CSS Valido!

BASEBALL PAOLO 2 K 8
 

 

 

 

 

Nell'era prima che la televisione assorbisse la nostra vita, ci fu un tempo in cui le squadre di baseball giravano per tutto il continente nordamericano, giocando partite dimostrative davanti a entusiastiche folle e raccogliendo soldi. Questo funzionava per i major leaguers, soprattutto quando erano coinvolti alcuni grandi nomi come Babe Ruth, Lou Gehrig, e Bob Feller. Funzionava per le squadre delle Negro Leagues, come i Kansas City Monarchs, che portavano con sè il proprio sistema di illuminazione per le partite in notturna. Ha funzionato per il famoso fastball pitcher Eddie Feigner dei "The King and His Court". E funzionò per le squadre barbute della House of David, che avevano anche loro il proprio sistema di illuminazione.

Manifesto del 1930 dei Kansas City Monachs. La prima partita di MLB giocata sotto la luce artificiale ebbe luogo a Cincinnati il 24 maggio 1935. I Monarchs introdussero il loro sistema di illuminazione portatile nel 1930. Più tardi la House of David "rubò" l'idea e andò in tour con il proprio sistema di illuminazione portatile

La House of David fu fondata come setta religiosa nel 1903 da Benjamin Purnell, che credeva che lui, la moglie Mary, e le persone che si erano riunite in una colonia in attesa della "End of the Age" (Fine del mondo) vicino a Benton Harbor, Michigan, facessero parte delle 12 tribù perdute di Israele. Purnell affermò di essere il sedicente "Seventh Messenger" (Settimo Messaggero) inviato da Dio, preannunciato nel Libro dell'Apocalisse dell'apostolo Giovanni, per salvare il mondo prima del nuovo millennio, in altre parole, l'anno 2000. Per far parte di questo famoso gruppo, i membri dovevano rinunciare a tutti i loro averi e dovevano astenersi dal fumo, dal bere, mangiare carne, rasarsi, tagliarsi i capelli, e il sesso, anche con il proprio coniuge. Per il taglio dei capelli, Purnell citò il Levitico 19:27: "Non vi taglierete in tondo i capelli ai lati del capo, ne deturperai ai lati la tua barba". Gli affiliati maschi avrebbero dovuto assumere l'aspetto di Gesù e dei suoi discepoli.

Nonostante queste strane richieste, la colonia che si chiamava House of David aumentò il numero dei discepoli a circa 500 entro il 1905. Vivevano su 1000 acri di terreno agricolo con frutteti, campi di grano, un conservificio, una latteria, una lavanderia a vapore, un ufficio stampa, una segheria, e la sua centrale elettrica, tra gli altri edifici.

A quel tempo, Benton Harbor era una rinomata località di villeggiatura con una posizione ideale sul lago Michigan. Era anche famosa per le sue terme minerali curative. Poichè sempre più turisti venivano al villaggio per tali scopi, nonché per vedere gli uomini con i capelli intrecciati e lunghe barbe che predicavano il messaggio di Purnells "End of the Age", la colonia decise di costruire un parco divertimenti, una piccola ferrovia e uno zoo per allietare i turisti. Nel 1910, costruirono anche un ballpark e si misurarono con la gente del posto in modo competitivo nel grande vecchio gioco.

1930 - La squadra House of David gioca una partita a Benton Harbor, Michigan

In 10 anni, la squadra della House of David diventò un'attrazione curiosa e di talento, abbastanza da far pagare l'ingresso per le loro partite di baseball. Per tenere il passo con il loro talento, decisero di avventurarsi all'esterno della colonia e giocare partite in tutto il continente nordamericano. Il baseball fu incoraggiato da Purnell come un modo per reclutare nuovi membri.

La squadra House of David baseball nel 1919

In un primo momento, la squadra andò solo fino a Chicago, dove giocò spesso contro gli American Giants della Negro League allenati dal futuro Hall of Famer Rube Foster, ma poi allargarono il loro tour nel resto degli Stati Uniti e in Canada. Al suo apice, la House of David cominciava ogni stagione nel profondo Sud nel mese di marzo, per poi avanzare a nord quando la temperatura si faceva più calda. Lo fecero per 30 anni.

Verso la fine degli anni '20, iniziarono i guai per Benjamin Purnell, quando fu accusato - secondo quanto si disse - di aver fatto sesso con 13 ragazze minorenni, oltre all'appropriazione indebita di fondi della colonia. In cattive condizioni di salute, Purnell morì nel 1927 all'età di 65 anni, prima che si concludesse il processo. La colonia poi andò in amministrazione controllata. Nacquero rapidamente due gruppi religiosi - la House of David e la City of David, quest'ultima retta dalla moglie di Benjamin. Ai fini delle pubbliche relazioni del baseball, entrambi credevano di essere la vera squadra House of David barnstorming.

1931 - Babe Ruth indossa la barba per una partita dimostrativa contro la House of David a St. Petersburg, in Florida

1932 - Rabbit Maranville e Art Shires, dei Boston Braves, rendono omaggio con le barbe finte alla House of David che giocò a Boston

C'erano anche altre squadre itineranti a cui fu dato il permesso di utilizzare il nome HOD, tra cui una squadra nera House of David che giocò nelle Negro Leagues. La House of David giocò circa 200 partite all'anno, a volte di più, molte in doubleheaders. Viaggiavano su delle auto Packard e Studebakers, e poi su un autobus. Nel 1932, crearono il loro proprio sistema di illuminazione, anche se grezzo per gli standard odierni. Nel corso degli anni, alcuni importanti major leaguers fecero parte della squadra come Grover Cleveland Alexander, che li allenò per qualche tempo, nonostante il suo problema con l'alcool, Larry Jansen, Frank McCormick, e l'atleta a tutto tondo di sesso femminile Babe Didrikson. Anche Elmer Dean (fratello di Dizzy e Daffy) giocò con la squadra. E' importante notare che nessuno si aspettava che questi giocatori venissero convertiti.

Questo manifesto fu utilizzato per pubblicizzare la squadra House of David quando giocò a Kelso Washington nella prima metà degli anni '30

Babe Didrickson lanciatrice per la House of David

I giocatori della House of David erano una novità nel panorama della società nordamericana molto ammodo, giocavano con le loro lunghe barbe e i lunghi capelli fluenti che spesso raggiungevano la vita. Erano degli animatori. Nel riscaldamento, giocavano a "pepper" lanciandosi la palla da sotto, tra le loro gambe, e intorno alle loro spalle.

(Clicca sull'immagine per vedere il video)

"Pepper Game" del 1930; da sinistra a destra, George Anderson, John Tucker, Doc Tally. Tally creò questa esibizione, e la portò alla sua perfezione con questi giocatori israeliti durante il decennio del 1930. Il gioco si fermava al quinto inning per vedere uno spettacolo che era sia straordinariamente ingegnoso che sapientemente eseguito

Durante le partite facevano doppie rubate e talvolta anche la tripla rubata. Potevano giocare entrambe le strategie "small ball" e "power ball". Erano maestri nel bunt, batti e corri, e furono una delle prime squadre a perfezionare il pop-up slide (scivolata). I loro lanciatori avevano nel loro arsenale non solo le fastballs, ma anche una buona quantità di breaking pitches, insieme alla temuta knuckleball.

Jesse Lee Tally, noto come "Doc" Tally, giocò a baseball per la House of David dal 1914 fino alla sua morte nel 1950

Erano dei professionisti? Forse. Parlando di talento, di sicuro semi-professionisti. Nel corso degli anni, le squadre House of David tennero testa a molte squadre delle Negro Leagues, come i Kansas City Monarchs, i Bacharach Giants, e i Chicago American Giants, menzionati in precedenza. Andarono una volta in tour per due mesi consecutivi, alla fine del 1930, con i Monarchs quando il grande Satchel Paige - che chiamava la House of David "Jesus Boys" - lanciò per loro. Nella maggior parte di queste partite, Alexander e Paige lanciavano contro per due o tre inning. In più occasioni, la House of David giocò contro molti club della Major League, tra cui i Philadelphia Athletics e i St. Louis Browns, che sconfissero 9-7 e 1-0 in due particolari partite.

Tom Dewhirst

Uno delle più grandi stelle della House of David fu l'outfielder Tom Dewhirst, conosciuto come "The Bearded Babe Ruth", che giocò per la squadra dal 1928 al 1937. In quel periodo, batteva lungo, colpendo homeruns che ricordavano ai fans il grande Babe. Spesso, Dewhirst colpiva tre homers in una partita, una prodezza che Ruth realizzò in due diverse partite delle World Series, nel 1926 e 1928. Per tre anni consecutivi, Dewhirst fu leader della squadra in homers, RBI e media battuta.

Grover Cleveland Alexander giocò per la House of David sotto le luci portatili dei Kansas City Monarchs nel 1931

1933 - La diciannovenne, Jackie Mitchell (a sinistra) della House of David mentre parla con i suoi compagni di squadra, tra cui Harry Lauper (al centro)

Allenata dal grande pitcher Grover Cleveland Alexander, la House of David realizzò un record di 142-41 in trasferta nel 1934, e nello stesso anno consolidò la stagione vincendo il tanto pubblicizzato torneo semi-pro Denver Post, dopo aver partecipato per il terzo anno consecutivo. Vinsero tutte le sette partite, e in alcune la folla superò le 10000 presenze. La squadra ebbe qualche aiuto nel torneo, con Satchel Paige che lanciò tre partite. Per le altre quattro partite, giocarono con il loro lineup regolare.

Manifesto della partita tra House of David e i Kansas City Monarchs del 28 maggio 1950

Fatta eccezione per gli anni della seconda guerra mondiale, le squadre House of David andarono in tour fino al 1955, negli ultimi anni, solo con membri della City of David. Da allora, la televisione prese il sopravvento nel Nord America, uccidendo l'attrazione di maggior parte delle squadre di baseball itineranti, così come tutti i livelli delle minor leagues. Anche l'aumento degli stipendi e le spese di viaggio furono un fattore che fece morire il grande divertimento conosciuto come baseball barnstorming.

I giocatori della House of David dopo un incontro con i Monarchs, assieme ai tecnici dell'illuminazione della squadra di Kansas City. Nell'ultima fila appare anche T.Y. Baird, in abito e cravatta, proprietario dei Monarchs e per un certo periodo anche manager artistico della House of David

Oggi, le lunghe barbe alla "Duck Dynasty" indossate da alcuni giocatori della Major League ricordano i famosi players della House of David.

 

 

Le Negro Leagues scoprono un'oasi allo Yankee Stadium

Il 5 luglio del 1930, circa 20000 fans assistettero a un doubleheader allo Yankee Stadium, inaugurato sette anni prima.

Ciò che rese questo giorno speciale fu che le squadre, i New York Lincoln Giants e i Baltimore Black Sox, erano i primi club delle Negro Leagues che giocavano allo stadio, sino a quel momento essenzialmente per soli bianchi, come tanti altri luoghi pubblici negli Stati Uniti.

Jacob Ruppert, il proprietario degli Yankees, aveva permesso l'uso dello stadio per le partite a beneficio della Brotherhood of Sleeping Car Porters, il primo sindacato nero della nazione.

Tra le partite, il ballerino di tip tap Bill Robinson, noto come Bojangles, corse all'indietro più veloce di alcune stelle dello sprint della Y.M.C.A. La band del 369th Infantry Regiment, nota come Harlem Hell Fighters, intrattenne la folla. E quando furono conteggiati gli incassi della giornata, la cospicua somma di 3500 $ fu donata alla Brotherhood of Sleeping Car Porters.

John Henry "Pop" Lloyd

Un giocatore ricevette una nota speciale: John Henry Lloyd, affettuosamente denominato Pop, manager e prima base dei Lincolns quel giorno. Andò 4 su 8, rubò una base, fu accreditato di un sacrificio e giocò in difesa senza errori.

Lloyd è stato eletto nella Baseball Hall of Fame dalla Negro Leagues Committee nel 1977. La sua placca a Cooperstown ricorda che fu "determinante per aiutare ad aprire lo Yankee Stadium alla Negro baseball nel 1930". Essenzialmente lo Yankee Stadium diventò House That Ruth Built and Pop Opened (la casa che Ruth costruì e POP aprì). Gli Yankees, che si prendono meravigliosa cura dei significativi record storici del baseball, hanno incluso una temporanea mostra delle Negro Leagues nel loro museo quando, nell'aprile del 2009, venne inaugurato il loro nuovo stadio. Ma questa notevole parte della storia dello stadio originale non viene commemorata in modo permanente.

Manifesto delle prime squadre delle Negro League a giocare allo Yankee Stadium

Questa fu l'occasione per fare rigorosamente tesoro dell'essenza del baseball, ma fu molto più di così. Se il reverendo Martin Luther King Jr. è visto come il padre del moderno movimento per i diritti civili, A. Philip Randolph, che aveva ideato la Brotherhood of Sleeping Car Porters, è suo nonno.

Randolph divenne uno dei primi vice presidenti neri della A.F.L.-C.I.O. (L'American Federation of Labor and Congress of Industrial Organizations, indicata comunemente come AFL–CIO, è la più grande centrale sindacale degli Stati Uniti formata da 56 sindacati nazionali ed internazionali), dandogli il prestigio e la reputazione per ispirare la marcia su Washington del 1963 che permise a King di salire sul palco al Lincoln Memorial.

La presenza delle Negro League allo stadio proseguì attraverso gli anni '30, la seconda guerra mondiale e l'integrazione delle major nel 1947. Quando gli Yankees erano in trasferta, le squadre delle Negro League giocavano lì regolarmente davanti a grandi folle; i Black Yankees utilizzarono lo stadio come loro home per diverse stagioni dal 1936-47 attraverso convenzioni con il presidente degli Yankees, Ed Barrow. Occasionalmente, venivano programmati dei doubleheaders con quattro squadre, in cui due squadre giocavano nella prima partita e altre due nella seconda. Avendo la possibilità di utilizzare questa grande e moderna struttura fu un importante passo avanti per la Negro League.

"Ora stiamo offrendo ai fans delle partite in un parco che conoscono bene", disse una volta il proprietario dei Black Yankees James Semler al New York Amsterdam News, "Non ci può essere nessun dubbio che non sappiano come raggiungerlo. Molto spesso, riescono a viaggiare senza alcun problema per vedere giocare le squadre della big league e stiamo offrendo loro un marchio di baseball che è altrettanto buono".

I proprietari delle squadre afro-americane furono in grado di incassare degli importanti profitti dalle loro partite allo Yankee Stadium, e a partire dal 1939, gli Yankees sponsorizzarono un torneo di 10 doubleheader per i club della Negro National League, il Jacob Ruppert Memorial Cup.

Quasi ogni stella del baseball afro-americana del 1930 e '40 giocò allo Yankee Stadium, tra cui gli Hall of Famers Satchel Paige, "Cool Papa" Bell, Oscar Charleston e Buck Leonard.

Due mesi dopo la prima partita allo Yankee Stadium, il leggendario slugger Josh Gibson realizzò una prodezza mai superata da Ruth o da qualsiasi altro sluggers. Secondo la leggenda, il 18enne Gibson colpì un home run a sinistra nel settembre del 1930 che viaggiò per più di 500 feet (153 m) e quasi uscì dallo Yankee Stadium.

Delle misurazioni precise erano al tempo impossibili, ma è degno di nota che, quando la seconda incarnazione dello Yankee Stadium chiuse i battenti nel 2008, Gibson era ancora accreditato dagli storici per aver colpito uno dei più lunghi fuoricampo della costruzione. Ci saranno sempre dibattiti sul fatto che Gibson fu in grado di superare il limite; Gibson colpì anche un homer nel Bronx nel 1934 che rivaleggiò con qualsiasi futuro exploit di Mickey Mantle.

I New York Black Yankees spesso indossavano uniformi usate degli Yankees, e rapidamente si mise in luce il miglior lanciatore della League - nella primavera del 1941, Paige lanciò e vinse la sua unica partita con l'uniforme di New York allo Yankee Stadium.

Satche Paige nel 1941 allo Yankee Stadium con l'Hall of Famer Grover Cleveland Alexander che lo osserva

"Questa è la cosa più vicina che ho ottenuto alle big leagues, lanciare allo Yankee Stadium", disse Paige nel fare il suo debutto allo Yankee Stadium.

Il 27 agosto del 1939, la Negro National League e la Negro American League si fronteggiarono allo Yankee Stadium per l'All-Star Game, in cui Gibson colpì il triplo da tre punti per la vittoria della NAL, 10-2.

Il manifesto dell'All-Star Game del 1948

Un altro "Dream Game" ebbe luogo il 24 agosto 1948, quando la NAL sconfisse la NNL, 6-1, in un contesto che mise in luce i futuri Major Leaguers Minnie Minoso, Luca Easter e Junior Gilliam.

