo era ancora? Sotto 4-1, Cleveland mise in scena un recupero al nono inning per portare il punteggio sul 4-3. Se avessero potuto pareggiare e andare agli inning supplementari, Di Maggio avrebbe avuto un altro at-bat, come era programmato il lineup nella parte alta del decimo inning. Quel punto del pareggio in terza base era Larry Rosenthal. Non c'erano out, così gli inning supplementari sembravano quasi una certezza. Purtroppo per il nostro eroe, gli Indians non furono in grado di incassare in quel momento, e DiMaggio non ottenne quel qualcosa in più alla battuta. La striscia era davvero finita.

Gli Yankees avrebbero continuato il loro ritmo caldo nelle partite a venire, e alla fine avrebbero vinto facilmente il pennant, lasciando Cleveland lontano dal primo posto. E che dire di DiMaggio? Non riuscendo a battere valido nella 57a partita a quanto pare gli costò un accordo da 10000 dollari nel promuovere Heinz 57, ma DiMaggio prontamente iniziò un'altra striscia nella partita successiva. Questa seconda striscia durò diciassette partite, il che significava che se DiMaggio fosse riuscito a battere una valida in quella fatidica notte a Cleveland, avrebbe potuto mettere insieme una striscia di settantaquattro partite. Con la sua base su ball in questa partita, DiMaggio aveva preso la base settantaquattro volte consecutive, la seconda più lunga striscia nella storia, dietro solo alla stringa di 84 partite messe insieme da Ted Williams nel 1949.

La regular season del 1941, naturalmente, rimane memorabile non solo per la striscia di DiMaggio, che durò un po' più di un terzo della stagione, ma anche per l'impresa di Williams di realizzare una media battuta di .406, l'ultima volta che un battitore superava la barriera dei .400. Da un punto di vista dei numeri, il .406 di Splendid Splinter è generalmente percepito come più impressionante delle cinquantasei partite di Clipper, ma in quel momento non fu visto in questo modo. La necessità di DiMaggio di realizzare una valida in ogni partita ha affascinato la nazione in un modo che Williams non poteva, e pure la semplicità della striscia sicuramente svolse un ruolo. Non hai bisogno di una calcolatrice per tenere traccia di DiMaggio; o ha battuto una valida o non l'ha fatto.

Inoltre, nessuno aveva visto una striscia come quella di DiMaggio, ma i fans più anziani certamente ricordavano altri giocatori che avevano battuto .400. Anche se erano passati undici anni da quando Bill Terry aveva battuto .401 nel 1930, la barriera era stata toccata altre cinque volte nel decennio prima. La gente probabilmente sentiva come se la striscia di DiMaggio non sarebbe mai stata toccata, ma non avrebbero mai immaginato che 74 anni dopo non abbiamo ancora visto un altro .400 hitter.

Williams finì secondo al voto di MVP dietro a DiMaggio quell'anno. Anche se Williams aveva spesso parlato di desiderare di poter battere come DiMaggio, questo chiaramente non era il problema. Era un battitore migliore della sua controparte Yankee - anzi, meglio di qualsiasi hitter nella storia a parte Babe Ruth. Quello di cui aveva bisogno Williams era un po' d'amore.

Considerate questo. Williams aveva colpito .406 nel 1941, e vinse la Triple Crown nel 1942 e nel 1947, ma arrivò secondo nel ballottaggio di MVP in tutti e tre gli anni. La vittoria di DiMaggio nel '41 può essere scusata per "The Streak", ma gli altri due anni sono indifendibili.

Anno
MVP
Runner-Up
1941
DiMaggio (.357 / 30/125)
Williams (.406 / 37/120)
1942
Joe Gordon (.322 / 18/103)
Williams (.356 / 36/137)
1947
DiMaggio (.315 / 20/97)
Williams (.343 / 32/114)

Ma si trattava di Joe DiMaggio e della sua eccellente striscia di valide. Certamente fu uno dei due o tre migliori giocatori della sua epoca e uno dei più grandi giocatori della storia del baseball, ma "The Strake" lo eleva. Anche se alcuni lo hanno liquidato come un risultato eccentrico che è più di sfidare la probabilità di colpire le palle curve, DiMaggio è posizionato in modo permanente al centro della scena. Statisticamente non era buono come Mickey Mantle, e nemmeno nello stesso confronto con Lou Gehrig e Babe Ruth, ma grazie a questi due mesi tra la primavera e l'estate del 1941, si siede accanto a loro nella tradizione del baseball.

18 luglio 1941 - L'articolo del Taunton Daily Gazette per la fine della striscia di Joe DiMaggio

 

 

Tagliate e aprite una palla da baseball, e all'interno troverete una sfera incandescente di felicità con un pizzico di speranze e sogni.

Questo secondo la mia immaginazione, che in ogni caso, non è certamente la fonte più accurata.

In realtà, si sa, le palle da baseball sono fatte di cose molto più banali: sughero, gomma, filato, cuoio, ecc. Tagliate e aprite una palla da baseball, e non troverete nulla che vale la pena di vantarsi con i vostri amici.

Se volete veramente impressionarli, dovreste dire loro tutto su come le palle da baseball si sono evolute nel corso degli anni. Hanno percorso un lungo cammino dalla preistoria del gioco e dalla Dead-Ball Era.

Ce n'è abbastanza di storia da raccontare, e ora è il momento di entrare nell fantastico TARDIS (Time And Relative Dimension In Space), o macchina del tempo, e riviverla.

Dead-Ball Era

Non sappiamo molto su come erano le palle da baseball nei primi giorni, ma generalmente sappiamo che non esistevano due palle da baseball identiche.

Secondo un articolo del 1975 dal The New York Times, i lanciatori utilizzavano solo delle palle proprie. Sapendo questo, non è affatto sorprendente che Baseball-Reference.com racconti storie di palle da baseball che variavano per dimensioni e peso ed erano molto più morbide delle palle moderne.

La National League venne fondata nel 1876. Quell'anno, un pitcher dei Chicago White Stockings di nome A.G. Spalding lanciò un progetto che la League scelse di adottare come standard. Questo fu anche il modo in cui il business degli articoli sportivi di Spalding divennero una potenza.

A.G. Spalding

Al centro della palla Spalding c'era un nucleo di gomma che tendeva a favorire i lanciatori. Per Baseball-Reference.com, furono segnati una media di 3,94 punti a partita dal momento in cui la Major League Baseball venne costituita dal 1901 al 1910. Questo lasso temporale comprendeva anche una media di 0,13 fuoricampo a partita.

Tuttavia, le cose cambiarono durante le World Series del 1910. John McMurray, capo della SABR's Dead-Ball Era research committee, disse al New York Times nel 2011, che fu durante il Fall Classic del 1910 che la League introdusse una nuova palla che aveva un centro di sughero piuttosto che di gomma.

La sezione della palla da baseball con il nucleo di sughero da Popular Mecanics del 1910

La nuova sfera di sughero centrale fu messa in gioco nel 1911, e la bilancia piegò dai lanciatori verso i battitori.

La stagione 1910 vide una media di 3,83 punti e 0,14 fuoricampo a partita. La stagione 1911, invece, la media passò a 4,51 punti e 0,21 fuoricampo a partita. Frank Schulte fu leader della League con 21 home runs, una cifra che era più che raddoppiata rispetto al leader del campionato nel 1910.

Frank Schulte

Il boom offensivo durò sia nel 1912 che nel 1913, ma le cose tornarono di nuovo normali nel 1914 e la tendenza proseguì attraverso il 1919. In quel periodo, la media era di 3,72 punti e 0,16 fuoricampo a partita.

McMurray individuò il declino dell'attacco nella nuova tendenza che fu resa popolare da un hurler di nome Russ Ford: lo scuffing (lo sfregamento) della palla da baseball. E' interessante anche notare che la spitball era legale in quei giorni, ed è giusto concludere che molti lanciatori sono stati allegramente partecipi.

Russ Ford

Qualunque cosa fosse, la calma dei numeri offensivi non durò a lungo. Furono apportate modifiche alla palla, alla vigilia degli anni '20, e la Dead Ball Era si trasformò in Live-Ball Era.

Live-Ball Era

Permettetemi di raccontarvi una storia.

Secondo un articolo del 1946 del New York Times, un po' d'Australia iniziò ad entrare nella palla da baseball nel 1920, quando Spalding cominciò ad utilizzare la lana australiana sulle parti interne. William McNeil scrisse nel The Evolution of Pitching in Major League Baseball che il nuovo filato era più forte e permetteva un avvolgimento più stretto.

La nuova palla si dimostrò più vivace. Così in ogni caso la pensavano i giocatori.

Dopo una media di 3,88 punti e 0,20 fuoricampo per partita nel 1919, la media della League si alzò a 4,36 punti e 0,26 home runs per partita nel 1920. Nel 1925, La League aveva una media di 5,13 punti e 0,48 fuoricampo a partita, e le lamentele circa la nuova "rabbit ball" stavano arrivando da ogni parte.

I proprietari della National League cercarono di sedare i disordini nel 1925. Secondo il New York Times, decisero in un incontro di mezza estate che il Senior Circuit avrebbe continuato ad utilizzare la rabbit ball, in gran parte dovuto alle testimonianze del professore Harold A. Fales della Columbia University.

Le valutazioni dopo il lungo studio del professore Fales terminarono con questo esito:

"La palla del 1925 è di dimensioni maggiori, pesa di più, e dà al lanciatore molto meno controllo per il fatto che la cucitura della palla è molto più liscia e il filo della stessa quasi completamente svasato e a filo con la pelle della cucitura. L'elasticità della palla per piccole altezze di caduta, cioè 13,5 piedi (4,11 m), è praticamente la stessa".

Potrebbe infatti essere stato più difficile per i lanciatori far presa sulla rabbit ball. Le basi su ball ebbero un incremento nel 1920, passando da una media di 2,7 a partita tra il 1901 e il 1919 a una media di 3,0 a partita tra il 1920 e il 1929.