Il biglietto dell'All-Star Game del 1948

Jackie Robinson aveva rotto la barriera del colore del baseball il 15 aprile 1947, dall'altra parte della città all'Ebbets Field di Brooklyn, e gli Yankees non inserirono un giocatore nero nel loro lineup fino al debutto di Elston Howard nel 1955. Ma lo Yankee Stadium ospitò un precursore del gesto storico di Robinson nel 1946.

Bob Feller e Satchel Paige nel 1946

Un team All-Star afro-americano diretto da Paige affrontò a ottobre una squadra All-Stars dell'AL guidata da Bob Feller, pitcher degli Indians, in due partite di esibizione allo Yankee Stadium. Il lanciatore degli Indians Bob Lemon colpì un fuoricampo per vincere la prima partita per l'AL, ma la squadra di Paige superò il team di Feller due giorni dopo.

L'All-Star di Bob Feller del 1946. Questa squadra era composta da stelle sia dell'AL che della NL. Da sinistra a destra Frankie Hayes, catcher Withe Sox; Mickey Vernon, 1a base Senators; Ken Keltner, 3a base Indians; Bob Lemon, pitcher Indians; Lefty Weisman, trainer Indians; Johnny Berardino, 2a base Browns; il pilota Ernest Nance, Los Angeles; George Maruyama, Los ANgeles; Jim Hegan, catcher Yankees; Dutch Leonard, pitcher Senators; Charley Keller, esterno Yankees; Rollie Hemsley, catcher Pillies; John Sain, Belleville Arkansas; Sam Chapman, esterno Athletics, Bob e Mrs. Feller; Russell Craft e John Price. Sull'aereo, Bob Gill, segretario dell'All-Stars e Clara Spencer, stenografa

L'All-Star di Satchel Paige del 1946. Satchel è in cima alle scale, con un cameriere. Dizzy Dismukes è appena sotto di loro. Dall'estrema sinistra a terra c'è Hilton Smith, Howard Easterling, Barney Brown, Sam Jethroe, Gentry Jessup, Hank Thompson, Max Manning, Chico Renfroe, Rufus Lewis, Gene Benson, Buck O'Neil, Frank Duncan, Artie Wilson e Quincy Troppe

L'era del baseball non integrato allo Yankee Stadium ricevette l'addio il 20 agosto del 1961, quando le stelle della Negro American League si riunirono per l'All-Star Game, solitamente giocato al Comiskey Park di Chicago. A 55 anni, Paige lanciò tre inning scoreless e venne nominato MVP della partita.

Satchel Paige durante la Negro American League All-Star del 1961 allo Yankee Stadium

Il veterano giornalista nero St. Clair Bourne riflettendo sulle tante partite delle Negro Leagues che aveva visto disse: "Quando questi ragazzi arrivarono e iniziarono a giocare questo tipo di baseball e la gente li vide qui allo Yankee Stadium, capii che i tifosi sarebbero venuti. Ho sempre pensato che avesse qualcosa a che fare con il progressivo avvicinamento dei neri alla Major League Baseball, perché prima o poi, i proprietari sarebbero stati abbastanza intelligenti da capire che la parte reale del baseball era verde, non bianca o nera".

 

 

Il poderoso gigante gentile Pop Lloyd: un giocatore per i secoli

La rara fotografia di "Pop" Lloyd del 1909 quando giocava per i Philadelphia Giants

La storia dello straordinario giocatore di baseball nero, John Henry "Pop" Lloyd può davvero essere raccontata attraverso una vecchia canzone popolare le cui parole raccontano la storia di un altro possente eroe popolare afro-americano "larger-than-life*". Oggi le parole della canzone possono scuotere la nostra sensibilità, ma sono senza dubbio parte del passato degli Stati Uniti d'America.

De man dat invented de steam drill thought he was mighty fine,

John Henry drove his fifteen feet an’ de steam drill only made nine,

Lawd, Lawd, an’ de steam drill only made nine. 

John Henry "Pop" Lloyd nacque a Palatka, Florida, il 25 aprile del 1884. Un secolo più tardi, durante l'estate del 1985, il vecchio amico di Pop, Henry "Whitey" Gruhler, ex direttore sportivo della Atlantic City Press, prima di morire, raccontò con grande commozione i meravigliosi ricordi di baseball di un uomo straordinario: "Si può vedere dalle lacrime quanto gli volevo bene".

La grande squadra dei Philadelphia Giants del 1906 vede Pop (il secondo da destra nella prima fila in piedi) insieme ai compagni Bruce Petway, Frank Duncan, Spotswood Poles e altri

Dal 1977, quando la placca di Lloyd entrò nella Hall of Fame di Cooperstown, a New York, i visitatori della città, in cui il baseball presumibilmente era stato inventato nel 1839, conobbero le gesta di un uomo che la stella della Negro League, il lanciatore Max Manning, chiamava "gentle giant" (gigante gentile). L'iscrizione sulla targa di Pop dice che era "considerato il più bell'interbase che giocò nella Negro baseball", e che tra i suoi molti risultati fu "determinante ad aprire lo Yankee Stadium alla Negro professional baseball nel 1930".

Nel mese di ottobre del 1949, i notabili di Atlantic City, la città adottiva di Lloyd, nel New Jersey, dedicarono un park al loro gigante gentile. Pop, pacato, quasi riverente, parlò con parole forti mentre le lacrime sgorgavano dagli occhi: "Ho dato il meglio di me quando giocavo a baseball, e oggi ho intenzione di dare il meglio che ho nell'esprimere apprezzamento per l'onore che mi è stato dato in questo giorno. Spero che i giovani, non solo di Atlantic City, ma di tutta la nazione, possano beneficiare di quello che ho cercato di dare ai giovani d'America. E prometto che questo giorno, più di ogni altra cosa, mi ispirerà a continuare a vivere rettamente in modo che io possa giustificare la fiducia che voi ragazzi mi avete dimostrato".

White man told John Henry,

  . . . damn yo’ soul,

  You might beat this steam an’ drill of mine, 

  When de rocks in dis mountain tuns to gol’,

  Lawd, Lawd, when de rocks in dis mountain tuns to gol’.

Era il novembre del 1929, Lloyd indossava una tuta e aveva uno straccio per spolverare in una mano e una scopa nell'altra quando un giornalista lo riconobbe nonostante il travestimento, mentre lavorava per il direttore Al Perkins presso l'ufficio postale principale di Atlantic City. Perkins, un grande appassionato di baseball, si compiacque di aver trovato un lavoro a questo grande giocatore per l'off-season. E grande lui lo fu! La sua mazza certamente fece parlare. All'età di 44 anni, Pop giocò in circa 40 partite, leader delle Negro Leagues in battuta, homer, e - prendi questo - basi rubate! Il nuovo assunto di Perkins "continuò a fare quello che stava facendo, come se non fosse stato acclamato in tutto il paese da migliaia di fans, o che non fosse stato il più grande giocatore di baseball di colore".

A quel tempo, Lloyd aveva appena passato il suo 45° compleanno. Quando gli fu chiesto di andare in pensione, disse con una risatina: "Sto solo diventando abbastanza vecchio per giocare a baseball. Mi sento giovane come 20 anni fa".

Nel 1928, fu accolto a New York con un titolo gioioso che annunciava che era "Tornato in città in ottime condizioni di salute, trasmettendo la stessa indole vincente per cui lo avevano amato dentro e fuori degli Stati Uniti". Pur notando i suoi 44 anni, la storia ci racconta: "ma un grosso esempio di ciò che la vita pulita può fare ad un atleta ... Tifosi, giocatori e un esercito di altri amici gli hanno dato il benvenuto al centro storico, sperando che questo possa essere uno dei suoi anni di maggior successo nelle partite a New York".

Nello stesso anno, il New York World indicò lo "Ancient Mariner" (un altro suo nomignolo) come uno dei grossi calibri del baseball semipro. Commentando l'elogio su quel giornale bianco per questo vecchio giocatore nero, Romeo Dougherty di Amsterdam News ricordò quante volte nel primo decennio del secolo i vecchi Lincoln Giants, ancorati all'interbase dell'allora giovane Pop, avevano battuto le migliori squadre di bianchi. Lo scrittore nero ricordava che "I giocatori della Big League solitamente andavano all'Olympic Field, tra la 136th e la 137th strada, per imparare le tecniche più fini del gioco di John Henry e dei suoi compagni dei vecchi Lincoln".

L'anno precedente, Rafe Conte, il decano dei cronisti sportivi a Cuba, disse che l'uomo che a lungo avevano chiamato Pop ora si riferivano a lui come "Old Warrior" (il vecchio guerriero) e disse: "Questo atleta passerà alla storia come il più grande giocatore di tutti i tempi che il gioco nazionale ha prodotto".  

John Henry tol’ his cap’n,

  Lightnin’ was in his eye,

  “Cap’n, bet yo’ last red cent on me,

  Fo’ I’ll beat it to the bottom or I’ll die,

  Lawd, Lawd, I’ll beat it to de bottom or I’ll die.

Nel mese di ottobre del 1924, Ed Lamar, uno di quelli che videro nascere il baseball professionista nero, disse al giornalista Rollo Wilson che era particolarmente felice quando aveva letto quello che il giornalista aveva scritto del suo amico "The Kid".

"Sono stato il primo uomo bianco che ha giocato con lui al Nord verso il 1905 o 1906", aveva detto Lamar, "Avrei voluto avere una squadra composta da nove come lui. Guardo a lui come al bene più prezioso per un club di qualsiasi altro giocatore nel gioco di oggi".

"The Kid" aveva dato al suo vecchio amico molto di cui essere felice all'inizio di quell'anno, quando "eguagliò il record di Tris Speaker, Lamb e di Chas Dressen per il maggior numero di valide consecutive" e ne stabilì un altro ottenendo il maggior numero di basi dalle sue 11 valide in una striscia di tre partite.

Pop Lloyd con la casacca degli Havana Reds

Nel mese di aprile del 1923, troviamo il nostro "gentle giant" a Baltimora tornato da poco da Cuba, che era diventata nel pieno della sua carriera la sua seconda casa di baseball durante gli inverni. Viveva al 1028 Nord Eutaw Street, con l'affascinante e avvenente moglie in un appartamento ben arredato. I suoi Havana Reds della Lega Cubana erano finiti secondi nella corsa al pennant quell'inverno, e lui aveva conquistato la piazza d'onore nella media battuta dietro al grande Cristobal Torriente. I fans cubani lo idolatravano. Per mostrare il loro apprezzamento per le sue grandi giocate, fecero una colletta pubblica e gli offrirono una catena per orologio tempestato di diamanti.

Gli Havana Reds del 1923/1924. Pop Lloyd è il secondo da destra nella fila in piedi

Oh, de Captain said to John Henry.

  “I b’lieve this mountain’s sinkin in.”

  John Henry said to the captain,

  “Oh my, ain nothin but my hammer suckin’ win’,

  Lawd, Lawd, ain’ nothin but my hammer suckin’ win’.  

Lloyd era un ragazzo goffo di Jacksonville, Florida, quando si spostò al nord nel 1906 per giocare con i Cuban X Giants di Lamar a Philadelphia. Aveva impressionato i giocatori che ogni inverno andavano a sud per lavorare come camerieri e guadagnare qualcosa in più come giocatori nella "Hotel League". Dopo averlo visto in azione per diversi anni, decisero che era pronto, e Lamar gli pagò il biglietto del treno per il nord. La sua prima partita fu contro i Giants Wilmington al vecchio campo da baseball dei Phillies. Il suo doppio nell'8° inning contro il famoso Kid Carter vinse la partita per i Cubans.

Articolo del Philadelphia Record del 26 luglio del 1906, pagina 8. Questa è la sola partita giocata tra i Wilmington Giants e i Cubans X-Giants nel 1906, con "Floyd" che giocava seconda base per i Cubans e realizzò due valide. La partita non andò agli innings supplementari, ma i Cubans segnarono 2 punti nella parte bassa dell'8°

Pop Lloyd con la casacca della squadra cubana di Almendares negli anni 1924 - 1926. Per molti anni le abilità di battuta di Pop fecero di lui uno delle più grandi stelle del baseball Cubano

Una vignetta del tempo mostrava un giocatore di schiena, con le stelle che gli giravano attorno alla testa, e con lo sguardo stordito che borbottava: "Verdun non è nulla rispetto a questo". La scena si svolgeva ad Augusta, Georgia, nel 1905 con il famoso "Georgia Rabbit" sul monte. Lloyd stava ricevendo senza maschera.

"Nel terzo inning, una sprizzata foul si avventò sul suo occhio sinistro; la palpebra si chiuse. Si inumidì un dito, si strofinò l'occhio ferito e andò avanti. Nel settimo, un altro foul lo colpì sull'occhio destro; scese il buio. Il nostro giovane giocatore, da buon sportivo, esclamò: Signori, credo che dovrò smettere. Non riesco a vedere la palla. Il giorno dopo acquistò un cestino per la carta, se lo mise in testa, e finì la serie, alcuni direbbero, come l'inventore della maschera da ricevitore".

Nel corso dei suoi decenni nelle Negro Leagues, Pop lasciò il suo segno indelebile. Lo storico del baseball Jim Riley ci dice che Pop era "un giocatore completo che poteva battere, correre, difendere, tirare e colpire con potenza, soprattutto nei momenti clutch. Era un difensore superlativo che studiava i battitori e si posizionava con saggezza, aveva un rapido movimento sulla palla, e copriva un'area grandissima ed era eccezionale con le mani che scavavano le palle dalla terra rossa come una pala".

Lloyd iniziò la sua carriera nella big league del baseball nero professionistico nel 1906, quando Lamar lo portò ai Cuban X Giants. L'anno successivo, giocò con i campioni dei Philadelphia Giants di Sol White. Dopo aver giocato la stagione 1910 a Chicago con i Leland Giants, passò da est a New York con i Lincoln Giants di Jess McMahon.

I New York Lincoln Giants nel 1912. Pop Lloyd è il terzo da sinistra in piedi

Tornò a Chicago nel 1914, per giocare quattro anni con gli American Giants di Rube Foster e vide la squadra vincere tre Western championships con vittorie contro i campioni della Eastern nel 1914 e 1917. Dal 1918 al 1920 giocò a New York con il Brooklyn Royal Giants e i NY Giants Bacharach.

I New York American Giants nel 1914. Pop Lloyd è il secondo da destra in piedi

Considerato come uno dei migliori giocatori della Negro League di tutti i tempi, "Pop" Lloyd era conosciuto come uno straordinario battitore, e regolarmente batteva sopra i .350

"Dovunque c'era denaro, là io mi trovavo", avrebbe detto Lloyd più tardi. Nel 1921, il denaro lo portò a Columbus, Ohio, per dirigere e giocare con i Buckeyes che partecipavano alla Negro National League. Trascorse l'anno successivo con i Bacharach Giants di Atlantic City nella comunità dove avrebbe vissuto nei suoi anni di pensionamento.

Nel 1923 si trasferì a Philadelphia per giocare con gli Hilldale Daisies. Nel '24 e '25, tornò a Atlantic City con i Bacharachs come giocatore-allenatore. Giocò i suoi restanti anni sul gradino più alto della Negro baseball professionistico come manager e prima base per i New York Lincoln Giants e i New York Stars.

Nei suoi anni di pensionamento nella sua adottata Atlantic City dove divenne un personaggio molto amato dalla comunità, fu il manager di due club semipro locali, Johnson Stars e Farley Stars, che entrambi prendevano il nome dal boss politico della zona.

Quando gli fu chiesto nel 1949, durante la cerimonia dell'inaugurazione dello stadio in suo onore, se fosse pentito che i suoi giorni di giocatore fossero stati molto prima della rottura della linea del colore nella Major League Baseball, John Henry "Pop" Lloyd ("questo atleta che passerà alla storia come il più grande giocatore di tutti i tempi che ha prodotto il gioco nazionale") rispose: "Io non ritengo di essere nato nel momento sbagliato. Sentivo che era il momento giusto, perché avevo la possibilità di dimostrare le capacità della nostra razza in questo sport e perché molti di noi hanno fatto del proprio meglio per preservare la tradizione del gioco e del mondo dello sport. Abbiamo dato ai giocatori di colore una maggiore opportunità ora per essere accettati nelle major league con gli altri Americani".

Pop, il gigante gentile, un vero pioniere, alla fine incontrò il suo creatore ad Atlantic City il 19 marzo 1965. Purtroppo, a causa della virulenta barriera del colore nel baseball, generazioni di bianchi appassionati di Major League non hanno mai avuto la possibilità di assistere, in prima persona, alle gesta sportive di un uomo che molti considerano il più grande di tutti. Ma decine di uomini, bianchi e neri, ebbero modo di conoscere Pop per l'essere umano che era e fu superlativo.

Dey took John Henry to de graveyard,

An dey bired him in de sand,’

And every locomotive come roaring by says

Dere lays a steel-drivin man, Lawd, Lawd

Dere lays a steel-drivin man!

Articolo di Lawrence Hogan dal The National Pastime Museum

* John Henry è un eroe popolare afro-americano realmente esistito che contribuì a costruire le ferrovie attraverso le montagne della West Virginia, Maryland e Pennsylvania negli anni 1870. Lavorava come "steel-driving man", un operaio il cui compito era quello di piantare dei chiodi di acciaio nella roccia per formare un buco su cui veniva inserito l'esplosivo che poi facevano detonare. John Henry era famoso per la sua taglia enorme e la grande forza. Sembra che potesse forare tutto il giorno senza stancarsi! Un giorno, mentre lavoravano sul Great Bend Tunnel nella West Virginia, il suo capo si entusiasmò per un martello a vapore che era appena arrivato. Avrebbe potuto accelerare il loro lavoro di perforazione rispetto alle squadre di uomini? Decisero di fare una prova. John Henry era il più forte in assoluto e fu contrapposto alla macchina. La pressione era tremenda. Il suo orgoglio era in gioco. Peggio ancora, tutti i "steel-driving man" avrebbero perso il posto di lavoro se la macchina avesse vinto! John Henry lavorò più velocemente di quanto avesse mai fatto prima e sconfisse la macchina! Ma lavorò così duramente che il suo cuore non resse. Anche se la macchina perse la gara quel giorno, aveva battuto John Henry in un altro modo: non era più stanca dopo la gara del giorno precedente. Il giorno dopo, avrebbe lavorato altrettanto duramente, mentre la famiglia e gli amici di John Henry preparavano il suo funerale. I "steel-driving man" sapevano che non avrebbero avuto un lungo futuro lavorativo. La sua storia è diventata una delle più famose canzoni popolari in America. Esistono molte versioni, e la storia è stata oggetto di numerosi giochi, libri e romanzi.

 

 

Jigger Statz: Il miglior esterno centro con la carriera più lunga

Arnold "Jigger" Statz

Chi è Jigger Statz? Arnold "Jigger" Statz ha avuto "la carriera più lunga" ed è stato il "migliore" esterno centro? Quando si ritirò nel 1942 a 45 anni, Statz deteneva il record per il maggior numero di partite giocate come professionista: 3473. Di queste, 683 le giocò nelle Major Leagues e il resto nella Pacific Coast League (non giocò mai sotto il AAA), dove stabilì numerosi record, tra cui 18 stagioni trascorse con una squadra, i Los Angeles Angels.

Statz aveva acquisito fama un paio di anni prima, quando aveva superato il precedente detentore del record Ty Cobb, che aveva giocato 3174 partite da professionista. Attualmente è al sesto posto, dietro a Pete Rose, Carl Yastrzemski, Hank Aaron, Eddie Murray e Rickey Henderson. Solo Cobb ha giocato all'esterno centro in questo gruppo, ma non tanto come fece Statz. Ha presidiato il perno centrale sempre nelle minor e per il 96 per cento del tempo nelle major.

Così nessuno ha giocato all'esterno centro più a lungo di Statz. Quanto era bravo? Nella sua storia definitiva degli Angels, Dick Beverage ha scritto: "Coloro che hanno giocato con e contro di lui, lo consideravano come un grande esterno senza pari. Ognuno di quegli uomini che hanno parlato per raccontare questa storia ha detto che, senza dubbio, Statz è stato il miglior esterno centro che abbiano mai visto, sia nelle Major che nelle Minor". E lo dimostrò ancor di più in seguito.

Statz fa parte di un altro gruppo selezionato di giocatori di baseball - quelli che hanno superato le 4000 valide da professionista. Oltre a Rose e Cobb, gli unici due che figurano in cima nelle Majors, il club comprende Statz, Hank Aaron, Stan Musial, Ichiro Suzuki e Derek Jeter. Questa è una compagnia piuttosto inebriante per uno che era alto 1,73 per 66 kg e che fece una dieta per portare il suo peso a 68 kg. Ma chi era questo tizio?

Arnold Statz era nato nell'Illinois nel 1897 e visse da bambino anche in Alabama e nel Massachusetts. Il suo soprannome deriva da una contaminazione nel Massachusetts dell'insetto dell'Alabama conosciuto come chigger (specie di acaro), un pertinente nomignolo considerando le sue ridotte dimensioni e il fastidioso stile di gioco. Dopo un paio di anni a Holy Cross, dove fu allenato dal futuro Hall of Famer Jesse Burkett, prestò servizio militare durante la prima guerra mondiale.

John McGraw lo firmò nel 1919 e lo mise in campo a destra e al centro per la maggior parte del mese di settembre. Battè .321 con un trio di tre valide a partita, ma dopo un inizio lento nel 1920 fu messo nei waivers e rivendicato dai Red Sox. Gli diedero in tutto tre at-bats prima di mandarlo agli Angels, dove fece il suo debutto nella minor league nel mese di giugno. Nel 1921, battè .310, rubò 52 basi e segnò 126 punti, guadagnandosi un biglietto per i Chicago Cubs, che cedettero cinque giocatori per acquistarlo.

Statz ebbe la sua migliore stagione in Major League nel 1923 con i Chicago Cubs, giocando in tutte le 154 partite e realizzando una media battuta di .319

Jigger Statz nel 1922 con i Cubs mentre batte da mancino

Un destro naturale, scelse di battere switch-hitter nella sua prima stagione completa con i Cubs, battendo .297 in 110 partite. Anche se colpì .295 da mancino, poi battè rigorosamente a destra e andò molto meglio nel 1923 mentre condusse il campionato per le partite giocate e gli at-bats. Realizzò una media di .319 con 209 valide, segnando 110 punti, 10 fuoricampo (per un totale che eseguì solo una volta nelle minor), 70 RBI e 29 basi rubate. In difesa, eliminò 26 corridori e fu leader degli outfielders del campionato con sette doppi giochi.

Jigger Statz nel 1922 con i Cubs mentre batte da destro

Con una media di .359 dopo giugno, il 26enne sembrava pronto per la celebrità. Il reporter Ford Sawyer scrisse: "Oggi si posiziona come uno dei migliori leadoff nel big show, veloce, intelligente corridore, affidabile giardiniere esterno e pericoloso battitore". L'opinionista radiofonico del Mutual Network, Sam Balter, lo definì "un perfetto Willie Keeler che colpisce la palla dove lui non c'è".

Che cosa andò storto? Scivolò in una media di .277 nel 1924 - nonostante cinque-hit in una partita - e una minore produzione globale. Un inizio lento nel 1925 lo riportò agli Angels nel mese di giugno. Nel 1926, rispose con una delle più grandi stagioni nella storia della PCL: una media di .354, 291 valide, 150 punti, 68 doppi e 18 tripli, oltre a un'abilità difensiva che includeva solo due errori in 199 partite. Se ci fosse stato un MVP Award, avrebbe vinto per aver guidato gli Angels al titolo PCL.

Jigger Statz giocò le sue ultime due stagioni nelle Majors con i Brooklyn Robins nel 1927 e nel 1928

Tornò nelle Majors, questa volta con i Brooklyn Robins. Come titolare nel 1927, battè .274, segnò 64 punti, e fu leader degli esterni centro della league nella percentuale fielding. Nel 1928, colpì più di .300 fino a fine maggio, e poi andò in slump. Con un periodo di 7 su 47 abbassò la media a .242, e perse il lavoro. Questo fu il suo colpo finale nelle Majors. A 31 anni tornò per sempre nella PCL. Nel corso delle successive 14 stagioni, divenne una leggenda, facendo più soldi nel decennio della Grande Depressione di quanti ne avesse fatti nelle Majors, grazie alla stagione più lunga e a stipendi extra.

Statz era il battitore di contatto per eccellenza, paragonabile a Keeler, Lloyd Waner e a Suzuki tranne che per il fatto che il 50 per cento delle sue battute erano dei doppi. Delle sue 4093 valide, 3138 furono singoli, cioè il 76 per cento (78 per cento nelle Majors), lo stesso di Pete Rose nelle Majors. Statz sembrava diventare più veloce col passare del tempo, diventando per tre volte leader della PCL nelle rubate per un totale di 543.

Statz faceva bunt, valide, correva forte e segnava, anno dopo anno. Dal 1931 al 1936, realizzò una media di 240 valide, 38 doppi, 40 rubate e 148 punti a stagione, mentre batteva .330. Il 1939, anno in cui superò il traguardo delle 3000 valide con gli Angels, colpì .311 in 145 partite all'età di 42 anni.

Nel 1932, quando The Sporting News iniziò a nominare l'MVP per i campionati di AAA, Statz vinse il primo premio PCL grazie a una media di .347, 256 valide e fu leader della League con 153 punti. Ricevette il premio il successivo mese di aprile prima di una partita e dichiarò: "Essere onorato in questo modo è un fiore all'occhiello della mia carriera". Poi uscì e colpì un raro home run, uno dei 77 in 13242 at-bats come pro.

Come riuscì Jigger Statz a stare sempre bene così a lungo? Si prese cura di se stesso. Giocava, consumava la colazione e la cena, niente pranzo, due pasti abbondanti essenziali con i dolci. Nel 1937, quando la sua media scese sotto i .300 per la prima volta dal 1925, diede la colpa ad aver assunto peso dopo aver allentato la sua auto disciplina in materia di dolci. Eliminò i chili di sovrappeso, e l'anno successivo colpì 200 valide per l'11a volta.

Durante l'offseason, era un appassionato e talentuoso giocatore di golf. A lungo considerato come il migliore giocatore di golf tra i giocatori di baseball, sarebbe diventato professionista se lui non avesse tenuto di più alla caccia delle palle aeree fino all'età di 45 anni. Secondo lui, l'esercizio quotidiano e le lunghe passeggiate rinforzarono le sue forti gambe, anche se una volta che la stagione era iniziata evitava i campi di golf, e non voleva che il pubblico si facesse l'idea che la sua attenzione era concentrata su qualcosa oltre il baseball. Asseriva che le "Gambe falliscono perché diventano grosse. Tenere le gambe sottili prolunga la carriera di dieci o 15 anni". Un'altra sua chiave era correre in punta di piedi, non sulle piante dei piedi, infatti non ebbe un "crampo" fino all'età di 40 anni.

"The Greatest Angel of Them All" - Jigger Statz mentre mostra la sua tecnica di scivolata (detiene il record della PCL di tutti i tempi per il numero massimo di partite giocate con 2790)

La velocità è la capacità che aiuta sia in attacco che in difesa, e nel caso di Jigger Statz, cambiò la sua vita. Gli fu presentata una donna al campo da baseball di Los Angeles poco prima di vincere una gara per stabilire chi poteva correre intorno alle basi il più velocemente possibile. Chiese a Grace di tenergli il trofeo fino a dopo la partita, e da lì convolò in un matrimonio lungo e felice. Ebbero tre femmine e un maschio.

Nonostante i suoi numeri offensivi impressionanti, la sua difesa lo mise sopra il piedistallo. Giocava poco profondo, nello stampo di Tris Speaker, ed era sbalorditivo vederlo tornare indietro per i drives profondi. Nessuno si muoveva come lui, in parte perché scoutava tutti i battitori avversari e sapeva dove ognuno avrebbe colpito il lancio successivo. Le sue grandi mani erano un altro bene addizzionale, che lui accentuava tagliando un buco nel mezzo del guanto in modo da poter sentire la palla in modo più sicuro con il palmo della mano nuda.

Il guanto di Jigger Statz

Il lanciatore di Hollywood Johnny Babich descrisse lo stile di Statz. "Giocava circa 7 metri e mezzo dietro la seconda base, e pensavo, accidenti, uno di questi giorni potrebbe essere costretto a correre come l'inferno per prendere la palla. Ma lo poteva fare". Il compagno di squadra outfielder Pete Coscarart disse: "Era grande a tornare indietro. Poteva prendere quelle corte di fronte a lui, e poteva tornare indietro per le palle colpite sulla sua testa". Nel racconto di un giornale del 1939 di una partita in cui fece due sensazionali prese, è descritto così il gesto atletico "Statz sembrava correre a destra del muro di mattoni per una presa in back-handed".

Nel 1940, fu nominato manager degli Angels. Dichiarò che sperava di giocare meno, al fine di tenere le gambe più in forma quando avrebbe giocato. Subì una frattura al polso nel 1939 e questo lo ostacolò portando la sua media più alta in tre stagioni come giocatore/manager a .289. Ancora popolare, sapeva che il suo lavoro era in pericolo a metà del 1942, e così rianimò gli Angels in uno slancio di fine stagione che li portò in finale perdendo con i Seattle Rainer, portandolo comunque al licenziamento.

Per il resto della seconda guerra mondiale, lavorò nel settore della difesa, e dopo la guerra divenne uno scout dei Cubs. Fu manager nelle Minor per altre due stagioni e giocò molto a golf, anche se non professionalmente. Morì in un relativo anonimato nel 1988 a 90 anni, titolare di 14 record in carriera della PCL.

Arnold "Jigger" Statz era dinamico sulle basi e in campo esterno, astuto battitore disciplinato, e un bravo ragazzo che andava d'accordo con tutti. E' stato stato uno dei primi cinque eletti nella Pacific Coast League Hall of Fame quando fu aperta nel 1942. Con una striscia calda invece di uno slump nel 1925, avrebbe potuto cavalcare quel talento per la Hall of Fame di Cooperstown. Tuttavia, si ha la sensazione che lui fu felice di giocare esattamente dove giocò per la maggior parte della sua straordinaria carriera.

Articolo di Gabriel Schechter dal The National Pastime Museum

 

 

Ricordando i Portland Mavericks

I Mavericks erano una squadra indipendente della minor league a Portland nella metà degli anni '70. Per introdurre la storia della squadra, ecco come Jim Bouton, ex pitcher dei New York Yankees, ricordava "The 'Vintage' Big Mad Mav" in un articolo per l'Oregonian nell'aprile del 2001:

I Portland Mavericks, maschi e femmine, erano una squadra di baseball in cui, sono orgoglioso di dire, ho giocato per due volte. Una volta, per alcune settimane nel 1975, in vacanza dal mio lavoro come sportscaster TV a New York, e di nuovo due anni dopo, quando lasciai del tutto la TV per iniziare il mio ritorno alle major league. La pura follia di smettere un buon lavoro per giocare a baseball nelle minor league era quello che mi qualificava per essere un Mav.

I "Big Bad Mavs", come siamo stati conosciuti dagli amici e nemici, erano una collezione di disadattati, buoni a nulla e degenerati che avevano giocato a baseball e crearono scompiglio nella Classe A della Northwest League dal 1973 al 1977. Di proprietà dell'attore Bing Russell della serie TV "Bonanza", il team era composto da giocatori che erano stati rilasciati, o non erano mai stati nemmeno firmati da un'organizzazione della major league.

Guadagnavamo solo 300 $ al mese e poi Bing ha dovuto raddoppiare per motivare il gruppo ....

I Mavs sono stati la squadra più democratica in America. Un piccolo giornale di annunci per l'open dei tryout attrasse medici, avvocati, idraulici, attori, benzinai, drogati ed ex detenuti provenienti da tutto il paese, arrivati in autostop, con lo zaino in spalla e dormendo in tenda nel campo esterno solo per provare per i Mavs. Non avevi bisogno di referenze per giocare. Il che potrebbe spiegare il motivo per cui fummo leader della League per gli arbitri terrorizzati, armadi degli alberghi pieni di lattine di birra vuote e risse da bar mai iniziate di proposito. "Padre, non sono cattivi ragazzi, un po' indisciplinati".

I Mavs hanno avuto vari "pazzi", a cominciare dal manager Frank Peters. Frank, il cui compito era quello di perquisire i giocatori prima di mandarli in campo, trascorse del tempo in prigione.

Il nostro giocatore migliore era Reggie "That's Not My Gun" Thomas, un outfielder lesto di gambe che era famoso per trasformare un doppio sicuro in un singolo in modo da poter rubare la seconda base e vincere panini gratis assegnati dal ristorante Souvlaki Stop.

Poi c'era Phil "I Wish You Were Dead" (Vorrei che tu fossi morto) Moreno. Questo è ciò che Phil disse ad un direttore del motel Bellingham quando il suo televisore cessò di funzionare. Ragazzo tra sei ore morirai di un attacco di cuore. Ben fatto, Phil, disse uno dei Mavs, ora dobbiamo passare a un altro motel ...

Altri personaggi includevano Steve "Cut" Colette, un terza base che sembrava un pirata; Jim "Swanee" Swanson, un ricevitore mancino (avete bisogno di un ricevitore mancino nel caso in cui qualcuno cerchi di rubare la prima base); Joe "Dine and Dash" Garza, che era allergico alle ricevute dei ristoranti; il trainer Steve "Doc" Katz, che dispensava rimedi omeopatici per le braccia doloranti e i postumi di una sbornia; e Rob "Baby-Face" Nelson, che sognava la Big League Chew nel bullpen al Civic Stadium ...