Lavorarono altresì contro lanciatori le nuove regole messe in atto nel 1920 che misero fuori legge gli spitballs e furono regolamentate le basi intenzionali, e il professor Fales evidenziò anche un'altra regola più recente come uno dei fattori. Prima del 1920, le palle da baseball raramente venivano cambiate in partita e così si sporcavano di più e si ammorbidivano per tutto il corso della partita. Le palle vennero cambiate più frequentemente a partire dal 1920, e ne beneficiarono i battitori.

E così la rabbit ball venne mantenuta, con il messaggio generale ai lanciatori da parte della League che suonava pressapoco così: "DEAL WITH IT" (Fattene una ragione!).

I pitchers se la fecero passare, ma costretti a sopportare la punizione nel 1929 e nel 1930 dimostrarono anche ai proprietari che così era troppo.

L'attacco esplose in queste due stagioni per la somma di 5,37 punti e 0.59 fuoricampo a partita. La stagione 1930 fu particolarmente ridicola, quando Hack Wilson, Babe Ruth, Lou Gehrig e Chuck Klein colpirono tutti 40 home runs e più e la linea di battuta della League andò ad un assurdo 0,296 / 0,356 / 0,434.

In un saggio di Jay Jaffe che è stato pubblicato du Deadspin nel 2012, l'anno 1931 fu l'anno in cui il nocciolo centrale di sughero venne sostituito da una pillola "cushion cork" che era una miscela di sughero e gomma. I punti e i fuoricampo subito scesero a 4,81 e a 0,43 a partita.

Continuarono ad esserci lievi differenze tra le palle utilizzate nell'American League e nella National League per i due anni successivi, ma le due Leagues convennero per una palla standard nel 1934.

E per la prima volta in assoluto, gli ingredienti specifici della palla della Major League Baseball vennero rivelati. Dal New York Times:

"La palla ha un nocciolo di sughero che pesa 7/8 di oncia (24,8 g), e sarà rivestito da uno strato di gomma nera e da un altro di colore rosso, la ragione per la quale non è stato reso noto.

Avvolto in 71 yards (64,9 m) di filo di lana grigio blu, a formare una palla della circonferenza di 7 3/4 di pollice (19,68 cm) e il peso di 3 1/8 di oncia (88,6 g). Sopra, viene avvolto 41 yards (37,4 m) di filo di lana bianca, e la circonferenza diventa 8 1/4 di pollice (20,95 cm), e il peso 3 7/8 di oncia (109,85 g). Viene applicata una mano di mastice di gomma speciale.

Altri due avvolgimenti di filo, il primo di 41 yards (37,4 m) di filo di lana grigio blu, e il secondo finale di 100 yards (91,4 m) di filo 20/2 di cotone fine, forniscono una circonferenza di 8 7/8 di pollice (22,54 cm) e un peso di 4 3/8 di oncia (124,02 g), al quale viene applicato un altro strato di mastice.

La copertina è una speciale pelle di cavallino conciato, del peso di 1/3 di oncia (9,44 g) e 5/100 di pollice (1,27 mm) di spessore, e cucito con un doppio punto di filo rosso a quattro fili. La palla finita misura da 9 a 9 1/8 di pollice (22,86 - 23,17 cm) di circonferenza e dovrebbe pesare da 5 a 5 1/8 di oncia (141,74 - 145,29 g)".

L'autore di questo articolo aggiunse: "Le specifiche ... sono altamente tecniche e indicano che c'è molto di più nella realizzazione di una palla da baseball ma coloro che sono impegnati nel commercio dubitano".

Sareste sorpresi di quanto poco le esatte specifiche siano cambiate dal 1934, ma la palla da baseball fece una leggera modifica pochi anni più tardi, quando i popoli della terra si trovarono in disaccordo in tutto il mondo.

Seconda guerra mondiale

La Major League Baseball perse una buona dose di talento durante la seconda guerra mondiale nel 1940, e molte stelle come Ted Williams, Joe DiMaggio e Bob Feller si offersero di servire il loro paese.

Tutti lo sanno, giusto?

Naturalmente loro lo fecero, ma uno degli effetti meno noti della guerra sul baseball ha a che fare con la palla. Noel Hynd di Sports Illustrated scrisse tutto su questo nel 1985:

"La gomma è un ingrediente essenziale del nucleo di una palla da baseball, e lo è sempre stato .... Ma quando i giapponesi invasero la Malesia e le Indie Orientali Olandesi, gli Stati Uniti furono tagliati fuori dalla loro usuale fonte di approvvigionamento. Circa una tonnellata di gomma era necessaria nella costruzione di un serbatoio e circa la metà di quella per un bombardiere a lungo raggio. Così lo Zio Sam aveva vietato l'uso della gomma in tutti gli articoli, non essenziali per lo sforzo bellico, e che comprendevano anche le palle da baseball".

I poteri forti nel baseball si sono dati da fare per trovare una controfigura adatta, e non fu presentata alla stampa fino a circa cinque settimane prima dell'opening day nel 1943.

Ecco Hynd di nuovo:

"Sembrava e dava la sensazione di una vera palla da baseball, ma aveva un centro di sughero granulato invece della miscela di sughero e gomma di alta qualità, e non c'era alcun guscio di gomma o involucro di gomma intorno a quel nucleo. Invece, per dare un po' di botto, c'erano due gusci duri di una sostanza simile alla gomma all'interno della sfera, che abbracciava il cuore ... Per la prima volta, gli americani udirono la parola inquietante 'balata', che era quello con cui erano stati fatti i due gusci".

Balata assomiglia alla gomma, ma è prodotto da alberi tropicali ed era normalmente utilizzato per la produzione di guarnizioni industriali e l'isolamento delle linee telefoniche. Mancava l'elasticità della gomma, e sarebbe diventato dolorosamente ovvio una volta che la palla fu messa in gioco nel 1943.

Proprio nessuno poteva colpire oltre la recinzione. Entro la fine di aprile, il campionato stava colpendo appena .223 con una percentuale di .270 di slugging. Danny Litwhiler stava conducendo la classifica dei fuoricampo con un totale di due.

Danny Litwhiler

Il baseball, ancora una volta, si è trovato a ricorrere all'improvvisazione. La palla fu ottimizzata più e più volte durante la stagione 1943. Alla fine, è diventata, nelle parole di Hynd, "accettabilmente vivace", e l'attacco in ultima analisi, è riuscito a raggiungere una rispettabile media di 3,91 punti e di 0,37 fuoricampo a partita.

Questo è tutto per la palla "balata". Dal 1944, la gomma sintetica era in fase di produzione in serie negli Stati Uniti, e ce n'era un sacco anche per le palle da baseball. Il campionato fu in grado di tornare alla sua usuale concezione nel '44, e l'attacco si alzò a 4,17 punti e 0,42 fuoricampo a partita.

Quanti cambiamenti subì la palla nei 70 anni da allora?

Risposta breve: Non molti.

Post seconda guerra mondiale ad oggi

Nel 1958, quasi 25 anni dopo la Major League Baseball rese pubbliche le specifiche della palla da baseball, J.E. McMahon del The New York Times in un articolo del 1958 dal titolo "Perennial Sphere About to Orbit; Cork, Rubber, Yarn And Leather -- Play Ball!" cercò di informare il pubblico sulla composizione della moderna palla.

Cercate di individuare le differenze se ci riuscite:

"La palla della Major League inizia con un nucleo di sughero mescolato con una piccola quantità di gomma. Questo è coperto da uno strato di gomma nera, e poi da uno strato di gomma rossa. È quindi pronto per il processo di avvolgimento, in cui viene aggiunto del filato al nucleo. Questo viene fatto in una macchina rotante ... in una stanza termostatata e con controllo dell'umidità.

Il primo avvolgimento è di 121 yards (110,64 m) di filo di ruvida lana grigia, poi 45 yards (41,14 m) di filo di lana bianca, successivamente 53 yards (48,5 m) di finissima lana grigia e, infine, 150 yards (137,2 m) di finissimo filo di cotone bianco. Dopo che questi strati sono stati aggiunti alla sfera, viene rivestito con mastice di gomma. Poi due pezzi di pelle di cavallino a forma di figura '8' sono cuciti a mano con filo rosso per chiudere la palla.

... Ogni palla ha 108 cuciture con doppi punti sulla sua calotta. Una palla finita pesa 5-5 1/4 di oncia (141,75 – 148,8 g) e la circonferenza non può essere inferiore a 9, e non più di 9 1/4 di pollice (22,86 - 23,49 cm)".

Niente era diverso nel centro della sfera, poichè c'era ancora una pillola di sughero circondato da due strati di gomma. Le confezioni cambiavano, tuttavia, così come la dimensione e il peso. La circonferenza delle vecchie palle poteva andare da 9 a 9 1/8 di pollice e pesavano da 5 a 5 1/8 di oncia. Le palle nuove potevano misurare un ottavo di pollice in più e pesare un ottavo di oncia in più.

Vennero colpiti più fuoricampo alla fine degli anni '50 di quanti ne erano stati battuti a metà degli anni '30, ma attribuirlo solo alla palla sarebbe come ignorare il fatto che i battitori di home runs erano semplicemente più comuni. Ci furono 10 giocatori da 30 homer nel 1929 e il 1930 ed era una grandissima rarità. Ma ci furono 11 giocatori nel 1950 e almeno 10 nel 1953, 1955, 1956, 1958 e nel 1959.

Un paio di cambiamenti furono introdotti negli anni '70. Nel saggio di Jay Jaffe, il rivestimento esterno venne cambiato da cavallino a pelle bovina a causa della carenza del rivestimento originale nel 1974, e nel 1975 la MLB annunciò che stava per chiudersi la partnership secolare con la Spalding per problemi di costi.

Rawlings divenne il nuovo fornitore nel 1977, e così l'attacco ebbe un picco. Dopo una media di 3,99 punti e 0,58 fuoricampo per partita nel 1976, la media passò a 4,47 punti e 0.87 fuoricampo a partita in '77.