Il più famoso Mav era Kurt Russell, che avrebbe potuto giocare nelle major leagues se non avesse scelto il business dell'attore. Kurt era un buon seconda base che avrebbe potuto davvero rimorchiare, dentro e fuori dal campo. In effetti, tutta la squadra era un gruppo di artisti della conquista. E nessuna era off limits - cameriere, bariste, segretarie, fidanzate degli avversari, mogli degli arbitri. Non ho mai detto che eravamo intelligenti .......

Questo è uno stralcio del colorito racconto dei MAV da parte di Jim Bouton, ma chi erano veramente i MAV.....

I Portland Mavericks erano una squadra di baseball professionistico indipendente del nord-ovest degli Stati Uniti, con sede a Portland, Oregon. Cominciarono a giocare nella short season Classe A della Northwest League nel 1973, dopo che i Portland Beavers della Pacific Coast League avevano lasciato dopo la stagione 1972 per diventare gli Spokane Indians. I Mavericks giocarono come club indipendente a Portland per cinque stagioni, fino al ritorno della PCL nel 1978. Giocavano le partite in casa sull'erba sintetica del Civic Stadium a Portland.

Bing Russell con i suoi Mavericks

I Mavericks erano di proprietà dell'ex giocatore di minor league e attore televisivo Bing Russell. Come proprietario, Russell tenne tutta la sponsorizzazione aziendale al di fuori dei cancelli, e assunse il primo general manager donna del baseball professionistico, così come il primo GM americano asiatico Jon Yoshiwara. Il motto di Russell nella vita era una parola di tre lettere: "FUN" (divertimento).

Kurt e Bing Russell

Ex major leaguers e giocatori che avevano cercato di diventare famosi, ma non ce l'avevano mai realmente fatta, accorsero a giugno al try-out della squadra, aperto a tutti coloro che si presentavano. La maggior parte dei giocatori dei Mavericks erano più anziani rispetto ai loro avversari ed erano stati rilasciati da altre organizzazioni, non tutti solo per motivi di baseball. Per questo motivo, Russell mantenne un roster di 30-man perché credeva che alcuni giocatori meritassero di avere un'ultima stagione.

Tra i vari scarti che componevano il roster dei Mavericks c'era l'ex lanciatore di Major League Jim Bouton, che fece un ritorno sulla scena con i Mavericks nel 1975 dopo essersi ritirato nel 1970.

Il figlio di Bing Russell, l'attore Kurt Russell, giocò per il club per un mese nella sua stagione inaugurale nel 1973. Nel primo anno il legame tra Hollywood e i Mavericks non fu limitato ai Russells; il manager Hank Robinson (1923-2012) era stato un attore caratterista, e i giocatori Robbie Robinson, Jason Tatar e Ken Medlock avevano avuto tutti una lunga carriera come attori. Forse la storia di maggior successo di Hollywood della squadra fu quella del batboy Todd Field, che continuò ad avere una lunga carriera come attore, prima di diventare uno scrittore e regista tre volte candidato all'Oscar.

Storia della franchigia

Anno 1973

L'opening day del 1973 al Civic Stadium dei Portland Mavericks

I tryouts per formare la squadra iniziarono ai primi di giugno del 1973 e richiamarono 150 aspiranti, tra cui uno che fece l'autostop in tutto il paese dal Tennessee. La star di vecchia data delle minor league Hank Robinson riuscì a portare i Mavericks a un record di 45-35 e al titolo della South Division nel 1973, la loro prima stagione, ma venne sospeso per un anno dopo aver picchiato un arbitro a fine agosto. I giocatori venivano pagati $ 300 al mese.

Dopo la prima stagione, nel mese di novembre del 1973, Bing Russell divenne l'unico proprietario della squadra, acquistando la parte del co-proprietario Jim Carbray.

Anno 1974

I Mavericks finirono con un record di 50-34 sotto il nuovo manager Frank Peters, al secondo posto nella West Division appena costituita, due partite dietro ai Bellingham Dodgers.

Il proprietario Bing Russell fece la storia del baseball nel novembre dello stesso anno, quando promosse la 24enne Lanny Moss prima general manager donna nel baseball professionistico.

Anno 1975

Nel 1975, di nuovo sotto il manager Frank Peters, i Mavericks centrarono un record di 42-35, classificandosi al primo posto nella North Division appena costituita. Il vecchio knuckleballer Jim Bouton lanciò cinque partite, andando 4-1 con una ERA di 2,20. Il giocatore/manager Frank Peters, una volta ruotò tutti i nove giocatori del lineup dei Mavs in una nuova posizione in ogni inning.

Jim Bouton e Bing Russell

I Mavericks affrontarono i ​​campioni in carica degli Eugene Emeralds (54-25) nella finale della League al meglio delle tre partite. Gli Emeralds realizzarono una sweep, vincendo gara uno a Portland, 5-1, con un complete game di Bouton, e la successiva partita a Eugene, 1-0, di fronte a 5326 spettatori nel loro Civic Stadium.

Il proprietario Bing Russell (a destra) spiega le regole di campo all'arbitro Dave White durante una partita del 1975

Anno 1976

Sotto il nuovo manager Jack Spring, i Mavericks finirono al primo posto nella North Division con un record di 40-32 (Il proprietario del team Bing Russell ricoprì il ruolo di manager ad interim per un breve tempo quando Spring rimase fuori per una frattura del cranio nel mese di luglio).

I Mavericks giocarono contro i Walla Walla Padres della South Division per il pennant della League ai primi di settembre. La prima gara fu giocata a Walla Walla al Borleske Stadium e i Padres vinsero 9-2. Gara due a Portland il pomeriggio successivo fu una vittoria netta per 14-2 dei Mavericks, che costrinsero alla partita decisiva quella stessa sera e Walla Walla se la aggiudicò per 7-6.

Anno 1977 e scioglimento della squadra

Nella loro ultima e più bella stagione, i Mavericks realizzarono un record di 44-22 sotto il giocatore/manager Steven Collette. Ebbero il miglior record della League, e vinsero la South Division di 22 partite, il loro terzo titolo di Division in altrettante stagioni. I Mavericks attrassero 125300 fans in 33 partite casalinghe nella regular season (una media di quasi 3800 spettatori a partita), stabilendo un record per il più alto numero di presenze nella short season nella storia delle minor leagues.

Steve Collette

Portland affrontò i Bellingham Mariners, vincitori della North Division con un record di 42-26, nelle championship series alla fine di agosto. Un celebre membro della "Baby M's" era l'adolescente outfielder Dave Henderson. La prima partita fu giocata a Bellingham e la squadra di casa vinse 6-2 davanti a un'insignificante folla di 575 tifosi al Civic Field, quando Bouton ancora una volta risultò il pitcher perdente per i Mavericks. La serie si spostò a Portland, e 4770 tifosi videro i Mavericks pareggiare la serie con otto punti nel quarto e chiudere con la vittoria, 10-1, per forzare la terza ed ultima partita a Portland la notte successiva. Mercoledì, 31 agosto la partita decisiva vide 7805 fans, ma i Mariners segnarono ben presto e vinsero 4-2 conquistando il titolo della League. Questa fu l'ultima partita nella storia dei Portland Mavericks.

A differenza di quasi tutti gli altri club defunti, i Mavs mai fallirono o si spostarono. Furono pagati per andare via. Alla fine del 1977, la Major League Baseball riacquistò interesse per Portland; quando la Pacific Coast League ampliò il numero di squadra per la stagione del 1978, aggiunsero a gennaio la nuova squadra dei Portland Beavers. Affinché il PCL potesse ritornare a Portland, Il Presidente della National Association Bobby Bragan dovette elaborare un accordo tra la PCL e Bing Russell per i diritti sul mercato di Portland. Il tasso di compensazione per abbandonare una città per una League di livello superiore era di circa 25000 $. Russell chiese 206000 $ e dopo un lungo inverno di dispute ottennne ogni centesimo chiesto.

In contrasto con la popolarità dei Mavericks, i Beavers della PCL del 1978 attirarono solo 96395 fans in 69 partite in casa, una media di meno di 1400 tifosi a partita.

Records

Anno Record

Posizione finale

Manager Playoffs
1973
45–35
2nd
Hank Robinson
Niente playoffs nel 1973
1974
50–34
2nd
Frank Peters
1975
42–35
3rd
Frank Peters
Finali di League
1976
40–32
2nd
Jack Spring
Finali di League
1977
44–22
1st
Steve Collette
Finali di League

Giocatori notevoli

■ Jim Bouton - autore del best seller "Ball Four" che narra per lo più la stagione dell'espansione dei Pilots Seattle nel 1969 - ritornò con i Mavericks a lanciare al Sick's Stadium di Seattle nel 1975 dopo un'assenza di cinque anni, lanciando un complete game vincente 2-1 contro i Rainiers davanti a una folla di 825 persone. Dopo la partita disse: "Ho detto al manager dei Pilots, Joe Schultz, che un giorno mi piacerebbe lanciare di nuovo qui. Solo non ho detto a quale livello". Bouton lanciò per i Mavericks di nuovo nel 1977, alla fine ritornò di nuovo nelle major con gli Atlanta Braves l'anno successivo.

Larry Colton

■ Larry Colton - Dopo aver fatto un'apparizione come rilievo per i Philadelphia Phillies nel 1968, Colton subì un infortunio al legamento acromion clavicolare della spalla che lo costrinse al ritiro. Colton tornò al baseball professionistico all'età di 33 anni con i Mavericks nel 1975, per lo più per giocare in prima base ma anche per lanciare in tre partite. Colton in seguito divenne scrittore; il suo libro "Counting Coup" vinse il Frankfurt eBook Award.

Jeff Cox

■ Jeff Cox - esterno con i Mavericks nel 1974, alla fine giocò in major league come interno con gli Oakland Athletics, e più tardi divenne coach di terza base dei Chicago White Sox.

Joseph Garza

■ Joseph Garza - conosciuto affettuosamente come "JoGarza", utility dalla mazza debole fu la mascotte ufficiale della squadra nel 1976-1977, spesso armato di una scopa sul campo quando la squadra era sull'orlo della conquista di una doppia sweep.

Rob Nelson

■ Rob Nelson - compagno di squadra di Bouton e pitching coach, con Bouton inventò la Big League Chew (la famosa gomma da masticare).

Kurt Russell

■ Kurt Russell - figlio del proprietario Bing Russell giocò per il club per un mese nella sua stagione inaugurale nel 1973 e per un at-bat nel 1977. Le sue apparizioni nel '73 erano dopo aver subito un infortunio alla cuffia dei rotatori nella prima parte dell'anno mentre giocava per El Paso Sun Kings nella Texas League. L'infortunio alla fine lo costrinse al ritiro dal baseball e lo portò al suo ritorno alla recitazione.

Dick Rusteck

■ Dick Rusteck - pitcher che giocò per i New York Mets nel 1966, e lanciò per i Mavericks dal 1975 al 1977.

■ Reggie Thomas - miglior giocatore di sempre dei Mavericks, giocò per lo più outfield per la squadra dal 1973 al 1976, rubando 72 basi nel 1974. Thomas fu anche un giocatore dalla testa calda che una volta diede un pugno e minacciò con una pala il manager Frank Peters entrando in dugout con una pistola.

Da questa straordinaria storia è stato tratto il film documentario "The Battered Bastards of Baseball". Il film è stato diretto da Chapman Way e Maclain Way, nipoti di Russell, e presentato da Kurt figlio di Russell. Hanno partecipato anche il batboy Todd Field, Frank "The Flake "Peters, Joe Garza, Jim Bouton, e Joe Garagiola. Il film è stato presentato al Sundance Film Festival il 20 gennaio 2014 ricevendo una standing ovation. Netflix ha acquisito i diritti per il film. Dopo una guerra di offerte tra Fox Searchlight, Columbia Pictures e DreamWorks, il regista Justin Lin ha acquisito i diritti per adattare il documentario a un film. Todd Field, candidato all'Oscar, è stato assunto per scrivere e dirigere l'adattamento.

 

 

Wilmer Leon Fields: The Gentle Giant

Il diciassettenne rookie Wilmer Fields

Soprannomi: Red, Bill o Chinky

Nato: il 2 agosto 1922, a Manassas, VA

Morto: il 4 giugno 2004, a Manassas, VA

Altezza 1,91 m, peso 100 kg

Battuta e tiro: destro

Posizione: lanciatore, terza base e outfield

Carriera: Negro Leagues: 1940-42, 1946-50, Minor League: 1952, 1956-57

Servizio militare: 1943-1945

Most Valuable Player Awards:

1948–49 Puerto Rican Winter League
1951 Manitoba-Dakota League
1951–52 Venezuelan Winter League
1954 Manitoba-Dakota League
1955 Manitoba-Dakota League
1955–56 Colombian Winter League

Un giocatore dai cinque tools è considerato un talento nel baseball. Wilmer Leon Fields non era un giocatore dai cinque tools, ma era un raro talento, in quanto poteva battere di potenza e per la media, era un buon difensore, ed era un sensazionale lanciatore. I giocatori con il versatile talento, soprattutto nel lanciare e battere, permettevano ai team di coprire con un solo uomo un posto nel roster come pinch hitter, pinch runner, position player, e pitcher. Questi uomini duraturi sono stati molto preziosi nei primi giorni del baseball, quando i roster erano molto più piccoli e le squadre non potevano permettersi una grande squadra, in particolare con l'organizzazione dei viaggi limitati e gli alloggi. Questi doppi talenti erano rari, come attestano Leon Day, John Donaldson, Don Newcombe, Bullet Rogan e Double Duty Radcliffe. Un altro talento raramente menzionato in questa categoria pitch-plus-hit è Wilmer "Red" Fields da Manassas, Virginia.

L'altezza e la costituzione robusta di Fields gli permisero di giocare quarterback alla Virginia State College of Negroes a Petersburg, prima di essere preso dagli Homestead Grays nel 1940. Trascorse la sua intera carriera nella Negro League con i Grays, ma continuò la sua formazione al college e nelle offseasons giocò un po' a football e a basket.

Fields si unì ai Grays all'età di 17 anni, registrando nelle sue prime tre stagioni un record di vittorie-sconfitte di 2-1, 13-5, 15-3. La sua promettente carriera fu interrotta dal servizio militare in Europa durante la Seconda Guerra Mondiale. Dopo il congedo, Fields registrò un record di 72-17 per le successive cinque stagioni, compilando un sensazionale record di 102 vittorie e 26 sconfitte durante i suoi otto anni nelle leghe professionistiche nere. Nel frattempo, aiutò i suoi Grays a vincere quattro pennant della league: 1940, 1941, 1942 e 1948.

La patch di Wilmer della National Negro League Champions con gli Homestead Grays nel 1940

Nella sua unica apparizione nella East-West All-Star Game al Comiskey Park nel 1948, lanciò tre inning scoreless. Durante le partite di postseason trascinò gli Homestead a sconfiggere i Baltimora Elite Giants 3-0 nei playoff della National Negro League. I Grays poi sconfissero i Birmingham Black Barons, quattro parite a una, per vincere la Negro World Series del 1948, che si rivelò essere l'ultima serie mai giocata nella storia delle Negro League.

Fields iniziò la quarta partita della serie del '48 e concesse sette valide e un punto, con i suoi Grays che vinsero 14-1. Due giorni dopo, rilevò R. T. Taylor nel 10° inning per chiudere i Black Barons e vincere la black crown.

I suoi giorni di gloria con i Grays arrivarono durante i loro anni vittoriosi. Field ebbe l'opportunità di lanciare a Josh Gibson, e giocò al fianco di Cool Papa Bell, Buck Leonard, Jud Wilson e Ray Brown, e in più colpì un paio di valide contro Satchel Paige, il futuro Hall of Famer. Nella sua autobiografia, My Life in the Negro Leagues, Field affermò, "Dal momento che Josh è stato il mio catcher e Leonard giocava in prima base, siamo stati coinvolti in ogni lancio. La loro filosofia era quella di vincere, e non sapevano come accettare di perdere, come fosse un evento ordinario del lavoro".

Fields ricordava, "Buck Leonard continuava sempre a ricordarmi quello che avevo bisogno di fare per avere un inning di successo. Lui mi diceva, fai in modo che loro non ti battano. Quando smetteva di parlare, sapevo che stavo facendo un buon lavoro. Lui è un vero Hall of Famer".

E poi aggiunse, "la critica di Josh Gibson era sempre coerente. Non ha mai smesso di chiedermi il 100 per cento. Questo mi ha spinto a credere che tutto fosse possibile se credevi in te stesso. Mi ha dato fiducia. Anche lui è un vero e proprio Hall of Famer".

Anche il migliore amico di Gibson, Sam Bankhead, fu una forza influente nello sviluppo mentale di Fields. "Quando parlava, la gente lo ascoltava", disse Fields, "Ti tirava su quando eri giù. Aveva un modo di descrivere gli errori commessi senza alzare la voce o mostrare alcuna emozione, ma, credetemi, ricevevamo il messaggio forte e chiaro".