Ma, come aveva spiegato Jaffe, il picco non era necessariamente qualcosa di sinistro:

"Le statistiche del 1977 non erano senza precedenti; entrambe le League erano a livelli simili di recente nel 1970, di per sé un anno alto per gli homers. La media di 0,58 homers a partita nel 1976 era stato il più basso dal 1946, addirittura inferiore al 1968. Prima del cambio nella produzione, l'ultima modifica importante per la palla era arrivata nel 1974, quando il rivestimento esterno passò dal cavallino alla pelle bovina a causa di una carenza dell'originario rivestimento. La produzione di homers era scesa da 0,80 a 0,68 a partita, una caduta del 14,7 per cento. Era aumentata del 2,4 per cento nel 1975, ma poi è di nuovo caduta di un altro 17,4 per cento nel 1976.

A fronte di tali alti e bassi, è possibile che la Spalding non avesse perfezionato il processo di utilizzo della nuova copertura prima di cedere la fabbricazione alla Rawlings, o che le palline utilizzate alla fine del loro periodo erano gli avanzi che erano un po' al di sotto degli standard di elasticità, leader per il calo dei fuoricampo. Ci vorrebbe un Gola Profonda per fornire una risposta in materia, ma a differenza dello scandalo Watergate di quel decennio, nessuno è si è mai fatto avanti".

In breve: Chi lo sa?

In ogni caso, la Rawlings è ancora il fornitore ufficiale di palle da baseball per la MLB. E grazie a Science Channel, sappiamo che la produzione di palle da baseball in questi giorni avviene come descritto in questo filmato:

Così molti anni dopo, la palla da baseball ha ancora una pillola centrale di sughero con tre strati di filato di lana e un ultimo strato di ciò che Jaffe dice essere di "cotone-poliestere". Il prodotto finito deve essere ancora tra 9 e 9 1/4 di pollice di circonferenza e 5 e 5 1/4 di oncia di peso.

La sezione di una palla da baseball

Naturalmente, i teorici della cospirazione amano divagare su come la Major League Baseball è ancora disposta ad alterare la palla (Juiced ball theory) ogni volta che lo desidera per aiutare l'attacco. E' certamente possibile che una palla modificata abbia contribuito alla sbronza di home runs che si sono verificati durante la Steroid Era, come Jaffe ha scritto nel suo saggio, e si mormori ancora di palle juiced che saltano fuori di tanto in tanto.

La cosa da tenere a mente è che la modifica intenzionale della palla non sarebbe un compito facile da sviluppare. Come ha scritto Jeff Passan di Yahoo! Sport un paio di anni fa:

"Al fine di poter modificare le palle, la MLB avrebbe bisogno di cooperazione tra i produttori di sughero del Mississippi, le filature del Vermont e cuciture del cuoio in Costa Rica, oltre a coloro che testano le palle a St. Louis, e i tests finali del controllo di qualità, gli assistenti delle clubhouse che le strofinano con la terra rossa e gli arbitri che tengono simultaneamente un sacco pieno".

In altre parole, l'alterazione della palla (juicing the ball) richiederebbe una cospirazione complicata in cui molte persone dovrebbero essere coinvolte. Questo implica un sacco di problemi per il gusto di provare a creare un po' di attacco in più.

E allora ci sono state alterazioni nella palla? No, probabilmente no. Non ora, forse non mai. È più probabile che la palla sia sempre stata fatta di sughero, gomma, filati e pelle, e sempre lo sarà.

Almeno fino a quando la scienza capirà come fare una palla incandescente di felicità con un pizzico di speranze e sogni.

"The Evolution of the Baseball From the Dead-Ball Era Through Today" di Zachary D. Rymer, 18 giugno 2013, su Bleacher Report

 

 

Satchel Paige è sul monte di lancio, Josh Gibson è dietro il piatto, e Martin Dihigo è alla battuta. Potrebbe essere un sogno, ma non lo è. E' il Field of Legends della Negro Leagues Baseball Museum di Kansas City, un'indimenticabile bellissima scenografia di statue di bronzo su un diamante di baseball.

2011 - Bob Motley nel Negro Leagues Baseball Museum di Kansas City accanto alla vetrina che custodisce la sua attrezzatura

C'è un finto dugout lungo la linea della prima base, e nelle ombre tra casa base e la panchina c'è una vetrina con la divisa e l'armamentario appartenuti all'ex arbitro della Negro American League, Bob Motley. Il suo cappello gonfio è lì, come la borsa per le palle, lo scopino, le palle e il conta strike, le scarpe, i suoi schinieri, la sua pettorina e una fotografia di lui che effettua una chiamata di un out mentre salta in aria. Ma la cosa più sorprendente nella vetrina è il suo vestito nero, appena stirato, con una camicia bianca e farfallino. "Bello, non è vero?" dice Motley, "Come abbigliamento ufficiale. Eravamo gli uomini in nero, non gli uomini in blu". Sì, Motley è vivo e vegeto e ha 92 anni, ed è un vitale ricordo della gloria - e l'indignazione - del baseball segregato. Motley racconta qui di seguito la sua vita straordinaria che ebbe inizio nell'Alabama del Jim Crow, il suo servizio militare nei Marines, l'onorificenza della Purple Heart a Okinawa e poi le Negro Leagues, dove affermò la giustizia in un'istituzione produttrice di ingiustizia. Se le menti fossero state più aperte, o se fosse nato qualche anno dopo, sarebbe diventato uno degli uomini della Major League Baseball in blu. Ma questo non è il suo più grande rimpianto: "Se avessi tenuto tutti i lineup che ho buttato via dopo le partite: quelli con Hank Aaron e Ernie Banks e Satchel Paige e Buck O'Neil e Willard Brown. Immaginate come sarebbero preziosi per l'East-West Game". Nel corso degli anni, a Kansas City ha fatto un notevole lavoro per mantenere viva la memoria delle Negro Leagues. C'è il museo, sulla East 18th Street, a soli due isolati a est del Paseo YMCA, dove Rube Foster organizzò il primo baseball nero professionale e dove ora sorge come sentinella un murales di ex giocatori dei Monarchs con il manager O'Neil.

Il Paseo YMCA a Kansas City

Non c'è modo migliore per rivivere quei momenti se non con qualcuno che li ha vissuti. Sia la città che i Royals - per i quali ha venduto abbonamenti come ambasciatore del team - hanno spesso riconosciuto a Motley i suoi contributi al baseball.

L'immagine sorridente di Bob Motley proiettata sullo schermo del Kauffman Stadium prima di Gara 6 delle World Series del 2014

In gara 6 delle World Series 2014, è stato proiettato il suo volto sorridente sul grande schermo al Kauffman Stadium. Motley ha scritto un libro meraviglioso con suo figlio Byron intitolato "Ruling Over Monarchs, Giants & Stars".

Bob Motley e suo figlio Byron

Ne tiene alcune copie a casa, insieme alla Purple Heart incorniciata, encomi dei Marines e del presidente Barack Obama e una ricca galleria di fotografie - non solo di sè stesso, ma anche della moglie Pearline e dei loro due figli, Bobette e Byron, dei quattro nipoti e dei due pronipoti. "Sono stato veramente benedetto", ricorda. Tra le sue benedizioni c'è il suo senso del ricordo - come evidenziato sia nel libro che in una conversazione informale con un perfetto sconosciuto. In entrambi i casi, le storie sono accompagnate da un luccichio negli occhi. Robert Carter Motley è nato l'11 marzo 1923, a Autaugaville, Alabama, a metà strada tra Selma e Montgomery. Era il sesto di otto figli nati dal mezzadro William Motley e sua moglie Eula. Quando Robert aveva 4 anni, suo padre morì per aver bevuto acqua da un pozzo avvelenato da un membro del Ku Klux Klan che non tollerava che William volesse espandere la sua proprietà. Eula trasferì la famiglia nella sua città natale di Anniston, Alabama, dove i giorni di Robert furono spesi a scuola in una stanza della sua chiesa, o facendo lavoretti per la sua mamma o andando nei boschi con il suo migliore amico a lanciare pietre. Quando i membri del KKK facevano le ronde nel quartiere di notte, Eula si assicurava che i suoi figli giacessero sul pavimento sotto le finestre. Grazie ai suoi quattro fratelli maggiori, Robert scoprì il baseball, ma fu un affabile negoziante bianco di nome Locker Burns, che alimentò la sua passione per il gioco. Robert puliva il negozio di Burns ogni mattina prima della scuola, e in cambio, il proprietario gli pagava 4 $ alla settimana e condivideva le storie di Babe Ruth, Lou Gehrig, Walter Johnson. Quando Burns morì improvvisamente, la moglie si adoperò perchè Robert fosse assunto come fattorino presso l'hotel dove lei e suo marito avevano vissuto – il Jefferson Davis. Fu lì che incontrò un residente che aveva chiamato il suo cane nero "Nigger", causando una certa confusione quando chiamava il cane in presenza di Robert. Robert crebbe nell'hotel, in senso letterale e figurato. Come parte del suo lavoro, procurava alcol e organizzava "appuntamenti" per i soldati dal vicino Fort McClellan. Quando aveva 16 anni, era già un uomo di mondo, con un'auto propria, lo zaino pieno del denaro risparmiato e accolse subito l'invito da suo fratello maggiore William ad unirsi a lui a Dayton, Ohio. Arrivò a Dayton nel mese di ottobre del 1939, e in breve tempo, Robert cominciò a lavore alla Inland Manufacturing, che alesava le canne delle carabine M1 - non sapendo che ben presto ne avrebbe usata una anche lui. Fu a Dayton che venne introdotto nella Negro baseball. La squadra tutta nera semipro dei Dayton Marcos giocava al Ducks Stadium, ma una volta l'anno, le squadre ufficiali della Negro League venivano in città per un tour barnstorming, e nella primavera del 1940, Dayton ospitò i Crawfords Toledo, con il manager-giocatore Oscar Charleston, che giocavano contro i St. Louis Stars. Robert fu particolarmente colpito da un giovane, allampanato lanciatore dei Crawfords di nome Connie Johnson. In quel poco tempo libero che aveva, Robert lavorò per diventare un lanciatore. Quando nella primavera successiva fu annunciato che i Cleveland Buckeyes avrebbero giocato con i Detroit Black Sox al Ducks Stadium, Robert si convinse che era pronto. Il giorno prima della partita, parlò con il manager dei Cleveland, Walter Burch, per essere sottoposto ad un tryout, e Burch rimase abbastanza impressionato e gli disse di presentarsi il giorno seguente. Il giorno dopo, quando i Buckeyes arrivarono allo stadio, Burch gli disse: "Kid, you got the apple today" (Ragazzo, hai la palla di oggi). Se Robert non sapeva che l'apple era sopra la sua testa prima di iniziare la partita, lo scoprì abbastanza velocemente - singolo, doppio, doppio, triplo nei suoi primi quattro lanci. Burch andò sul monte e gli disse: "Boy, I thought you said you could pitch! No one else better get another hit off you" (Ragazzo, pensavo che mi avessi detto che potevi lanciare! Dopo di questi nessun altro può battere un'altra valida contro di te). Al lancio successivo, il battitore colpì un home run. Esasperato Burch uscì dal dugout, Robert fuggì proprio davanti a lui. "Ho corso più veloce che potevo scendendo le scale del dugout, attraversando la club house, fuori dal cancello dello stadio, e per tutta la strada fino alla mia camera da letto ... Lì mi sono seduto sul mio letto, ansimando e incredibilmente imbarazzato, quando mi sono reso conto che avevo ancora l'uniforme della squadra". Pensò di restituire la divisa ai Buckeyes ma dopo un paio di settimane la gettò semplicemente in un cassonetto, insieme con il suo guanto - e il suo sogno.

Bob Motley con la divisa dei Marine nel 1943

Fu arruolato nei Marines il 21 maggio 1943, e spedito a Camp Lejeune nel North Carolina, una base con due centri addestramento distinti, divisi dal New River. "Soldati neri e bianchi possono morire insieme", scrive Motley, "ma Dio non voglia che abbiano la possibilità di vivere insieme". Assegnato al 52° fanteria, fu spedito a Okinawa come parte della terza ondata di americani che invasero l'isola del Pacifico. Una volta che la sua compagnia costituì una testa di ponte, si trovò in una feroce battaglia e si infilò in una trincea. "Ci è stato insegnato di infilare fuori per primi i nostri piedi, non la testa", dice, "Ho infilato il mio piede destro due volte, e la seconda volta, un proiettile lo ha perforato". È così che ottenne la suo Purple Heart - e diventò un arbitro. Infatti, durante la convalescenza in ospedale, fecendo una passeggiata sulle stampelle sentì i rumori di una partita di softball e vi si avvicinò. Non poteva giocare con il buco nel piede, ma poteva chiamare ball e strike, save e out. I giocatori apprezzarono il suo arbitraggio, così Motley spese molte del suo tempo come arbitro durante la degenza. Troppo tempo, come si è scoperto. Quando suo fratello James, che stava servendo nell'esercito, si presentò in ospedale a cercarlo, l'infermiera responsabile andò a prenderlo e lo trovò dietro il piatto durante una partita. Venne subito dimesso dall'ospedale e spedito fuori. Il 15 agosto del 1945, i giapponesi finalmente si arresero. Tredici giorni dopo, Jackie Robinson dei Kansas City Monarchs incontrò Branch Rickey e decise di unirsi ai Brooklyn Dodgers come Minor Leaguer. Motley non lo sapeva, al momento, ma lui e Robinson si sarebbero incrociati. Finita la ferma nei Marines, Motley andò a casa in Alabama a trovare sua madre. Mentre era lì, andò con James a Kansas City per vedere la sorella Geraldine. Motley aveva tutte le intenzioni di tornare a Dayton, ma si innamorò di Kansas City - la fiorente comunità nera, il jazz, il cibo ... e i Monarchs. Anche senza Robinson, erano i re del baseball nero: Paige e Johnson, O'Neil e Brown, Hilton Smith e Othello Renfroe, Ted forte e Earl Taborn. Quando Motley non puliva i pavimenti dello stabilimento General Motors locale, andava ai campi del Parade Park con l'attrezzatura da arbitro comprata con i suoi soldi sudati o a studiare per il diploma della high school, che conseguì alla matura età di 24 anni. Nel 1947, Motley divenne il primo afro-americano ad arbitrare nella rispettata Ban Johnson League di Kansas City. Aveva però gli occhi sulle Negro Leagues, ma non voleva fare lo stesso errore che aveva fatto anni prima quando aveva prematuramente pensato di poter lanciare con i Negro Leaguers. Si prese il suo tempo per affinare il mestiere e lo stile. Nel 1948, si sentiva pronto. Nell'opening day al Blues Stadium, con l'attrezzatura in mano, si avvicinò ai tre arbitri che avrebbero arbitrato la partita dei Monarchs e disse loro che voleva entrare nei loro ranghi. L'arbitro capo, ex ricevitore dei Monarchs e manager, Frank Duncan, gli disse di tornare dopo alcuni mesi. Ma Motley continuava a presentarsi, settimana dopo settimana, portando allo sfinimento Duncan. Una Domenica, quando Vernon Johnson, un arbitro veterano, si era ubriacato e non era riuscito a presentarsi alla partita tra i Monarchs e i Memphis Red Sox, Duncan finalmente disse a Montley: "Ragazzo, sei in terza base". Il suo debutto andò molto meglio rispetto all'ultima volta che Motley aveva cercato di entrare nel baseball Negro. Duncan gli chiese di ritornare la domenica successiva, e Tom Baird, co-proprietario dei Monarchs, disse che lo avrebbe pagato 5 $ a partita (Fu poi rivelato che Baird, che aveva visto i Monarchs come un buon affare, era in realtà un membro del KKK). Col passare del tempo, Motley fece carriera sia nella General Motors che nella Negro American League. Duncan, che sentiva gli effetti di una vita passata accovacciato, lasciò che Motley prendesse il suo posto dietro il piatto, così si ritrovò a chiamare balls e strikes per il suo idolo di un tempo, Connie Johnson. Una volta che si affermò saldamente come un arbitro, Motley si assunse il compito di incarnare la spettacolarità delle Negro Leagues, esagerando i segnali e gridando le chiamate. Saltava in aria, proprio come faceva in quella foto famosa esposta nella sua vetrina, e talvolta faceva una spaccata su una chiamata di out. Si ricorda di una signora che gli diceva: "Fallo bene per me, baby".

Le spettacolari chiamate di Bob Motley

"Più entravo nel gioco, più mi piaceva", dice. "Era appena entrato nel mio sangue". Ma non perse mai di vista il gioco, o i giocatori che ne facevano parte. Quando Robinson, Paige, Larry Doby entrarono nelle Major League, le squadre orientali della Negro League soffrirono, ma le squadre occidentali e meridionali furono ancora forti e attirarono giovani talenti.

Da sinistra, le stelle della Negro League Buck O'Neil, Sylvester Vaughn, Bob Motley, Frank Duncan e Oscar Charleston

Motley ricorda Hank Aaron quando batteva cross-handed per gli Indianapolis Clowns. Una volta arbitrò una partita Birmingham Black Barons in cui c'erano due giocatori che si chiamavano Willie Mays; quello che abbiamo imparato a conoscere era in seconda base, mentre suo padre giocava esterno centro. Fino ad oggi, Motley giura che la più grande combinazione di doppio gioco di tutti i tempi che giocarono per i Monarchs sia stata: Ernie Banks all'interbase e Gene Baker in seconda base. Fare l'arbitro è un lavoro abbastanza duro, ma Motley spesso si trovò anche a viaggiare negli autobus con la squadra perdente. Racconta una di queste occasioni nel capitolo del suo libro d'apertura, quando salì sul pullman con i Monarchs a Chattanooga, dopo aver perso e lui aveva espulso Hank Baylis, il loro terza base. Su un tratto buio della strada, Baylis andò da Motley con un coltello da macellaio. L'arbitro parò il colpo con la maschera che portava proprio per tale occasione. Fortunatamente, il manager dei Monarchs, Buck O'Neil, balzò in sua difesa, dicendo a Baylis, "Se tocchi ancora una volta questo arbitro, tu non giocherai mai più un'altra partita in questa league". Non molto tempo dopo, Motley entrò in un'altra controversia, questa volta con O'Neil. Aveva dovuto buttare fuori il manager dal gioco dopo che lo aveva definito "un figlio cieco di una cagna". Ma nell'autobus per tornare in albergo, Motley si rese conto che non aveva una stanza per la notte. Timidamente spiegò la situazione a O'Neil, che gli disse: "Ragazzo, nessun problema. Non ti preoccupare, puoi dormire con me". E così Motley e O'Neil dormirono quella notte back-to-back sullo stesso piccolo letto. Motley trovò un partner diverso nel 1952. Incontrò Edna Pearline Hayes da Sioux City, Iowa, a un concerto al Municipal Auditorium di Kansas City; era andato a vedere il grande Louis Jordan ("Is You Is Or Is You Ain't My Baby") che si esibiva quell'estate. Dopo un corteggiamento a distanza, fu chiaro che ci stava e così cominciarono insieme la loro lunga e fruttuosa vita. Era stata una grande emozione sposare Pearline a Chicago per l'annuale East-West Game, la vetrina più importante per le Negro Leagues.

Bob Motley e sua moglie Pearline nel momento del loro matrimonio e nel 50° anniversario

Ma con ogni anno che passava, le probabilità che qualcosa di brutto potesse accadere diventavano sempre più grandi. Così Motley cominciò a frequentare le scuole per umpire che alimentavano il baseball organizzato.

Lettera di sostegno da parte del presidente della Negro American League, Dottor J.B. Martin, per l'inserimento di Bob Motley nella scuola di Al Somers

La migliore, diretta da Bill McGowan, era in Florida ma McGowan lo informò che la legge statale vietava l'insegnamento dei bianchi ai neri e viceversa.