Gli Homestead Grays del 1943 sono considerati una delle più grandi squadre nella storia della Negro League

In piedi (L-R): Big Edsall Walker, James Cool Papa Bell, Roy Partlow, Thad Christopher, Josh Gibson, Johnny Wright, Ray Brown, Ernest Spoon Carter, Buck Leonard, Candy Jim Taylor (manager).

Inginocchiati (L-R): Jud Wilson, Jerry Bingham, Joe Spencer, Vic Harris, Sam Bankhead, Matt Carlilse.

Con i Grays, Fields giocò anche con i futuri Major Leaguers come Luis Marquez, Dave Pope, Luke Easter, Bob Thurman, Dave Hoskins, Robert Trice, Sam Hairston, e Sad Sam Jones. Non dimentichiamo le abilità dei compagni come i managers Candy Jim Taylor e Vic Harris; oltre ai perenni all-star del calibro di Roy Partlow, Johnny Wright, Spoon Carter, Jerry Benjamin, Bankhead, e Double Duty Radcliffe. Pochi uomini possono rivendicare la condivisione di un club con così tanti atleti di alta qualità.

Dopo la stagione del 1948 i Grays si sciolsero. Fields prese in considerazione alcune offerte dalle major e ne accettò una. Fu quella che arrivò da Jack Kent Cooke, proprietario dei Toronto Maple Leafs, della AAA International League, e in seguito proprietario dei Los Angeles Lakers (basket), Washington Redskins (football) e i Los Angeles Kings (hockey).

Fields disse che due fattori osteggiarono il suo cammino verso le Major Leagues: la famiglia e il denaro. La sua alta, bella, sposa dai capelli scuri Audrey, "Venne ovunque dove andai, ma non sarebbe mai stata disponibile se fossi andato nelle Major Leagues", raccontò Fields.

Al tempo il salario minimo in Major League era di 4500 $ l'anno, molto meno di quello che prendeva nella Negro League, Minor o Latin League durante gli inverni e le estati.

Fields vinse il MVP award più volte giocando nelle squadre latino-americane e canadesi, di cui tre con i Brantford Red Sox. Come terza base nella Venezuelan League del 1952 colpì .350, con 10 fuoricampo e 62 RBI.

Questo trofeo di MVP del 1951 fu assegnato a Wilmer Fields dopo la sua prima stagione con i Red Sox Brantford nella Canadian Intercounty Baseball League

A differenza delle superstars Paige, Brown, e Slim Jones, Fields spesso fu il numero due dei pitchers nella maggior parte dei pitching staffs, ma la sua duplice minaccia come lanciatore e battitore gli fu molto utile. Queste due eccellenze offrirono a Wilmer lavoro con le squadre di Portorico, Venezuela, Colombia, Panama, Cuba, Canada, e della Repubblica Dominicana. Nella concorrenza nei paesi latini era il migliore, come Fields ricordò nella sua autobiografia, "Non tutti potevano rendere laggiù e dovete credere che se non si produce non si dura a lungo. Io sono stato fortunato in quel senso".

Al momento di ritirarsi, trovò un promettente lavoro come consulente per problemi di alcol per il governo di Washington D.C. Questo gigante gentile con eccellenti capacità di ascolto lavorava presso i riformatori e le prigioni. Fields fece un grande lavoro presso il Lorton Reformatory, noto anche come Occoquan Workhouse, un carcere costruito nel 1910 e gestito dal District of Columbia Department of Corrections. Qui, organizzò partite di baseball tra i detenuti e gli studenti della Prince William County School District, il cui capoluogo è Manassas, sua città natale.

Nel 1994, durante i suoi anni d'oro, Fields fu votato come il terzo presidente dei Negro League Baseball Players Association (NLBPA). Gli ex-giocatori Max Manning (pitcher), Stanley "Doc" Glenn (catcher), e la seconda base Mahlon Duckett servirono come suoi vice presidenti. Sotto la sua guida, i giocatori in pensione furono riconosciuti e apprezzati dal National Pastime. "Ci ha dato stabilità reale", gridò Glenn, "Lui era così disponibile per i giocatori".

In qualità di Presidente del NLBPA a metà degli anni '90, Fields aiutò a raccogliere fondi per molti giocatori ex Negro League.

Big Willie Pope, collega lanciatore di Fields per quattro stagioni, aveva ricordato, "Quello che ricordo di più è stata la sua capacità di lanciare la palla. Aveva una certa qualità nel giocarla, dove si sapeva che stava dando tutto quello che aveva".

Fields portò quella stessa energia sui campi giovanili di Manassas, dove allenò i suoi figli. All'età di otto anni, suo figlio Wilmer, o Billy junior, iniziò a giocare per suo papà. "Se lui non sapeva molto su un argomento, non avrebbe cercato di far finta di saperlo", disse Billy, che giocò a basket a Providence College nel Big East Conference, dal 1979 al 1982, e segnò 1116 punti per i Friars, "Ma delle cose che sapeva, come il baseball, ha toccato il cuore di un sacco di bambini. Ho incontrato gli stessi ragazzi con cui ho giocato nella Little League baseball e mi ricordano quanto hanno imparato da lui".

Durante gli anni '90, si incontrava spesso Wilmer alle Major League All-Star Games o alle riunioni della Negro League. Era un gigante buono, un uomo dalla profonda conoscenza che sceglieva con cura le parole. Mr. Fields aveva sempre avuto un luccichio nei suoi occhi e spesso sollevava un sopracciglio come Sean Connery per evidenziare i suoi punti di vista. Audrey era sempre al suo fianco, e guardarli ballare, come fecero allo All-Star Game a Arlington, Texas, fu un momento alla Fred Astaire e Ginger Rogers. La coppia di innamorati che è sempre stato un piacere avere intorno.

Wilmer Fields fu ammirevole per la sua etica del lavoro nel baseball, nel ridare visibilità alla sua comunità e per i suoi sforzi nell'ottenere il giusto riconoscimento per i compagni leggende della Negro League.

Da buon padre di famiglia, Wilmer adorava la moglie Audrey e i figli Marvin, Maridel e Billy

 

 

RISSE SELVAGGE NELLA STORIA DELLA MLB

Il baseball non è uno sport di contatto, fino a quando non accade. Per più di 100 anni, la MLB ha sperimentato delle rare, ma memorabili, bench-clearing brawl * (risse) innescate da beanings, scivolate pericolose e generale mancanza di rispetto. Le recenti risse accadute a maggio 2016 tra Rangers e Blue Jays, iniziata dal pugno di Rougned Odor contro Jose Bautista, e a inizio giugno tra Orioles e Royals, con Manny Machado che ha caricato Yordano Ventura, hanno fatto la loro storia in questa lista che vado a proporvi.

Naturalmente, solo alcune risse hanno resistito alla prova del tempo e si possono vedere i video. Questa lista è ciò che può essere raccolto sulla base di risorse, nomea e significato storico.

18. Cardinals - Reds (10-8-2010)

Nella notte precedente, Brandon Phillips aveva chiamato i Cardinals "little bitches" (piccole femmine). Nel primo inning, Phillips si presentò nel box di battuta, e il catcher di St. Louis, Yadier Molina, lo affrontò muso a muso. Le panchine uscirono, e i due managers Tony La Russa e Dusty Baker si affrontarono a vicenda. La rissa si spostò verso il backstop, e Jason LaRue rimase in disable list per 60 giorni in seguito ad una commozione cerebrale per un pugno alla testa di Johnny Cueto dei Cardinals.

17. Tigers - Red Sox (11-8-2009)

Se c'è un manuale per un giocatore di come caricare il monte, prendete in considerazione la mossa di Kevin Youkilis. Youk, senza esitazione, attaccò Rick Porcello, lanciando il suo casco, e poi affrontò Porcello come un defensive tackle placca un running back dietro la linea di scrimmage. Naturalmente, ora, Porcello è un lanciatore dei Red Sox, e Youkilis si è ritirato.

16. Dodgers - Angels (5-6-1999)

Chan Ho Park iniziò la rissa ad un nuovo livello in un inter match tra i rivali della South California. Pensando che la toccata e l'abbraccio del lanciatore Belcher fosse stato un po' eccessivo, Park spinse Belcher mettendogli le mani sulla faccia. Poi tentò di far cader con un calcio il lanciatore di Anaheim.

15. Dodgers - Diamondbacks (11-6-2013)

La National League porta ad alcune risse in più rispetto all'American League, permettendo ai lanciatori di andare a battere. In questa partita, il rookie dei Dodgers Yasiel Puig era stato colpito, innescando una ritorsione da parte del lanciatore Zach Greinke contro il catcher dei D-backs Miguel Montero. Arizona ricambiò con il lanciatore Ian Kennedy che colpì Greinke alla testa. Questa rissa è forse ricordata più per i coaches Mark McGwire (Dodgers) e Matt Williams (Diamondbacks) che si affrontarono faccia a faccia. McGwire venne sospeso per due partite.

14. Dodgers-Padres (11-4-2013)

Ricordate, Zack Greinke si ruppe la clavicola cercando di frenare l'attacco di Carlos Quentin già colpito in precedenza in quella stessa stagione.

13. Yankees-Red Sox (20-5-1976)

Che ci crediate o no, Lou Piniella si trovò in mezzo alle polemiche. L'esterno degli Yankees, "Sweet" Lou tentò di demolire il catcher dei Red Sox Carlton Fisk al piatto (Fisk riuscì a trattenere la palla). Piniella e Fisk iniziarono a lottare e le squadre uscirono sul campo. Ma fu il pitcher dei Bosox Bill Lee, che rimase vittima della rissa. Era considerato un farabutto dagli Yankees - perché una volta chiamò la squadra di New York "bunch of hookers swinging their purses" (gruppo di prostitute che oscillano le loro borsette) - Lee fu spinto da Mickey Rivers e sbattuto a terra da Graig Nettles. Fu messo sulla lista disabili per la rottura della spalla.

12. Red Sox - White Sox (6-9-1993)

Il lanciatore dei Red Sox Aaron Sele cercò di colpire George Bell per due volte, e alla seconda Bell caricò il monte. Ma, quando Bell fece l'atto di colpirlo con il pugno, Sele si chinò. All'insaputa di Bell, il prima base Mo Vaughn dei Red Sox lo bloccò come un outside linebacker. Vaughn, particolarmente pesante, stese a terra Bell, e nessuno dei White Sox fece dei grandi sforzi per scambiare dei colpi con Vaughn.

11. Red Sox – Yankees (24-7-2004)

Varitek è uno dei più amati Red Sox di tutti i tempi, e forse il suo momento distintivo arrivò nell'estate del 2004. Un anno dopo la lotta tra Pedro Martinez e Don Zimmer (vedi sotto) e pochi mesi dopo che i Red Sox persero Alex Rodriguez per gli Yankees, il lanciatore Bronson Arroyo dei Boston colpì A-Rod. Varitek mise le mani sul volto di Rodriguez, dopo che A-Rod fu visto dire, "F *** you". Varitek poi colpì con un pugno Rodriguez e le panchine uscirono. I Red Sox nominarono capitano della squadra Varitek dopo la stagione.

10. Expos - Phillies (24-9-1996)

Per qualche ragione, questa rissa non ottiene tanto clamore come dovrebbe. Il 24enne Pedro Martinez colpì Gregg Jefferies. Il gesto spinse il pitcher dei Phillies Mike Williams a lanciare addosso a Martinez fino a quando lo colpì. Martinez corse sul monte e colpì con il casco la testa di Williams. Quando Martinez è stato eletto nella Cooperstown la scorsa estate, ha dovuto andare con il casco degli Expos piuttosto che con il cappello dei Red Sox.

9. Cubs - White Sox (20-5-2006)

E' difficile credere che questa rissa nella Windy City sia accaduta 10 anni fa. A.J. Pierzynski caricò il ricevitore dei Cubs Michael Barrett su una volata di sacrificio. Poi Pierzynski enfaticamente schiaffeggiò il piatto di casa con la mano per sottolineare che lui era salvo e urtò Barrett, che rispose tirandogli un diretto. Barrett fu sospenso per 10 partite, ma si guadagnò il suo posto nel folclore dei Cubs per l'eternità. Pierzynski prende ancora fischi al Wrigley Field. Per quanto riguarda questa partita, i difensori del titolo di campioni del mondo dei White Sox vinsero 7-0.

8. Reds - Mets (8-10-1973)

L'interbase dei Mets Bud Harrelson divenne lui stesso il bersaglio dei Reds. Dopo che il partente dei Mets Jon Matlack concesse solo due hit ai Cincinnati in Gara 2 nelle NLCS, vincendo per 5 a 0, Harrelson disse, "Quello che ha fatto la Big Red Machine oggi sembrava volesse colpire me". Harrelson si prese pure gioco di se stesso, ma a quanto si dice, il seconda base dei Cincinnati Joe Morgan incontrando Harrelson disse prima di Gara 3 che i Reds, in particolare Pete Rose, erano arrabbiati con lui. Alla stregua di Jose Bautista, Rose entrò duro su Harrelson in seconda base, cercando di spezzare il doppio gioco nel quinto inning. Harrelson percepì che la scivolata di "Charlie Hustle" era stato inutile e le panchine uscirono. Quando Rose tornò in campo nel successivo inning, i fans dei Mets gettarono così tanta spazzatura su di lui che i Reds in realtà dovettero lasciare il campo fino a quando i veterani dei Mets, tra cui Willie Mays e Tom Seaver, domarono l'ira della folla.

7. Yankees - Orioles (19-5-1998)

I Bronx Bombers vinsero poi il record dell'AL con 114 vittorie in questa stagione, e due giorni prima di questa rissa David Wells aveva lanciato un perfect game contro i Twins. Gli Orioles, che avevano perso nelle ALCS nel 1996 e 1997, iniziavano la 14 stagione perdente consecutiva senza partecipazioni alla postseason. In queslla notte, Armando Benitez concesse un fuoricampo a Bernie Williams da tre punti con due out. Poi colpì il battitore successivo, Tino Martinez, sulla schiena. Tre anni prima, Benitez fece la stessa cosa a Martinez, quando giocava con i Mariners, dopo un grand slam di Edgar Martinez. Gli Yankees corsero fuori dalla panchina e scoppiò una rissa che spinse le squadre nel dugout degli Orioles. Il rilievo dei New York Graeme Lloyd colpì con un pugno Benitez. Scott Brosius sembrò fosse pronto per una sfida di taekwondo. Darryl Strawberry fu eletto a eroe degli Yankees, mettendo a segno il pugno che mandò Benitez in dugout. Benitez fu sospeso per otto partite e fu ceduto ai Mets dopo la stagione e affrontò di nuovo gli Yankees come closer durante le World Series del 2000. Benitez trascorse anche un breve periodo con gli Yankees, facendo nove apparizioni nel 2003.

6. Dodgers - Giants (22-8-1965)

Questa rissa ottenne la sua reputazione a causa dei nomi dei giocatori coinvolti e l'uso di una mazza. Dopo che il lanciatore dei Giants Juan Marichal aveva colpito due Dodgers, Sandy Koufax lanciò vicino alla testa di Willie Mays. Quando Marichal andò a battere subito dopo, pensò che il catcher dei Dodgers Johnny Roseboro stesse chiedendo di nuovo a Koufax dei lanci pericolosamente vicino alla sua testa. Marichal colpì Roseboro con la sua mazza e le panchine uscirono. Koufax e Mays, due dei grandi ambasciatori del gioco dell'ultimo mezzo secolo, intervennero per calmare la situazione.

5. Rangers - Blue Jays (15-5-2016)

L'ultima edizione di una rissa è inserita in questa lista tra i primi cinque. Lo scorso ottobre, Bautista aveva colpito un fuoricampo da tre punti che aveva aiutato Toronto a sconfiggere Texas in gara 5 delle ALDS. Sette mesi più tardi, i Rangers avevano colpito Bautista al Globe Life Park. Bautista poi scivolò duro in seconda base che costrinse l'interbase Rougned Odor a sbagliare il tiro in prima. Odor disse a Bautista che la giocata era tardiva e pericolosa, per poi sferrargli un diretto al viso. La rissa non è un granché in termini di importanza, ma il pugno è sicuramente il colpo più pulito nella storia delle risse del baseball.

4. Tigers - A's (8-10-1972)

Si può immaginare ciò che potrebbe accadere oggi? Bert Campaneris degli Oakland fu colpito da un lancio basso dal pitcher dei Detroit Lerrin LaGrow in Gara 2 delle ALCS. Campaneris poi lanciò la mazza contro LaGrow dal box di battuta, mancandolo perchè il pitcher riuscì a schivarsi. Il manager dei Tigers Billy Martin fu trattenuto a forza dall'attaccare Campaneris. Campaneris venne sospeso per il resto della serie e le prime sette partite della stagione 1973, ma fu in grado di giocare le World Series del 1972, il primo dei tre titoli consecutivi di Oakland. Campaneris giocò per Martin con gli Yankees nel 1983.