Bob Motley alla scuola di Al Somers nel 1957

Fu solo dopo che Al Somers subentrò che Motley fu accettato - a gennaio del 1957, 10 anni dopo che Jackie Robinson aveva rotto la barriera del colore. La scuola era durata sei settimane, e Motley si laureò con lode, primo sia nello scritto che sui test sul campo. Alla maggior parte degli arbitri furono dati incarichi professionali. Ma quando Somers chiamò Motley nel suo ufficio, aveva le lacrime agli occhi. "Bob Motley", disse, "Ho fatto del mio meglio per metterti da qualche parte. Ma nessun general manager in triplo-A, doppio-A, singolo-A o B sembra abbia un'apertura per un arbitro di nero. Sono spiacente di doverti dire questo".

Bob Motley effettua una chiamata di safe presso la scuola di formazione dell'arbitro Al Somers

Motley tornò a Kansas City per finire i giorni finali della Negro Leagues e riprendere il suo lavoro presso la General Motors, dove era diventato il supervisore della manutenzione. Somers gli estese un altro invito per la sua scuola nel 1958, al livello avanzato, e Motley finì al top della sua classe, davanti a due arbitri che avrebbero continuato a diventare famosi: Bruce Froemming e Brent Musburger (Sì, Brent Musburger il giornalista) Quando Motley non riuscì ancora una volta ad ottenere nessuna offerta dal baseball organizzato, si prese un breve periodo a Cuba. Fu solo durante l'estate che ricevette la telefonata che stava aspettando. Somers, che stava lavorando nella Pacific Coast League, si era rotto il braccio, e aveva detto ai suoi capi di assumere Motley come suo sostituto. Così il 18 agosto, 1958, Motley fece il suo debutto nelle minor leagues, arbitrando in terza base in una partita tra i visitors Spokane Indians e i Phoenix Giants. Ecco come il giornale locale di Phoenix lo descrisse: "L'apertura della serie di stasera segna il debutto del secondo arbitro nero della Pacific Coast League. E' Robert C. Motley, di Kansas City, che ha la particolarità di essere l'unico uomo che è riuscito a rispondere correttamente a tutte le 200 domande agli esami finali di arbitro dello scorso anno nella scuola di Al Somers".

Articolo del debutto di Bob Motley nella PLC del 1958

Il primo umpire afro-americano della PCL fu Emmett Ashford, che sarebbe anche diventato il primo uomo di colore della MLB in blu - nel 1966, un anno dopo che il Voting Rights Act era stato firmato in legge. Uno era sufficiente per le major. Così Motley si stabilì a Kansas City, curando la famiglia, lavorando alla GM e arbitrando le partite locali di baseball, basket e football. Fu chief umpire per le College World Series del 1973, dove ebbe modo di vedere un altro futuro Hall of Famer, l'outfielder dell'Università del Minnesota Dave Winfield. Finalmente ricevette una telefonata dalla MLB nel 1979. Gli arbitri erano scesi in sciopero, e gli era stato chiesto se poteva arbitrare alcune partite a Kansas City. Sì, era stato il suo sogno di arbitrare nelle major, ma no, non avrebbe attraversato il cordone dei scioperanti. Inoltre, avrebbe potuto soddisfare il suo amore per lo sport essendo un sostenitore dei Royals e dei Chiefs e fare viaggi annuali allo spring training e al Super Bowl con Pearline e i bambini. Poi arrivò il museo, a cui Motley ha contribuito dall'inizio nel 1990 con l'attuale presidente Bob Kendrick e O'Neil. Pearline è stata colpita da un ictus pochi anni fa e ora usa una sedia a rotelle.

Bob Motley e sua moglie Pearline nel 2014

Ma pure Bob è risorto in quell'occasione. Come ha scritto Byron nella sua prefazione al libro: "Proprio come tutto ciò che hai intrapreso nella vita, ti abbiamo visto gestire questa missione, così impegnativa come è, con grazia e dignità". Bob Motley non si limita a vivere nel passato. Lui è entusiasta di andare al Super Bowl la settimana prossima a Phoenix e poi ad un altro spring training con i Royals a Surprise, Arizona. E' ancora deliziato che i Royals abbiano giocato le World Series, e solo un po' arrabbiato che abbiano lasciato il punto del pareggio in terza nel nono inning di Gara 7. Poi si ricorda qualcosa: "Aspetta qui". Va in un armadio e riporta la divisa ufficiale di arbitro della MLB n° 65.

2014 - L'arbitro Ted Barrett regala a Bob Motley, l'unico umpire delle Negro Leagues vivente, la sua maglia ufficiale

Il numero appartiene all'arbitro di lunga data Ted Barrett. Sembra che Barrett abbia fatto un tour nel Negro Leagues Museum accompagnato da Kendrick il giorno prima di Gara 6 delle World Series. Quando sono arrivati alla vetrina di Motley, Kendrick ha detto a Barrett che il vecchio umpire era ancora in giro, a seguire le partite dei Royals. Così Barrett ha preso accordi con Motley per visionare l'equipaggiamento nella stanza degli arbitri prima di Gara 6. Mentre era lì, Barrett ha chiesto a Motley di firmare la sua autobiografia e poi in cambio gli ha dato la sua maglia di riserva. E in questo freddo pomeriggio di gennaio, Bob Motley si accarezza la maglia. "Questo non è forse qualcosa? Finalmente ho la mia uniforme della Major League".

2011 - Bob Motley con il regista Ken Burns e Buck O'Neil al Kauffman Stadium di Kansas City prima di una partita dei Royals. Burns ha effettuato il primo lancio e Motley ha chiamato lo strike

Due momenti di Bob Motley mentre viene insignito della Congressional Gold Medal of Honor nel 2012

L'ex arbitro della Negro League Bob Motley, a sinistra, festeggiato con altri giocatori delle Negro Leagues dai San Diego Padres nella tradizionale cerimonia prima della partita dei Padres contro i Mariners venerdì 22 giugno 2012

Tratto dall'articolo di Steve Wulf, ESPN Senior Writer, del 27/2/2015

 

 

Quanti lanciatori possono dire di aver scritto la storia nella loro prima partita di baseball? Rinku Singh e Dinesh Patel lo possono dire. Quando lanciarono back-to-back degli inning durante una partita della Gulf Coast League il 4 luglio del 2009, diventarono i primi giocatori indiani a comparire in una partita di baseball professionistico. Era giusto che il loro debutto ufficiale nel Pastime Americano avvenisse nel Giorno dell'Indipendenza. I due giovani provenienti dall'India stavano imparando molto sul loro nuovo paese come sul gioco che amavano. "Siamo stati molto contenti di giocare il quattro di luglio, per quello che rappresenta", disse Singh.

Singh, 21 anni, e Patel, 20 anni, non avevano mai preso in mano una palla da baseball fino ad appena un anno e mezzo prima. I due sono cresciuti in Uttar Pradesh, uno stato nel nord dell'India. Le loro famiglie non avevano molto denaro. Il padre di Singh era un camionista che divenne un mezzadro quando dovette lasciare il suo lavoro di autotrasportatore a causa del mal di schiena. Patel viveva con suo zio, un operaio edile, perché suo padre non poteva permettersi di allevare tutti e tre i suoi figli. Due anni prima, Singh e Patel avevano lasciato le loro case e iniziato la formazione come lanciatori di giavellotto in un istituto statale. Il loro obiettivo era quello di vincere abbastanza medaglie per attirare l'attenzione di un datore di lavoro che potesse dar loro una carriera sicura. "Speravamo di trovare un lavoro nella polizia, nell'esercito, o in ferrovia", disse Singh, "Forse nell'aviazione, qualcosa del genere. Quelli sono i migliori posti di lavoro".

Poi l'anno dopo un allenatore della scuola disse loro che c'era la possibilità di vincere un premio in denaro lanciando una piccola sfera bianca in un nuovo reality show TV, The Million Dollar Arm. Non avevano mai visto una palla da baseball, ma capirono che non avevano nulla da perdere. Il Million Dollar Arm attrasse più di 30.000 partecipanti. Offriva 100.000 $ per il concorrente che lanciava il maggior numero di palle ad una velocità superiore alle 85 miglia all'ora e un bonus di 1 milione di $ per chi lanciava tre palle addizionali ad almeno 90 mph.

"Il mio allenatore di giavellotto mi aveva detto di andare là fuori e lanciare la palla e fare qualche soldo, così sono andato lì e ho lanciato la palla", disse Patel, "Poi abbiamo scoperto a che cosa servisse e abbiamo guadagnato un sacco di soldi".

Un sacco di soldi infatti, soprattutto in un paese dove un quarto della popolazione vive in condizioni di povertà. Anche se nessuno realizzò il bonus, Singh vinse la corona con un lancio da 89-mph. Patel arrivò secondo con una fastball a 87 mph e guadagnò 2.500 $.

Singh e Patel erano ormai delle stelle del reality show televisivo in India, e le loro vite stavano per cambiare radicalmente. Come parte del loro premio, ottennero un viaggio a Los Angeles nel maggio del 2008 per un corso intensivo di baseball tenuto dall'ex pitcher di major league Tom House. Dopo sei mesi di allenamento estenuante, ricevettero l'ultima parte del loro premio - la possibilità di provare per gli scout della MLB. L'incredibile viaggio di Singh e Patel sarebbe potuto finire lì. Ma quello che mancava nella loro tecnica e nella conoscenza del lancio, lo compensavano con il grezzo talento e etica del lavoro. I report degli scouts dei Pittsburgh Pirates, Joe Ferrone e Sean Campbell, spinsero il general manager Neal Huntington a firmare entrambi con l'organizzazione. Il 24 novembre del 2008 i Pittsburgh Pirates li presero facendoli diventare i primi atleti nati in India che firmavano un contratto professionistico in qualsiasi sport al di fuori del loro paese. Il bonus di firma totale per tutti e due fu di 8.000 $. I Pirates non erano nuovi a questi inserimenti epocali. Nel 1971, il manager Danny Murtaugh e i Pirates fecero la storia per essere la prima squadra della Major League Baseball a schierare un lineup partente tutto nero. Sammy Khalifa, un interbase di origine egiziana, entrò nella storia nel 1980 come il primo arabo-americano a giocare per un club della MLB. E quando Singh e Patel iniziarono per l'organizzazione di Pittsburgh nel 2009, giocavano in un roster che comprendeva dei compagni di squadra provenienti dal Messico e dall'Australia, un lanciatore dalla North Pool High School in Alaska e un interbase sudafricano che si chiamava Mpho "Gift" Ngoepe.

I festeggiamenti dei concittadini di Lucknow per il ritorno di Rinku, a sinistra, e Dinesh

Dopo la formazione, i due giocatori tornarono a visitare le loro famiglie in India. Al ritorno, Singh e Patel furono mandati alla Pirate City (complesso della minor league di Pittsburgh a Bradenton, in Florida), e iniziarono una routine quotidiana che non era molto diversa dalla loro vita come atleti in India. Sveglia alle 6 del mattino per gli esercizi di condizionamento. Una partita nel pomeriggio e poi ancora pratica in prima serata. Cominciarono anche a prendere lezioni di inglese due volte alla settimana e a studiare il baseball nel tempo libero che restava. Determinati a raggiungere i livelli degli altri giocatori dei Pirates, che erano cresciuti sognando con i guanti sotto i loro cuscini, i due impressionarono gli allenatori e i compagni di squadra. Fecero amicizia con il secondo base Gift Ngoepe, lui stesso una storia incredibile per essere stato il primo giocatore nero del Sud Africa a diventare professionista. "Gift è il mio migliore amico qui", disse Patel.

"Singh e Patel sono eccezionali", aveva affermato il pitching coach della minor league dei Pirates Miguel Bonilla, "Vorrei che tutti i miei giocatori potessero essere come loro. Questi ragazzi sono rispettosi. Vogliono fare tutto alla perfezione". Riuscirono a percorrere una lunga strada. Il destro Patel cominciò a lanciare la fastball costantemente attorno alle 85 mph, mentre il mancino Singh sviluppò una breaking ball che metteva strikeout i battitori. Entrambi i lanciatori dicevano che la loro più grande sfida sul campo era la lettura delle situazioni. "Se la palla è colpita verso di me, e ci sono corridori in seconda e terza, cosa devo fare?", spiegò Patel, "Quando siamo fuori lo sappiamo, ma quando andiamo sul monte ci sentiamo come se ci dimenticassimo di tutto". E Singh aggiunse: "Ci vuole più esperienza". Trascorsero l'estate lanciando come rilievi e questo li aiutò. In quattro inning Patel non aveva ancora concesso un punto guadagnato. A metà luglio, Singh entrò di nuovo nei libri di storia, diventando il primo giocatore nato in India a vincere una partita di baseball professionistico in America (Nella sua apparizione successiva guadagnò al contrario l'onore, di dubbia fama, nel diventare il primo lanciatore indiano a perdere una partita). Stavano crescendo con ogni vittoria o sconfitta. Il sogno di Singh e Patel era di arrivare un giorno alle major, ma per il momento erano concentrati nell'assorbire più baseball possibile. Bonilla disse che non era raro che i prospetti potessero trascorrere un paio di stagioni allo stesso livello, ma aggiunse che Singh e Patel apprendevano rapidamente. "E' come vedere un bambino crescere", disse Bonilla, "L'esperienza è la cosa di cui hanno più bisogno. Quando avranno più esperienza, andrà meglio. Assolutamente".

Singh e Patel iniziarono la stagione 2009 con i Pirates nella Gulf Coast League.

Rinku Singh

Il 4 luglio del 2009, Singh divenne il primo cittadino indiano ad apparire in una partita di baseball professionistico negli Stati Uniti. Lanciò il settimo inning, mentre Dinesh Patel lanciò nell'ottavo inning. Il 13 luglio del 2009, Singh vinse la sua prima partita di baseball da professionista in America, mettendo strikeout l'unico battitore che affrontò. Finì la stagione con un record di 1-2 e una ERA di 5,84 in 11 partite, concedendo un solo punto e tre valide nelle sue ultime sei apparizioni.

Lo score del 13 luglio del 2009 della vittoria di Rinku Singh (per ingrandire)

Singh andò 2-0 con una ERA di 2,61 in 13 partite nel 2010. Alla fine di agosto fu promosso ai Pirates in Classe A Short-Season, la State College Spikes. Il 24 maggio 2010, Rinku Singh e Dinesh Patel incontrarono il presidente americano Barack Obama alla Casa Bianca in occasione dell'evento Heritage Month. Singh giocò per i Canberra Cavalry dell'Australian Baseball League per la stagione inaugurale 2010-11, andando 1-0 con una ERA di 3.94 in 16 innings lanciati.

Giocò la stagione 2011 nella  Dominican Summer League. Lanciò bene in otto partite della DSL, Gulf Coast League e New York-Penn League, e poi giocò nella West Virginia Power della South Atlantic League nel luglio 2011. Singh ritornò nell'Australian Baseball League per la stagione 2011-12 con Adelaide Bite. Fece parte dello World All-Star team per l'Australian Baseball League All-Star Game del 2011. Nel 2012, giocò 39 partite, il numero più alto in carriera, per Power, lanciando 72 inning e realizzando un record di 3-1 con 65 K. Lottò con gli infortuni e perse l'intera stagione 2013, ma venne invitato allo spring training dei Pirates nel 2014. Singh perse anche l'intera stagione 2014 a causa dell'intervento chirurgico Tommy John e perse anche tutta la stagione 2015, a causa di una frattura al gomito.

Dinesh Patel

Diverso fu il percorso di Patel. La sua carriera fu breve, nella stagione 2009 con i Pirates, raccolse una vittoria il 13 agosto (un mese esatto dal suo connazionale Singh che aveva realizzato la sua prima e unica vittoria dell'anno), terminando con un record di 1-0 e 1,42 di ERA, concedendo due punti (uno guadagnato) e sei valide in 6 innings e 1/3. La stagione di Patel 2010 ebbe meno successo, con una ERA di 8,59 in 7 innings e 1/3, su nove partite; fu rilasciato nel dicembre 2010 e tornò a casa per finire la scuola.

Patel cominciò ad insegnare baseball a Delhi e nel 2011, aiutò, per circa due mesi, i ragazzi del suo paese a prepararsi per la seconda stagione della caccia al talento del Million Dollar Arm. Dopo il suo ritorno, Patel ricominciò seriamente a lanciare il giavellotto. Partecipò al campionato nazionale di atletica leggera a Calcutta nel 2011 e al campionato di Federation Cup di atletica nel mese di aprile del 2012.

La storia di Patel e Singh ha ispirato il famoso film della Walt Disney Pictures, Million Dollar Arm, dove Patel è interpretato da Madhur Mittal e Singh è interpretato da Suraj Sharma.

6 maggio del 2014, (da sx) Dinesh Patel, Tom House, JB Bernstein, Rinku Singh alla premiere del film "Million Dollar Arm" al teatro El Capitan a Hollywood

 

 

Nel 1880, l'opera buffa francese La Mascotte debuttò a Parigi. Raccontava la storia di una ragazza di campagna che portava fortuna a quelli che le erano strettamente amici - purchè rimanesse vergine. Quando la versione inglese sbarcò a New York City nel 1881, il nome dell'opera diventò The Mascot. Improvvisamente il termine e il concetto fu ampiamente applicato in tutto il mondo ma soprattutto tra le squadre sportive.

Il bulldog di Georgetown e la capra della Marina si incontrano prima di una partita nel 1920

Nel football, le prime mascotte tendevano ad essere degli animali vivi come il mulo dell'Esercito, il montone della Marina, e il bulldog di Yale, ma nella Big League baseball le mascotte erano invariabilmente umane e potevano essere dei giovani ragazzi o uomini di bassa statura. Non era raro che le squadre utilizzassero dei piccoli, nani, o gobbi come mascotte. Nel Baseball: The Golden Age, Harold Seymour spiegò che "mancini, gobbi e persone strabiche erano tutti considerati fortunati … Toccare un gobbo era popolarmente creduto che portasse buona fortuna …. "

Per gli standard odierni tutto questo può sembrare, nella migliore delle ipotesi, barbaro ma in molti casi, anche se certamente non tutte, queste persone hanno ricevuto un trattamento speciale da parte delle squadre che le utilizzavano. Molti erano sotto contratto, ricevevano delle quote delle World Series, e venivano premiati a partecipare ad avvenimenti VIP, almeno quando le loro squadre stavano vincendo. Brownie Burke, la mascotte dei Cincinnati Reds, fece notizia quando fece visita al presidente Woodrow Wilson nel 1913 come parte di un gruppo di tre rappresentanti - con Cap Anson e Clark Griffith - alla Casa Bianca per parlare di baseball.

La mascotte dei Reds Brownie Burke seduto in prima fila al centro

La mascotte dei Red Sox, Jerry McCarthy, fu in grado di andare in pensione all'età di nove anni dopo essere stato accreditato di aver aiutato magicamente la squadra a vincere le World Series nel 1913. Lasciò il suo incarico con un cospicuo tesoro di 2,100 $ che il team gli riconobbe per il suo cospicuo aiuto nel successo della squadra.

La mascotte dei Red Sox Jerry McCarthy nel 1915

Alcune delle prime mascotte continuarono ad aver fama in altri settori, tra cui un ragazzo da Hell's Kitchen, un quartiere di Manhattan (New York), di nome George Ranft, che fu la mascotte per i New York Highlanders prima di essere rinominati Yankees. Ranft cambiò il nome in Raft e continuò diventando una star del cinema specializzato in ruoli di gangster.

Louis Van Zelst nel 1910

Nel 1914 lo scrittore di baseball Hugh Fullerton affermò che ogni squadra nelle Major Leagues aveva una mascotte sul suo libro paga, e alcuni, come il disabile Louis Van Zelst dei Philadelphia Athletics, era diventato noto a livello nazionale e una figura stimata. Van Zelst fu la mascotte della squadra di Mackmen nella vittoria delle World Series del 1910 e 1911 e il pennant dell'AL del 1914. Van Zelst non solo aveva portato fortuna agli A's, ma anche lui stesso credeva di avere una straordinaria capacità di portare "sfiga" ai lanciatori avversari.