3. Braves - Padres (12-8-1984)

Questa non fu una giornata di sangue, ma estenuante. Il lanciatore dei Braves Pascual Perez colpì il leadoff hitter dei Padres Alan Wiggins, che diede il via al caos. Quando Perez andò a battere nel secondo, il partente dei Padres Ed Whitson lo colpì, innescando la rissa numero uno. I Padres lanciarono contro Perez per il resto della giornata, in tutti e quattro i suoi at-bats. Le squadre uscirono nel quinto, ottavo e nono inning. L'ottavo inning divenne il top della rissa della giornata, quando Perez fu colpito da Craig Lefferts. In un modo o nell'altro, Perez riuscì a fare una grande performance, concedendo solo cinque valide e un punto in otto inning.

2. Rangers - White Sox (4-8-1993)

Nolan Ryan concluse la sua carriera con il botto. Il 26enne di nome Robin Ventura (che era nato dopo il debutto in MLB di Ryan) aggredì Ryan, 46enne, dopo essere stato colpito da un lancio. Invece di fare un passo indietro, Ryan avanzò, prendendo Ventura per la testa, e colpendolo con dei montanti al volto. Ventura fu espulso, ma Ryan rimase a lanciare. Concesse tre valide in sette inning. La partita fu una delle migliori della stagione di Ryan - il suo ultimo anno nella Big League - e Ventura fu l'unico battitore a battere in 13 partite giocate. Ventura è ora il manager dei White Sox.

1. Yankees - Red Sox (11-10-2003)

Nelle ALCS del 2003, i due catalizzatori Yankees per la rissa furono Roger Clemens, tre volte vincitore del Cy Young Award con i Red Sox, e il bench coach Don Zimmer, un ex manager dei Red Sox. In cima a questo, superstar come Pedro Martinez, Manny Ramirez e Derek Jeter si affrontarono nel 2003 per moltissime volte. In questo anno particolare, gli Yankees e i Red Sox giocarono ben 26 volte, tra cui sette partite della postseason, il massimo raggiunto dai due avversari.

In Gara 3 al Fenway Park, Martinez colpì Karim Garcia nella schiena nella parte alta del quarto inning. Entrambe le panchine uscirono, ma non partì la rissa. Nella parte inferiore dell'inning, Clemens lanciò al mento a Ramirez. Le panchine uscirono di nuovo, ma questa volta, quando il 72enne Zimmer caricò Martinez fu gettato a terra. La nota importante di questo incidente è che Martinez non fu nemmeno sospeso. Lanciò sette inning.

Nel nono inning, il rilievo degli Yankees Jeff Nelson e Garcia inizarono una rissa con un giardiniere del Fenway Park nel bullpen di New York. Gli Yankees vinsero la serie in Gara 7 con lo walk-off home run di Aaron Boone, ma i Red Sox sconfissero gli Yankees in sette partite nelle ALCS del 2004.

* Bench-clearing brawl

A volte conosciuto come basebrawl o rhubarb, è una forma di rissa rituale che si verifica nello sport, in particolare nel baseball e nell'hockey su ghiaccio, in cui ogni giocatore di entrambe le squadre lascia i dugouts, i bullpens o le panche e corre sul campo per iniziare o tentare di sedare una rissa.

Nel baseball, le risse sono solitamente il risultato di crescente infrazioni, spesso derivanti da un battitore che viene colpito da un lancio, o da un alterco tra un corridore e un infielder derivante da un contatto eccessivo in un tentativo di eliminazione (come succedeva prima del divieto introdotto dalla MLB tra il corridore che si schiantava contro il catcher a casa base nel tentativo di fargli perdere la palla o sulle scivolate sulle basi per rompere i doppi giochi, divieto introdotto nel 2016). Si verificano anche quando un battitore carica il monte. Tuttavia, alcuni bench-clearing brawl (risse) provocano lesioni gravi, ma nella maggior parte dei casi non si arriva alla scazzottatura e l'azione è limitata a spintoni.

A differenza di molti altri sport di squadra, in cui le squadre di solito hanno un numero equivalente di giocatori in campo in qualsiasi momento, nel baseball la squadra in battuta è in svantaggio numerico, con un massimo di cinque giocatori (il battitore, fino a tre corridori, e un battitore on-deck) e due coaches di base in campo, rispetto ai nove giocatori della squadra in difesa. Per questo motivo, i giocatori che escono dal dugout sono generalmente considerati accettabili in quanto si traduce nell'equivalenza numerica in campo, in uno scontro più giusto, e un esito generalmente neutro, poichè nella maggior parte dei casi, managers, coaches e/o gli arbitri dovranno intervenire per ripristinare l'ordine e riprendere il gioco. In almeno un caso, nel "Ten Cent Beer Night", la squadra di casa degli Indians entrò in campo per difendere i Rangers dai fans impazziti che avevano invaso il campo.

Le penalità

A seconda della gravità del comportamento antisportivo, un arbitro può o non può espellere i partecipanti di una rissa. Dal momento che una rissa scoppiata in campo per definizione coinvolge entrambe le squadre, è estremamente improbabile che tutti i partecipanti vengano espulsi, ma il giocatore o i giocatori responsabili dell'evento scatenante sono spesso universalmente espulsi.

 

 

Cup of coffee (tazza di caffè) è un idioma usato nello sport del Nord America per indicare il breve periodo trascorso da un giocatore delle minor league a livello di major league. L'idea alla base del termine è che il giocatore è stato nelle majors solo il tempo per avere una tazza di caffè prima di essere restituito alle minor, o semplicemente per descrivere un soggiorno molto breve (meno di una stagione) con un club della Major League. Il termine è nato nel baseball ed è ampiamente utilizzato nell'hockey su ghiaccio, le cui leghe (MLB e NHL) professionali utilizzano vasti farm systems; è raramente usato nel basket o nel football americano in quanto né l'NBA né la NFL hanno mai prodotto un vero e proprio farm system. Un esempio di come questo termine venga usato è una frase nel film del 1996 "The Fan", in cui il personaggio di Robert De Niro, un ex lanciatore di mezza età, dice: "I was in the bigs for a cup of coffee myself until my arm went south" (Sono stato io stesso nelle bigs per una tazza di caffè fino a quando il mio braccio mi ha abbandonato).

RILEVANTI "CUPS OF COFFEE" DEL BASEBALL

Una ben nota variante della tazza di caffè è il September call-up (richiamo di settembre) in cui i club della major leagues richiamano il 1° settembre i giocatori aggiuntivi dalle minor, quando i roster si espandono da 25 a 40 giocatori. Questa è la definizione di una tazza di caffè, perché settembre è l'ultimo mese della stagione di baseball. Ci sono stati grandi giocatori che hanno fatto il loro debutto a settembre e tra questi includiamo l'Hall of Famer Mike Piazza (21 partite nel mese di settembre del 1992) e Ryne Sandberg (13 partite con i Philles nel 1981).

Francisco Rodriguez ha fatto il suo debutto nella Big League nel 2002 lanciando 5 innings e 2/3 a settembre per gli Anaheim Angels. Incluso nel roster della postseason degli Angels in sostituzione di un giocatore infortunato, ha vinto cinque partite dei playoff e li ha aiutati per una vittoria nella World Series del 2002, tutto prima di vincere una partita di regular-season nelle majors.

Un altro famoso giocatore di baseball che fece il suo debutto con una tazza di caffè fu Shoeless Joe Jackson, che giocò cinque partite nel 1908, più di cinque nel 1909, e una ventina di partite nel 1910 prima che facesse finalmente, una volta per tutte, la sua entrata nella Big nel 1911.

Per molti giocatori, una tazza di caffè fu tutto quello che mai ottennero nelle Major Leagues.

Tra questi:

Walter Alston

Alston andò strikeout nel suo unico at-bat in carriera per i St. Louis Cardinals nel 1936. Continuò a gestire i Dodgers per 23 anni a Brooklyn e a Los Angeles, vincendo sette pennant e quattro World Series. Entrò nella Hall of Fame del baseball nel 1983.

Joe Nuxhall

Joe Nuxhall (a sinistra) e il manager Bill McKechnie nel 1944

Nuxhall apparve in una partita per i Reds nel 1944, all'età di quindici anni, durante un periodo in cui le esigenze di manodopera per la seconda guerra mondiale stavano rendendo più difficile riempire i roster dei club della MLB. E' stato il giocatore più giovane ad apparire in una partita delle Major Leagues (Nuxhall tornò nel 1952 e percorse una lunga carriera di 14 anni).

La squadra in sostituzione dei Detroit Tigers

Allan Travers

Quando Ty Cobb fu sospeso per aver colpito un fan sugli spalti, sedici giocatori dei Tigers scelsero di scioperare a sostegno di Cobb. Nell'impossibilità di mettere in campo una squadra per il 18 maggio 1912, nella partita a Philadelphia, i Tigers raccolsero in giro per la città nove giocatori in sostituzione. Philadelphia sconfisse la squadra in sostituzione dei Tigers per 24-2. Il pitcher Allan Travers lanciò l'intera partita per Detroit, concedendo 24 punti (un record dei tempi moderni), di cui 14 furono quelli guadagnati. Tra i nove giocatori di sostituzione, l'unico a comparire di nuovo in una partita di Major League fu Billy Maharg, che lo fece in un'altra partita nel 1916 (e in seguito fu uno dei cospiratori del Black Sox Scandal). I veri giocatori dei Tigers, minacciati dal presidente dell'American League Ban Johnson di essere banditi a vita, tornarono per la partita successiva.

Eddie Gaedel

Gaedel, che era alto 1,09 m, fu messo nel roster dei St. Louis Browns nel 1951 dall'anticonfomista proprietario Bill Veeck e mandato in partita come pinch-hitter il 19 agosto. Il suo numero dell'uniforme era 1/8. La bravata promozionale finì quando il lanciatore Bob Cain, lanciando alla più piccola zona di strike di tutti i tempi, diede la base a Gaedel con quattro balls. La Major League Baseball annullò il contratto di Gaedel il giorno dopo e non apparve mai più in nessuna partita.

Moonlight Graham

Graham era un esterno che giocò due inning di una partita in difesa per i New York Giants nel 1905, non fece né un'eliminazione e neppure un at-bat. Lasciò il baseball e godette di una lunga carriera come medico a Chisholm, Minnesota. La sua storia fu resa famosa quando l'autore W.P. Kinsella lo incluse nel suo romanzo "Shoeless Joe", che venne poi adattato nel famoso film "Field of Dreams" (La storia di Graham venne riportata in modo non corretto nel film e in altre fonti. Contrariamente a quanto affermato nella pellicola che Graham avesse giocato solo metà inning, la Society for American Baseball Research scoprì che aveva effettivamente giocato due inning. Inoltre, ci fu almeno una valida colpita all'esterno, mentre Graham era in partita, e avrebbe potuto avere la possibilità di mettere la palla in gioco).

Adam Greenberg

Greenberg era un giocatore di minor dei Chicago Cubs che venne chiamato in major nel 2005. Nel suo debutto in major league, il 9 luglio, Greenberg venne colpito alla testa dal primo lancio e chiuse la sua carriera nella Big League. Sette anni dopo, e dopo una campagna pubblicitaria on-line a suo nome, Greenberg ottenne un altro at-bat come membro dei Marlins di Miami. Andò strikeout sventolando.

Fred Van Dusen

Van Dusen fu un September call-up per i Philadelphia Phillies nel 1955. Nella sua prima apparizione al piatto come pinch-hitter, venne colpito dal terzo lancio che vedeva. Non fece mai più ritorno alle Majors. Con Greenberg che ebbe il suo primo ufficiale at-bat, Van Dusen è l'unico giocatore ad essere stato colpito da un lancio nella sua unica apparizione al piatto nelle Major Leagues, e non aver giocato in difesa.

Bumpus Jones

Jones fece il suo debutto in major league il 15 ottobre del 1892, l'ultimo giorno della stagione, per i Cincinnati Reds. Jones lanciò una no-hitter. Lanciò in altre dodici partite nel 1893 e poi scomparve dalle Major per sempre.

Mark Kiger

Kiger è l'unico giocatore insieme a Raúl Mondesi che sono apparsi solo in una partita di playoff e mai nella regular season. Fece il suo debutto con gli Oakland Athletics durante le ALCS del 2006 e giocò solo in due partite in seconda base come sostituto difensivo. Non ebbe mai un at-bat. Dal momento che giocò solo nei playoff, Kiger è estremamente difficile da trovare nelle enciclopedie del baseball.

John Paciorek

Paciorek giocò una partita con gli Houston Colt .45 del 1963 nell'ultimo giorno della stagione. Andò a battere cinque volte, e ottenne: due basi su ball, tre singoli, tre RBI e quattro punti segnati, realizzando la media battuta in carriera e percentuale arrivi in base di 1.000. Dei 27 giocatori nella storia della MLB con medie battuta di 1.000, Paciorek è l'unico con tre at-bats.

St. Paul Saints

Nel 1884, entrò in funzione l'Union Association, e fu quotata secondo molte fonti come la terza Major League. Tuttavia, il campionato affrontò molteplici problemi, tra cui una distribuzione non uniforme del talento (il vincitore della League, i St. Louis Maroons andarono 94-19) e la scarsa partecipazione di pubblico in un paese che era diventato improvvisamente saturo di squadre di baseball. Come la stagione avanzava, le squadre iniziarono a sparire, e la League cominciò a guardarsi in giro per le sostituzioni. L'ultima di queste sostituzioni furono i minor-league Saints (Apostles), un intero team che ottenne una cup of coffee quando venne invitato nella Union Association. Giocarono esattamente nove partite, tutte in trasferta, al termine della stagione. I Saints andarono 2-6-1. Altre tre squadre della UA giocarono 25 partite o meno, con i Saints che giocarono il minor numero. L'Union Association fallì nel gennaio del 1885 (Anche se la League è convenzionalmente indicata come una Major League, questo è stato messo in discussione da una serie di moderni storici del baseball, in particolare Bill James in "The Bill James Historical Baseball Abstract". James e altri storici hanno messo in evidenza l'estrema instabilità della League e la mancanza del talento da Major; James ha anche scoperto che la contemporanea "Baseball Guides" non considera l'Union Association come una Major League).

Moses Fleetwood Walker e Welday Walker

Moses Fleetwood Walker

Moses Walker giocò 42 partite per i Toledo Blue Stockings nel 1884. Anche suo fratello Welday giocò per Toledo nello stesso anno, debuttando dopo Moses e giocando sei partite. I fratelli Walker sono stati i primi giocatori neri riconosciuti della Major League Baseball, anticipando Jackie Robinson di 63 anni. La franchigia di Toledo chiuse i battenti dopo il boicottaggio dei giocatori (Cap Anson fu uno dei capobanda) che accolsero la barriera del colore nel baseball (Recenti ricerche indicano che William Edward White, che aveva giocato una partita nel 1879, aveva preceduto i Walkers, anche se l'etnia di White non poteva essere definitivamente determinata e probabilmente non era nota alle autorità del baseball).

Oberlin College Ohio 1881 - I fratelli Moses Fleetwood Walker (# 6) e Welday (# 10)

Larry Yount

Yount, il fratello dell'Hall of Famer Robin Yount, appave in una partita della Major senza mai apparirne in un'altra. Venne chiamato dal bullpen per lanciare la parte alta del nono inning per gli Houston Astros il 15 settembre del 1971. Yount risentì di un dolore al gomito mentre si riscaldava e fu rimosso dal gioco prima ancora che effettuasse un lancio. Non fece mai più ritorno alle Majors. Sercondo la regola ufficiale, i lanciatori che lasciano il gioco a causa di un infortunio dopo essere stati annunciati sono accreditati con un'apparizione; in tal modo Yount viene considerato che abbia giocato in una partita, nonostante non l'abbia effettivamente fatto.

Ron Wright

Wright è apparso in una partita per i Seattle Mariners nel 2002. In quella partita fu ricordato per sei out e uno strikeout, battendo in un doppio gioco e in un triple play.

Oscar Taveras

Taveras, considerato un grande prospetto, ebbe due tazze di caffè con i St. Louis Cardinals nel corso della stagione 2014 prima di morire in un incidente automobilistico, alla fine della stagione.

Raúl Adalberto Mondesi

Mondesi ha fatto la sua comparsa in Major League solo in Gara 3 delle World Series del 2015 per i Kansas City Royals, come pinch-hitter. Mondesi, che è ancora attivo nell'organizzazione dei Royals, deve ancora apparire in una partita di MLB nella regular season.

 

 

Il Phantom Ballplayer (giocatore fantasma) può essere una delle due cose:

* Qualcuno che viene elencato in modo errato nelle documentazioni di base per aver giocato in una partita di Major League Baseball. Spesso è il risultato di errori tipografici o di trascrizione. La maggior parte di questi tipi di giocatori fantasma risalgono al 19° o 20° secolo, e alcuni anche dopo la seconda guerra mondiale.