Philadelphia Athletics 1911

Prima fila in piedi, da sinistra a destra: Harry Davis (1B), Frank Baker (3B), Jack Combs (P), Harry Krause (P), Ira Thomas (C), Chief Bender (P), Claude Derrick (SS), Cy Morgan (P), Paddy Livingston (C).
Fila centrale seduti, da sinistra a destra: Rube Oldring (CF), Bris Lord (OF), Danny Murphy (RF), Connie Mack (Mgr.), Eddie Plank (P), Jack Lapp (C), Amos Strunk (OF). Seduti a terra, da sinistra a destra: Topsy Hartsel (LF), Doc Martin (P), Dave Danforth (P), Louis Van Zelt (mascot), Stuffy McInnes (1B), Eddie Collins (2B), Jack Barry (SS).

Come scrisse un giornalista nel 1915: "Per l'outsider, non c'è dubbio che il business delle mascotte sembri assurdo. Ma al giocatore che non può fare a meno di pensare che la fortuna giochi un ruolo importante nel passatempo nazionale è reale".

Eddie Bennett nel 1921

Eddie Bennett, un giovane orfano con una curvatura anomala della schiena causata da un incidente d'infanzia, forse fu il più famoso di queste prime mascotte del XX secolo. Bennett era diventato la mascotte dei Chicago White Sox nel 1919 all'età di 15 anni, ma lasciò il team disgustato quando filtrarono le voci che la squadra era coinvolta nello scandalo più infame nella storia del gioco. "Sono stato uno di quelli onesti", era il suo vanto ogni volta che il tema dei "Black Sox" veniva sollevato in sua presenza.

Bennett poi firmò con i Brooklyn Dodgers, e fu la mascotte del pennant del 1921 e di due vittorie nelle prime tre partite delle World Series che furono giocate in casa. Ma quando arrivò il momento di salire sul treno per Cleveland, il manager dei Brooklyn, Wilbert Robinson, decise di lasciarlo a casa, e i Dodgers ne persero quattro di fila. "Non è che abbiamo vinto due su tre in casa perchè ero io la mascotte?", chiese ad un giornalista, aggiungendo: "E poi guardate cosa è successo quando sono andati a Cleveland senza di me?"

New York Yankees 1923

Prima fila in piedi, da sinistra a destra: Doc Albert A. Woods (trainer), Hinckey Haines (OF), Elmer Smith (OF), Herb Pennock (P), Fred (Bootnose) Hofmann (C), Bob Meusel (LF), Babe Ruth (RF),Wally Pipp (1B), (Jumpin') Joe Dugan (3B) , Sam Jones (P), Everett Scott (SS), Ben Shields (P).  Fila centrale seduti, da sinistra a destra: Joe Bush (P), Bob Shawkey (P), Whitey Witt (CF), Charlie O'Leary (Coach), Miller Huggins (Mgr.), Wally Schang (C), Carl Mays (P), Aaron Ward (2B), Oscar Roettger (P). Seduti a terra, da sinistra a destra: Ernie Johnson (IF), Benny Bengough (C), George Pipgras (P), Eddie Bennett (Mascot), Mike McNally (IF), Mike Gazella (IF), Harvey Hendrick (OF).

Citando una "mancanza di fiducia", Bennett chiuse con i Dodgers e firmò con i New York Yankees nel 1921. Rimase con gli Yankee fino alla metà della stagione 1933, quando rimase ferito in un incidente automobilistico. Durante i suoi anni con gli Yankees, la squadra vinse sette pennant e quattro World Series, e vennero creati molti rituali dai New York Yankees per aiutarli a sfruttare la sua "magia". Ad esempio, i grandi battitori - Babe Ruth, Lou Gehrig e Tony Lazzeri - prendevano le loro mazze solo dalle mani di Eddie, i pinch hitters andavano a battere solo dopo avergli stretto la mano per scaramanzia, e Wilcy Moore, il lanciatore di rilievo, lanciava la sua prima palla di riscaldamento a Eddie.

Dopo aver saltato il resto della stagione 1933 e tutta la stagione 1934, Eddie morì nel gennaio 1935 per le ferite riportate. Come il New York Times pubblicò nel suo necrologio, la sua assenza dalla panchina fu ritenuta da molti come il motivo per la mancata vittoria del pennant degli Yankees durante i suoi due anni di sofferenze. A loro credito, gli Yankees lo tennero nel libro paga dopo l'infortunio e pagarono per il suo funerale.

Mentre Bennett era la mascotte della squadra, Babe Ruth aggiunse la sua mascotte personale al roster come ulteriore aggiunta di buona fortuna. Prese Ray Kelly, un bimbo di tre anni vicino di casa di Babe, come suo personale portafortuna. Rimase con la squadra fino all'età di 13 anni. Tra gli altri motivi della sua fama, Kelly era in panchina allo Yankee Stadium quando fu inaugurato per la prima volta, il 18 aprile 1923, con Ruth che colpì tre fuoricampo e portò gli Yankees alla vittoria per 4-1 sui Boston Red Sox.

Babe Ruth e il suo personale portafortuna, il giovane Ray Kelly nel 1922

Nel corso del tempo l'abitudine della mascotte umana nel baseball scomparve insieme con la convinzione che poteva portare fortuna alla squadra di casa e sfiga agli avversari. Entro la fine della seconda guerra mondiale gli unici ragazzi in campo erano i bat-boys che non avevano i poteri magici percepiti dalle mascotte.

San Diego Chicken

Negli anni 1970 e 1980, in uno sforzo per avvicinare la famiglia al baseball, molte squadre di baseball adottarono una nuova specie di mascotte, cercando di emulare il grande successo di San Diego Chicken. Le nuove mascotte indossavano costumi di animali di grandi dimensioni, come ad esempio Fred Bird dei Cardinals, il Pirate Parrot dei Pirates, il Mariner Moose dei Seattle Mariners, e Phillie Fanatic dei Philadelphia Phillies.

Fred Bird dei Cardinals
Pirate Parrot dei Pirates
Mariner Moose dei Seattle Mariners
Phillie Fanatic dei Philadelphia Phillies

All'inizio della stagione 2015 solo tre squadre mancano di una mascotte ufficiale, gli Yankees, Dodgers, e Angels, anche se la "rally monkey", funge da mascotte non ufficiale ad Anaheim.

Rally Monkey

 

 

(I fratelli Paul e Lloyd Waner dei Pittsburgh Pirates)

I fratelli Lloyd e Paul Waner

Ci sono due grandi gruppi di veleni (poison). I più comuni sono quelli che si trovano allo stato naturale: piante, funghi, anidride carbonica, e le tossine trasmesse da zanne o morsi. Ma c'è stato un altro tipo altrettanto veloce e letale, il Pittsburgh Poison.

A seconda del veleno o della specifica tossina, l'effetto è letale quando è in circolo, causando arresti respiratori o nervosi. Il Pittsburgh Poison ha un metodo molto particolare. Uccide con single line-drive, sonanti doppi, e tripli nella power-alley. Per 14 anni, i pitchers della National League ne sono stati vittime; R.I.P.

Paul Waner (soprannominato Big Poison) e Lloyd Waner (Little Poison) rimangono gli unici fratelli eletti nella Baseball Hall of Fame. Le loro valide totali combinate (5611) superano le valide dei tre DiMaggio di oltre 500. Hanno giocato nel cavernoso Forbes Field, Paul a destra, e Lloyd al centro, entambi scattanti e veloci, particolarmente Lloyd. Lloyd era un rookie nel 1927, quando colpì .355. Per Paul era il secondo anno con i Bucs e colpì .380 guadagnando l'MVP. Prova difficile per il fratellino.

All'inizio della stagione '27 entrambi erano in fiamme, ognuno batteva sopra i .400. Mentre giocavano nella loro prima partita a Brooklyn, un giornalista vide un giornalaio che aveva uno stand al di fuori dell'Ebbets Field e che non aveva mai visto una partita. "Che cosa ci fai qui", gli chiese, "Sono venuto a vedere quei due poisons (veleni)", rispose il giornalaio. Nel dialetto di Brooklyn poison voleva dire persona. Big e Little Poison divennero il loro nomignolo per la stampa. Probabilmente era vero. Dobbiamo ricordare che quando il knuckleballer dei Dodgers Waite Hoyt venne colpito da un line drive e crollò sul monte dell'Ebbets gli spettatori in coro gli gridarono "Hoit’s Hoit!".

I Waners erano considerati piccoli secondo i parametri del baseball. Paul era alto 1,75 per 65 kg; Lloyd 1,72 per 61 kg. Pensate a un denutrito Dustin Pedroia. Entrambi battevano da mancini, e Paul era il battitore migliore e aveva più potenza. Lloyd è stato probabilmente il corridore più veloce nella League. Aveva uno stile slap hitting, come Willie Keeler e Ichiro Suzuki. Paul divenne leggendario per la sua straordinaria capacità di colpire la palla ovunque volesse. Il contemporaneo Burleigh Grimes, all'epoca lanciava ancora le spitballs, disse "Ho eliminato Paul, ma non l'ho mai ingannato". Lloyd esibiva il controllo della mazza come una bacchetta magica, battendo in foul lancio dopo lancio fino a quando ne trovava uno di suo gradimento. In 7772 at-bats, andò strikeouts solo 173 volte, il secondo di tutti i tempi nella storia della Major League alle spalle di Joe Sewell. Lloyd era il leadoff, Paul batteva per terzo; scegli il tuo veleno.