* Un giocatore che ha passato del tempo nel roster attivo della Major League senza mai apparire in una gara anteriormente alla fine di una stagione o per una successiva mossa nel roster in cui il giocatore viene rimosso dal roster attivo.

Giocatori fantasma che non sono mai esistiti

Edward L. Thayer presumibilmente giocò una partita per i New York Mutuals nel 1876; il giocatore era in realtà George Fair, che aveva adottato uno pseudonimo riferendosi al nome del poeta Ernest Lawrence Thayer, che poi scrisse "Casey at the Bat" (Giocatori del 19° e l'inizio del 20° secolo a volte giocavano sotto falso nome nel tentativo di aggirare gli obblighi contrattuali con un altro club).

Turbot (che è anche il nome di un pesce), una volta venne indicato per aver giocato una partita per St. Louis nel 1902. Nella sua antologia This Great Game, l'autore Roger Angell lo indicò nel suo All-Time Fish Names Team e si lamentò per il fatto che Turbot fosse sparito dall'enciclopedia ("Non so cosa gli sia successo, ma abbiamo bisogno di lui in campo esterno").

Un ricevitore chiamato Dienens (senza nome) viene elencato nelle prime enciclopedie del baseball per aver giocato una partita per i Chicago Chi-Feds della Federal League nel 1914. Successive ricerche hanno dimostrato che la partita era stata effettivamente ricevuta dal titolare ricevitore dei Chi-Feds - il giocatore titolare era Clem Clemens - e secondo la lettura errata degli storici di uno score scritto a mano della partita avevano decifrato "Clemens" come "Dienens".

Lou Proctor venne indicato per essere un giocatore in una partita per i St. Louis Browns nel 1912, realizzando una passeggiata nella sua unica apparizione piatto. La ricerca fatta nel 1980, tuttavia, ha rivelato che l'at-bat in realtà apparteneva Pete Compton dei Browns. Secondo la leggenda, Proctor era in realtà un operatore della Western Union che aveva inserito il suo nome nel box score per scherzo. Tuttavia, se Proctor fosse realmente esistito sarebbe sconosciuto anche come un birichino operatore telegrafico.

Giocatori realmente esistiti che non hanno mai giocato una partita in MLB

Al Olsen

Al Olsen è un esempio insolito di una persona realmente esistita che non ha mai giocato una partita in Major League, ma che è stato incluso nei principali documenti ufficiali della MLB per molti anni. Olsen, un lanciatore con una lunga carriera in minor league, venne accreditato di aver giocato nella partita del 16 maggio del 1943 come pinch hitter (base su ball e poi base rubata) per i Boston Red Sox contro i Chicago White Sox. Ma la ricerca da parte della Society for American Baseball Research nel 1980 ha mostrato che, mentre Olsen era stato con i Red Sox nel 1943 per lo spring training, era stato poi rilasciato e preso dai San Diego della Pacific Coast League prima dell'inizio della stagione 1943. Olsen aveva lanciato il 15 maggio per San Diego, e date le restrizioni dei viaggi in tempo di guerra, non poteva essere arrivato a Chicago per la partita del giorno seguente. Olsen stesso disse "Non sono io. Ero un lanciatore mancino. Non era il mio ruolo battere. Inoltre, non ho mai giocato una partita nelle Major League".

Probabilmente il pinch-hitting appartiene, ma non con certezza, a Leon Culberson; ma potrebbe anche essere stato Johnny Lazor, che aveva indossato il numero 14 dell'uniforme, lo stesso numero che Olsen aveva indossato nello spring training.

Johnny Lazor
Leon Culberson

Jimmy Whalen

Sporting Life del 24 febbraio del 1906, scrisse che il lanciatore Jimmy Whalen aveva stipulato un contratto con i New York Highlanders, anche se non è chiaro se Whelan avesse mai fatto parte del roster attivo della squadra una volta che la stagione era in corso. Indipendentemente da ciò, non apparve mai in una partita di Major League, anche se aveva vinto più di 250 partite nelle minor.

Bill Stewart

Il pitcher Bill Stewart era nel roster dei Chicago White Sox del 1919, ma non giocò mai. Non è chiaro, tuttavia, se fosse mai stato nel roster attivo della squadra, poichè si era infortunato l'inverno precedente.

Jeff Jones

Il prima base Jeff Jones fu brevemente nel roster dei Philadelphia A's nel 1920, ma non giocò mai. Come per molti altri giocatori di quest'epoca, non è definitivamente stabilito se Jones sia mai stato effettivamente nel roster attivo degli A's durante la stagione.

Lou Almada

L'outfielder Lou Almada fece parte del roster dei New York Giants nello spring training del 1927, ma si infortunò proprio quando iniziò la stagione, e non raggiunse mai più le major. Nel 1933, il fratello Mel Almada diventò il primo messicano a giocare nelle Major Leagues.

Jake Levy

Si racconta che il leggendario pitcher di minor league Jake Levy avesse firmato con i New York Giants nel mese di settembre del 1927, senza mai entrare in una partita. A questo proposito, nel libro The Big Book of Jewish Baseball di Peter e Joachim Horvitz, è scritto che Levy era in panchina con i Giants nel 1932. Tuttavia, se Levy effettivamente abbia speso qualsiasi momento nel roster attivo dei Giants rimane ancora una materia controversa.

Bill Sharman

Nel mese di settembre del 1951, l'outfielder Bill Sharman trascorse del tempo nel roster dei Brooklyn Dodgers senza mai entrare in una partita. Sharman rimane anche l'unico giocatore ad essere espulso da una partita di MLB senza mai giocarne una, quando l'arbitro Frank Dascoli espulse l'intera panchina dei Dodgers per aver contestato una chiamata a casa base il 27 settembre del 1951. Sharman è molto più famoso come giocatore di basket professionista e allenatore che come giocatore di baseball; è nella Basketball Hall of Fame.

Ed Nottle

Il pitcher Ed Nottle trascorse alcuni giorni nel roster attivo dei Chicago White Sox nel 1963. Lanciò in una partita dimostrativa a metà stagione contro i Chicago Cubs, e poi venne rimandato nelle minor.

Ike Futch

L'infielder Ike Futch fu chiamato per un breve periodo dagli Houston Astros nel 1966, ma non giocò mai in una partita a causa di un infortunio al ginocchio.

Ed Kurpiel

L'outfielder Ed Kurpiel venne chiamato dai St. Louis Cardinals nel settembre del 1974, ma non apparve mai in una partita.

Tom McGough - Pat Cristelli - Ed Ricks

Tom McGough

Nel settembre del 1977, tre giocatori di baseball, che non giocarono mai in una partita di Major League, fecero parte per un paio di settimane dei roster delle squadre della ML ed erano tutti i lanciatori: Tom McGough dei Cleveland Indians, Pat Cristelli dei California Angels, e Ed Ricks dei New York Yankees (Scott McGough, il figlio di Tom McGough, è attualmente un lanciatore nelle minor con l'organizzazione dei Miami Marlins).

Harry Saferight

Il catcher Harry Saferight arrivò alle Major con i Pittsburgh Pirates per le ultime settimane di settembre del 1979. Ma non riuscì mai a comparire in una partita. Entrò come battitore in tre diverse occasioni, ma tutte e tre le volte i battitori dei Pirates davanti a lui furono il terzo out dell'inning.

Jamie Werly

Jamie Werly, grandissimo pitcher della Southern League del 1981, era nel roster dei New York Yankees nell'opening day del 1982 ma non apparve mai in una partita di major league. Un dolore al braccio gli impedì di lanciare all'inizio della stagione e venne mandato in Triplo-A entro la metà di aprile.

Duane Dewey - Russ Stephans

I Kansas City Royals nel 1983 impiegarono per un brevissimo periodo e in tempi diversi due ricevitori, che non vennero mai utilizzati, per sostituire il titolare catcher John Wathan. Duane Dewey fu nel roster per due settimane, dal 16 maggio al 1 giugno. In seguito, Russ Stephans trascorse del tempo nel roster dal 29 giugno al 5 luglio.

Mark Leonette

Il pitcher Mark Leonette fu chiamato dai Chicago Cubs il 3 luglio 1987 e venne fatto scendere nelle minor l'11 luglio senza fare la sua comparsa in una partita. Indossò il # 32.

Joe Law

Il pitcher Joe Law trascorse quattro giorni nel roster attivo degli Oakland A's nel 1988.

Armando Moreno

L'infielder Armando Moreno rimase un giorno, il 5 agosto del 1990, nel roster dei Pittsburgh Pirates e non entrò mai in partita.

Terrel Hansen

Terrel Hansen (OF / 1B) rimase nel roster attivo per i New York Mets del 1992 per due partite, il 30 aprile e il 1° maggio.

Bruce Dostal

L'outfielder Bruce Dostal trascorse quattro partite nel roster attivo dei Baltimore Orioles nel giugno del 1994. Per due notti consecutive, il manager Johnny Oates disse a Dostal che avrebbe sostituito Harold Baines come pinch-runner se Baines avesse raggiunto la base; entrambe le volte, Baines fu eliminato.

Billy Percibal

Il pitcher Billy Percibal fu nel roster attivo dei Baltimore Orioles per otto giorni a partire dal 21 settembre 1995. Tuttavia, la mossa nel roster fu chiaramente un semplice favore a Percibal - si stava riprendendo da un intervento chirurgico allo sperone osseo che aveva subito solo due giorni prima, e non era in procinto di lanciare in una partita di major league in quel momento.

Luke Wilcox

L'outfielder Luke Wilcox venne chiamato per breve tempo dai New York Yankees nel 2000, ma non apparve mai in una partita. Indossò il # 50 con gli Yankees.

César King

Il catcher César King trascorse cinque giorni nel roster attivo dei Kansas City Royals nel 2001, dal 19 al 23 maggio.

Jeff Urban

Il pitcher Jeff Urban fu nel roster attivo dei San Francisco Giants dal 26 al 30 aprile del 2003 e dal 1° al 2 agosto dello stesso anno. Non fece mai nessuna apparizione.

David Parrish

Il catcher David Parrish, figlio del grande Tigers Lance Parrish, venne chiamato dai New York Yankees per tre giorni nel 2004, quando il ricevitore titolare Jorge Posada fu colpito in faccia da una palla durante una partita. Però, Parrish non entrò mai in nessuna partita. Indossò il # 57 durante il suo breve periodo di lavoro come Yankee.

Cory Morris

Il pitcher Cory Morris fu nel roster attivo dei Baltimore Orioles dal 9 al 12 aprile del 2006.

Tim Gradoville

Il catcher Tim Gradoville apparve nel roster attivo dei Philadelphia Phillies per 18 giorni nel settembre del 2006.

Tim Lahey

Il pitcher Tim Lahey era nel roster attivo dei Philadelphia Phillies per i primi sei giorni della stagione del 2008. Lahey trascorse la sua intera durata di sei anni di carriera in minor league lanciando per l'organizzazione dei Minnesota Twins, ma in un periodo di cinque mesi dal dicembre 2007 all'aprile 2008 fu ceduto per la "Rule 5 draft" ai Tampa Bay Rays; venduto dai Rays ai Chicago Cubs; rilasciato dai Cubs firmò con i Phillies che piuttosto di tenerlo nel roster della major league (che era una condizione della Rule 5 draft) lo ritornarono ai Twins. Lahey era riuscito a fare tutto questo senza mai lanciare una palla nella stagione regolare per qualsiasi altra organizzazione che non i Twins.

Luis Munoz

Il pitcher Luis Munoz trascorse due partite nel luglio del 2008 nel roster attivo dei Pittsburgh Pirates. La sua sorte era probabilmente stabilita prima che lui arrivasse, con il GM dei Pirates Neal Huntington che disse della sua chiamata nelle major: "Non vorrei che Luis si aspetti di stare qui per un lungo periodo di tempo. E' un breve momento di disperazione". Due giorni dopo il suo arrivo, Munoz fu rimosso dal roster dei Pirates e messo in DFA (designated for assignment). Finalmente venne ceduto al farm system dei Seattle Mariners.

Brian Jeroloman

Il catcher Brian Jeroloman (†) fu nel roster attivo dei Toronto Blue Jays nel 2011 per gli ultimi 37 giorni della stagione, ma non giocò mai una partita.

Jason Rice

Il pitcher Jason Rice era nel roster attivo degli Oakland Athletics il 1° settembre del 2011 dopo essere stato acquisito dall'organizzazione dei Boston Red Sox. Tuttavia, fu preso dai waivers da Cleveland il 6 settembre e assegnato al AAA Columbus senza fare un'apparizione in major league.

José Yépez

Il catcher José Yépez (†) fu chiamato dai Seattle Mariners il 29 giugno del 2011, ma venne fatto scendere nelle minor il 6 luglio senza fare la sua apparizione in una partita. Indossava il # 35 mentre era con i Mariners.

Michael Antonini

Il pitcher Michael Antonini (†) fu sul roster attivo dei Los Angeles Dodgers nel 2012 dal 24 aprile al 27 aprile e dal 28 maggio al 29 maggio.

Marcus Walden - Frank De Los Santos

Marcus Walden
Frank De Los Santos

I lanciatori Marcus Walden (†) e Frank De Los Santos (†) divennero phantom players (giocatori fantasma) durante la stagione 2014. Walden era nel roster attivo dei Toronto Blue Jays dal 5 al 9 aprile 2014. De Los Santos era nel roster attivo dei Chicago White Sox dal 3 al 4 maggio 2014.

Aaron Northcraft

Il pitcher Aaron Northcraft (†) era nel roster attivo degli Atlanta Braves nel giorno finale della stagione 2014, ma non giocò.

Eddie Gamboa

Il pitcher Eddie Gamboa (†) fu nel roster attivo dei Baltimore Orioles dall'11 al 13 aprile 2015.

Taylor Dugas

L'outfielder Taylor Dugas (†) era nel roster attivo degli Yankees dal 1 ° luglio al 3 luglio 2015.

Kevan Smith

Il catcher Kevan Smith (†) era nel roster attivo dei Chicago White Sox nel mese di aprile del 2016 e non giocò.

(†) indica un giocatore di baseball professionista in attività che potrebbe perdere il suo status (in questa lista) in futuro, se ritornerà in Major League e giocherà in una partita.

Menzione d'onore

Larry Yount

Il pitcher Larry Yount, fratello maggiore dell'Hall of Famer Robin Yount, è apparso in una partita per gli Houston Astros nel 1971, ma a causa di un infortunio al braccio durante la fase di riscaldamento, in realtà non affrontò mai un battitore.

Chet Trail

Lo SS/2B Chet Trail è stato l'unico giocatore di sempre ad essere eleggibile in un roster della postseason, ma non è mai apparso in una stagione regolare o in una partita di postseason. Trail era il 25° giocatore dei New York Yankees nel 1964 durante la stagione per un'apposita regola, dello stesso anno, che permetteva ad un giocatore il bonus di giocare nelle minor pur essendo a carico del 25-man roster. Il Commissioner of Baseball Ford Frick aveva stabilito che Trail era ammissibile per il roster degli Yankees nelle World Series, ma non venne mai formalmente attivato, e in realtà non apparve nella serie.

Brian Mazone

Il lanciatore Brian Mazone era designato ad iniziare una partita per i Philadelphia Phillies nel 2006, ma la partita fu rinviata per la pioggia e i Phillies non lo attivarono più nel loro roster. Ha trascorso il resto della sua carriera, che si è conclusa nel 2010, nelle minor. "E' una cosa difficile da scrollarsi da dosso", ha detto Mazone. "Sono stato chiamato dai Phillies nel 2006 per fare una partenza [sostituire Randy Wolf], e la partita è stata rinviata per la pioggia e mi hanno mandato indietro senza darmi un'altra possibilità. Randy mi si è avvicinato e si è scusato. Non che mi abbia fatto nulla di male, semplicemente mi ha fatto male".

 

 

Effa Manley era più avanti del suo tempo

Effa Manley

Negli anni '30 e '40, le donne erano spesso viste come cittadine di seconda classe, e ai neri erano concessi pochi diritti. Secondo le regole stabilite dalla società, né l'uno né l'altro erano considerati qualificati per battersi al più alto livello del baseball. Ma Effa Manley in questa materia aveva poco uso di tali norme o per l'establishment.

Come i grandi Jackie Robinson e Larry Doby, lei fu una pioniera nel rompere le barriere razziali del baseball. A differenza dei due giocatori, Manley affrontò l'ostacolo aggiuntivo dei pregiudizi del sesso.

Aggressiva e progressista, glamour e magnanima, Manley superò ogni cosa lasciando il segno come una delle più affascinanti e significative figure nella storia della Negro League.

"Lei era unica, effervescente e competente", disse Monte Irvin, l'Hall of Famer che giocò interbase e outfield per i Newark Eagles, la squadra della Negro League che Manley possedeva in comproprietà con il marito Abe, "Lei percorse tutta la storia della squadra".

Un'imprenditrice nata, Manley fu l'unico proprietario donna nella storia della Negro Leagues. Effa e Abe gestirono gli Eagles, una squadra della Negro National League, dal 1935 al 1948. E la sua notevole influenza si estese pure oltre il baseball; era anche attiva nel movimento dei Diritti civili dei neri.

Manley era nata il 27 marzo del 1900 a Philadelphia. La sua data di nascita, come gran parte della sua vita, è ancora controversa. All'interno della comunità nera, Manley raramente parlava del suo patrimonio, e la maggior parte delle persone pensava che fosse una nera dalla pelle chiara. Ma Manley affermò in un'intervista del 1973, che era bianca. La madre nera, Bertha Ford, si sposò con il nero Benjamin Brooks. Effa spiegò che Bertha, che si guadagnava da vivere come sarta, rimase incinta del suo datore di lavoro bianco, John M. Bishop, un ricco di Philadelphia. Il patrigno nero di Manley citò in giudizio Bishop e ricevette un compenso di 10.000 $ prima che lui e Bertha divorziassero. Bertha si risposò, e Effa crebbe in una famiglia con un patrigno nero e dei neri fratellastri, e così scelse di vivere come una persona di colore.

Effa Manley a 17 anni

Nella fase iniziale, questo duplice status di bianca afro-americana diventerà un modo di vita per Effa che godette di maggiore libertà rispetto ad altri afro-americani e lo usò per la loro causa.

Dopo il diploma di scuola superiore a Philadelphia, Effa si trasferì a New York, dove lavorò nel business della modisteria. Incontrò Abe Manley, un uomo di 12 anni più vecchio, allo Yankee Stadium durante le World Series del 1932.

"Babe Ruth mi fece diventare un'appassionata di baseball", Manley disse una volta, "Ho cominciato ad andare allo Yankee Stadium solo per vederlo andare a battere".

Abe e Effa si sposarono l'anno successivo, il 15 giugno del 1935.

Abe e Effa Manley

Secondo Effa, Abe che era tesoriere del Rest-A-Way Club, locale dedicato alla musica e al gioco a Camden nel New Jersey, aveva fatto la sua considerevole fortuna attraverso un certo numero di investimenti di successo nel settore immobiliare. Dopo aver visto le squadre della Negro League che giravano per tutto il paese decise, secondo Effa, "che gli sarebbe piaciuto frequentare il baseball organizzato". Abe era stato anche per un breve periodo il proprietario di una squadra di Camden, i Camden Leafs nel 1929. Altre fonti suggeriscono che Abe fece la sua fortuna con "attività bancarie" o di racket.

Insieme, i Manleys fondarono una squadra della Negro League a Brooklyn nel 1935, che fu chiamata Eagles. "Speravo tanto che avessero volato in alto", disse Effa. Gli Eagles giocavano all'Ebbets Field, sede degli amati Brooklyn Dodgers.

Newark Eagles del 1939

Gli Eagles non erano in grado di competere con i Dodgers per il numero di fans. Possedere una franchigia della NNL non era facile. C'erano molti problemi: la salvaguardia degli arbitri, i contratti dei giocatori, la gestione della League. Non vi era alcun Commissioner, a differenza della MLB. Si trattava quindi di una gestione da parte dei proprietari che erano coinvolti in trattative e scontri (come in MLB prima dell'arrivo del primo Commissioner il giudice Landis). L'arrivo della caparbia Effa Manley non contribuì a calmare le cose e non esitò a contrastare gli altri proprietari. I Manleys decisero che dovevano spostare la squadra per poter sopravvivere finanziariamente. Comprarono i Newark Dodgers, una squadra semi-pro nera, e trasferirono gli Eagles a Newark nel 1936.

La coppia si distribuì i compiti all'interno del club. Il calmo Abe si occupava della valutazione dei giocatori e della parte finanziaria delle operazioni. La meticolosa Effa, negoziava i contratti dei giocatori e si occupava delle public relations.

Anche se non aveva alcuna precedente esperienza finanziaria, Effa assunse un ruolo attivo come co-proprietario.

"I Manleys erano una combinazione molto insolita", disse Monte Irvin, "La signora Manley era una donna d'affari molto astuta e divenne ben presto esperta negli affari del baseball".

Assunse, giorno dopo giorno, le operazioni di business del team, organizzava il calendario delle partite, i programmi di viaggio del gruppo, gestiva e pagava gli stipendi dei giocatori, acquistava l'attrezzatura, negoziava i contratti, e gestiva la pubblicità e le promozioni.

Il collega Cumberland Posey, proprietario degli Homestead Grays, una volta aveva scritto che "i proprietari della Negro baseball chiedevano alcuni suggerimenti alla lady della League, quando si trattava di pubblicità".

Grazie ai suoi sforzi organizzativi, più di 185 vip - tra cui il sindaco di New York Fiorello LaGuardia, che effettuò il primo lancio, e Charles C. Lockwood, giudice della Corte Suprema dello Stato di New York - furono presenti alla partita inaugurale degli Eagles nel 1935. Ma gli Eagles non si dimostrarono in grado di essere all'altezza della situazione, e persero nell'opening day contro gli Homestead Grays, 21-7.

George Giles, prima base degli Eagles, in quel momento, ricordava che Manley non prese molto bene la sconfitta.

"Gli Homestead Grays ci hanno quasi ucciso! ... disse la signora Manley uscendo dal campo da baseball", raccontava Giles, "Quando era irritata, il mondo si fermava. Lei lo fermava ...".

"La signora Manley amava il baseball, ma non poteva accettare di perdere. Anche per me perdere era piuttosto difficile, ma credo che lei la prendesse più seriamente di chiunque altro".

Così seriamente che ne soffriva a lungo. Quando gli Eagles finirono con un record perdente nella loro prima stagione, Manley insistette che il manager Ben Taylor fosse licenziato e sostituito da Giles. Abe Manley avvicinò Giles e gli disse: "Mia moglie vuole che tu alleni il ballclub".

Effa Manley non aveva paura di offrire consigli - sollecitata o meno - ai media, ai propri giocatori e ai compagni proprietari della Negro League. Non fu sempre apprezzata.

Dan Burley, redattore sportivo per l'Amsterdam New York Star-News scrisse nel 1942, "Effa Manley è stato a lungo una piaga sportiva nell'organizzazione della NNL (Negro National League) ... i piccoli e grandi signori della Negro baseball si sono lamentati spesso e ad alta voce che nel baseball, non c'è posto per una donna".

Anche se molti degli uomini in questo sport erano infastiditi dalla sua presenza - e mormoravano a gran voce la sua sfrontatezza - certamente la rispettavano. Abe era tesoriere ufficiale della League, ma solo di nome. Effa gestiva non solo le finanze degli Eagles, ma anche quelle della Negro National League.

Era conosciuta anche come avvocato dei giocatori. Si è battuta per migliorare gli orari, i viaggi e gli stipendi.

Effe riconosceva che il suo team era una risorsa per la comunità. L'ex stella degli Eagles Max Manning disse: "Gli Eagles erano per i neri a Newark quello che i Dodgers erano per Brooklyn".

James Overmyer, autore di "Queen of the Negro Leagues", la biografia di Manley, fece notare che lavorò anche per assicurarsi che la "squadra avesse un'immagine per sostenere i migliori standard della comunità nera".

Fu anche un'attivista sociale e fece una crociata per i diritti civili dei neri. Come parte del suo lavoro per la Citizen's League for Fair Play, Manley organizzò nel 1934 il boicottaggio dei negozi di Harlem che avevano rifiutato di assumere commessi neri. Dopo sei settimane, i proprietari dei negozi cedettero, e un anno dopo 300 neri vennero impiegati nei negozi della 125th Street.

Manley ricoprì il ruolo di tesoriere del ramo di Newark della National Association for the Advancement of Colored People (NAACP) e spesso usò le partite degli Eagles per promuovere cause civili. Nel 1939, Manley tenne un "Anti-Lynching Day" al Ruppert Stadium.

Diverse storie su di lei sono diventate parte del folklore della Negro League. Una di queste racconta che lei pretese che Terris McDuffie fosse il lanciatore partente per una determinata partita perché voleva attirare l'attenzione delle donne del suo social club. Un'altra storia riguarda i segnali che dava ai giocatori accavallando o meno le gambe per segnalare i bunts.

Come è stato documentato ci sono stati casi in cui è andata al di là del dovere di prendersi cura dei suoi giocatori.

Effa non esitò ad aiutare i giocatori o ex giocatori nella loro vita privata o professionale. Il team aveva anche un autobus Flexible Clipper da 15000 dollari con aria condizionata per i viaggi. Una rarità nella Negro League. Durante la guerra, mandava i pacchi di Natale ai suoi giocatori o ex giocatori al fronte. Per alcuni continuò a lavorare durante l'offseason, sponsorizzando una squadra nella Puerto Rican winter leagues. Un impegno verso i giocatori che a volte diventò molto intimo. Pur amando davvero il marito, con il quale rimase sposata fino alla sua morte nel 1952, Effa ebbe alcune storie con i giocatori dal club.

Ma sarebbe sbagliato pensare a Effa Manley come ad una donna facile e priva di ogni morale. Anzi, al contrario. Si trattava semplicemente di una donna moderna, libera e generosa, in amore come nell'amicizia, nella sua vita privata, come nelle sue lotte sociali e societarie. Si trattava di un proprietario che cercava di offrire le migliori condizioni possibili ai giocatori e un futuro migliore per la gente di colore di Newark, organizzando marce, boicottaggi, attività culturali e sociali. Un impegno che andrà al di là dei Newark Eagles nella NNL dopo il 1946.

Manley contribuì a sviluppare le carriere di decine di giocatori, e molti furono trattati come appartenenti alla famiglia. Lei e Abe furono i padrini del primo figlio di Larry Doby e prestarono a Monte Irvin i soldi per l'acconto sulla sua prima casa.

"Dopo che ho smesso di giocare, mi ha iniziato a muovere i primi passi nel businnes", disse l'ex giocatore Lenny Pearson, "Ha interceduto per me e ha parlato con la gente e mi ha aiutato. Ha finanziato il primo bar che ho avuto. Una bella, bella persona sotto tutti i punti di vista".

Ma in cambio della sua generosità, si aspettava l'obbedienza.

"La signora Manley era una che imponeva la disciplina nelle squadre", ricordava il lanciatore James Walker, "Ti avrebbe chiamato per dirti come dovevi vestirti, cosa fare, chi frequentare. Quando avevi dei problemi, se erano personali, e andavi dalla signora Manley, lei era molto comprensiva, ma dovevi fare come ti veniva detto e comportarti bene".

FINE DI UN'ERA

Durante la seconda guerra mondiale, il pubblico delle Negro Leagues raggiunse i massimi storici. Entro la fine della guerra, le Leagues erano un'impresa da 2 milioni di $ e rappresentavano una delle più grandi aziende nere dominanti negli Stati Uniti.

Dopo la guerra, l'integrazione della Major League diventò un tema caldo. La rottura della linea del colore avvenne nel 1946, quando Branch Rickey firmò Jackie Robinson per giocare per Montreal, Triple-A International League, una squadra dei Dodgers.

Compagni di squadre dei Newark Eagles Monte Irvin (a sx) e Larry Doby

Quell'anno fu uno spartiacque anche per Manley e gli Eagles. Newark sconfisse i Kansas City Monarchs in un'emozionante serie di sette partite nelle Negro League World Series.

Il 1946 fu un anno importante per gli Eagles. Per 10 anni, i Manleys inseguirono il titolo. E gli anni della guerra furono duri per la squadra, che perse molti giocatori coscritti. Ma nel 1946, gli Eagles finalmente trovarono i loro eroi. Monte Irvin fu convinto da Effa a tornare e Leon Day ritornò dal fronte. Un ritorno vincente per il lanciatore che iniziò con un no-hitter nell'opening day. Gli Eagles vinsero la prima parte della seconda stagione, nonostante il mese difficile di giugno. Irvin colpì .389 e gli Eagles si trovarono alle World Series per affrontare i campioni della Negro American League, i Kansas City Monarchs con le stelle Satchel Paige e Hilton Smith. La serie venne giocata in sette partite e in quattro città diverse. Una vera e propria maratona per entrambe le squadre. Il leggendario Polo Grounds ospitò la prima gara. La seconda, la sesta e la settima al Ruppert Stadium. Gara tre e quattro vennero giocate al Blue Stadium di Kansas City. Il Comiskey Park di Chicago ospitò la quinta.

All'ultimo match, gli Eagles vinsero l'agognato titolo, aiutati anche dall'assenza di Paige e Smith.

Assieme gli Eagles e i Monarchs formarono un gruppo itinerante poco prima della sette partite. Capricci della Negro League ...

"E", disse Manley dopo la vittoria del campionato, "Credo che avremmo potuto battere anche i vincitori delle World Series bianche [i Cardinals]".

Robinson entrò nelle Major Leagues con i Brooklyn Dodgers nel 1947. L'integrazione - così come l'aumento della popolarità di altre alternative di intrattenimento, come la televisione - prese il suo pedaggio sulle Negro Leagues. Il pubblico scemò alle partite degli Eagles, da 120000 nel 1946 a 57000 nel 1948, e Newark, come molte altre squadre della Negro League, non fu più in grado di generare profitti.

Dopo che Rickey reclutò con successo il lanciatore Don Newcombe dei Newark e lo convinse a unirsi ai Dodgers, Manley agì. Scrisse lettere a Rickey chiedendogli di incontrarla. Rickey non rispose, ma Manley continuò a lottare per un giusto risarcimento e fece sentire la propria voce contro i raid nelle squadre della Negro League senza risarcimento alcuno.

Il proprietario dei Cleveland Indians, Bill Veeck, chiamò Manley nel 1947, informandosi su Larry Doby. Convennero per un accordo e alla fine i Manleys incassarono 15000 $ in cambio di Doby, che divenne il primo giocatore nero nell'American League. L'accordo stabilì un precedente, e i proprietari delle Major Leagues da quel momento in poi dovettero pagare una media di 5000 $ per ogni Negro Leaguer che firmarono.

Nel 1947, per effetto del declino degli spettatori, gli Eagles persero 20000 $, e i Manleys vendettero il team al Dr. W.H. Young, un dentista nero di Memphis, Tennessee.

Abe aveva speso più di 100000 $ di tasca propria nella squadra, ed Effa una volta disse che aveva avuto di ritorno meno del cinque per cento del suo investimento. Gli Eagles cessarono di esistere nel 1948, e diverse altre squadre della Negro National League seguirono l'esempio.

BEI RICORDI

In tutti i suoi anni a Newark, Manley conservò un album del baseball. Tale documento è ora parte della collezione presso la National Baseball Hall of Fame a Cooperstown, N. Y.

Effa Manley con Don Newcombe, nel 1973, mentre guardando l'album degli Eagles

Fino alla sua morte nell'aprile del 1981, all'età di 81 anni, Manley si è dedicata a mantenere viva la storia del baseball della Negro League. Nel 1976 pubblicò "Negro Baseball ... before Integration", elencando i 73 giocatori che erano qualificati ad entrare nella Hall of Fame.

Scrisse numerose lettere alla Baseball Hall of Fame e anche a pubblicazioni come The Sporting News, sollecitando il riconoscimento dei suoi giocatori. Tra il 1971 e il 1977, nove giocatori delle Negro Leagues vennero eletti da un apposito Negro Leagues Committee, a cui fu dato il compito di individuare i giocatori meritevoli che avevano giocato nelle Negro Leagues prima della rottura della linea di colore del baseball. Dal 1977, i giocatori delle Negro Leagues sono stati scelti dal Veterans Committee, e nove altri players sono stati approvati da tale organismo. Nel 2005, la Hall annunciò la formazione di un Committee on African-American Baseball, che nel 2006 iniziò ad eleggere le figure ammissibili delle Negro Leagues e le squadre antecedenti il 19° secolo. 17 altre figure della Negro League sono stati scelte in quelle elezioni, tra cui il dirigente Effa Manley, la prima donna eletta. Nel 1985, la Hall of Fame aggiunse una mostra sul baseball nero. La sua foto è ben visibile nella mostra.

Manley fu sepolta presso il Holy Cross Cemetery a Culver City, in California. La sua lapide recita: "Amava il baseball".

In un'intervista di qualche anno prima della sua morte, Manley aveva parlato della gioia che riceveva nel rievocare i suoi giorni con le Negro Leagues, rivissuto in parte attraverso il suo vasto album.

"La gente dice: Non vivo nel passato", disse Effa, "Ma penso che dipenda da quanto interessante sia stato il tuo passato".

Effa Manley fu certamente una donna con un passato interessante e ricoprì un'influente perenne ruolo come pioniera del Pastime della nazione.