Lloyd Waner che era uno dei giocatori più veloci della sua epoca, e anche un potente battitore, realizzò un media battuta vita di .316 in 18 stagioni

Heinie Groh, famoso per la "mazza a bottiglia", batteva per terzo nel lineup dei Pittsburgh nel '27. "E' stato un piacere guardarli; grandi battitori e anche veloci come antilopi". Paul disse "Lloyd era un giocatore migliore. Poteva darmi 7/8 m in uno sprint". Mentre Lloyd raccontò "Paul è stato il migliore giocatore". Tutti sono d'accordo con Lloyd. Tuttavia, nessuno dei due era d'accordo su chi fosse il miglior battitore in famiglia. Quello era il titolo che spettava alla sorella Alma.

Sono nati e cresciuti a Harrah, Oklahoma, a circa 50 miglia a est di Oklahoma City. Paul Glee nel 1903, Lloyd Frank nel 1906. Il padre, Ora, aveva acquistato degli acri di ricco terreno agricolo nel 1889 a Oklahoma Land Rush e l'ambiente diede ai Waner la possibilità di diventare dei grandi battitori. Da bambini, Paul e Lloyd usavano lanciare gli uni agli altri delle pannocchie al posto delle palle e utilizzavano dei rami di albero per le mazze.

Nella biografia completa di Clifton Blu Parker, Big and Little Poison, Paul ricordava: "Le pannocchie erano difficili da colpire. Una volta che riuscivi a colpire perfettamente una pannocchia - nel modo in cui si capovolge in volo - come una palla da baseball rotonda, cioè con la stessa forma su tutti i lati, battere era un gioco da ragazzi". Batting Coaches prendete nota! Carl Hubbell giocò nella high school contro Lloyd. "Non riuscivo a eliminarlo. Velocità! Aveva colpito un alto chop dietro del monte e riuscì ad arrivare salvo". Si può supporre che se si può colpire un piccolo missile, rompendo la pannocchia, poi una screwball è più facile. Eppure, l'unico Waner che rompeva costantemente le lontane finestre del fienile era Alma, “The Sultana of Swat.”

I Waners non erano poveri stereotipi agricoltori dell'Oklahoma. Ora e Etta Waner credevano nell'istruzione, e anche se il talento nel baseball di Paul attraeva gli scouts, il suo futuro era al college. Paul era un lanciatore estremamente ricercato. I San Francisco Seals della Pacific Coast League gli avevano offerto un contratto. Paul fece un accordo con i suoi genitori, "Se le cose non fossero funzionate nel breve periodo, avrei smesso".

Durante una partita dimostrativa nel 1923, sentì un dolore intenso al braccio di lancio. In un inconsueto incidente il braccio di Paul si era rotto. Sembrava avesse intrapreso la strada del college prima del previsto. Fu relegato a prendere le palla al volo, passando la palla agli infielders da sotto. Iniziò a fare batting practice, e il manager Dots Miller potè vedere come batteva le palle a tutto campo. Per gli anni successivi fece a pezzi la League quando i Seals vinsero i campionati. Lloyd entrò nel team, ma non potè inizialmente far parte del lineup partente. Nel 1926 il contratto di Paul fu acquistato dai Pirates.

In termini moderni, Paul era un giocatore di impatto. Uno scout disse al manager dei Giants John McGraw, "Quel piccolo giocatore da due soldi non sa come mettersi la divisa" e McGraw rispose "Forse, ma ha fatto rimuovere tre dei miei lanciatori con le valide". Come la stagione progredì, Paul giocò molte più partite da titolare e si affermò come un esterno in possesso di un braccio forte e preciso, eliminando qualche corridore che osava una base in più. Nel 1927, Lloyd lo raggiunse al centro del campo.

I Pirates erano messi benissimo in tutti i ruoli. A parte i Waners, c'era Pie Traynor, Kiki Cuyler, Max Carey, e il 20enne Joe Cronin. I lanciatori partenti Carmen Hill (22-11), Ray Kremer (19-8), e Lee Meadows (19-10) erano un trio formidabile. Ma erano contro quella che molti considerano la più grande squadra di tutti i tempi, gli Yankees del '27. Il record di New York era 110-44; e vinsero il pennant con un notevole distacco di 19 partite dalla seconda. Sulla Murderers Row è stato steso un sacco di inchiostro, e giustamente. Spesso, il loro brillante pitching staff è stato trascurato. Guidati da l'Hall of Famer Waite Hoyt (22-7), il pitching staff aveva la ERA più bassa nell'American League. Il rilievo Wilcy Moore aveva avvertito il manager Miller Huggins, "Stai attento a Lloyd. Ho giocato contro di lui nelle minor. Egli batte una palla che fa due rimbalzi e lui è in prima".

Un mito sfatato: Quando i Pirates videro Ruth, Gehrig, Meusel e Lazzeri colpire le palle in tribuna prima della prima partita, erano completamente intimiditi. No. I Pirates fecero il batting practice prima; terminando prima che gli Yankees scendessero in campo. La creazione del mito è facile da capire. In una foto scattata prima di Gara 1, i fratelli Waners posarono con Ruth e Gehrig. Il confronto in termini di dimensioni e girovita è quasi ridicolo. Non importa che Paul e Lloyd avessero superato nelle valide Babe e Lou con .367 contro .357. Gli Yankees spazzarono i Pirates con solo due partite terminate con il vantaggio di un punto. Fu la prima e unica volta che entrambi i fratelli giocarono in una World Series. Dopo gara 4 si unirono a Ruth e Gehrig in un vaudeville tour. Lloyd suonava il violino, Paul il sassofono. Uno dei musicisti era un giovane ragazzo appena agli inizi, di nome Jack Benny.

Da sinistra: Lloyd Waner, Babe Ruth, Paul Waner e Lou Gehrig prima di Gara 1 delle World Series del 1927

Ci furono molte storie di alcolismo durante la sua carriera di Paul. Casey Stengel disse: "Era molto leggiadro, e poteva scivolare senza rompere la bottiglia sul fianco". Quando Pie Traynor divenne manager dei Pirates , secondo quanto si racconta, avrebbe chiesto a Paul di smettere di bere. Paul lo fece, e la sua media battuta crollò. Traynor poi iniziò a comprargli le bevande, e la sua media aumentò. Si diceva che Paul poteva rompere una no-hitter, ma mai un party. Paul non fece molto per non diffondere la sua reputazione. "A volte quando mi alzo vedo tre palle, ho appena colpito quello in mezzo". Il suo bere fu un riflesso dei tempi? Impreziosì i racconti? Autopromozione? O era tutto vero? La sensazione è che ci fu una combinazione di tutto questo.

Paul Waner con questo swing realizzò il record delle 3000 valide nel 1942

Il 17 giugno del 1942, Paul colpì duro un grounder sull'interbase di Cincinnati Eddie Joost, che lo fermò, ma non potè fare il tiro. Fu giudicata una valida. I giocatori si precipitarono a congratularsi con lui per la 3000 hit. Li rimandò indietro e chiese allo scorer ufficiale di cambiarla in un errore. Due giorni più tardi a Pittsburgh colpì un singolo. "Volevo che la mia 3000a valida fosse una pulita".

Paul Waner dimostra la sua presa della mazza mentre si avvicina il record delle 3000 valide conseguito nel 1942.

Il sabermetrico Uber Bill James aveva dichiarato che Lloyd non doveva entrare nella Hall of Fame; lui era un beneficiario di medie battuta gonfiate in quel periodo e dell'influenza di Paul. E' opportuno sottolineare che, a parte le sue impressionanti statistiche offensive (.316 BA vita; 2459 valide), aveva brillantemente pattugliato il Forbes Field, che farebbe impallidire i ballparks di oggi. La sua velocità cambiò le difese infield, la sua pazienza spossava i lanciatori; questi aspetti non appaiono nei box scores. Rispetto a Paul, la maggior parte dei giocatori di baseball non si dimostravano all'altezza, in particolare un fratello. Forse pensava a questo Sir James?

Paul venne eletto nella Hall of Fame nel 1952 e morì nel 1965 a 62 anni. Lloyd fu eletto dal Veteran's Committee nel 1967 e morì nel 1982 a 75 anni. Erano sempre assieme. La loro eredità non è solo nella grandezza del baseball, ma il lontano cugino, Neil Waner, disse: "Hanno giocato quando il baseball era un gioco, non una professione". Furono applauditi per le loro gesta durante la Grande Depressione, i compagni dell'Oklahoma che furono colpiti dalle tempeste di sabbia (Dust Bowl *) si sentirono orgogliosi di loro, e diedero gioia agli appassionati durante la seconda guerra mondiale. Paul e Lloyd Waner utilizzarono tutte le loro abilità al massimo per tutto il tempo, meritandosi il riconoscimento senza tempo. Pittsburgh Poison: Non fu mai trovato un antidoto.

Oltre ad essere dei picchiatori stellari, Paul e Lloyd Waner erano superlativi all'esterno. Insieme con il rookie leftfielder Johnny Rizzo - che realizzò per i Pirates il maggior numero di fuoricampo in una stagione con 23 - costituirono un trio di esterni ineguagliabile

Pittsburgh Poison di Lawrence Richards dal The National Pastime Museum

* Con il termine Dust Bowl (in inglese: conca di polvere) si indica una serie di tempeste di sabbia che colpirono gli StatiUniti centrali e il Canada tra il 1931 e il 1939, causate da decenni di tecniche agricole inappropriate e dalla mancanza di rotazione delle colture. Il terreno fertile delle Grandi Pianure era esposto ad arature profonde che finivano per distruggere l'erba che ne assicurava l'idratazione. Durante la siccità, il suolo si seccò diventando polvere, e venne soffiato via verso est, principalmente in grandi nuvole nere. Talvolta queste nuvole di polvere oscuravano il cielo fino a Chicago, e gran parte della terra rimossa si perse completamente nell'Oceano Atlantico. Questo disastro ecologico causò un esodo da Texas, Kansas, Oklahoma, e dalle grandi pianure circostanti, con oltre mezzo milione di americani che restarono senza casa. Molti migrarono ad ovest in cerca di lavoro. Il termine può anche indicare l'area geografica colpita dal fenomeno, corrispondente alla regione compresa tra Texas, Kansas, Oklahoma, Colorado e Nuovo Messico.